BELENNE/VANDINA                                                                             Marzo 2012


«Arvaro mio che è successo a casa mia!», attacca Sandro“ Conoscendo Sandro ho subbito
domannato: “che è successo Sà che te vedo affannato quanno parli?”
«Arvaro mio che traggedia!». “Senti a Sà, mo nun comincià cò li preamboli tui che sò lunghi ‘na
quaresima! Viè ar sodo. Daje! “. «Arvà ieri sera rientro a casa e Vanda me fa:
«Hai visto ieri sera Belenne a Sanremo si che tatuaggio che ciaveva…hai visto si che farfalla…»
«No», j’ho risposto, «io er festival de Sanremo n’o guardo». «E che guardi?», ha insistito lei,
«si nun guardi Sanremo come tutti l’Itagliani, ma che guardi?».
«Ma io n’a guardo volentieri ‘a Tv. A si! Sai che guardo? Guardo Ballanno cò ‘e stelle. Me piace
come balleno puro queli che nun hanno mai ballato!». «Inzomma. Me vòi dì che Belenne nun l’hai
vista e che a te ‘e belle gnocche nun t’enteresseno più!». «A Và. Ma perché te scalli tanto?
Perché nun ho visto er Festival de Sanremo? Ma a me nun me ne frega ‘na cippa der Festival.
Sò finiti li tempi de Claudio Villa, de Nilla Pizzi e compagnia bella. Quelle ereno canzoni…e adesso
du palle Và!» «Si ma c’era puro Celentano che ha fatto certi sermoni…se l’è presa cò tutti.
Puro cò li Preti, li Partiti e ‘a Politica!» «Arvà. A quer punto ho guardato mi moje e nun sapevo si
ammazzalla subbito o dopo magnato. Ma ciò avuto ‘a forza de restà carmo e ho chiesto gentir -
mente: Vanda, Vandina mia. Ma che è che vòi? Ma mò che voi da me? Eh? Nun ho visto San -
remo? Ma mò me vòi sparà pè questo? Vabbè. Ho sbajato. ‘O dovevo da vede, magara pè fatte
contenta. Ma nun l’ho visto! E allora aricconteme Va. Che artro è successo a Sanremo?
Si. C’era Belenne e si nun ho capito male ciaveva ‘n tatuaggio su ‘a spalla. Ok. Che artro?»
«Su ‘a spallaaaaa? Ma che dichi? Ciaveva su ‘na coscia!» «E vabbè. Ciaveva su ‘na coscia e
allora? A quer momento Arvà, Vanda me viè sotto ar viso e comincia a soffiamme: «Belenne nun
se l’è fatto sempricemente su ‘na coscia er tatuaggio, ma quassù ar limite dè…dè…dèèè…’a
panza e spostato ‘n pò verso…verso…verso…’a cosa’!» «Verso ‘a cosa? Ma che era gnuda?»
«No. Ma ‘nzomma…» «ma ‘nzomma, ma ‘nzomma. Era gnuda o no?». «No nun era gnuda.
Ciaveva un dilongo colorato che je arivava fino a li piedi. Lei però, cò ‘a manina, teneva tutta a
parte destra tirata su ‘n modo che se vedesse tutta a coscia e fino a…»
«Si Vanda. Ho capito. ‘Nzomma me so persò ‘no spettacolo secsi?».
«E sì. Te sei proprio perzo ‘n granne spettacolo, ma nun te preoccupà che t’ho faccio rivedè io.
E prima che t’immaggini.» «Ma nun me dì! Hai comprato ‘n registratore e nun m’hai detto…e hai
registrato tutto?» «Aho! Ma che reggistratore e reggistratore der piffero! Si se l’è fatta Belenne a
farfallina m‘a posso fà puro io. E seconno me nun costa nemmeno tanto. Me sò già ‘nformata e
m’hanno detto che costerebbe meno dè 500 euri. E nemmanco c’è dolore. Prima te disegneno su
a coscia ‘a farfallina e poi cò n’aghetto cominceno a fatte er tatuaggio. Doppo n’oretta è tutto fatto!
A me però deveno stà attenti sortanto a che artezza me fanno er tatuaggio. Io ‘o vojo più su possi
bile così ‘o vedi solo te e ar mare nun se vede. Pè er resto…a Sa. Ce penzi quanno che me te
presento così si che pezzo de gnocca che sò! Eppoi nun sarò bella come Belenne ma ‘nzomma» .
«Arvà. So stato zitto pè tutta ‘a tiritera che ha fatto Vanda. Poi però sò sbottato e j’ho detto tutto
quelo che me veniva su ‘a lingua. Ma su ‘a lingua mia ‘ncazzata!» «’A Sa. Puro io so stato zitto
fino a mò. Ma cerca dè famme capì si come è ita a finì che sinnò divento scemo!»
«Si Arvà ciai raggione puro te. Che j’ho detto? E che j’ho detto? Beh ‘nzacco de cose ma quela
che l’ha fatta ‘ncazzà de più è quanno che j’ho detto: A Và. Sei mi moje da ‘na vita e sai che te
vojo bene, ma fammetelo dì: ma te tatuaggi ‘na farfallina? A Và pesi 85 chili e ciai na panza che
inzomma...pè fatte ‘na farfallina a te ce vorrebbero 2/3000 euri e nun basterebbero dù mesi!
E a quer punto...» «E a quer punto Sa?» «Eh! A quer punto ha operto ‘a porta de casa e se n’è
annata. Stà d’a sorella che abbita a via dell’Armatori e da 15 giorni. E nun se vede aria che
aritorna. Nun arisponne nemmeno ar talefeno! Me manca Arvà! Me manca Vandina mia!»
«Si. A Sa. Prima dichi che pesa 85 kili eppoi ‘a chiami Vandina! Fatte ‘na telefonata ar cervello cor
cellulare e mettetece d’accordo. Aspetta! Famme fà a me! Ciò sai che tu moje m’ha sempre voluto
bene come a ‘n fratello. Ce provo a talefenaje io. Poi vedemo…»
E’ passata ‘na settimana e sò tornati insieme. Pianti abbracci e davanti a me! E senza ritegno!
L’urtima che ho saputo però è che…Sandro, giorni addietro ha domannato a Vanda:
«A Va, ma che fine ha fatto ‘a farfallina? Ma nun te la fai più?» A quer punto Vandina ha tirato su
er vestito da ‘na parte e ha fatto vede a Sandro ‘a coscia “più su, più su possibile”, dicenno:
«Sandrino mio. Ma che vòi dè più! Ma becchete stà robba! Guarda! Ma te serve ‘na farfallina pè
‘npazzi? Stà mostra dè bellezza nun te basta?».
Io quanno che l’ho saputo ho commentato morto banarmente! “è robba da matti!”
Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

