ER PASSATO C’ARITORNA

NOTA; LA STORIA E’ VERA E L’HO VISSUTA VERAMENTE!  IO E L’AMICO SEGUITIAMO A INCONTRARCI. I NOMI DEI CANTANTI (DEI QUALI UNO E’ SCOMPARSO CIRCA 5 ANNI FA), NON LI FACCIO. E NEMMENO DEL PLAYBOY. MA SONO POI DIVENTATI TUTTI FAMOSISSIMI! Alvaro

Come quasi tutte ‘e matine, stavo drento ar Bar sotto casa a pià ‘n caffè.

Ma più che per caffè, che già ho piato a casa,  è soprattutto pè ‘ncontrà quarche Amico che giusto a quel’ora posso vede: Stefano “er bancario”, Ivanoe, Enzo e Marco, lazziali fracichi e quarche artro. Tra ‘no sfottò tra Lazziali,  Romanisti e Juventini, e quarche soriso dè belle donne: Oriana, Angela, Giusy e altre che entreno e escheno dar bar, finisce l’ora der caffè prima che vanno tutti a lavorà. Tutti? Quarcuno! Per esempio io no! E come me, puro antri. Semo quasi ormai tutti penzionati! Venimo ar fatto: na’ matina entra uno, cor quale se salutamo da quasi 5 anni, ma che con lui nun semo mai annati ortre er saluto.Magro. Aabbastanza ancora messo bene anche se nun cià più vent’anni e simpatico.A l’improviso me fa: “ma ciò sai che io e te se conoscemo da ‘na vita?”. “Noi due? Ma sei sicuro? E com’è che nun me l’hai mai detto prima?” Faccio io sorpreso. E lui: “ma ‘n po’ perché me veniva dà ride solo ar penziero dè dittelo eppoi ‘n po’ me vergognavo”.              “Aho! E dè che te vergognavi?” “Vabbè mò te ricordo quarche cosetta. Tu stavi ‘n Prati nell’anni ’50 e frequentavi ‘na serie dè personaggi tra cui anche quarche cantante che ancora nun era affermato? C’era “questo, quelo, e quell’antra, che ormai da tanti anni è famosa”. “Cazzo” faccio io!  “E’ vero! Io ho sempre abbitato a la Garbatella, andò sò nato, Ma pè ‘n periodo dè tempo, in Prati, frequentavo un gruppetto dè cantanti, che cercaveno dè sfonnà a la Rai che stava li vicino!. Eppoi frequentavo dei pleibboi e artri. Specie er pomeriggio. E te come ‘e sai stè cose?”.  “E io ‘e sò perché ero regazzino, ma c’ero puro io!”. “A si? E che ce facevi cò ‘n gruppo dè 18/25enni?”. “Mò ciò sò che te metti a ride! Io sò quelo che mannavate a cercà dè rimorchià quarche ‘strengia’ a la Foresteria der Foro Italico. Poi ‘a sera tutti a Piazzale Clodio. E io quarche sgrinfietta Tedesca o Svedese ‘a portavo!”. “Siiiiii...adesso me ricordo dè te…eri carino! Apposta te mannavamo in avanscoperta. Ma che robba! (“Questo è er passato tuo c‘aritorna, bello mio! M’ha detto ‘n po’ acida mi Moje quanno che je l’ho ariccontato!!!” E io: “ma dè quale passato parli, aho?”).  “Ma quanti anni ciavevi?”. “Quindici” me risponne. “E adesso che fai? Lavori?” Domanno. “No sò penzionato. Ciò avuto pè anni ‘na Scola dè Ballo, ma adesso…sai l’età!  Adesso pè nun annoiamme vado sempre in cerca dè ‘strengia’, ma naturarmente pe artri motivi. Sai…l’età…”.  “Ancora!”. Faccio io. “Ancora cò l’età! Ma allora io pè te sò decrepito! Vabbè ma che ce fai allora cò ‘e strengia?” Domanno. “E che ce fò? M’aggrego!”  “Aho! Ecchevordì m’aggrego?”. Aridomanno. “Arvà. Stà ‘a sentì! Io aspetto che escheno. E siccome escheno ‘n branco come “allevamenti caprini”, m’aggrego”. “Aho! Ma un poi esse più chiaro? Me dichi: m’aggrego. Ma che vòi dì?”  “Vojo dì che vado ‘n mezzo ar gruppo e m’aggrego. Inzomma: m’enfilo nder gruppo! Nisuno fà caso a uno cò ‘na scoppoletta, a testa bassa e che nun dice ‘na parola. Me faccio er ‘tur’ che se fanno loro. Pè fatte n’esempio: Coloseo, Bocca d’à Verità, Er Circo Massimo. Oppuro: Villa Borghese, P.zza dè Spagna, Trinità dè Monti, ‘a Barcaccia eccetera. Eppoi ce vado a pranzo e a cena a gratise…”.  “Ma che me stai a dì che vai cò li Tedeschi o li Svedesi, ce fai ‘n giro e ‘a fine ce vai puro a pranzo e a cena a gratise? Aho, mò nun me dì che vai puro in Arbergo cò loro”. “E sine! Devo d’annà puro ‘n’ Arbergo. Spesso se pranza e se cena proprio lì”. “E poi? Doppo che fai?”.   “Ma poi svicolo e me ne vado a casa mia a dormì. Pè me è solo ‘n divertimento. Nun è ch’avrei bisogno dè fa questo pè vive... anzi!!! Poi er giorno doppo, dè matina presto s’aricomincia... “

