rionegar logo hp esteso

rionegar logo hp esteso
Super User

Super User

BRUTTA VECCHIA E CATTIVA

BRUTTA VECCHIA E CATTIVA

Ottobre 2011


Fausto abbita a la Garbatella andove è nato e cresciuto. Stà sempre vicino a Largo delle 7
Chiese. E’ sposato. ‘A moje sta quasi sempre cò lui. ‘Na coppia normale che tutto farebbe,
forchè ‘n pò de gossippe. Urtimamente, invece, Fausto m’ha riccontato che de fronte a lui
ciàbbita una che, a detta de lui, è ’a donna più perfida che ha conosciuto ‘n vita sua. “Arvà”
m’ha detto. “Nun poi capì. E’ puro brutta! Mai sentita parlà normale. Solo offese! L’uniche
vorte che parla è pè inzurtà quarcuno che passa sotto ‘e finestre sue. All’ommini je strilla: ‘a
stronzo, ‘a checca, ‘a poveraccio, ‘a cornutone. E sà pìa puro cò e donne. Anzi! Pè fatte capì
Arva. Passa ‘na donna ‘n’pò cicciotta, je strilla: ‘A rocchio de vitella. ‘A cozza. Ar posto dè le
cianche ciai dù zampi dè maiale…ce l’ha cor monno intero. ‘A cosa curiosa poi è che, nisuno sà
gnente. Nisuno ‘a conosce. L’unico fatto che semo riusciti a ricostruì è che deve da esse
vecchia, mòrto vecchia! Mi moje, che tu sai che è ‘na bonacciona, inzurtata, ha perzo a
pazienza e j’ha strillato: “A disgrazzia vivente! Ma quanto penzi de durà? Guarda che mori
puro te!”. Nun l’avesse mai fatto Arvà. ‘A perfida s’è ritirata ‘n pò drento casa perché mi moje
nun ‘a vedesse e ha attaccato: senti a pora scema, io te vengo a accompagnà quanno che
mori. Anzi t’ho prometto! M’anzai e risate che me faccio. Te morta davanti e io viva dè dietro.
Me devo da portà er zipeppe perché de sicuro ridenno, ridenno…me posso piscià sotto.
“E ‘n’ha finiva più. E quanno stava p’ esaggerà, pè fortuna, stavo arivanno io da mi moje che
ho preso pè ‘n braccio e l’ho portata via. Tempo addietro, ‘n vicino dè casa, voleva annà dai
Carabbigneri, nun solo pè eventuarmente sporge denuncia, ma puro pè faje fà ‘na visitina”.
“’Na visitina?”. Dimanno. “‘Na visitina? E pè fa che?” “Arvà…’na visitina pe fa che? Come? Ma
si se chiedemo tutti ner vicinato: ma questa come vive? Che fà tutto er giorno? Chi è? Che
magna? Quanno sorte de’ casa? De’ notte? Boh? C’è puro da aggiugne che quarcuno comincia
a avecce paura, nun solo pè se stesso, ma puro pè li ragazzini”. “Si. Ciai raggione, ma fermete
a Fa”, je dico. “Qui c’è da fà quarche cosa de serio. Nun saprei che, ma bigna fa quarche
cosa!”. Quarche giorno doppo me viè a chiamà Fausto. Io stavo a casa. M’affaccio e Fausto me
dice: “scegni Arvà. Te devo da parlà”. Scegno, puro incuriosito e come m’avvicino Fausto me
dice: ”Arvà, te devo d’ariccontà n’artro fatto. T’aricordi er Vinaville? Detto puro ‘er Bosticche,
perché è appiccicaticcio e si te becca, nun t’ho levi più de torno”. “Ma chi Bruno? Er Vinaville?
Ma certo” dico. “Che j’è successo? Ma aho” je dico secco ” ‘n momento a Fà. Ma ‘a vecchia
brutta e cattiva? Nun me dichi gnente d’a vecchia?”. “Si. Doppo. Mò fatte dì stà cosa! E stà a
sentì! ‘N’amico che pè lavoro è dovuto annà a l’Estero, ha lassato ar Vinaville, Bosticche ‘a
casa pè stà tranquillo. Pare che prima dè parti abbia detto a Bruno: ‘a Bru’. A casa mia ce poi
annà quanno che te pare. Portece puro chi te pare. ‘Na cosa però ma devi da fà. ‘Gni tanto,
sempre pè piacere, vacce. Sai, ho letto su ‘n Giornale che è ‘n periodo che occupeno ‘e case.
E tu capischi Bru! Quanno c’aritorno me piacerebbe aritrovà casa mia e senza stà a ricore a li
Carabbigneri”. “Aho!” chiedo. “Nun me dì che Bruno j’ha detto de no!”. “No Arvà. Anzi. Nun ce
và a dormì. No. Và però in quela casa tutti li giorni. Poi, ‘a notte, và a dormì a casa sua e er
giorno doppo rivà da l’amico”. “Scuseme Fa”, dico, “io nun ho ancora capito andò stà ‘a
gravità der fatto, si de gravità se parla!”. A stò punto Fausto cambia tono e più ‘ncazzato dice:
“Arvà. Aspetta. Adesso è mejo che riparlamo d’à vecchia. T’aricordi è? E sì che t’aricordi! Mbè.
Da ‘n pò de giorni ‘a tenevamo d’occhio. Facevamo li turni e cò l’orecchie appizzate. Io facevo
er turno d‘a matina. Aspettavo che opriva ‘e persiane e poi me n’annavo. Ieri matina nun
opriva e quanno è arivato l’amico pè damme er cambio, se semo conzurtati e avemo deciso de
fasse coraggio e de salì a vède. Sai, se semo detti, vecchia com’è, annamo a vède si è morta
o stà penzanno de morì! ‘A faccio corta Arvà. ‘A vecchia stava bene. Dormiva! E indovina ‘n pò
chi era ‘a vecchia? Quer fio dè nà m…amma sua de’ Bruno er Vinaville. Che faceva? Se
metteva ‘na perucca da vecchia. S’affacciava e ce rompeva le palle a tutti. E cià puro messo
pavura”. “Vabbè”, dico io pè carmallo, mò stattene tranquillino. L’importante è che state tutti
bene e che puro quell‘imbecille stà bene!” “Stà beeeeene Arvà?”. “Aho!” Dico secco.”Tu, dù
minuti fa, m’hai detto: ‘a vecchia stava bene. Dormiva. O ho capito male?”. “Noooo hai capito
bene Arvà! ‘A vecchia staaaava bene! Perché mò, dopo li carci che j’avemo dato nu ‘o sò si je
basterà ‘na settimana d’Ospedale e 10 giorni dè convalescenza pè rimettese ‘n piedi!
L’anima de li mejo mortacci sui e der nonno!!!
Alvaro Cardarelli
2

