L’AMORE BATTE “ROMA e LAZIO”

aprile 2011


“Pronto.” “Il signor Alvaro?” “Si sò io e lei chi è?” “Sono Vanda Signor Alvaro” “Vanda chi?”
“Vanda, La ex fidanzata di Sandro.” “Ah! Ho capito. Me dica…”.
“Signor Alvaro. Desidero dirle che ho letto quanto ha scritto nel Sito del Rione Garbatella, nel
Racconto garbato “Romanista per Amore” e non mi è piaciuto affatto il modo come lei ha trattato,
non tanto l’inizio del rapporto con Sandro, quanto in special modo la fine!” “Signora. Io ho solo
ariportato quelo che m’ha riccontato Sandro. Che lei ha svagato che lui è Lazziale e lei, che invece
è Romanista, l’ha lassato. Poi si nun è così me dia ‘a versione sua.” “Si. Ma non per telefono.
Posso incontrarla?” “Certo Signora. Me dica quanno e andove.” “Lei è nato e abita alla Garbatella
come Sandro. Vero Signor Alvaro?” “Si. Proprio così Signora.” “Senta Alvaro. Possiamo darci del
tu e togliere quest’antipatico Signore e anche Signora?” “Certo Vanda. Allora che dicevi?” “Dicevo
che io abito a Testaccio, ma sai una cosa? Io, pur essendo nata a Testaccio ho abitato a lungo da
mia Nonna alla Garbatella. In via Vettor Fausto”. “Ah bè! Conosco bene via Vettor Fausto. Allora
Và, voi che vengo da te, oppure…” “No. Vediamoci domani mattina al Bar dove andate con
Sandro lì alla Garbatella. A te và bene?” “Si. Certo. Se vedemo allora domani matina”. “Ok. A
domani”. ‘A vedo e nun ciò dubbi che è lei! Bella! Bella come Sharon Stone, ‹anzi dè ppiù›,
com’aveva detto Sandro. Nun me dà nemmanco er tempo de parlà che dice: “io, mio caro Alvaro,
ho rotto con Sandro non perché è Laziale ma perché è stato bugiardo e io con i bugiardi non vado
d’accordo!” “Capisco. Però l’ha fatto per amore. E l’amore, cara Vanda è più forte dè tutto su stà
tera…” “Si. Me ne sono accorta e a mie spese, come capirà tra pochissimo! Io, malgrado Sandro
m’abbia mentito, senza di lui non vivo più. Mi manca! Mi mancano le sue coccole. Le battute
spiritose da Garbatellese che mi tenevano sempre allegra. Insomma Alvaro. Io sono innamorata di
Sandro e me lo vedo davanti tutti i giorni” “A chi ‘o dici! No. Nun capì male! E’ che Sandro nun
s’aregge più. Pè certi versi è finito! E’ sconfitto! E’ morto! Ma perché nun ce fai pace? Perché nun
fate pace? E poi tutto questo pè ‘a Roma e a Lazzio? Sandro nun diventerà mai Romanista e nun
credo che tu diventerai Lazziale. Io sò Lazziale e ho sposato ‘na Lazziale e ciavemo cinque fij.
‘E tre femmine nun ameno er carcio. Li dù maschi, uno è d’à Lazzio e quell’antro d‘a Roma.
Litigheno? No. Se sfotteno, questo sì. Nun te dico che è successo cò l’urtimo Derby! Capirai! E’ er
quinto de fila che vince ‘a Roma!!! Stà ‘a sentì Vanda. Lui t’adora. Te m’hai fatto capì ‘n’attimo fà
che l’ami. E fate pace! E daje!” “Pare semplice Alvaro. Chi glielo dice? Io mi vergogno di chiamare
Sandro e…” “ma cammina! Ma annamo! Ma che dichi! Ma falla finita! ‘O chiamo io Sandro. Che
parlamose chiaro, è dispiaciuto. Ma puro ‘ncazzato! ‘O chiamo e cò ‘n piccolo tranello ve faccio
trovà ‘nzieme? Aho! A Và! Devo da fà er paraninfo, er ruffiano inzomma o me sbajo? Vabbè. Ce
penzo io. Sei d’accordo Và?” “Si Alvaro ti prego! Fallo! Te ne sarò grata per il resto della vita!”.
E così chiamo Sandro e je dico “ ‘a Sà. Io nun t’ho detto gnente. Ma che ne penzi dè rifà pace cò
Vanda? Io sò convinto che ce sò li mezzi e le possibilità” “Arvà. Ma come nun m’hai detto gnente?
Se po’ sapè che cazzo hai combinato? Nun me dì che hai telefenato a Vanda e j’hai chiesto ‘a
limosina. Io moro pè Vanda, ciò sai. Ma io resto Lazziale, dovessi dà crepà pè lei! Sò sceso a
compromessi ‘na vorta e ancora me ce sento male e me vergogno! Ma n’antra no!” “Hai finito ‘a
tiritera Sà? Stà a sentì. Si. E’ vero. L’ho ‘ncontrata. M’ha telefenato lei e m’ha chiesto un colloquio.
E’ cotta de te, te possinammazzatte Sà! E nun t’ha lassato perché sei Lazziale, ma perché j’hai
detto ‘n fracco dè bucie. Ahò. Ma mannaggia ‘a zozza. Ma tò ricordi che j’hai detto? J’hai detto: ‘ma
perché ciò ‘a faccia dà lazziale? A me me piaceno da morì Pizzarro e Vucinic!’ E lei Sà, li buciardi
nun l’aregge. Eppoi. Queste sò fregnacce artro che bucie”.
E così, dè giorno, a ‘n bar dè Testaccio, ho rincontrato Vanda. Era bella e lindeppinta. L’ho fatta
annisconne. Poi, arivato puro Sandro e mentre che ce chiacchieravo, ho fatto ‘n cenno a Vanda
che è arivata a le spalle, l’ha abbraccicato da dietro, l’ha baciato su una guancia e j’ha detto:
‘Lazziale mio. Io t’adoro’. E lui, prima dè svenì, j’ha risposto: ‘a Romanista. Io ti amo.
Io l’ho lassati lì prima che me facessi sortì ‘e lacrimucce…che poi me sò sortite.
Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

ROMANISTA PER AMORE!