“Mortacci!”. Ho commentato io…

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

Cambio d’identità

Se semo aritrovati sortanto in quattro dè li soliti amichi:

Io, Sandro “er corto circuito”, Fabbio “er patata” e Carlo detto “Carletto”.

Stamio assede ar Bar Foschi dè P.zza Bartolomeo Romano, quanno Fabbio “er patata” se ne esce cò ‘e solite novità sue: “aho, dice, ma ciò sapete che Felice vò cambià er nome?” “No!” Quasi in coro noi. “E che se vo fà mette?” Domanna Sandro.

“E  che ne so!” Arisponne “er patata”. “Certo che ce doveva dà penza ‘npò prima!

Mò a 30 anni…”. “Vabbè, faccio io, ma mica è così brutto quello che cià! Ciavemo avuto puro dè peggio”.  “Si. E’ vero” aggiunge Carletto. “Io ciavevo ‘n’amica a Testaccio che se chiamava ‘Rosa Chiappa’, che pè ‘na donna nun sò tutte rose e fiori. L’hanno sfottuta da quanno è nata…”.  Sandro che stava cò a testa bassa e silenzioso a ‘n certo punto sbotta: ”Ma se vive li stesso, dice, io m’ero fidanzato cò tale Rosanna Pompa. E mica semo morti! Poi se semo lassati ma mica pè er cognome dè lei. E’ che nun annavamo più d’accordo!”.  “Oddio”, faccio io, “certo che nun era mica mòrto piacevole. Magari quanno che doveva da presentasse doveva da dì: ‘piacere Pompa!’ ” “Si, aribbatte Sandro, ma lei evitava dè dì er cognome. Diceva Rosanna e basta!” “Ho capito ‘a Sa! Ma su ‘a carta  d’identità se leggeva! Nzomma…seconno me t’è ita bbene che te ce sei lassato!”

“Si. o sò”, risponne Sandro. “Aho” riprenno io, ma ve ’a ricordate Carla Vacca?”

“No! E vero! me n’ero scordato”, fa Carletto. “Puro io” dice Sandro. “Ma Arvà, com’è che te sei ricordato dè Carla? E’ passato ‘n secolo da quanno nun ‘a vedo più! Ma che fine ha fatto?” “Sentite”, dico io, “me l’aricordo perché me c’ero fidanzato! Era ‘na brava regazza e me voleva puro bbene, però ‘n giorno…“  “… ’a Vacca nun t’ha dato più er latte” fanno quasi ‘n coro. “Ma quanto sete stronzi”, dico io ‘n po’ ‘ncazzato!  “Allora Vacca Carla, ‘a faceva troppo spesso e troppo marone!” dice Sandro. “Aho. Ma ‘a fate finita?” Strillo io cò l’aria trucida! “Ma sete proprio provincialotti!”. “Zitti”, dice Fabbio, che mò parla er Garbatellese dè li Parioli!”.  E prima che ‘a discussione annasse troppo ‘n là interviene Carletto che è pur sempre ‘n moderato. ”Ma aho! Aritornamo ‘n po’ a Felice…ma perché ‘o vò cambia er cognome? Pè ‘no sfizzio? Oppuro proprio perché er Cognome che cià nun ‘o vò più!”. “Senti” riprenno io che ner frattempo m’ero carmato. “Io ho conosciuto un regazzo che dè cognome faceva Mastronzo e quanno se stava pè sposà, ‘a futura moje me disse: Arva io Carla Mastronzo nun ‘o vojo dì. Pare che dò d’ò stronzo a quello che ce stò a parlà! Che cambiasse cognome!”.  E difatti ‘o dovette cambia, ma non solo lui.