‘A RIUNIONE DE L’INQUILINI DE VIA A.M.STROZZI

Febbraio 2012


Io abbito in uno dei 5 vecchi palazzi de Via A.M.Strozzi; strada che parte da Largo de le Sette
Chiese. Se conoscemo tutti e da sempre. Cò quarcuno semo cresciuti assieme. Artri sò i Fij de
questi e puro li Nipoti. Ma nun semo amichi. Nemmeno quanno viveveno ‘e nostre Nonne
ereno tutti amichi. Pè ‘n verso o n’antro c’era sempre da ridì. Figurete adesso! Se litiga su tutto
e dè vorte pè stupidaggini. Da noi nun se useno le Riunioni dell’Inquilini (‘e Riunioni de
Condominio nun ce l’avemo perché er Condominio nun se pò ancora formà). Nun se usaveno
perché urtimamente n’avemo fatta una. A casa mia. A me me viè ancora da ride (o da piagne!)
A l’ordine der giorno c’era:
1) orario d’accenzione e smorzamento der riscallamento;
2) rifacimento der giardino de dietro ar palazzo cò buttata generale de le vecchie cose ammuc-
. chiate lì.
3) li du platani che ce stanno sò malati. Sò stati attaccati da ‘na malatia teribbile e bisogna fà
. quarche cosa e puro dè corsa.
“Questo si li volemo sarvà”, sentenzia Franco “er gigante” (arto quasi du metri). J’arisponne
Vittorio “er pechino” (pè via der tajo dè l’occhi): “Vabbè ma si chiamamo ‘n giardiniere vò ‘n
sacco de sordi”. “E allora fameselo da soli” aggiunge Fabbio. “Ma de che” sbotta mi fratello che
abbita andò abbito io ar piano de sotto. “ma si ‘a media d’età quà drento è de armeno 70 anni.
Ma chi je ‘a fà a ‘ncollase li platani! Li lassamo stà così!” “Allora. Zitti tutti!” dico io che sò stato
nominato coordinatore d’a Riunione. “Sur punto primo, sull’orari d’accenzione der riscallamento,
vò parlà Maria der 2° piano” Ma a Maria der riscallamento nun je ne frega ‘na cippa. Difatti
attacca Roberto der 3° piano: “A bello. Tu bigna che dai ‘na pulita ar casino che hai fatto ‘n
giardino. Ciai messo de tutto, ciai. Tavole, sacchi de cemento, er motorino, ‘e sedie. Ce mancheno
sortanto ‘e mutanne tue e d’a tu regazza ce mancheno!” “A sora spo’ ”, i’arisponne
Robberto. “Er casino mica ho fatto solo io. C’è de tutto li de dietro. Eppoi scusateme tanto. Ma
nun stamo qui pe sistema puro er giardino? Però si ‘a mettete così allora me levo stò peso che
ciò su ‘o stommico da armeno 10 anni. Dunque: io levo tutto quanto quelo che ve dà fastidio,
ma voi fateme er cazzo der piacere de tenevve a casa li gatti e de fa piscià er cane da n’antra
parte!” Vista ‘a piega che stava a pià er discorso ho provato a famme senti: “Scusateme” ho
detto co’ ‘a voce ferma. “Ma annamo pè ordine: punto primo er riscallamento. L’orario
d’accenzione e spegnimento. Chi pia ‘a parola?”. “Io” disse Marco. “io e mi Madre er pomeriggio
ciavemo freddo. A me nun me ne frega gnente che, com’adesso, s’accenne a ‘e 6 de matina
e se smorza a le 8. Spegnemelo a quell’ora ma acennemelo a ‘e 3 der pomeriggio e no a le
5 come mò!” “E no, bello mio”, je fa Annamaria der 2° piano. “Chi come me cià li regazzini che
vanno a scola, a matina quanno che s’arzeno deveno da sta calli”. “Aho” aricchiappa Marco.“In
‘quer posto’ t’entra ma ‘n testa no! Li regazzini tui escheno a le 8 e chi s’è visto s’è visto. Ma
er pomeriggio, mi Madre, che come sai è avanti cò l’anni, sente freddo!” “E compreje ‘na stufa”
fa Annamaria ‘n pò incazzata.”Così t’ariscalli puro te!” Capito ‘n’antra vorta com’annava er
dibattito, cerco de cambià argomento speranno in Dio! “Famo ‘na cosa” propongo. “Parlamo
de li platani. Cianno ‘a carie.‘Na malatia grave che li fà diventà dè colore chiaro e poi moreno.
Li volemo abbatte?” “A pè me va bene” intervenì, come se dice, “a piedi uniti” Rina der 1°
piano. “Tanto stanno là de dietro, sò mezzi morti, costerebbe de più a falli curà, che a falli
abbatte. Ar posto loro ce famo n’orticello cò ‘a lattuga, a cicoria, er basilico”. Improvisamente
se sentì nà voce fioca ma ferma da dietro a tutti noi: ”no! Voi nun fate proprio n’cazzo dè
gnente! Avete capito? Io ciò ottantacinquanni e quanno sò nato li platani cereno e vojo morì cò
li platani! Chiarooooo?” disse er vecchio Mauro ex imbianchino. Se sentì allora puro ‘a voce
forte da baritono dè Vittorio “er pechino” che fà. “State tranquillo. Ve li lassamo li, li platani
vostri. Li levamo però quanno che morite. Tanto ve manca poco!”. ” ’A stronzo! “ Disse cò quer
filo de voce che j’èra rimasto er sor Mauro. “Io ‘ntanto me gratto ‘e 'cose mie'. E poi vattene a
fanculo te e tutto l’arbero gegnaloggico tuo! Si er vino nu ‘o reggi, l’uva magnetela a chicchi!
E te dico puro che io nun ciò nisuna voja dè morì. Hai capito? E mò me ne vado puro sinnò
t’arimanno a fanculo n’artra vorta!“. E oprì ‘a porta de casa mia e sortì. A quer momento
guardai tutti, uno pè uno, con carma (apparente) e poi dissi: “me sò reso conto che ‘a Riunione
è bella che finita. Dè tutto avemo parlato for de quelo che interessava a tutti noi. Ne famo
n’artra? Io nu ‘o sò, ma nun me chiamate più a fà er moderatore perché io da stò minuto dò ‘e
dimissioni”. Sarei però farzo si nun dicessi che m’aspettavo un coro de’ “ma no! Resta! Come
famo noi senza de te”. Cor pisolo che l’hanno detto. Ma nemmeno uno. Che ‘mbecille che sò io
aho! Ma chi m’ho fa fà de pijamme tutti sti’ cazzi? Boh?