Marzo 2011

Era parecchio che nun vedevo Sandro “er corto circuito”. Omo inteliggente e preparato su mòrte
cose. Lazziale doc ma nun eccessivo. Tifoso onesto e attaccato “ai valori lazziali”, come dice lui.
“Finarmente”, je dico nun appena ‘o vedo. “Finarmente Arvà”, m’arisponne abbracciannome.
“Come mai sei sparito?”, domanno. “Tutto bbene?”. “Si Arvà. Tuttobene, tranne ‘n fatto”. Capisco
subbito che se deve da sfogà e je dico; “montamo ‘ndà maghina mia e annamese a pià ‘n caffè.
Così me dichi tutto. Si te và dè parlanne, s’intenne”. “Si me và! Anzi ce n’ho bisogno!”.
Dopo poco erimio a tu per tu. Je fò: ”daje Sà, sfoghete. Dimme tutto”.
“Nun è facile. Nun è ‘na cosa grave. Ho sbajato! Ma n’omo a da esse sempre ‘n’omo Arvà”.
“Si vabbè” je fò pè consolallo. “Quarche vorta pò capità che pè ‘n motivo, magara che ce pare
futile, sbajamo! Semo dè carne ‘a Sà e nisuno dè noi somija a ‘n Santo. O no?”. “Si, è vero, ma
questa nun riesco a diggerilla! Nun ‘a manno giù!”. “A Sà, pè piacere, me voi comincià a ariccontà
o prima te voi fà ‘n piantarello…”. “Si, si. T’aricconto. Eccome nun t’aricconto? Però Arvà me devi
da promette che nun me pii ‘n giro e che nun ‘o dichi a nisuno”. “Promesso Sà!”, “Allora. ‘A storia
cià inizzio da quanno, da ‘n par de mesi, ho cominciato a frequentà l‘Azienda andò lavora mi
Cugino Fausto, che tu conoschi. Fausto lì è ‘na persona ‘mportante. E’ ‘n Capo ‘nzomma. Annavo,
piavo ‘n caffè cò Fausto e poi me ne tornavo ‘ndietro. Un giorno mi Cuggino decide dè famme
visità l’Azienda e, tra l’artri posti, me porta drento ar Call Center, andò lavoreno ‘na quindicina tra
regazzi e regazze. E lì scoppia er dramma. Te vedo una bella, cor viso perfetto e er fisico
mozzafiato, che pè dije bella ce voleveno tre ‘nzieme. Hai presente Sharon Stone Arvà’? Dè più,
dè più! Simpatica, me soride quanno che m’avvicino, allunga ‘a mano destra e mentre che strigne
a mia, cò ‘na voce ‘mpostata come ‘n’attrice, me sospira ‘n faccia: ‘molto piacere, Vanda’. Arvà. Da
quer minuto nun ho capito più gnente! Me sò ‘nformato da Fausto si chi era, si era sposata,
fidanzata. ‘Nzomma: ho finito dè vive! L’aspettavo quanno usciva. La invitavo in continuazione. Me
facevo ‘a barba tutti li giorni Dù palle Arvà!”. ”Ma ‘nzomma a Sà. Si ho capito bbene, stà Vanda nun
te se filava pè gnente e te seguitavi a ‘nziste!”. “Si. Ho ‘nzistito tanto e me ne vergognavo puro. Era
‘a prima vorta che beccavo ‘na scuffia così! Poi ‘a svorta fatale! ‘A fine mia Arvà! “ “T’ha detto dè
lassalla perde? “. “Ma magara! M’ha risposto dè si doppo tante vòrte che l’invitavo a cena!”
“Embè? Era quelo che volevi o no’? ” “Si che ‘o volevo e prima d’annà a l’appuntamento m’ero
giurato c’avrei sfonnato a tutti li costi e che nun l’avrei perza mai e poi mai e pè tutto l’oro der
monno!.” “Eureka” strillo io preso da ‘na botta de contentezza. “Aspetta Arvà, amico mio. Aspetta.
Che adesso ariva er peggio! Quanno prima t’ho detto che n’omo deve da esse sempre ‘n’omo,
ciavevo ‘n motivo. Senti mò. A cena paremio dù piccioncini. Ciùcciù e ciucciù. Sorisetti, voce de lei
affatata. Poi ‘a traggedia! ‘A l’improviso me chiede:.’Di che partito sei? Di destra o di sinistra? ‘.
“Nun ce penzo ‘n’attimo e dico:“ma io nun faccio politica. Me ‘nteressa poco”. Va bene!,
m’arisponne. ‘Ma quali sono i tuoi interessi? La Cultura? Il calcio? Già. Ma di che squadra sei?
Io tifo Roma’ “me fà”. A casa mia tifano tutti Roma. Mio padre, mio nonno, i miei fratelli. Pensa che
mio padre ha la fotografia di Totti a capo al letto. E a me fà morire De Rossi. Questi poveri
sdrucinati di laziali mi fanno pure pena. Anche tu tifi Roma vero?”. ”Arvà ero gelato! Pè ‘n’attimo
me sò sentito morì! L’ho guardata in silenzio cò ‘a bocca secca. Bella. Era bella come…come ‘n
dipinto! E, sempre guardannola nell’occhi, j’ho detto: ‘ma perché ciò ‘a faccia dà lazziale? A me me
piaceno da morì Pizzarro e Vucinic!’ A quer punto m’ho sò ritrovato abbraccicato a me e piagneva
come ‘n pupo. “A Sà” jò detto “e mò nun esaggerà. Hai detto ‘na bucia e puro nà cazzata”. Poi pè
consolallo ho provato cò ‘a frase fatta: “l’importante n’a vita è l’amore. L’amore pè ‘na donna è tutto
a stò monno! Ahò. Ma perchè seguiti a piagne come ‘n disperato? A vòi fà finita si o nò? “. “E’ finita
Arvà. SI. E’ finita! M’ha lassato! E ‘ndovina perché?” “E che ne sò a Sà. Dimmelo te, daje!”
“Perché ha svagato che sò Lazziale”. E io, nun sapenno che fà, l’ho abbraccicato de novo e j’ho
detto: ”Sandro mio. ‘Na donna dè meno e ‘n Lazziale aritrovato”.
Ma vattene! Er Lazziale, “legato ai valori lazziali”, come dice lui, chissà che avrebbe dato pè potè
strillà: Forza Romaaaa…


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

L'AFFIDO  CONGIUNTO 28 febbraio 2011

In base alle statistiche fornite dall’Aidaa, Associazione italiana difesa di animali e ambiente, durante una separazione è proprio l’affidamento degli animali uno dei motivi che porta i due coniugi a presentarsi davanti al giudice.