‘A sorella, er padre e ‘a madre, perchè allora, e nun sò adesso, ‘a legge era così”.

“Giusto” fecero sempre ‘n coro. Carletto allora disse: “me sà che mò è ‘n po’ più facile…eppoi aho, Felice ce proverà e sentirà si chè je dicheno li Giudici e se comporterà a seconno dè ‘à legge dè adesso.”  “Mbè certamente” aripia Sandro, “io dico ‘a verità, ciavessi er cognome dè Felice e avessi ‘a possibilità dè cambiallo, ‘o farei! Potrebbe esse ‘na svorta pè lui che, si ‘o conosco bbene, se ne è sempre ‘n po’ vergognato!” “E vorei vede”, disse Carlo. “Io puro, avennoce ‘e possibilità, ar posto suo mò farei cambià!”.

“Ma Felice che vò fà ‘a la fine?” domanna Sandro ar “patata” che aveva portato ‘a notizia e aveva ‘ncominciato er discorso. “Da ‘Felice Finocchio’ che se vò fà mette?”.

Giovanni Finocchio” arisponne Fabbio “er patata”.

E a quer punto s’arzassimo tutti dè scatto pè core appresso ar patata strillanno:

“a’ mbecille! ‘A cretino! L’anima dè li m………..tua!”.

‘A verità è che avevamo capito che er patata ce stava a pià per c… pardon: in giro.

Che poi era l’obbiettivo dè quer disgraziato der patata che si ‘o beccamo!

Che lo possino ammazzallo!

Nota mia. I nomi e cognomi: Rosa Chiappa-Rosanna Pompa-Carla Vacca e Carlo Mastronzo, esistono veramente in Italia.

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

FABBIO E ER CAMCORDER ANTIFURTO…

Erano una decina di anni che non vedevo “Fabbio er patata”.

Sono entrato al Bar Foschi (o quello che era il Bar Foschi) a Piazza Bartolomeo Romano  e, per onestà, devo dire che mi ha visto prima lui. Abbracci, saluti, offerte di caffè ecc.

Siamo usciti e (come succede sempre) ci siamo messi a rivangare dei tempi andati.

E degli amici. Che fine ha fatto questo, che fine ha fatto quello e quando ho detto  al “Patata” che io li frequentavo ancora, anche se saltuariamente, mi ha detto:

“Arvà perché nun me venite a trovà a casa mia?”.  E ipso facto abbiamo preso un appuntamento col patto che io avrei radunato gli altri due amici, dei quali aveva nostalgia e saremmo andati a casa sua al Lotto…(meglio non precisare, poi si capirà perchè!).

Il giorno e all’ora prefissata, ci siamo incontrati con gli amici sotto casa “dè Fabbio er patata”. E, naso all’insù, abbiamo guardato verso il suo terrazzino, quasi sicuri che ci stesse aspettando. E, difatti, era così. “Er patata” si stava sbracciando in saluti e altro.

Una cosa però abbiamo notato tutti e tre. Uno  strano impianto sul terrazzo che contrastava in senso negativo con la magnifica bellezza del palazzo. Io ho detto che era una piccola antenna. Claudio “ ’o sciorto”, invece, che “pareva uno dè quei aroplanini che er evento je fa girà e’ pale dè l’elica” e Sandro “er corto circuito” (il più esperto in simili aggeggi. Non per niente è “er corto circuito”), che fosse una telecamera. E in effetti aveva ragione. Era una telecamera. Per le scale (naturalmente non c’è l’ascensore in quanto il palazzo è del 1926!), mentre salivamo, abbiamo commentato che forse la telecamera servisse “ar Patata” come antifurto.  Comunque sia: dopo il caffé che “er Patata” ha prontamente preparato e qualche risata sulle antiche prodezze di ciascuno,  in noi tre c’era la curiosità di vedere questa telecamera. Per la verità ci è subito sembrato che “er Patata” avesse qualche titubanza a dare spiegazioni sull’aggeggio, ma poi ha ceduto e ci ha fatto uscire nel suo terrazzino.