BRIGGIDA ‘A PORTIERA E ER CELLULARE

BRIGGIDA ‘A PORTIERA E ER CELLULARE


Carlo (Carletto), ha sempre trovato spunto, nei racconti che me fà, da Briggida ‘a Portiera dè casa
sua. Da ‘n po’ de tempo nun me ne parlava nemmeno. Tanto è vero che je volevo chiede si
ciavesse litigato. Invece, ecchetechè, me dice: “Arvà ciò l’urtima su Briggida. Però te devo dì Arvà
che stavorta je dò raggione”. “Vabbè”, dico io, “ma aricconteme er fatto che è mejo. Sinnò come
faccio a capì si cià raggione o no?”. “Si Arvà. Allora: urtimamente Briggida s’è ‘ngrassata, nun
tanto, ma s’è ‘ngrassata. E pè lei è ‘n guaio perché, già er culo ce l’aveva abbondante e adesso è
‘na culona. Tutte le Signore Inquiline a daje consij. Una je fà: <a Brì, fai questo e fai quelo>.
N’antra: <a Brì te dò ‘na dieta che perdi subbito sette chili>. E, a la fine, ‘a cosa che piace più dè
tutte a Briggida: <a Bri>, je dice ‘Anna ‘a roscia’, <perchè nun te scrivi ar Centro Benessere andò
vado io? E’ puro vicino casa! Eppoi nun costa manco ‘na tombola. Lì pòi fà er trattamento
anticellulite, trattamento ar seno, ar culo, l’elettrostimolazione, ‘a fangoterapia. Eppoi ‘a Piscina!
Nun sai quanto fa bene ‘a Piscina...rilassa, fà dimagrì, te rassoda er culotto. Inzomma: ma nun
vedi come sò diventata io? T’aricordi com’ero? Guardeme adesso! Sò n’alice sò. Eppoi ho perso
armeno cinque chili dè culo e dovressi da vede ‘e cosce! Tornite, sode, senza ‘n filo dè grasso!
E le zinne? ‘No spettacolo! Poi ‘a Brì fai ‘na cosa. Intanto ‘ncominci cò ‘a Piscina. Così t’ambienti.
Li te fai puro ‘n sacco d’amiche. Poi, cor tempo, passi a artre cose>. A’ pora Briggida, rincojonita
da tutte quele parole e tremebonda arisponne: <si. Ma io me vergogno. Ma io nun sò annata mai in
posti come questi. Io tutt’ar più me sò spojata ar mare, ma c’era mi marito…eppoi che me metto?
Er perizona? Io me vergogno!> <Aho!> je fà Anna ‘a roscia, <ma de che parlamo? Ma de che
perizona parli (perizoma poi, no perizona cò ‘a enne). Lì, in Piscina, se usa er costume intero.
Quarcuno porta er bikini, ma a te che te frega? Te metti ‘n costume quarsiasi e vai!>. “Ma Arvà”,
ripija Carletto, “nun è questo er punto der casino che è successo. Er mejo viè adesso! Perché
Briggida s’è scritta davero ar Centro Benessere e s’è abbonata a la Piscina. Er primo giorno ce và
tutta ‘mpaurita e comincia a salutà questo, questa, quelo e quela. Tutta educatina che, inzomma
Arvà, dimesela tutta. Nun è che Briggida sia er massimo in fatto d’educazione e tenera né li scambi
cò l’artre persone. Come sai, nun è nimmanco Romana, è burina. Ha ‘mparato er dialetto
Romanesco, però resta burina! Vabbè! Quanno che entra drento a ‘o spojatojo, trova naturalmente
tutte femmine. Tutte scicchettose e cò l’ere moscia. Fino a qui, tutto bene: <buongiorno, buon
pranzo, ci vediamo domani e cose così>. Succede però che ‘n giorno Briggida se stà ‘a spojà e
squilla ‘n cellulare. Nisuno arisponne. Er cellulare seguita a sonà. ‘E femmine, che staveno a
chiacchierà a n’antra parte d’a Piscina, quasi ‘n coro strilleno a Briggida: <aho! Ma vòi arisponne a
quer cazzo dè telefonino?>. Dimenticanno l’ere moscia, l’eleganza nel parlare ecc. Briggida, presa
a’ la sprovista, ma cor culone che già je rodeva, pija er cellulare e dice <pronto!>. Ar cellulare, che