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

Natale a casa de’ “Furvio er Pirata”


“Cerimo tutti o quasi tutti a casa mia er giorno de Natale. A pranzo. Li cinque Fiji, co‘ ‘e moji, li
mariti e i cinque nipoti. Cereno puro li Nonni dè Mario (er marito de mi fija più piccola)”.
Così cominicia a riccontamme “Furvio er Pirata”. E continua: “Arvà. ‘N Natale così brutto
ereno anni che nun m’‘o ricordavo! Da schifo!!!”. “A Fù” dico. ”Li Natali nun è che sieno iti
tutti bene nemmeno a me! Ma nun è che stai a esaggerà come ar solito? E’ Fù?” “Vabbè Arvà.
Fa ‘n pò te! Ma stamme a sentì prima de giudicà!” rintuzza Furvio. “Allora. Quanno che
presero posto tutti, erimo ‘na ventina e più. Mi moje da la cucina strillò: “a tavolaaaaa…”.
Io cor tono da commannante dissi: Bon Natale a tutti! Ma, come te dicevo, stò Natale nun
poteva esse ‘na Festa tranquilla. Noooo…e manco poteva da comincià bene! Attaccò difatti mi
fijo Paolo dicenno: “a Mà. Ce lo sai che ‘e lasagne nun me piaceno. Che me le fai a fà?” “Stà
zitto e magna, che ‘e lasagne come ‘e fà mamma sò ‘na specialità!”, j’arispose Antonella. “E te
statte zitta e nun fà ‘a stronza!” rinforzò Paolo. “Aho” disse mi moje, “oggi è Natale. Cercate de
fà li bravi! “ “A Mà. A me ‘e lasagne nun me piaceno. Che ce devo da fa?” disse Paolo mezzo
avvilito. “Armeno prova a assaggialle” disse Brunella. ”Guarda che sò bone”. E Paolo: “no. Pè
me sò cacca!”. A quer punto, dimenticanno che Paolo ormai è ‘n’ omo e puro sposato, me
scappò de dije: ”aho! Mò si nu ‘a fai finita te do ‘nò schiaffo che te ce sporvero ‘a faccia!”. E je lo
diedi davero ‘no schiaffo che si ‘o piavo bene ‘o rompevo in quattro pezzi!. Lui se scanzò e io
presi n pieno a bottija der vino rosso che finì drento ar piatto de Antonella. Aprete celo Arvà!
Antonella cominciò a strillà come n’aquila. “m’hai rovinato er vestito novo”. “Te ce sta bene”
disse Paolo “così’ te ‘mpari a fatte li cazzi tui!”. Antonella nun ce vide più. Prese er piatto de le
lasagne fumanti, che ‘ntanto mi moje aveva portato pè cercà de interompe er casino che s’era
creato e je lo tirò miranno in piena faccia. E lo tirò bene perché Paolo, pè ‘à fretta de scanzasse,
se tirò indietro de scatto. ‘O schienale d’a sedia scricchiolò e se spezzò e Paolo finì cor culo pe
tera. “Aho!” Strillò mi moje. “Ma pè l’amor de Dio ‘a volete fa finita?”. Intanto Paolo s’era
riarzato, acchiappò pè li capelli Antonella e tiranno cò tutte ‘e forze, ‘a sbattè pe tera. “E che
cazzo” dissi io “ma ‘a volete fa finita! O ce volete arovinà er Natale? Vabbè Arvà. Finireno ‘e
lasagne, arivò er cappone arosto co’ ‘e patate ar forno. Più ‘n’ insalata cò er radicchio a parte.