Le ex coppie e i cani: c'è l'affido congiunto

Furvio er pirata, letta ‘sta notizzia e ‘ncominciato a ride è stato tutt’uno! Ha cercato Claudio ar telefono pè affrettaje così ‘a discesa ar bar. Furvio sà pè certo che Claudio è ‘n crisi matrimoniale e voleva divertisse a affonnà er deto ‘n dà piaga! Accusì, quanno che Claudio è arivato, l’ha appettato subbito e è ito come ‘n furmine in argomento:“‘A Clà, pare che hanno fatto ‘na legge che prevede ‘na cosina nova. Questa: tutti queli che divorzieno cianno nun solo tutte ‘e storie der doppo divorzio: i beni, ‘a casa, li fij, ma puro l’animali”. “Si, fà Claudio”, co’ n’aria moscia,”ciò sò e allora?”. “E allora vordì che ‘na coppia ‘n crisi mò pè ‘n cane è disposta puro a ammazzasse! E figurete si li cani sò due o ce sò puro antri animali da dividese! Io Clà già ‘a sento ‘na lei: “che fai”, je dice ar marito cò ‘na voce quasi canterina, “Pippo ‘o tenghi te dar lunedì ar venerdì e io er sabbato cò ‘a domenica?”. “Si, lallero, jarisponne lui e che ciò scritto Jocondor su ‘a fronte? Eppoi, ‘a bellina, famme ‘n pò capì! E ‘a tartaruga chi ‘a tiè?  E ‘a coppia dè conijetti nani?”. E lei: “aho! e mica abbasta tenelli. Questi magneno puro e bigna che te svèni, ‘a bello! E si stanno male? Chi ‘o paga er Veterinario? E le medicine?” Lui che ‘a stava a sentì cò l’aria ‘der bada che mò te mozzico e ‘n pizzico dè bullismo’, je fà: “aho! Io lavoro io! E che nun ciò sai? E nun ciò sai che lavoro faccio? Me posso portà er cane ar Ristorante andò lavoro? M’anzai er proprietario si che fuggi fuggi ce fa fà a tutti e due? Poi, pè ditte no? Sippuro er cane lo dovessi lassà a casa, ma nun ce penzi sicchè casino che t’arma lassato da solo…invece te,che nun hai mai fatto ‘n cazzo ‘n vita tua, sarebbe bene che t’ho tieni a casa e io ‘gni tanto ‘o vengo a pìa e ‘o porto a spasso!”. “Si”, fa lei dè novo cò ‘a voce canterina, “cor secchietto, ‘a paletta e er sacchetto! Ma figurete và”. E qui Claudio, doppo che è stato a sentì ‘a tiritera dè Furvio, monta ‘n cattedra e dice ‘n po’ ‘ncacchiato: “stà a sentì a Fù, io nun sò si me separerò mai da mi moije, ma si fosse, io più che dè li cani dovrei avecce l’affido dè mi socera!” “De tu socera? E che c’entra mò tu socera?”.   “A gnente”, fà Claudio, cò ‘n’aria seria, “quela, mi socera, si me ne vado da casa, cò ‘a fija nun ce vò stà! Quela già m’ha detto puro ‘n passato e ‘n tempi nun sospetti.’Clà’ ,m’ha detto, ‘si te ne vai, io vengo cò te, che io cò quà strega dè mi fija nun ce resto! E nun t’ò scordà mai, hai capito?’. A stò punto Claudio abbassa ‘a testa sconsolato e a bassa voce dice: ”A Fù. Antro che affido dè bestie. Ciò l’affido dè mi socera, ciò! E nun ride, te possinammazzatte Fù! Che te po’ puro capità a te cò tu socera” “No Clà”, arisponne Furvio “a me nun me po’ capità perché mi socera, tant’anni fà, piuttosto che stà cò ‘a fia (mi moje), se n’è ita in Australia, dar fio che vive a Melbourne. Io comunque ce l’ho ‘n cane in affido Clà”. “E chi ciai Fù?” “Ciò quer cane dè mi moje che senza separasse legarmente, m’ha ridotto ecce omo. Senza ‘na lira, s’è presa ‘a casa e si nun je verzo er tot pè mantenesse, me fà menà dà l’amichi sui. Je piasse ‘n corpo andò stà adesso.        ‘N cane! Te dico che è ‘n cane arabbiato Clà!”.  E tutt’e dua, resisi conto che voleveno scherzà ma che c’era poco da ride, piarono ‘n caffè e aritornorno a casa cò ‘a coda ‘n mezzo a ‘e gambe. Come cani! Tutt’e dua come fossero dù cani in affido!!!

Alvaro Cardarelli

 

 

Write comment (0 Comments)

L’EDICOLA NOVA Gennaio 2011

Carlo, detto Carletto, è quello che ce n’ha sempre una nova. Ea me me diverte ‘n sacco.Ormai ‘o sanno tutti che, nato all’Arberghi a la Garbatella, s’è dovuto spostà, sposannose,