ciaveva er vivavoce inserito, arisponne ‘na voce d’omo che fà: <amò. Che famo stasera? Venghi tu
da me o io da te?>. Ar che Briggida, puro pè nun dalla vinta all’artre che ner frattempo s’ereno
messe a sentì, <nun sò>, dice cò ‘na vocina sessuologica, <vedi tu. Come te senti mejo!>.
E dall’artra parte: <ma famo robba?>. E lei: <aho. Ma che voi dì che famo sesso? E certo che famo
sesso>. Poi chiude ‘a conversazione e cò l’aria truce e a voce arta, strilla: <aho! Ma de chi cazzo è
stò telefonino? E perché m’avete detto d’arisponne? ‘A stronze! Ma cò chi ve credete da stà a
scherzà. Fate schifo solo a guardavve. Voi nun sete donne sete cacatori>. <A bella>, je fa una,
<ma te sei mai vista a’ o’ specchio? Ciai ‘e zinne così calate che si ariva Totti ce se mette a
palleggià>. <Ansenti chi parla>, je fà Briggida, <a proposito dè cose basse! Tieni nu culo accusì
vascio cà te servono i mutande cò u taccu pè nun e fà struscià pi terra!>. <Aho, strilla n’antra, ma
come parli? Ma c’hai detto? Ma che sei dè Cappadocia?> <Dè Cappadocia ‘n par dè palle. Mò t’ho
traduco in Romanesco ‘a mbecille> je fà Brigggida <Ho detto che ciai er culo tarmente basso che
porti dè sicuro ‘e mutanne cor tacco pè nun strusciallo pè tera>”. “Arvà” me fa Carletto “er resto
sarebbe mejo che nun t’aricconno! E’ successo che hanno dovuto chiamà li Carabbigneri. L’hanno
dovute separà e levà ciocche dè capelli strappati tra ‘e deta de ‘e mano.” “E Briggida? E er Centro
benessere? “, domanno io. “Finito.Tutto finito Arvà. E er peggio è che hanno cacciato via puro
Anna a roscia, corpevole d’avè presentato Briggida”. “Robba da matti”, dico io. “Ciao Carlo. A la
prossima dè Briggida. Tanto ormai ciò sapemo tutti e dua che ce sarà ‘na prossima vorta”.


Alvaro Cardarelli

BRIGGIDA ER MECCANICO E...

 

Briggida. Er meccanico e ‘n gatto

“Arvà, me fa Carletto, te cerco da tre giorni. M’andò stavi?”

“A Carlo andò stavo? Ciò avuto da fà, mica me so divertito! Ma che me volevi da dì Carlè? “ “Ma gnente dè serio. Te volevo ariccontà l’urtima avventura dè Briggida ‘a Portiera mia. T’aricordi?” “E come nun m’aricordo? Quela che quanno dorme ‘n guardiola nun vò esse disturbata…”. “Si Arvà. Proprio lei. Dunque: vicino ar Palazzo andò abbito io e Briggida fà ‘a Portiera, ce stà ‘n Villinetto er cui proprietario vive da solo.  E’ ’na persona per bene e nun rompe. Vive lui da solo e ‘n gatto. Mò ecchetechè giorni addietro Briggida sentiva che er gatto miagolava come fusse disperato. E difatti, er gatto s’era ficcato cò ‘a testa drento ‘e sbare d ‘a cancellata che circonna er Villinetto e più tirava ‘ndietro e più strillava. Inzomma. Briggida decide che deve da capì meijo. Fa er giro der Villino. Bussa ar portone. Una, due , tre vorte e visto che nun j’arisponne nisuno, comincia a chiamà er Padrone der Villino, prima piano eppoi cò quanta voce ciaveva. <Sor Girolamoooo…sor Girolamoooo…> ma gnente. Er Villino pareva disabbitato. Er gatto però seguitava a lamentasse. Allora Briggida cià ‘n lampo. Và dar meccanico vicino che tra li lavoranti ce n’ha uno arto più d’un metro e novanta e je dice: “aho. Tu che sei arto viè ‘n pò co’ me che me devi da da ‘na mano!” Quello, er meccanico, senza arisponne je s’accoda e Briggida lo porta ar Villino e je spiega tutto. Er meccanico, guarda. E più guarda e più pare sconsolato.