“Sandro er corto circuito” ha subito stabilito che era un Camcorder e ci ha spiegato che: “quanno  ‘na telecammera è abbinata a un videoregistratore,  se chiama Camcorder”.

Boh? Abbiamo fatto noi quasi in coro! Non abbiamo capito un granchè! A quel punto la curiosità è aumentata e “er Patata” s’è visto costretto a dare spiegazioni.  “Me serve come antifurto,  cià detto. E ner caso che quarche malintenzionato potesse salì,  io lo registro e accusì  ‘o  denuncio mejo a la polizzia”.

Sandro  s’è avvicinato e senza toccare il “Camcorder” ha cominciato a fare una serie di osservazioni: “cià ‘n’ottica varifocale che te permette d’impostà ‘a messa a foco esatta pè ‘a distanza dar soggetto”.  Boh, abbiamo detto noi di nuovo! Poi ha proseguito: “cià

‘n’ illuminatore IR pè ‘a visione dè notte, anche si manca completamente ‘a luce e, credo che “vede” armeno fino a 50 metri!” Ariboh! Noi quasi in coro! “E’ puro Waterproof”.

E viste le nostre facce da ignoranti stupìti,  ha aggiunto: “ ’nzomma, l’acqua piovana e er tempo cattivo nun je fanno gnente”.  A quel punto però ha fatto una annotazione particolare e ha detto: “ma ‘a Fabbio! Ma che tipo dè ladri ce vòi vede e registrà, si questa è puntata addosso ar palazzo dè fronte invece che verso andove dovrebbe essè  puntata!”.

E senza aspettare altro,  ha messo l’occhio nel mirino del Camcorder e ha cominciato a smanettà.  E intanto parlava come facesse una telecronaca.  E diceva:

“a Patà, ma quello che vedo io è ‘n gran ber culo dè ‘na bella gnocca.  Ma che fai?

Cò ‘a telecamera guardi er chiappisterio dè fronte? Però! Ciai puro raggione! Ammazza si che tocco che è quella!”.  “Ma famme capì, ha aggiunto Sandro, ma quela specie dè ben Diddio girà sempre in topless e cor perizoma?”Ma ‘ò sai com’è”,  ha detto er Patata, “è ‘na casalinga…” e a quel punto, con “Fabbio er patata” distrutto  e rannicchiato da una parte del terrazzino per la vergogna, ci siamo alternati per dare un occhiata a quella meraviglia der palazzo dè fronte! A me è venuta la curiosità dè chiede: “aho! A Patà, ma che è d’importazzione? E’ veneta? E’ piemontese?”.

“Ma de chène Arva, me fa er Patata, è da Garbatella. Io conoosco bene ‘a Famija dè lei.

Er Nonno è arivato a la Garbante ner 1932, cià fatto 4 fij di cui uno è er Padre dè ‘a bella gnocca e anche d‘ ’a sorella”. Ma perché cià puro ‘na sorella, domanno io? Arvà, hai da vede ‘a sorella si ched’è? N’autosdrada fatta dè sole curve! Li ‘a strada dritta nun ce stà!

Però quela nun stà mai a casa. Lavora!”.  Allora me sò girato verso l’amichi e ho sentenziato:  “Che robbetta regazzi!!! Solo a la Garbatella ciavemo così belle…e bbone!”.

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

Piatti da sogno…

 

Se capì subbito che stamio messi male: niente inzegna fora dar locale.

Niente menù (né scritto né a voce).

Ce fù chiesto sortanto: “volete l’antipasto?”.

E quanno che arivò l’antipasto (che era formato da ‘na sola cosa che pareva ‘n suppli drento a ‘n piattino), se capì tutti ‘nzieme che er posto scerto era sbajato!