a la Montagnola. E che è Lazziale fracico!. ’O ‘ncontro, come famo spesso e attacca cò uno dè li sui racconti. Me dice: ”da anni Arvà ho cambiato Edicola dè li giornali. E nò perché cò l’artra me trovassi male, ma solo  pè commodità mia. E devo da dì che cor cambio ciò guadambiato! St’Edicola è dè proprietà dè tre persone: marito, moje e ‘a madre d‘a moje. Sò ‘n ber trio bbene assortito. Lui, Robberto è ‘n ber moro, arto, 40enne. Lei, Rita ‘na mora cò ‘na massa dè capelli neri e ricci. E‘a madre/socera, ‘na tipica donna “burosa”. Inzomma: “morbidosa”. Calabrese dé Pizzo, ma da tempo a Roma dove ha lavorato pè tanti anni. Perché te ricconto dè loro tre? Mbè ‘n tanto perché presi da soli o tutti e tre inzieme, so ‘na bella famija. Dè quele che ner 2011, se ne troveno ormai assai poche. Eppoi perché cò me è nata ‘na simpatia particolare. Sò educati e dorci cò tutti, ma io sento che cò mme cianno un filinghe speciale. Cominciamo però a dì che, come tutte ‘e cose dè stò monno, c’è sempre quarche cosa che nun và bbene”. “E ner caso loro che c’è che nun te piace? ”, domanno. “Er fatto che Robberto è romanista!”. “Vabbè, dico, che c’è dè male? Roma è piena dè romanisti! Eppoi parli propo te che hai vissuto pè tant’ anni a l’Arberghi e a ‘n tiro dè schioppo da Pzza G. da Triora andò c’è er Club dè ‘a Roma (‘a vineria dè li Cesaroni), andò tutte è matine te beccavi l’inzurti tipici, tipo: ” ’a zozzo lazziale, ‘a poveraccio, ‘a disgrazziato. Ma ancora nun hai cambiato quela zozza squadruccia?”. “Si è vero Arvà! Ma io me difennevo benino dicenno: ‹aho. potevate nasce sordi, storti o guerci. Sete nati romanisti che nun è tanto mejo!› ”. “Arivabbè. Ma stò Roberto che te fà? “. “Che me fa? Mbè ‘ntanto quanno ‘a Roma vince, cià ‘n bandierone giallorosso che ‘o mette drento ’edicola in modo che a me nun possa capità che nun ‘ò vedo! Ce copre tutta ‘na parete, ce copre! Eppoi è capace che quanno vado a casa e opro li giornali che ho comprato da lui, ce trovo ‘n poster dè Totti, oppuro, com’è successo recentemente, me ce ritrovo ‘n fojetto, andove cià disegnato ‘n pollo fumante drento a ‘nà teja cò e patate e sotto cià scritto: ‹ricetta - Olimpia ar forno cò e patate›. Urtimamente poi, sempre drento li giornali, anniscosto bbene, ciò trovato ‘no scritto su ‘na foto dè l’Aquila Olimpia: ‹daje e daje puro l’aquile se fanno quaje› . Mortacci! L’Aquila mia bella ‘a vòi fà ar forno cò e patate, e m‘a chiami puro quaja? Ma io te stronco”, jo detto. “Anzi. A Robbè, te dò ‘n consijo. Cor computere fatte ‘na mappa dè li denti che te sò rimasti, che prima o poi te li mischio! Oddio. Nun è che io nun rompo Arvà! Tempo addietro a la Roma je sò stati negati ‘n par dè rigori (sacrosanti!). Io sò annato e ho attaccato ‘na pippata: ”no rigori no party, no rigori no party”. Oppuro vado inzieme cò Enzo che se autodefinisce “aquilotto” e cominciamo a sfotte, dicennoje dè tutto e dè più! Devo da dì comunque che questo è er tipo de sfottò che me piace. ‘E cariche fora d‘ò Stadio Olimpico, me lasceno amareggiato e sconcertato.E Robberto ‘a penza esattamente come mè! Poi, tanto pè vive, io e Robberto nun se famo mancà gnente! Intanto lui, che magna come ‘no sprocetato, cià Concetta (‘a socera morbidosa) che cucina da Dio e che s’arza ‘a matina pè comincià a cucinà “per Conte” (così lei chiama Robberto. E io je dico: si cò ‘e farde onte!)”. Io puro ciò ‘na moje che, in quanto a cucina, nun è da meno dè ‘a morbidosa e comincia a chiedeme d’a matina presto: “che vòi pè pranzo, che vòi pè cena?”.      Dice chi ce conosce: ma che vivete solo dè Roma, Lazio e dè magnà? “Embè? Si puro fosse? Che vvoi più dà ‘a vita? N’amaro! Ma n’amaro che ce fà diggerì li dispiaceri dè ‘a vita. Che tanto ‘a vita mica te riserva solo cose belle! Riserva puro cose triste e brutte! “Come ‘a sconfitta dè ‘a Lazzio in Coppa Italia pè 2 a 1 er 19 gennaio dè quest’anno?” me fà er Conte. “Li arimortacci! A Robbè. Ma allora cerchi rogna cerchi. Bada che te faccio menà da tu moje Rita, che si te mette ‘e mano addosso sò casi tui!. ‘A Robbè. Però sei ‘n bell’ordegno sei!“.  “Aho”. Fà er Conte. “E mò che vòrdì ordegno?. Sò ‘n bell’ordegno, perché sò romanista?”. “Lassa perde Robbè. ‘A Roma nun c’entra gnente! C’entra G.G.Belli. Ma che tè spiego…ma che vvòi capì te dè stè cose...sei romanista e abbasta!”. “Ma Arva”, me dice ancora Carlo, “a proposito dè capì. S’è capito che io, Roberto, Rita e Concetta se volemo bene?”. “Certo che s’è capito Carlè!”. “Si Arvà. Ma lui, er Conte, però rimane ‘n romanista! Ed’a peggiore specie!!!. Te sallustio Arvà. Stamme bbene!”            

“Ciao Carlè. S’aribbevemo…”

Alvaro Cardarelli

 

 

 

.

 

Write comment (0 Comments)

QUANNO CHE UNO E’ EDUCATO…

Urtimamente andò abbito io, ‘e cose nder Palazzo nun vanno più bbene.

‘A situazzione è diventata ‘n po’ critica. ‘E scale cianno parecchi scalini che cò li tanti anni se sò arrotonnati e sò diventati pericolosi, tanto è vero che quarche inquilino è scivolato facennose puro male e manco poco. Er portone, magari s’encastra, ma nun se opre e nun se chiude facirmente. Nun parlamo poi dè li terazzi pè stenne li panni e dè li “spazi condominiali”, come li chiama er “padrone dè casa”. Io abbito in quela casa da sempre e noi inquilini semo sempre li stessi. Magari, quarcuno è er fijo dè ‘n’ Amico che nun c’è più, ma semo sempre noi. Inzomma: arivati quasi a ‘o stremo, m’è stato chiesto dè scrive ar padrone dè casa. “Sai”, m’hanno detto ‘n par d’amichi coi quali ho giocato da regazzino, “tu ciai ‘a penna facile e educata. Fallo te dè scrive!”. Evvabbè. Presa carta e penna (aho! Nun sò mica così aretrato! Ciò er computere io, ciò!) ho buttato giù ‘na specie dè bozza cò l’intento dè mijoralla poi:  “Egregio Geometra, Responsabile dei Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria -Roma-. Noi semo 14 Famije che abbiteno ar Civico…ar Lotto…dè ‘a Garbatella. Te scrivo perché tu sappia che ‘a parte Amministrativa dè andò lavori te, è sempre pronta a chiedece li sòrdi, dè sollecitacce a pagà li bollettini mensili, a dacce er sardo mò dè questo e mò de quelo. Insomma, tutti voi, compreso te, me ricordate ‘a barzelletta dè Proietti che, da Avvocato, sfojanno ‘e carte, diceva ar cliente: “qui se li famo, qui te se fanno, qui te se fanno e qui se li famo”. A ‘n certo punto er cliente chiede:”Avvocà. Ma com’è che quanno vabbene se li famo in due e quanno và male me se fanno solo a me?”. Ecco. Te ce riconosci né ‘a parte dè l‘Avvocato? Qui stamo peggio dè li barboni, stamo! E sò mesi e mesi che reclamamo! Dè che? Me domanni dè che’?