Poi fu portato er panettone co’ li frutti canditi drento. A ‘n certo punto, Arvà, pè completà
l’opera, se senti ‘a vocina d’a Nonna de Mario: “fatela finita che daje e daje me stò a sentì
male!”. “E che ciai?” je domannò er Marito/Nonno. “nu ‘o sò. Me viè da rimette!” “Puro io nun
me sento bene” disse er Nonno che poi vommitò, scoreggiò e cascò cò ‘a capoccia in giù sur
panettone appena affettato da mi moje. ‘A Nonna s’accasciò su a sedia e rimase immobile cò ‘a
testa pè aria e a bocca operta. Mi moje, da la teribbile aggitazzione, se piegò in due su ‘na sedia.
Cò a mano destra, pè nun cascà, s’aggrappò a la tovaja, ‘a trascinò pè tera insieme a quarche
piatto. Io, tentai d’arzamme da ‘a sedia andò stavo a sede ma, ‘ncastrato com’ero, barcollai e
cascai sbattendo a fronte sull’orlo der tavolino. Bang! Brunella cor Marito e Rodorfo cò ‘a
moje, accorsero ner soggiorno pè tentà dè tiracce sù. ‘A scena che trovorno Arvà era questa:
io e mi moje erimo pè terra. ‘A Nonna e er Nonno staveno ancora su ‘e sedie. Immobili. “Nun è
che so’ morti?” domannò Rodorfo. “Ma no” rispose Brunella. “E guardeli però. Pè me sò
morti!!!”. ”Cazzo, ma come sei traggico!” je rispose Brunella. Io, Arvà, a stò punto sarei voluto
morì puro io! Dissi a la Vittorio Gasmann: “ma porca zozza ‘nfame. Ma possibbile mai che ‘gni
vorta che s’ariunimo ‘a da succede quarche cosa de grosso? Ma nun je la famo a esse ‘na famija
normale? Ma l’artri ‘o passeno così er Natale? Aho! Stantranno, si a Dio piacenno stò ancora su
stà tera, me ne vado…me ne vado…me ne vaaadooo…” “Aho!” Strillò mi moje. “Ma ‘ndo cazzo
vai stantranno? Er Natale se passa a casa propria cò li fiji e li parenti! Mò pè ‘n piccolo
incidente già te ‘ncazzi?” E aggiunse pè completa l’opera: “e che palle!!!”. “Arvà. Scuseme si
t’ho rovinato ‘a giornata puro a te. Ce lo sò che a casa tua nun succedeno ste cose. Ma da
meeee…”. E qui stavo p’attaccà pure io. Volevo dije: “A Fù. Ma nun sai che è successo a Natale
a casa mia! Hanno ‘ncominciato a discute…”. Poi me sò fermato! Ma che facevo? Mettevo
n’antra fascìna sur foco? E ho penzato: meno male che stè cose succedeno solo a casa mia e de
Furvio. Sò sicuro che a casa dell’antri abitanti de’ ‘a Garbatella ste cose nun avvengheno!
Che dichi? Puro a te der lotto 26 t’è successo? E puro a te der lotto 11? Noooo. Nun me dì che
avete passato ‘n brutto Natale puro all’Arberghi! Siiiii? A và bè!
Sarà perchè a Natale s’aridunamo troppi parenti inzieme che succede stò casino?
Poi ner salì drento ‘a Pandina mia, me sò detto (pè damme ‘na carmata che ero aggitato):
stai manzo Arvà. Je l’hai sfangata, puro ner casino, a superà stò Natale!
Poi pè quello der 2012…Dio provede!!!