Dice: “a Signò e qui come famo? Drento nun ce se pò annà perché ce sò tutte st’inferiate. Er padrone nun apre e er gatto stà ‘ncastrato drento l’inferiata più arta”.

Poi er lampo puro a lui! “A Signò venite cò me! Annamo a quel’inferiata ‘n pò più bassa”. Detto fatto. “E mò?” je chiede Briggida, che ner frattempo s’era resa conto che nun avrebbero mai scavarcato nè lei nè lui. “E mò come famo?”. “A Signò”, dice er meccanico, “ciò n’idea. Voi ve mettete a cavacecio sur collo mio e io ve sollevo. Così  voi provate a scavarcà! E doppo liberà er gatto è ‘n gioco de regazzi!” “Si vabbè!”, je dice Briggida, “ma io so ‘na donna e nun me sò messa manco li carzoni. Cò stà gonna come faccio a metteme a cavacieci sur collo tuo? E cerca dè capimme! Ma ‘nziamai ce vede quarcuno, ma che penza?” “A Sora Bri” fa er meccanico anche ‘n pò seccatello, “si ciavete n’idea mejo tiratela fora. Pè me però è ‘na bella soluzzione!”. “E certo je fà Briggida, a te nun te pare vero dè ficcamme ‘a testa sotto”. “ ’A sora Bri e nun me potete fà perde tempo. Io ciò da lavorà, ciò!”. E Briggida ‘n po’ incazzata: “Vabbè. Daje và e famela finita!” “A Signò. E pare che me fate ‘n piacere!”. “E ‘nzomma” j’arisponne Briggida. “E mica tutti li giorni ficchi er collo sotto e cosce dè ‘na donna!”. “Si vabbè! A Signò che dovemo da fa?”.

Epperò Briggida a cavacecio sur collo der meccanico nun cià fà ‘o stesso a scavarcà e allora er meccanico cò due, tre scrollate bene assestate fa ‘n modo che ‘a testa sua finisce proprio…ner mezzo dè ‘e cosce dè Briggida, là andò cià er mejo de se stessa, e ‘a solleva de più dè prima mettennesela…‘n testa. “E qui Arvà er dramma” me fà Carlo. “Briggida tutta protesa a scavarcà cor meccanico ‘n mezzo a ‘e cosce (‘n po’ più su!), perde l’equilibrio e finisce cò a testa quasi pè tera e le gambe per aria e cò ‘a testa der meccanico che affiorava da dè sotto a lei. Arvà. In quer preciso momento er Padrone der Villino esce dall’angolo e vede Briggida in quela posizione cò ‘e gambe per aria e er meccanico che s’era piegato sotto ar peso de Briggida, ma era restato cò à testa fra ‘e cosce d’ ‘a portiera”.  “E er padrone der villino che fa?” Domanno io.

“Che fa Arvà? Li guarda e cercanno dè restà carmo dice: “Embe’?”

“Embè che?” jarisponne Briggida. “Embè ‘o dico io a vvoi! Che fate ‘e zozzerie a casa mia? E le fate strane come Carlo Verdone? Ma voi, sora spò, nun ve vergognate cò ‘n regazzo che ve potrebbe esse, nun dico fijo, ma fratello più piccolo si!”

“Ahè, strilla Briggida, ma che cazzo avete capito? Io ‘o stò a fà per gatto vostro!”.

“A si? E er gatto mio che c’entra cò e zozzerie che state a fa voi?”.

“Inzomma”, riprenne a riccontà Carlo. “Ce sò voluti dù giorni pè fa capì ar Sor Gerolamo dè ‘a sincerità e d’onestà dè Briggida che ha però sentenziato:

“ ‘n’antra vorta er gatto suo j’ho schiaffo tra ‘e palle, j’ho schiaffo!”.

“Ciao Arva. A la prossima”.

“E tanto a Carlè, cò Briggida ce po’ esse quasi dè sicuro ‘na prossima. Ciao”.