‘A decisione d’annà a quer Ristorante l’aveva presa “Claudio ‘o sciorto” che ciaveva detto:

“mò che se semo aritrovati, annamesene tutti e cinque (s’era aggiunto puro Carletto) a magnà quarche cosa ‘nzieme”.

Io e pè primo, affonnai ‘a forchetta tajanno ‘n due quelo che pareva esse ‘n supplì e capii dù cose:

1) drento (gnentedemeno!) c‘era davero er riso;

2) ma basta accusì. Né mozzarella nè artri cazzi vari.

 

Er primo che parlò fu Carlo: “Era mejo annà a magnà dar Capoccione” disse.

Ma ormai era fatta. D’artro canto ‘a scerta der locale era stata fatta tra un Ristorante conosciuto e uno novo. “Vabbè, je rispose “Fabbio er patata”, ‘a Carlè mò vedemo! E nun fa a bocca de mecia! Aspettamo a vede si qui armeno se magna!”. Ma poi er patata, quanno che vidde er primo piatto, disse “qui ce fanno morì dè fame!”. “Sandro er corto circuito” mise er deto ‘nda piaga: “v’avevo detto dè nun movese da la Garbatella. Armeno lì magnavamo!

“E magnavamo bene”, aggiunsi io!

“Aho”, disse Claudio, che s’era abbioccato e mezzo offeso “e mica v’ho portato dar bujaccaro”. E poi aggiunse in Italiano ciovile: “questo è un classico tipico Ristorante Vietnamita”

Ristorante Vietnamita dicessimo tutti quasi ‘n coro!!! Aho! ‘A Clà, ma che vedi che ciavemo l’occhi a mandorla?”.

Poi, mentre l’impianto stereo del locale diffondeva un intero cd di musiche per Sitar “Sandro er corto circuito” disse: “aho! Ma che cazzo dè musica è questa?”.  “Dè tendenza”, je rispose Carletto che dè musica era ‘n’intennitore. “E anfatti” disse Sandro “Dè tendenza! Tende proprio a rompe li cojoni”.

“Basta”, dissi io, “mò ‘a stamo a fa traggica! Mò, pagamo e s’annamo tutti a magnà da Gabriella”. “E mò chi è Gabriella?”,  domannareno ‘n coro.

“E’ ‘a madre de ‘n’amico mio che nun vedo da tanti anni e che cià ‘na Trattoriola vicino a Tor Marancia. Piccola, accusì piccola che momenti nun cià nimmanco i tavolini, ma fa ‘a cucina Romana casereccia bbona e cià er vino de li Castelli. Er servizio po’ esse scarsino, ma armeno magnamo da Cristiani nati ‘a la Garbante! “.

Doppo  stà sparata mia, mannassimo  ggiù quer poco che ciaveveno portato a tavola e poi  s’arzassimo, pagassimo e s’annassimo via.

 

Doppo nemmeno mezz’ora drento da Gabriella, passata l’incazzatura, magnato come sprocetati e fatto a pezzi er povero “Claudio ‘o sciorto”, cominciorno ’a canta ‘e canzoni Romane de li Nonni. Tipo: “’o vedi ecco Marino ‘a sagra c’è dell’uva”. E cantaveno accusì forte che Gabriella me venne vicino a ‘n orecchio e me disse: “Ma che se sò ‘mbriacati?”  “No”, i’arisposi. “E’ che er viaggio dar Vietnam a qui è stato lungo e faticoso e mò so tutti contenti d’aveja fatta”. E poi ce fù ‘a chiusa. Gabriella disse che pè er conto piava li sordi solo da me perché aveva visto che l’antri amichi, già mezzi brilli, spigneveno pè pagà.

A la fine ‘a soluzione ‘a trovò proprio Gabriella che disse:

“Aho. Io qui ciò da lavorà! Vedete da annavvene. Pè li sordi domani m’ha vedo cò Arvaro”.

Memorabili poi furono puro li scappellotti che arimediò “Claudio ‘o sciorto”, che ciaveva li lucciconi perché se sentiva corpevole d’esse ‘n po’ Vietnamita.

 

 

Write comment (0 Comments)

 

‘A FARMACISTA ROMANISTA INTEGRALISTA

Avvertenza: tutti i personaggi e i loro nomi sono veri, vivi e vegeti.