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

BUCIARDI A LA GARBATELLA


Io credo che in ogni Rione, Quartiere o Municipio de Roma ce sia un buciardo. Armeno uno.
E perché? A la Garbatella noooo? E si che ce ne sò stati ner passato…e ner presente? “Beh”,
me dice Franco ‹er pacoccia›, “ce sò eccome. E più de uno! Però forse uno abbastanza dè
moda adesso è Carlo ‹er panzana›“. Incomincio a ride e a ride dè core: “a Fra”, je dico, “è
inutile che te domanno perché ‘o chiamate ‹er panzana›. Er soprannome dè stò Carlo è tutto
‘n programma!”. “Arvà te devo da di puro, che io l’ho difeso da subbito, perché a me nun me
dava proprio a sensazione ch’era un buciardo. Un pò volone si, ma no bugiardo. E ‘nfatti a la
fine…si nun fosse ch’è scoppiata ‘na traggedia che dopo t’aricconno!” “Ma fisicamente ‘o
conosco?”. “Nun ciò sò. Me pare che abbita andò sei nato te Arvà. A via Enrico Cravero.
Comunque: è basso, grasso e quanno che soride fà vede li denti accavallati e ammonticchiati.
Cià ‘na trentina d’anni e pare ‘n pupone”. “Vabbè. Ma che fa? Lavora, nun lavora, vive cò i
genitori. Inzomma perchè ritenghi che dicheno che è ‘n buciardo ma tu ‘o difenni?”. “Arvà. ‘O
dico puro io che è ‘n pò buciardo perché ‘o frequento. Intanto ‘a madre stravede pè lui, com’è
giusto che sia. E ‘o riempie de sòrdi. Carlo ‹er panzana› aricconta ‘n sacco dè…panzane.
Che cià tante donne: more, rosse, bionde e che sò tutte innammorate de lui. Ar Baretto andò
annamo praticamente tutti, ‘o stanno a sentì ma tanto n’ ‘o crede nissuno. A sentì lui nun ha
bisogno dè lavorà in quanto ‘a madre cià: appartamenti affittati, tre negozi e artro. E mò però
semo arivati che l’amichi, quanno ch’ariva, ò pieno per culo, soprattutto pe ‘e donne: “aho!
Visto che ciai ‘n ber pò de donne, perché nun ce ne fai conosce quarcuna puro a noi?”. E lui:
“quanno che volete!”. Io te devo da dì Arvà, che a me e inzisto, nun me sembrava così
buciardo come dicheno l’antri. De palle ne sparava più d’una, ma a me me pareva solo ‘n pò
leggerino. ‘N pò farzo. E come diceva mi Nonna Amelia ‘́ nun te fidà dè ‘na persona farza,
perché si piscia a letto, dice che ha sudato”. “Ma a pacò. Aricconteme ‘n’ pò ‘a traggedia”.
“Allora: l’urtimo fatto, che nun è bello, spiega tutto. Lui una ce l’ha portata. ‘Na gnocca da
schianto, ma ar momento de le presentazioni a cominciato a farfujà dà ‘a timidezza: “questa
è n’amica mia e se chiama Alexandra”. “Ma perché è straniera?” chiede Claudio ‹‘o sciorto›.
“No. E’ Romana” arisponne Carlo. “Perché te pare straniera?”. “No, sai comè, Alexandra cò la
icchese ‘n mezzo è ‘n pò strana a Roma”. “Ma, come senti Arvà, ‘na verità, ‘n mezzo a tante
bucie (li tanti sordi d’a madre, li negozzi, e le donne) ‹er panzana›, portannoce Alexandra l’ha
detta. Dimostranno, appunto, che poi tutto stò buciardo nun è. Poi è successo er fatto: cià
detto che cò Alexandra annaveno a cena e poi a letto inzieme! E nojantri, saputo cò