Allora: ‘A sera entrati a spinte ‘n der portone, nun ce se vede ‘n cazzo perché manca ‘a luce pè ‘e scale. Pè andovinà ‘a toppa dè ‘a seratura dè casa, tocca accenne ‘n’accennino. Chi nun fuma se porta appresso li prosperi, si nun adirittura ‘na cannela. ‘Na vorta drento casa se dovemo aricordà dè svotà ‘a bacinella cò l’acqua che quarcuno tiè sotto ar soffitto che sgocciola. A quarcheduno, dar cesso der piano dè sopra je piove dè tutto e je tocca pregà l’amico che abbita ar piano dè sopra dè fà ‘a pipì e a pupù quanno stà a casa puro lui, che così po’ ‘ntervenì a bloccà a robba che j’ariva! Ma visto che ce semo, me dovressi puro dà spiegà perché si venimo a reclamà noi maschi der palazzo nun ce fai ‘nber cazzo (hai notato ‘o splendore d‘a rima?) e si ‘nvece mannamo quarche moje te movi abbastanza…boh? T’ho scritto abbastanza e no tanto. No perché si è accusì che funziona, pè avè tanto, te mannamo quarche bella excort ar posto dè ‘e nostre moji…te vojio puro precisà che sò stato pregato dè scrive io perché mòrto democratico. Difatti avrai notato l’eleganza e er bon ton cor quale t’ho scritto. Si perché l’antri amichi so ‘n po’ rozzi e quanno je rode er coso diventeno ‘gnoranti. T’ho precisato puro questo perché loro, li mii coinquilini, si s’encazzeno sò “augelli senza zucchero”. Inzomma. Hai capito. In francese se direbbe “so pisoli amari! “. Perciò, sempre democraticamente come uso io: datte ‘na mossa che questi sò capaci dè dà ‘na svorta a la vita tua. Ner senzo che te fanno passà 'n mezzo a 'n’ incrocio de schiaffi che nun sai manco a chi devi da da' 'a precedenza.

Questi sò bboni a mettete ‘n bocca l’avanzi der Santo Natale e Capodanno. Majalino, patate  vecchie, vecchi cannelloni cò ‘a ricotta ormai acida, pezzi dè torone, pangiallo e artri avanzucci. Che poi te spigneno ‘n gola cò ‘n manico dè scopa. Sai com’è! Vabbè.Ne ‘a speranza dè esse stato chiaro e educato, mò te saluto. Ma ‘nzisto! Datte ‘na mossa! E’ per bbene dè tutti. Puro er tuo…

Ah. N’antro po’ me ne scordo! Er Geometra, Responsabile dei Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria -Roma-, m’ha denunciato “per minacce”.

E’ propo vero. A stò monno più sei carino e educato e più ciarimetti!

MIA NOTA: le persone, i fatti, i luoghi, e le situazioni, sono di mia pura fantasia.

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

Mi Nonna Amelia

Dè li quattro Nonni, Nonna Amelia, ‘a Madre dè Mamma, era ‘na fonte dè proverbi e detti Romani.  “ ‘A Sora Amelia” era nata a via della Luce a Trastevere e era arivata a la Garbatella nel 1932, dove è restata fino alla morte.

Lei era quela che si me vedeva  ‘ncazzato cò l’artri, me diceva:

“fio mio. Nun è cattivo er monno, sò cattivi li monnaroli”.

E purtroppo ciaveva raggione! Ancora oggi è accusì!

E si sputavo tanto pè sputà e magara cor vento m’ariveniva puro addosso:

“chi se sputa addosso nun vale ‘n grosso”. Un grosso era ’na moneta che esisteva dar 1100 e che nun è che valesse tanto…

E si quarcuno l’inzurtava, lei pronta:” ‘a pricissione da dove esce rientra”.

Come da dì: si m’hai detto stronza preparete che t’ariva che te ridico stronzo.

“Iddio nun porta ’n mano ‘a stadera”. (‘a stadera è ‘na bilancia Romana).          Pè dì: nun te proccupà che prima o poi ‘a paghi. Oppuro (pè ‘o stesso motivo) diceva:

“Iddio nun paga er sabbato, ma ‘a domenica nun javanza gnente gnisuno”.

E si quarcuno faceva sviolinate a n’antro e nun je quadrava, ‘o metteva ‘n guardia:

”quanno che er diavolo te lecca è segno che vò l’anima”.

E si te voleva rassicurà: “ognuno penza a se e Dio a tutti”.

E lei (mòrto religgiosa), si sentiva uno che bestemmiava:

“chi biastima Gesù Cristo và a l’inferno a culo dritto”.

E ricordava che: “debbiti e peccati chi li fa li paga”.

“troppa grazzia sant’Antò”, ‘o diceva quanno che j’arivava quarche cosa che fusse dè più dè quello che s’aspettava.

E durante li temporali forti, s’ariccomannava a Santa Barbara e a Santa Elisabetta: ”Santa Barbara e Santa Elisabetta, sarvatece dar furmine e dà saetta”.

E dè ‘na donna che nun ciaveva gnente, né zinne né culo:

“c’ è passato San Giuseppe cò ‘a pialla” visto che San Giuseppe era ‘n falegname e poteva spianalla sia davanti che dè dietro.

E quanno sentiva dù cose che nun anneveno d’accordo l’una cò l’antra:

“stai a confonne er cazzo cor Padrenostro”.