Solo della Farmacista, Carlo non m’ha saputo ancora fornire il nome…

Carlo, detto “Carletto” è mio amico da sempre. Abbiamo  più o meno  la stessa età.

Carletto è un Garbatellese  Doc degli Alberghi che recentemente si è dovuto spostare alla Montagnola, ma stà sempre qui tra noi. Laziale verace, lui parla soltanto in Romanesco e m’ha raccontato questa cosa “vera” della quale,  personalmente, ho verificato appunto la veridicità!

Arvà, mi racconta Carlo, vicino a casa andò abbito adesso, ce sò tutti i servizi indispensabili a ‘n tiro dè schioppo.  C’è à Sora Maria ‘a fiorara, educata e gentile. ‘A bella Tiziana che cià li gelati proprio bboni e puro li cornetti e li tramezzini bboni. Er Tabbaccaro, er Supermercato e ’a Farmacia.

Già! ‘A Farmacia!

Io vado in quela Farmacia a spedì ‘e ricette da ‘n’annetto circa. E tutto sommato ce sarò entrato ‘na decina dè vorte. Ar banco, ortre all’antri, c’è ‘na Dottoressa, seriosa e che pare stà tutta su’ e’ sue. Nun è che è m’è parsa antipatica, capimese, no! E’ normalissima! E’ ‘na bella Signora che fà er suo lavoro bene e seriamente. Nun l’ho mai vista famme grossi sorisi, ma ha sempre risposto educatamente ar mio saluto. Solo un giorno m’ha parlato personarmente. A voce bassa, m’ha dato ‘n consijo da Farmacista, con morta delicatezza! Detto questo però, stà a sentì:                                                                 ero annato in Farmacia perché avevo bisogno dè medicine e come sò entrato, m’ha preso ‘n còrpo. Era pieno dè gente e ‘a fila, quella dè ‘a Dottoressa in particolare, arivava in fonno ‘a Farmacia.    Era ‘na fila dè circa tre metri. Giustamente sò annato verso ‘a fine dè ‘a coda pè metteme ‘n fila e chi te trovo? L’amichetto mio Pracasch (nun sò come se scrive ma sò che se dice così), nero che è più nero dè ‘na penna Bic nera. Lui è venuto a Roma da tanti anni e mò parla puro in Romanesco. S’è sposato cò ‘na nera, Anuscia (ciarisemo: nun sò come se scrive!). Anuscia è meno nera. E’ color cioccolatino ar latte. Bella e che cammina dritta come ‘na modella: dritta e ‘mpettita. Se dà er caso che l’amico mio “nero bic” è puro Lazziale. E se semo messi ‘a parlà d’a Lazzio. ‘Na Signora, in fila vicino a noi, s’è buttata n’der discorso perchè Lazziale puro lei. Ecchedechè, improvisamente, che ‘a Dottoressa seriosa, arza ‘a testa da ‘e medicine che stava a dà a ‘n Signore, me guarda da lontano, me indica cor deto indice e poi, come se usa a Roma, cò a mano destra messa a taijo, ‘a sbatteva sur parmo dè ‘a mano sinistra e, senza dì ‘na parola, ma cor gesto, me “diceva”: aho! Vedi d’annattene, smamma, dacce ‘n taijo che qui li Lazziali nun sò graditi!”.

E tu cosa hai fatto, domando io.

“Che ho fatto? Me so prima assicurato che ciavesse proprio cò me, e siccome era accusì, ho capito ar volo che voleva dì cò queli gesti e jo detto a voce arta:  a Dottorè, si crede me ne posso puro annà, ma tanto sò Lazziale e Lazziale resto.  E tutta ‘a Farmacia ‘a ride…”.

Va bene Carlè, gli ho detto, ma c’è poco da ridere! Ti ha praticamente cacciato!

“Si è vero, dice Carlo, ma io pè capì mejo fino a che punto ‘a Dottoressa volesse arivà, ce sò tornato giorni doppo e ‘a Dottoressa “seriosa” come m’ha visto ha preso ‘n giornale piegato ‘n quattro che ciaveva sur banco e, appena je sò arivato a tiro, m’ha cominciato a sventolà sur viso. E mentre che me sventolava, con morta dorcezza e gentilezza e a voce bassa, m’ha detto: “sà, è solo per cattivo odore dè voi Lazziali”.