 

Alvaro Cardarelli

BOXE MUNICIPIO 11 VII°MEMORIAL RENATO BIAGETTI

VII° MEMORIAL RENATO BIAGETTI

Sabato 6 ottobre 2012 ore 17

in Viale Pico della Mirandola 15

 

Sabato 6 ottobre 2012 ore 17 in Viale Pico della Mirandola 15 si svolgerà la VII edizione del Memorial Renato Biagetti, dieci incontri di Boxe, tra i migliori pugili del Lazio, categorie cadetti, junior e senior. L’evento è organizzato da Team Boxe Roma XI e patrocinato dal Municipio Roma XI. |

BIOGRAFILM FESTIVAL A GARBATELLA

Biografilm Festival sbarca a Roma dal 26 al 30 settembre

Dopo ben nove edizioni a Bologna, il Biografilm Festival | International Celebration of Lives, approda a Roma con una selezione di imperdibili film-documentari italiani e internazionali. L’edizione speciale di Biografilm, il primo festival italiano dedicato al cinema biografico, si terrà all’Ambra alla Garbatella (Piazza Giovanni da Triora, 15) dal 26 al 30 settembre con una proposta di 4 proiezioni giornaliere 5 giorni di grande cinema. Ingresso: interno 6 euro, ridotto 4 euro.

Uno dei protagonisti di questa prima edizione romana, sarà proprio il vincitore del Leone d’Oro, Gianfranco Rosi, che, venerdì 27 settembre, presenterà i lavori che lo hanno impegnato negli scorsi anni o contemporaneamente alla realizzazione di “Sacro GRA”: “Below Sea Level” vincitore del Biografilm Award nel 2008 e “Tanti futuri possibili” del 2012 che ritrae la figura di Renato Nicolini, architetto, drammaturgo, politico, inventore e scrittore del saggio che ha ispirato la realizzazione del documentario che ha permesso all’Italia di vincere a Venezia. Sempre dalla Mostra, nei giorni successivi, arriva il documentario “The Unknown Known” del premio Oscar© Errol Morris sulle confessioni dell’ex Segretario alla Difesa degli Stati Uniti e artefice della guerra in Iraq, Donald Rumsfeld, che racconta i suoi cinquant'anni di potere. Il film arriverà prossimamente nelle sale distribuito da I Wonder Pictures, distribuzione indipendente di Biografilm Festival. Altri titoli che presentati durante l’evento romano in catalogo I Wonder Pictures sono “Pussy Riot - A Punk Prayer” di Mike Lerner e Maxim Pozdorovkin , che ripercorre le performance, gli scandali, il carcere e le polemiche internazionali delle quattro musiciste russe e “The Gatekeepers” di Dror Mohrer, reduce da nomina all’Oscar© e da un grande successo al botteghino negli Stati Uniti e in Francia, il film racconta le verità di sei ex capi dei servizi segreti israeliani.

Altro imperdibile lavoro biografico è “Sugar Man” di Malik Bendjelloul, vincitore del premio Oscar® 2013 come Miglior documentario, il film racconta la straordinaria storia di Sixto Rodriguez, cantautore sconosciuti nella sua patria, gli Stati Uniti, ma famosissimo in Sud Africa. Ma ancora più atteso e da non perdere l’appuntamento con “The Act of Killingprodotto da Werner Herzog e Errol Morris. Opera seconda del regista rivelazione, Joshua Oppenheimer, segue il percorso dei paramilitari del movimento Pancasila che nel 1965 danno vita a un colpo di Stato che sfocia in un genocidio in cui oltre un milione di persone finiscono trucidate nella “più grande caccia ai comunisti di tutti i tempi”. Nel film, i killer di allora, oggi anziani signori benestanti, ricreano e mettono in scena i loro atti criminali e spesso, in una tragica inversione, impersonano le vittime.

A Biografilm a Roma da non perdere anche una riflessione sul presente e sul futuro del cinema, sulle sue tecniche, sulle sue estetiche e sulla sua etica, in un montaggio di voci e di pensieri in cui compaiono volti noti del cinema internazionale, da Scorsese a Boyle, Soderbergh, Cameron, Rodriguez, Fincher, Schumacher, Von Trier, Lucas, Lynch, intervistati da Keanu Reeves, interlocutore d’eccezione e anche coproduttore del film, “Rivoluzione digitale”. Inoltre saranno presentati nella capitale anche i lavori che hanno ricevuto premi dal pubblico del Biografilm di Bologna: il documentario sulla vita del fotografo di guerra Tim Hetherington, ucciso nel 2011 durante la rivolta civile contro il regime di Gheddafi, “Which Way is the Front Line from Here?” di Sebastian Junger, (evento in collaborazione con Feltrinelli Real Cinema), “Italiani Veri” di Raffaini, Mello e Ligabue, (vincitore dell’Audience Award | Biografilm Italia 2013) preceduto da una presentazione del protagonista, il cantante Robertino Loretti e di uno dei tre registi, Marco Raffaini, che introdurranno al pubblico l’argomento del film: uno spaccato sull'importanza della musica italiana in Russia; “Zero a Zero” di Paolo Geremei che sarà presente insieme con i protagonisti del suo film, Marco Caterini, Daniele Rossi, Andrea Giuli Capponi, per raccontare al pubblico le vite dei tre: Daniele, Marco e Andrea, classe 1977, uniti da un passato comune nelle squadre giovanili della AS Roma Calcio, al fianco di Totti e Buffon.