E si rientravo c’avevo giocato e m’ero sporcato tutto:

“ te sei ridotto ‘n sallazzero (San Lazzaro)”

E si commentava una che s’era messa troppe ”scioccaje” (che ereno monili d’oro):

“me pare ‘a Madonna dè Loreto!”.

E si proprio doveva dì un “mannaggia quarcuno” diceva:

“mannaggia san mucchione!” Oppuro: “mannaggia san pistello dè legno”.

Che ereno santi ‘nventati. E nun l’aveva ‘nventati lei perché ‘o diceveno ‘n parecchi.

“culo mio che nun ha visto mai camicia, quanno che ‘a vidde se ’a sporcò!”.

Questo ‘o diceva quanno c’era quarcuno che, venenno da gnente, se dava l’arie e ciàveva ‘a puzza sotto ar naso.

“ce so ommini, bisommini e cazzabbubboli”.

Ce sò ommini, ommini forti e gajardi e queli che nun conteno ‘n cazzo.

E si parlavo e mettevo bocca su cose più granni dè me:

“li regazzini devono discore quanno che pisceno e galline”. Cioè: mai!

“Chi è bella se vede. Chi è bbona se sà”.

E’ facile vede si una è bella. Si è bbona ‘a ggente ‘o sà da sola.

Me fermo qui. Che su mi’ Nonna Amelia ce vorebbe da scrive un dizzionario:

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

 

Briggida. Er meccanico e ‘n gatto

“Arvà, me fa Carletto, te cerco da tre giorni. M’andò stavi?”

“A Carlo andò stavo? Ciò avuto da fà, mica me so divertito! Ma che me volevi da dì Carlè? “ “Ma gnente dè serio. Te volevo ariccontà l’urtima avventura dè Briggida ‘a Portiera mia. T’aricordi?” “E come nun m’aricordo? Quela che quanno dorme ‘n guardiola nun vò esse disturbata…”. “Si Arvà. Proprio lei. Dunque: vicino ar Palazzo andò abbito io e Briggida fà ‘a Portiera, ce stà ‘n Villinetto er cui proprietario vive da solo.  E’ ’na persona per bene e nun rompe. Vive lui da solo e ‘n gatto. Mò ecchetechè giorni addietro Briggida sentiva che er gatto miagolava come fusse disperato. E difatti, er gatto s’era ficcato cò ‘a testa drento ‘e sbare d ‘a cancellata che circonna er Villinetto e più tirava ‘ndietro e più strillava. Inzomma. Briggida decide che deve da capì meijo. Fa er giro der Villino. Bussa ar portone. Una, due , tre vorte e visto che nun j’arisponne nisuno, comincia a chiamà er Padrone der Villino, prima piano eppoi cò quanta voce ciaveva. <Sor Girolamoooo…sor Girolamoooo…> ma gnente. Er Villino pareva disabbitato. Er gatto però seguitava a lamentasse. Allora Briggida cià ‘n lampo. Và dar meccanico vicino che tra li lavoranti ce n’ha uno arto più d’un metro e novanta e je dice: “aho. Tu che sei arto viè ‘n pò co’ me che me devi da da ‘na mano!” Quello, er meccanico, senza arisponne je s’accoda e Briggida lo porta ar Villino e je spiega tutto. Er meccanico, guarda. E più guarda e più pare sconsolato.

Dice: “a Signò e qui come famo? Drento nun ce se pò annà perché ce sò tutte st’inferiate. Er padrone nun apre e er gatto stà ‘ncastrato drento l’inferiata più arta”.

Poi er lampo puro a lui! “A Signò venite cò me! Annamo a quel’inferiata ‘n pò più bassa”. Detto fatto. “E mò?” je chiede Briggida, che ner frattempo s’era resa conto che nun avrebbero mai scavarcato nè lei nè lui. “E mò come famo?”. “A Signò”, dice er meccanico, “ciò n’idea. Voi ve mettete a cavacecio sur collo mio e io ve sollevo. Così  voi provate a scavarcà! E doppo liberà er gatto è ‘n gioco de regazzi!” “Si vabbè!”, je dice Briggida, “ma io so ‘na donna e nun me sò messa manco li carzoni. Cò stà gonna come faccio a metteme a cavacieci sur collo tuo? E cerca dè capimme! Ma ‘nziamai ce vede quarcuno, ma che penza?” “A Sora Bri” fa er meccanico anche ‘n pò seccatello, “si ciavete n’idea mejo tiratela fora. Pè me però è ‘na bella soluzzione!”. “E certo je fà Briggida, a te nun te pare vero dè ficcamme ‘a testa sotto”. “ ’A sora Bri e nun me potete fà perde tempo. Io ciò da lavorà, ciò!”. E Briggida ‘n po’ incazzata: “Vabbè. Daje và e famela finita!” “A Signò. E pare che me fate ‘n piacere!”. “E ‘nzomma” j’arisponne Briggida. “E mica tutti li giorni ficchi er collo sotto e cosce dè ‘na donna!”. “Si vabbè! A Signò che dovemo da fa?”.

Epperò Briggida a cavacecio sur collo der meccanico nun cià fà ‘o stesso a scavarcà e allora er meccanico cò due, tre scrollate bene assestate fa ‘n modo che ‘a testa sua finisce proprio…ner mezzo dè ‘e cosce dè Briggida, là andò cià er mejo de se stessa, e ‘a solleva de più dè prima mettennesela…‘n testa. “E qui Arvà er dramma” me fà Carlo. “Briggida tutta protesa a scavarcà cor meccanico ‘n mezzo a ‘e cosce (‘n po’ più su!), perde l’equilibrio e finisce cò a testa quasi pè tera e le gambe per aria e cò ‘a testa der meccanico che affiorava da dè sotto a lei. Arvà. In quer preciso momento er Padrone der Villino esce dall’angolo e vede Briggida in quela posizione cò ‘e gambe per aria e er meccanico che s’era piegato sotto ar peso de Briggida, ma era restato cò à testa fra ‘e cosce d’ ‘a portiera”.  “E er padrone der villino che fa?” Domanno io.

“Che fa Arvà? Li guarda e cercanno dè restà carmo dice: “Embe’?”

“Embè che?” jarisponne Briggida. “Embè ‘o dico io a vvoi! Che fate ‘e zozzerie a casa mia? E le fate strane come Carlo Verdone? Ma voi, sora spò, nun ve vergognate cò ‘n regazzo che ve potrebbe esse, nun dico fijo, ma fratello più piccolo si!”