‘n’inghippo er posto e l’ora d’appuntamento, se semo acquattati e l’avemio appettato sotto
casa. E quanno che è sortito, noi, cò du maghine de le nostre, je semo iti appresso. Carlo e
Alexandra ariveno da e parti d’a Montagnola e ceneno. Poi ariparteno e vanno dritti verso er
mare. Arivati sur litorale, entreno drento a ‘n’ Arbergo e noi, se semo detti: “aho si questo ce
fà notte noi che famo?” “Aspettamo” E’ stata ‘a risposta che se semo dati! ‘N’ ora doppo
Fabbio ‹er patata› decide d’annà a domannà a la resepzions (così l’ha chiamata lui)
dicennoce: “vado io che conosco e lingue”. Noi restanti se semo guardati e avemo detto: “ma
perché ‹er patata›, ortre ar Garbatellese, parla artre lingue?”. E giù a ride. Doppo ‘na bona
mezzora ‹er patata› ritorna cò a faccia stravorta e dice: ”forza regà, tocca annà a l’Ospedale
Grassi a Ostia che Carlo l’hanno ricoverato.” “E che cià?”. “E che ne sò! Lo stà vejanno
Alexandra”. “A patà, parli come si fosse morto. Dichi ‘a veja’, ma è morto?” “No. S’è ‘nteso
male e hanno chiamato er 118. Annamo daje! Se famo ariccontà tutto da Alexandra”. “Che
era successo?” chiedo io. “E che era successo?” me dice ‹er pacoccia›. “Niente de grave, pè
fortuna. Er fatto che cià ariccontato Alexandra è questo: “semo saliti n’a cammera che
ciaveveno dato. Io sò annata ar bagno pè damme ‘na riassettata e pè spojamme. Sò sortita
dieci minuti doppo nuda e cò solo ‘n microslip. Puro Carlo s’era cambiato. S’era messo ‘n
dilongo de seta celeste. E qui nun ho capito bene doppo che è successo”. “Alexà”, famo quasi
‘n coro. “Ma come nu ‘o sai che è successo! Stavi lì! Armeno dicce come so ite ‘e cose che
capimo!” “Vabbè, anche si me vergogno, ve dico tutto. Carlo me s’è avvicinato e m’ha
abbraccicato. L’urtime parole che j’ho inteso dì sò state. ‘Alexà quanto sei bona‘, mentre
ch’allungava ‘na mano. Doppodechè è scivolato lentamente pè tera e pareva morto.
Ho chiamato er Portiere e…er resto ‘o sapete. Er 118, l’Ospedale e er ricovero. Mò però
abbasta nun ve dico più gnente”. “Se semo informati mejo Arvà. ‹Er panzana›, che è risurtato
‘n timido teribbile e che seconno noi era ‘a prima vorta che vedeva ‘na donna gnuda, s’è
emozionato e è cascato longo pè tera. Er referto der Grassi dice: ‘caduta improvvisa a terra,
dovuta a un eccessivo riflesso neurovegetativo con aritmia cardiaca e sindrome vertiginosa’.
“Inzomma Arvà. ‘Na bucia Carlo ‹er panzana› ciaveva detta: nun è vero che era pieno dè
donne e de qui e de là. A detta d’a madre nun ciaveva e nun j’aveva mai presentato ‘na
donna in vita sua. “E si ”, ha detto ‘a madre, “che io sò tutto dè Carlo”. “E mò come stà?”
chiedo. “Arvà. Si te devo da dì ‘a mia, è rincojonito fracico e strascica puro ‘n pò e parole.
Sò ito a trovallo e ripeteva guardanno ner vòto: “portateme e gnocche mie…portateme e
gnocche mie”. “Come senti Arvà, mica ha smesso de di stronzate. No. Ma quanno mai!
E stronzate fanno parte dè lui…

Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

‘A MATA HARI DE LA GARBATELLA.


Tutte le matine, io e Monia, n’amica mia ‘n pò più anziana de me, ma ancora bella
(e sarebbe ancora “na bona” si nun fusse pe dù rughe profonne che je sòrcheno ‘e
guancie e che pareno pronte pè seminacce er grano). Tutte le matine, dicevo, io e
Monia, s’incontramo ar solito Bar, ordinamo du caffè e se mettemo a sede a ‘n
tavolinetto ‘n pò anniscosto. Io pè carattere nun vedo e nun smiccio gnente. Invece a
Monia nun je sfugge paja. Vede e annasa tutto! E da lì incomincia er divertimento de
tutte e dua. De Monia ‘n particolare. Da ‘n pò de giorni tenemo sotto schiaffo ‘na tipa
che entra ner Bar, tutta scicchettosa e puro cò l’aria de “mo ve faccio vede chi so io”.
Anzi. Come ho detto io: “l’aria de quela che dice: chi ‘a vò? La dò? E a chi la dò?”.
E qui me sò beccato ‘a sgridata de Monia che m’ha detto:” possibbile mai che voi
ommini penzate sortanto e sempre a ‘na cosa?” E io, peggioranno a situazzione:
”a Mò, ma mica ho detto che ‘a dà a me!”. Vabbè. Tonino, er barista, quanno che
vede ‘a Signora, incomincia a sbuffà da dietro er bancone e guarda fisso ‹Mata Hari›,
come l’ho ribattezzata io. Puro perché nun sapemo come se chiama! Tonino, tutte ‘e
matine che ha fatto Dio, je chiede: ”Signora, desidera ‘n cornetto cò ‘a crema, cò ‘a
nutella, cò ‘a marmellata, ai frutti di bosco? Prego. Faccia lei. Prenda quelo che vole”.
E ‹Mata Hari›, schizzignosa arisponne sempre: “no. Per la carità di Dio. Con tutto quel
burro, grassi, panna e poi i conservanti…no,Tony, no!”. (‘O chiama Tony…).“Mi dia un
caffè al ginseng”. Io guardo Monia e fò: ” ‘a Mò e mo, che pisolo è er ginsenghe?”
E Monia cò l’aria d’a Professoressa (ah! Me sò scordato: Monia, cià si e rughe fatte cò
l’aratro, ma è ‘na Prof. Vera, mica pè finta!). “Er ginseng”, dice, “è ‘n’elisir dè giovinezza,
‘n toccasana e cià ‘n sacco dè virtù terapeutiche”. Dico: “a Mò, ma si ringiovanisce
perché nun t‘o bevi te?”. “Fatte l’affaracci tui!”, scoppia, “e penza a la panza che
ciai te!”. Fine dè ’a lite! Io ho ‘ncassato e zitto! Però ‹Mata Hari›, ‘ntanto guarda li
dòrci. E li guarda eccome!!! A l’improviso entra ner Bar Teresa, ‘n’antra amica mia,
ma che è peggio de Monia. Ner senzo che Teresa, mica te manna a dì! Te le dice e
basta! E’ teribbile! Guarda schifata a Signora e poi dice a Tonino er barista: ”A me er
solito: cappuccio e cornetto cò a Nutella”. Poi me vede e me fa er segno tipico de “che
palle…”, annuendo a la Signora. Io m’avvicino e a bassa voce je dico: “a Terè è acida”
E Teresa, anche n’pò ‘ncazzata: “quela nun è acida, è ‘na montata e ‘na volona. Vò fà