Carlo, dico io, se non fosse che si tratta di un fatto di tifo sportivo e quindi anche simpatico, ci sarebbe da arrabbiarsi un po’! “Ma và, fa Carletto, ma che te devo da dì. Io ‘na romanista così simpatica m‘a sposerebbe subbito. O quanto meno me ce fidanzerebbe. Ma me sa tanto che lei, ‘a bella e simpatica Farmacista romanista (co ‘a “ere” minuscola), nun sarebbe d’accordo.

Nemmeno si me presento doppo che me sò tirato addosso ‘na boccia intera der profumo “de chi nun deve da chiede mai…”.  Io sò convinto che lei, ‘a Farmacista romanista integralista, “l’odore” der Lazziale che me porto appresso, ‘o sentirebbe ‘o stesso…

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

‘A FARMACISTA ROMANISTA INTEGRALISTA (l’ho conosciuta puro io!!!)

Er primo settembre der 2009, avevo scritto der racconto dè Carletto su ‘a faccenna dè ‘a Farmacista Romanista Integralista e avevo detto che:”tutti i personaggi e i loro nomi erano veri, vivi e veggeti. E che solo dè ‘a Farmacista, Carlo non m’aveva saputo di er nome. Avevo puro scritto che Carlo “m’aveva raccontato questa cosa “vera”, dela quale, personarmente, avevo verificato er tutto!

Er tempo è passato e non ho potuto più aggiunge gnente ar racconto che me fece Carlo. Per esempio: nun ho potuto scrive che da quer giorno ‘a Farmacia dè Carlo è diventata puro ‘a mia. Ero curioso e mòrto preso da ‘a storia dè Carlo che ho cominciato a frequentà stà Farmacia e, in particolare a chiede ‘e medicine a la Farmacista Romanista. Che se chiama Roberta (adesso conosco er nome!). ‘A Dottoressa Roberta è sempre quela descritta da Carlo:” ‘na Dottoressa, seriosa e che pare stà tutta su’ e’ sue. E’ ‘na bella Signora che fà er su lavoro bene e seriamente”. Così me ne parlò Carletto, ma adesso nè posso parlà io cò cognizzione dè causa. Anzi: racconto er primo ‘mpatto tra me e ‘a Signora: vado cò ‘na ricetta, me dà ‘e medicine e me chiede ‘a Tessera Sanitaria. Io, ‘nvece, je metto sotto ar naso ‘a tessera d’a Lazzio. ‘A Dottoressa, arza lentamente ò sguardo, me fissa e me dice: “che cos’è una provocazione? Si lei è laziale po’ pure farne a meno de farsi dare le medicine da me. Come vede c’è un’altra Dottoressa e può chiedere a lei!”. Io scoppio a ride e je dico: “Dottorè, io sò amico dè Carlo er Lazziale e volevo esse spiritoso!”  “Buono pure quello”, me fà. “Ma non potete farne a meno di portarmi ‘stà puzza’ da laziali qui?”. Ma questa è ‘a prima botta. Poi però, cor tempo, semo diventati amici. Ner senzo che se trattamo bbene. Come esseri civili (anche si sò sicuro che ‘a Dottoressa Roberta nun me considera ‘n’essere civile, ma solo un povero lazziale!). Ma c’è stato però ‘n grosso passo avanti. Io ho ‘mparato er suo nome e lei er mio. Me dice:“Alvaro, state messi proprio male!”. “E ciò sò Dottorè! Nun c’è mica bisogno che m‘ho ricorda puro Lei!”. “Si”, insiste, “ma se seguita così l’anno prossimo non giocate con la Roma ma con la Reggina, il Crotone e l’AlbinoLeffe! Ma parliamo seriamente: cosa ti occorre?”. “Ciò mar de testa, Dottorè! Me stà a divorà! Vorei ‘na scatola dè Arbapicin” E lei:“e la ricetta?”. “ ‘A ricetta dè che?” Chiedo. “Ci vuole la ricetta”. “E che mò ce vò ‘a ricetta per mar dè testa?” E lei con carma: “pè l’esseri normali si, ma pè te basta ‘n martello. Come a tutti li laziali! I normali medicamenti con voi lazziali non funzionano! Se non fossi una Farmacista e non tenessi alla mia Professione, ti darei una medicina che fa venire la dissenteria, er morbillo e l’eczema”.S’è capito mò che soggetto è stà Farmacista Romanista?