“Ahè, strilla Briggida, ma che cazzo avete capito? Io ‘o stò a fà per gatto vostro!”.

“A si? E er gatto mio che c’entra cò e zozzerie che state a fa voi?”.

“Inzomma”, riprenne a riccontà Carlo. “Ce sò voluti dù giorni pè fa capì ar Sor Gerolamo dè ‘a sincerità e d’onestà dè Briggida che ha però sentenziato:

“ ‘n’antra vorta er gatto suo j’ho schiaffo tra ‘e palle, j’ho schiaffo!”.

“Ciao Arva. A la prossima”.

“E tanto a Carlè, cò Briggida ce po’ esse quasi dè sicuro ‘na prossima. Ciao”.

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

FURVIO ER PIRATA

E’ aritornato “Furvio er pirata”. E’ stato tre mesi a Siviglia.

Ma prima dè riccontà su Siviglia e cose varie, ciò voja dè divve perché cià stò soprannome.

Quanno erimo regazzini, lui era er più robusto dè tutti noi e quanno che cereno ‘e famose battaje cò li sciangaini era sempre er capo supremo e quello che menava dè più.

Abbitava a ‘o stesso piano dè n’antro amico e una dè le finestre dè casa sua era mòrto vicina ar terrazzino dè st’amico.  E spess’e volentieri “er pirata” scavarcava e se ‘o ritrovaveno  a casa a l’improviso.  Granne ‘ncazzatura der Nonno dè st’amico che quanno ò vedeva, strillava come ‘n’aquila: “ ’a Fù, t’ho detto mille vorte che nun devi dà scavarcà e venì drento casa mia. Io vojo esse padrone dè stammene pè li cazzi mia e tu non devi rompe! Bussa a la porta come fanno tutti li cristiani”. Ma manco pè gnente! “Er pirata” seguitava a scavarcà a tutta tigna! Ma ‘a cosa più ‘mportante che riguarda “er pirata” è che era pieno dè fantasia. Una ne penzava e cento ne faceva! E partimo proprio da qui pè spiegà er perché “der pirata”.  Ciavrà avuto 15 anni e se costruì cor legno ‘na scialuppa. In pratica era ‘na tavola 2 metri pè 2 metri a la quale ciaveva attaccato ‘n pennone cò ‘na vela.  Su ‘a vela (nera), ciaveva disegnato un teschio cò l’ossa ‘ncrociate. Dà pirata inzomma. E sarpò!!! Sarpò? Come sarpò? Annette cò n’amico  a Fiumicino e notte tempo, sarporno. Pè fortuna che ‘i ripresero quasi subbito perché er mare era cattivo, cò in più quela specie dè tavola,  staveno pè passà ‘n brutto quarto d’ora! Ma er soprannome ormai se l’era appiccicato e ancora oggi che è granne (e grosso!) noi amici ‘o chiamamo “Furvio er pirata”.  Er bello o er brutto “der pirata” è che ‘a fantasia jè rimasta tutta! Stà a sentì: dicevo che è tornato doppo esse stato tre mesi a Siviglia in Spagna e come me vede me fa: “aho Arvà! Giusto a te cercavo…ciò ‘n’idea grandiosa!”.  Io, che v’ho dico a fà, ho cominciato a tremà! Me sò detto: oddio.  Speramo bbene! Dice: ”vojo portà er Flamenco dè Sivija a la Garbante.  E ho bisogno che m’aiuti a trovà i ballerini, er posto e quanto serve”. Faccio: “a Fù, ma io che ne sò der Flamenco? Io nun sò manco ballà ‘a tarantella!”.  “No, me fà lui, mica devi dà balla te. Dovemo organizzà dè li regazzi che sanno ballà er Flamenco. Io mò doppo tre mesi a Sivija quarche cosina ‘a sò. Pè ditte: ‘nà vorta che sti regazzi, maschi e femmine, sò pronti, organizzamo nà Fiesta Gitana, che ne sò, a la Chiesoletta oppuro a Piazza Damiano Sauli davanti ‘a Scola.  Je famo fa ‘na danza a ritmo dè sevillanas seconno ‘a tradizione Andalusa”.  “ Dè sevillanas? E che sò” domanno. E lui, cor parlà ciovile e co ‘a puzza sotto ar naso dice: ”è una danza tipica della città di Siviglia. Poi potemo fà ‘a Noche de Sevillacante, baile e toque”. “A pirà spieghete: che so ste cose” domanno. E lui de novo in ciovile e cor petto ‘nfora: “sono i pilastri fondamentali del flamenco. E si rimediamo uno o una che canteno bbene (che a Sivija li chiameno cantaores) je famo cantà er cantejondo che è ‘na specie dè semo ragazzi dè borgata. Poi si arimediamo gente che sà ballà, je famo ‘nterpretà er tangos, ‘a solea e ‘a cantinas”.  A stò punto m’era venuto er mar dè testa e jo strillato: “fermete ‘a pirà. Fermete pè l’amor diddio! Ma che stai a dì! Io nun te capisco. Ma che hai sbajato ‘a Garbatella cò ‘n quartiere dè Sivija? Er tangos, a cantinas, cor sottoscalas ,o scantinatos e er seminteratos”. E lui: ”si Arvà. ‘A Garbatella ‘a famo somijà a Triana che è ‘n quartiere bellissimo che rissomija a la Garbatella (nun pè gnente ha fonnata l’Imperatore Traiano che era nato lì vicino) e famo puro…”.  “FERMETE” ho strillato io!    “A pirà falla finita! Io nun t’areggo più! Me stai a fà senti male!”. Poi pè levammelo dè torno jo detto:  senti a Fù. Te dò er numero dè cellulare dè Mauretto. Je telefoni e senti si lui cià quarche indirizzo dè Ballerini dè Flamenco a la Garbatella. Lui è più preparato dè me su stè cose!”. “E mò chi è stò Mauretto?” me fa er pirata visibirmente ‘ncazzato. “E’ ‘n’amico mio. Bravo e che probabilmente su stè cose è puro preparato. E mò a pirà te saluto. Vado dè corza a casa”. “M’ando vai, aspetta”, fa er pirata. “Ma che ciai prescia?”. Si ciò prescia! Vado a casa, me piò un cachè  e me metto sur letto a occhi chiusi speranno che passa er mar dè testa che m’hai fatto venì.