BELENNE/VANDINA

BELENNE/VANDINA                                                                             Marzo 2012


«Arvaro mio che è successo a casa mia!», attacca Sandro“ Conoscendo Sandro ho subbito
domannato: “che è successo Sà che te vedo affannato quanno parli?”
«Arvaro mio che traggedia!». “Senti a Sà, mo nun comincià cò li preamboli tui che sò lunghi ‘na
quaresima! Viè ar sodo. Daje! “. «Arvà ieri sera rientro a casa e Vanda me fa:
«Hai visto ieri sera Belenne a Sanremo si che tatuaggio che ciaveva…hai visto si che farfalla…»
«No», j’ho risposto, «io er festival de Sanremo n’o guardo». «E che guardi?», ha insistito lei,
«si nun guardi Sanremo come tutti l’Itagliani, ma che guardi?».
«Ma io n’a guardo volentieri ‘a Tv. A si! Sai che guardo? Guardo Ballanno cò ‘e stelle. Me piace
come balleno puro queli che nun hanno mai ballato!». «Inzomma. Me vòi dì che Belenne nun l’hai
vista e che a te ‘e belle gnocche nun t’enteresseno più!». «A Và. Ma perché te scalli tanto?
Perché nun ho visto er Festival de Sanremo? Ma a me nun me ne frega ‘na cippa der Festival.
Sò finiti li tempi de Claudio Villa, de Nilla Pizzi e compagnia bella. Quelle ereno canzoni…e adesso
du palle Và!» «Si ma c’era puro Celentano che ha fatto certi sermoni…se l’è presa cò tutti.
Puro cò li Preti, li Partiti e ‘a Politica!» «Arvà. A quer punto ho guardato mi moje e nun sapevo si
ammazzalla subbito o dopo magnato. Ma ciò avuto ‘a forza de restà carmo e ho chiesto gentir -
mente: Vanda, Vandina mia. Ma che è che vòi? Ma mò che voi da me? Eh? Nun ho visto San -
remo? Ma mò me vòi sparà pè questo? Vabbè. Ho sbajato. ‘O dovevo da vede, magara pè fatte
contenta. Ma nun l’ho visto! E allora aricconteme Va. Che artro è successo a Sanremo?
Si. C’era Belenne e si nun ho capito male ciaveva ‘n tatuaggio su ‘a spalla. Ok. Che artro?»
«Su ‘a spallaaaaa? Ma che dichi? Ciaveva su ‘na coscia!» «E vabbè. Ciaveva su ‘na coscia e
allora? A quer momento Arvà, Vanda me viè sotto ar viso e comincia a soffiamme: «Belenne nun
se l’è fatto sempricemente su ‘na coscia er tatuaggio, ma quassù ar limite dè…dè…dèèè…’a
panza e spostato ‘n pò verso…verso…verso…’a cosa’!» «Verso ‘a cosa? Ma che era gnuda?»
«No. Ma ‘nzomma…» «ma ‘nzomma, ma ‘nzomma. Era gnuda o no?». «No nun era gnuda.
Ciaveva un dilongo colorato che je arivava fino a li piedi. Lei però, cò ‘a manina, teneva tutta a
parte destra tirata su ‘n modo che se vedesse tutta a coscia e fino a…»
«Si Vanda. Ho capito. ‘Nzomma me so persò ‘no spettacolo secsi?».
«E sì. Te sei proprio perzo ‘n granne spettacolo, ma nun te preoccupà che t’ho faccio rivedè io.
E prima che t’immaggini.» «Ma nun me dì! Hai comprato ‘n registratore e nun m’hai detto…e hai
registrato tutto?» «Aho! Ma che reggistratore e reggistratore der piffero! Si se l’è fatta Belenne a
farfallina m‘a posso fà puro io. E seconno me nun costa nemmeno tanto. Me sò già ‘nformata e
m’hanno detto che costerebbe meno dè 500 euri. E nemmanco c’è dolore. Prima te disegneno su
a coscia ‘a farfallina e poi cò n’aghetto cominceno a fatte er tatuaggio. Doppo n’oretta è tutto fatto!
A me però deveno stà attenti sortanto a che artezza me fanno er tatuaggio. Io ‘o vojo più su possi
bile così ‘o vedi solo te e ar mare nun se vede. Pè er resto…a Sa. Ce penzi quanno che me te
presento così si che pezzo de gnocca che sò! Eppoi nun sarò bella come Belenne ma ‘nzomma» .
«Arvà. So stato zitto pè tutta ‘a tiritera che ha fatto Vanda. Poi però sò sbottato e j’ho detto tutto
quelo che me veniva su ‘a lingua. Ma su ‘a lingua mia ‘ncazzata!» «’A Sa. Puro io so stato zitto
fino a mò. Ma cerca dè famme capì si come è ita a finì che sinnò divento scemo!»
«Si Arvà ciai raggione puro te. Che j’ho detto? E che j’ho detto? Beh ‘nzacco de cose ma quela
che l’ha fatta ‘ncazzà de più è quanno che j’ho detto: A Và. Sei mi moje da ‘na vita e sai che te
vojo bene, ma fammetelo dì: ma te tatuaggi ‘na farfallina? A Và pesi 85 chili e ciai na panza che
inzomma...pè fatte ‘na farfallina a te ce vorrebbero 2/3000 euri e nun basterebbero dù mesi!
E a quer punto...» «E a quer punto Sa?» «Eh! A quer punto ha operto ‘a porta de casa e se n’è
annata. Stà d’a sorella che abbita a via dell’Armatori e da 15 giorni. E nun se vede aria che
aritorna. Nun arisponne nemmeno ar talefeno! Me manca Arvà! Me manca Vandina mia!»
«Si. A Sa. Prima dichi che pesa 85 kili eppoi ‘a chiami Vandina! Fatte ‘na telefonata ar cervello cor
cellulare e mettetece d’accordo. Aspetta! Famme fà a me! Ciò sai che tu moje m’ha sempre voluto
bene come a ‘n fratello. Ce provo a talefenaje io. Poi vedemo…»
E’ passata ‘na settimana e sò tornati insieme. Pianti abbracci e davanti a me! E senza ritegno!
L’urtima che ho saputo però è che…Sandro, giorni addietro ha domannato a Vanda:
«A Va, ma che fine ha fatto ‘a farfallina? Ma nun te la fai più?» A quer punto Vandina ha tirato su
er vestito da ‘na parte e ha fatto vede a Sandro ‘a coscia “più su, più su possibile”, dicenno:
«Sandrino mio. Ma che vòi dè più! Ma becchete stà robba! Guarda! Ma te serve ‘na farfallina pè
‘npazzi? Stà mostra dè bellezza nun te basta?».
Io quanno che l’ho saputo ho commentato morto banarmente! “è robba da matti!”
Alvaro Cardarelli