E doppo l’urtimo Derby, che si quarcuno nun ‘o sapesse, ‘a perzo ‘a Lazzio, sò  ito dè proposito a comprà ‘na quarsiasi cosa. Volevo senti che me diceva. E cò granne meravija m’ha detto: “Beh! Siete stati sfortunati!”. Io l’ho guardata bbene né l’occhi pè capì si aveva bevuto pè festeggià, o me stava a pià ‘n giro! E j’ho detto (dandoje der tu) “ ’A Robbè stà cosa t’ha potevi dà risparmià. Ma nun vedi che sò gonfio? Ma che fai, ‘nfili er deto ndà piaga e ciò giri puro drento?”. “No Alvaro. Non me lo permetterei mai! Tutto al più provo tanta pena per te, tua Moglie e Carlo!”. Mortacci, me sò detto! E’ mejo che me ne vado sinnò questa me manna ar manicomio, me manna! Ma ‘nfonno, ‘nfonno, devo da dì che Roberta è si ‘na Romanista Integralista, ma simpatica e come me disse Carlo:”ma che te devo da dì. Io ‘na romanista così simpatica me ’a sposerebbe subbito”. Magara Carlo aveva esaggerato, ma nun c’è dubbio che ‘a Dottoressa Roberta, in quarche modo ariconcilia cor tifo. Si, è vero, me sfotte, ma mentre ‘o fà, me soride cò ‘n soriso bbono pieno…dè  tanta cattiveria! Pè er resto er circondario è rimasto ò stesso dè quelo descritto da Carletto: c’è ‘a Fiorara, ‘a bella Tiziana cò li gelati proprio bboni, er Tabbaccaro, er Giornalaro Lazziale amico dè Carlo (e mò puro mio!) “Pracash” (quelo nero che è più nero dè ‘na penna Bic nera), cò Anuscia, ’a moje color cioccolatino ar latte e er Supermercato. ‘Nzomma: si nun fusse che ‘a Dottoressa Roberta è Romanista (e puro integralista), er posto nun sarebbe pè gnente male! Ma nun se po’ avè tutto d’a vita! E io, Lazziale, qui da stè parti ciò veramente pochino…

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

NINNA NANNA

 

Ninna nanna ninnaò

dormi bello che ce vò

che tu dormi, e nun me rompi

nun facenno tanti zompi.

Mamma tua ‘n tanto lava

li pannucci cò la bava

inzieme a queli cò la cacca

che ne fai quanto ‘na vacca!

Ninna nanna e pija sonno

ché si dormi nun vedrai

tanti stronzi e tanti guai

che succedeno qui a Roma

specie drento ar Parlamento

andò decideno ar momento.

Andò c’è chi se scanna

pè uno solo che comanna

che se scanna e che s'ammazza

a vantaggio de ‘sta mazza...

tanto a te nun verà gnente

nè a favore dè ‘a ggente.

Ninna nanna ninnaò

mò stò pupo a chi lo dò

fai ‘a ninna che più tardi

ciarifamo coi bastardi

che nun se sa che cazzo vonno

da sta Roma “caput monno”.

Fà la ninna pupo bello.

fà la nanna che domani

mamma tua se fà bella

E te fà conosce  ‘a Garbatella

Qui ‘a gente è assai sincera

che nun mente e nun dispera

d’esse unita pè ‘a vita

come fosse calamita.

Te faccio vede ‘a Scola mia

e ‘a casa dè Mamma mia

E ‘a Funtana dè Carlotta

che chi nun beve e poi nun rotta

è ‘n gran fio dè ‘na mignotta.

Poi li Lotti e li giardini

andò giocavamo da regazzini.

Sant’Eurosia e ‘a Chiesoletta

E l’Arberghi e ‘a Scoletta

Ninna nanna ninnaò

Dormi bello che ce vò…

 

Alvaro Cardarelli

(Con  la gentile partecipazione di Trilussa che ringrazio).

Write comment (0 Comments)

Pagina 7 di 7

 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”