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

 

LAZZIALE FOR EVER

Vojò bbene a Carlo (Carletto) pè dù motivi pè me ‘mportanti:

- E’ Laziale “fracico” e parla sempre in un bellissimo Romanesco Trilussiano.

Proprio perché je vojo bbene che ho accettato dè faje compagnia a ‘n ’Ospedale Romano, andove doveva fà un semplice prelievo dè sangue pè ‘n’analisi. “Doveva da fa!” Ma c’è riuscito? Racconto che è successo: “Arvà. Allora me fai compagnia e me fai puro da autista?”.

“Se capisce”, j’ho risposto, “annamo cò a maghina mia”.

Mercoledì matina partimo alle 7. “Sai”, me dice, “mejo si annamo presto che trovamo meno ggente”. “Certo Carlè”.

Quanno c’arivamo era pieno dè ggente che si uno se voleva mette a sede, ‘o poteva fa solo pè tera! Vabbè. Carlo aveva preso er numeretto e ciaveva A 23. Li sportelli pè fa er tichette opreno a ‘e sette e mezza e quanno che s’opreno s’illumineno ‘na decina dè numeratori luminosi sparsi quà e là. Carlo era già nervoso e me chiede: “Arvà, ma si ciavemo A 23, come mai che s’accenneno puro C 10?”. “E che ne sò Carlè. Prova a chiede ar Vigilante che magari t’arisponne”.  Detto fatto. Carletto s’avvicina ar Vigilante e chiede. Quello j’arisponne: “E lettere A, sò pè ‘a ggente normale e le C sò pè l’invalidi e donne incinte”. E qui comincia er dramma. Carlo guarda er Vigilante e jè fa: “allora puro pè li romanisti che più ‘nvalidi dè queli!”

E se gira verso dè me ridenno. Er Vigilante nun ‘a pià bbene e dice: “aho! Io sò romanista.

Te paro ‘nvalido te paro?”. Intervengo io:”ma no. Ha fatto sortanto ‘na battuta!”. “Mbè ‘e battute annatele a fà da ‘n’antra parte. Capito?”. Acchiappo Carlo pè ‘n braccio e ‘o porto via. Ma vattene! Finarmente tocca a noi. “E’ scito er 23. Amo vinto ar lotto. Amo fatto tombola!” Strilla Carlo a voce arta e mentre dice così và davanti a ‘o sportello adatto. Li dietro ce ‘na donna cò li capelli a la Sor Pampurio e co ‘a faccia già stufa. Carlo che fa? Je mette sotto ar vetro ‘a richiesta der Medico pè l’analisi e ‘a tessera de ’a Lazio. Quela, che stava a testa bassa, come vede ‘a tessera arza lentamente ‘a faccia e mentre guarda ‘ncazzata Carlo, je ridà er certificato e cò ‘a voce roca je dice: ”senta, come vede ce sò altri tre sportelli qui vicino a me. Ne scelga uno e se ne vada. Per favore, se ne vada che a me me viè dà vommità solo a l’idea che faccio quarche cosa per un lazziale!”. Ariacchiappo Carlo pè ‘n braccio e ‘o riporto via. E’ finita? Macchè! ‘A dà venì er peggio. Rifamo ‘a fila e aspettamo che chiameno l’A 23. Finarmente se sente ‘na voce dè donna da l’artoparlante che chiama: “A 23. Stanza 2”. Carlo se move verso ‘a porta ma se gira e me dice: “Arvà, famme compagnia che io ciò paura!        Io quanno che vedo er sangue me viè dà sveni!”. “Vabbè a Carlè”, arisponno. “Speriamo che me fanno entrà puro a me”. Entramo e c’è ‘na bella regazza soridente che domanna:“a chi devo fa er prelievo?” E Carlo cor deto verso de me: “a lui” dice. Io intervengo ‘n’antra vorta e cor soriso dico: “scherza. Io so solo ‘n’amico che je fa compagnia”. Ma ecchetechè! Da ‘na porta laterale entra ‘n’ Infermiere arto 1 metro e 90 che come vede Carlo je dice:”aho! Io già te conosco a te! Tu sei quelo che stava a fà ‘o spiritoso li a li sportelli per tichette! A lazziale, mò so cazzi tui! “. Poi se gira verso ‘a ragazza e je dice: “a Luisè, faje 5 buchi sbajati a stò zozzo lazziale!”. E nun è che rideva, anzi! E Carlo? Se stà zzitto e bbono? Ma quanno mai!                   Ho guarda e je fa: “senti aho. C’è chi nasce zoppo, chi nasce c’ò l’occhi storti e chi romanista!”. “Mortacci! Fa l’armadio cor camice bianco. A Luisè , allora a stò poveraccio lazziale fajene ‘na decina dè buchi sbajati”. A quer punto me so ‘ncollato Carlo e l’ho portato via. De fora dè l’ Ospedale j’ho detto: “a Carlè, mejo che ‘analisi le fai a n’antro Ambulatorio dè n’antro Ospedale che qui ormai se mette male pè te e puro pè me!”.

“Si Arva”, m’arisponne. Io poi er sangue mio Laziale a sti zozzi ’nfami nun jo faccio manco vede. Che er nostro, Arvà, è sangue nobile. Mica è mischiato co quelo dè li lupi”. Io ho accellerato er passo e semo annati via.

 

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

 

Roma e 'a Garbatella

“A Clà, ma te che sbavi pè Roma

puro si nun sei romano,

che faressi si te spostassero lontano?”

Claudio arisponne:

“Io nun me sentirebbe più romano

e invece dè stà alegro qui a Roma mia

m’aritroverebbe pieno dè nostargia.

E te Arvà come faressi senza Roma?".

"Io? Senza er Colosseo e er Campidojo

e 'a Garbatella cò l’amichi mia

e li spaghetti a ajo e ojo

e ‘a carbonara de Mamma mia?

Me mancherebbe 'a Chiesoletta

'a Fontana dè Carlotta

er Lotto 'ndò sò nato

e andove dà piccolo ho giocato.

Io nun vivo senza Roma e 'a Garbatella!

Anzi me stufa puro stanne 'a parlà.

Pare che fanne parola a me me dia
’n gran magone e tanta melanconia”

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)
 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”