AUGURI VALERIO MASTANDREA

Valerio Mastandrea

Il Quarto Re di Roma

40 anni, 14 Febbraio 1972 (Acquario), Roma (Italia)

Grandissimo attore romano cresciuto professionalmente nel cinema indipendente e nei più grandi teatri italiani. Impostosi all'Italia degli anni '90, grazie alla sua trivialità giocosa, è diventato un vero e proprio sex symbol e un'icona di quella romanità aspra che tutti amano, tanto da essere soprannominato "il Quarto Re di Roma". Dopo aver frequentato il liceo scientifico e due anni di università, si stufa e scrive al presentatore Maurizio Costanzo che lo inserisce nel salotto televisivo del suo famoso show. Ha solo 19 anni e, sul palco del Parioli, diventa un personaggio in pochi attimi.

Dai piccoli ai grandi ruoli
Desideroso di recitare, dal 1994 al 1996, interpreta piccoli ruoli per il grande schermo: la commedia Ladri di cinema (1994) di Piero Natali con Carlotta Natoli, Vera Gemma e Neri Marcoré; Cuore Cattivo (1995) di Umberto Marino; L'anno prossimo vado a letto alle dieci (1995) di Angelo Orlando e Palermo Milano solo andata (1995) di Claudio Fragasso accanto a dei nomi che poi sarebbero diventati grandissimi nel panorama cinematografico italiano: Rosalinda Celentano, Stefania Rocca, Raoul Bova, Ricky Memphis, Maurizio Aiello, Paolo Calissano e Romina Mondello. Ma è con il "caso" Cresceranno i carciofi a Mimongo (1996) di Fulvio Ottaviano, film disinvolto e simpatico in bianco e nero e a basso costo fattosi conoscere grazie al passaparola degli spettatori, che Valerio si distingue nel divertente ruolo marginale (spalla di Daniele Liotti) di Enzo, l'amico che continua a fare la vita del vitellone. Questo personaggio, così sopra le righe, farà sì che Mastandrea diventi un attore popolarissimo (si tenterà di bissare il successo con Abbiamo fatto solo l'amore del 1998, stesso regista e stessa coppia vincente Mastandrea-Liotti, ma il successo questa volta non arriva).

La consacrazione
Nel 1997 ancora un film generazionale, ma questa volta è il protagonista ed arriva il momento della vera consacrazione firmata Davide Ferrario: Tutti giù per terra. Commento lucido e spesso acido di Walter, 22 anni, che è intento ad analizzare con disincanto la propria vita dopo aver trascorso l'adolescenza a Roma dalla zia Caterina e, ritornato a Torino per frequentare l'università, passa le giornate a girare solo e senza soldi. Ruolo che gli farà vincere la Grolla d'oro ed il Pardo d'oro come miglior attore.
L'anno seguente una nuova sfida, sale sul palco del Sistina di Roma e canta e balla con Sabrina Ferilli, Maurizio Mattioli e Simona Marchini ne "Rugantino", applaudito da 1400 persone ogni sera per la bellezza di 253 repliche. Valerio Mastandrea tiene testa a chi prima di lui aveva interpretato con bravura quei ruoli, primo fra tutti il compianto Nino Manfredi. Valerio diventa un attore con la A maiuscola e di indubbia fama. Torna al cinema d'autore con Viola bacia tutti (1998) di Giovanni Veronesi con Rocco Papaleo, Massimo Ceccherini ed una Asia Argento in stato di grazia; Velocità Massima (2002) di Daniele Vicari (per il cui ruolo otterrà il Premio Pasolini Pigneto come miglior attore e l'Annecy Cinema Italien); L'odore della notte (1998) di Claudio Caligari; Barbara (1998) di Angelo Orlando; Domani (2001) di Francesca Archibugi (nel ruolo di un omosessuale); Lavorare con lentezza (2004) di Guido Chiesa e Il siero della vanità (2004) di Alex Infascelli.
Valerio dà prova di sé nei ruoli da duro, da poliziotto bastardo, da carabiniere vendicativo e da giovane di periferia che affronta le difficoltà della vita, ma ha anche un talento comico che non va sottovalutato. Ad accorgersene è l'attrice Paola Cortellesi che lo inserisce nel suo programma televisivo "Nessun dorma", che era già stata sua partner nei videoclip dei Tiromancino "La descrizione di un attimo" e "Due Destini", dove ricalcano il Tarzan e lo Zorro di Vianello e Mondaini (ma non è da dimenticare che aveva già dato prova di comicità in un altro video musicale: "Supercafone" di Er Piotta).
Nel 2002 emigra in Francia per girare Nido di Vespe e nel 2003 è diretto dal maestro Ettore Scola nel film Gente di Roma dove duetta con Salvatore Marino sopra un autobus.
Nel 2005 è a teatro dove interpreta "Migliore", monologo comico scritto e diretto da Mattia Torre: storia di un uomo normale che per casualità (viene assolto da un reato di cui era in realtà colpevole) entra in una crisi profonda e diventa sorprendentemente cattivo. Mastandrea non è solo interprete, ma è anche autore teatrale in coppia con Vera Gemma: nel 1995, infatti, sono autori di "La luna e l'asteroide" di Luciano Curreli. L'attore non disdegna i cortometraggi: a partire da Mirko e Caterina (1995) di Cecilia Calvi fino a Trevirgolaottantasette da lui stesso diretto, scritto con Daniele Vicari e con Elio Germano, Jasmine Trinca e Marco Giallini, gli permetterà di vincere la prima edizione del concorso per cortometraggi RDC AWARDS 2005.

Gli ultimi anni
Nel 2006 recita in Piano 17 dei Manetti Bros (con cui aveva già lavorato in videclip e nel loro primo film Zora la Vampira, 2000) e in N - Io e Napoleone di Paolo Virzì, accanto a Monica Bellucci. Dopo l'insolito ruolo in Il caimano, continuano a succedersi ruoli adatti alla sua aria un po' depressa e disillusa, come quella del filosofo di Notturno bus Franz, il chitarrista Stefano di Non pensarci e il sindacalista Giorgio di Tutta la vita davanti.
Fra il 2008 e il 2009 gira numerosi film: Un giorno perfetto di Ferzan Ozpetek, Ex di Fausto Brizzi al fianco della sua ex Paola Cortellesi, Giulia non esce la sera di Piccioni.
All'inizio del 2010 è protagonista nel film di Paolo Virzì La prima cosa bella, con Stefania Sandrelli e Micaela Ramazzotti, che gli regala un Premio come Miglior Attore ai David di Donatello. L'anno successivo lo vede fra i protagonisti del film drammatico di Daniele Gaglianone Ruggine, con Filippo Timi e Stefano Accorsi.
Valerio Mastandrea rimane uno degli artisti più poliedrici ed eclettici del nostro cinema, un attore versatile che non tralascia mai quella romanità che è parte di lui e che continua ad affascinarci.

fonte http://www.mymovies.it/biografia/?a=529

Intervista 12 febbraio 2012 da ilmessaggero al seguente link

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=181101&sez=HOME_PERSONE

Sottoscrivi questo feed RSS

Scrivici

Per favore inserisci il nome
Per favore inserisci il telefono
Per favore inserisci una e-mail Indirizzo e-mail non valido
Per favore inserisci il tuo messaggio
Acconsento al trattamento dei dati ai sensi del DLgs 196/2003 e del Reg. UE 2016/679.
Leggi l'informativa