vede che Cristo è morto dè freddo mentre Cristo era er padrone de ‘a legna!”.
“Vabbè”, dice Monia che era rimasta zitta, anche perché era ancora ‘ncazzata cò mè
pe via de prima, “ma a Terè che voi di?”. E Teresa: “che è una de quele che s’atteggeno
a ‘ntellettuali e nun magneno pè nun fà i bisogni, così arisparmieno puro su ‘a
carta iggienica. Viè qui ar Bar, fà a delicata e ‘ntanto e pastarelle se magnerebbe
tutte. Cià ‘na fame che scoreggia, come dimo a la francese”. “Cazzo Terè”, faccio io.”
’N’a fortuna che è Francese!”. Se lassamo qui. Io, Monia e Teresa. Anche perché
stavamo drento a ‘n ‘esercizzio pubbrico e nun era carino quelo che stavamo a dì!
‘A matina doppo, manco si se fossimo dati ’n’appuntamento, s’aritrovamo tutte e tre
ar Bar. Eccheteché entreno ‹Mata Hari› e ‘n’amico suo. Puro lui tutto elegante, cò ‘e
scarpe a la Rodorfo Vappianino. Ordina lui e cò a voce ‘mpostata a la Pavarotti, dice:
“Un ginseng pe’ ‘a signora e ‘n cappuccio co’ ‘a bomba pè mè”. Lei artera, o guarda e
fa: ”ma caro. Sei impazzito? Ma non lo sai che un cappuccino e una bomba sono quasi
1000 calorie?”. Lui ‘a guarda e se capisce che è un “dipendente”. Se capisce che je
“l’avrà chiesta” chissà quante vorte e che lei, arogante com’è, nun je l’ha manco fatta
vede. E dice: ”Si cara hai raggione. Ma ‘a vita è ‘n giro de varzere. Eppoi avemio
superato er rubbicone de li 50 anni e si nun se godemo quelo che c’è rimasto…”
Ripia fiato e aggiunge: “eppoi io so jotto e me piaceno li dorci. E pijetela ‘na bomba.
Guarda che te fa mejo ‹de artre cose›“. “Che vuoi dire con questo, dice lei seccata.
Eppoi, forse non lo sai, ma io rifiuto tutti i piaceri terreni. Sono sobria e ascetica!”.
E lui: “e che vor di’, pur’io ciò ‘a sciatica ma ‘na bomba m’ha magno ‘o stesso!».
E qui calareno e risate de tutto er Bar. E puro ‘e nostre (cò ‘n rumoretto un ber pò
pernacchiato).


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

BRUTTA VECCHIA E CATTIVA

Ottobre 2011


Fausto abbita a la Garbatella andove è nato e cresciuto. Stà sempre vicino a Largo delle 7
Chiese. E’ sposato. ‘A moje sta quasi sempre cò lui. ‘Na coppia normale che tutto farebbe,
forchè ‘n pò de gossippe. Urtimamente, invece, Fausto m’ha riccontato che de fronte a lui
ciàbbita una che, a detta de lui, è ’a donna più perfida che ha conosciuto ‘n vita sua. “Arvà”
m’ha detto. “Nun poi capì. E’ puro brutta! Mai sentita parlà normale. Solo offese! L’uniche
vorte che parla è pè inzurtà quarcuno che passa sotto ‘e finestre sue. All’ommini je strilla: ‘a
stronzo, ‘a checca, ‘a poveraccio, ‘a cornutone. E sà pìa puro cò e donne. Anzi! Pè fatte capì
Arva. Passa ‘na donna ‘n’pò cicciotta, je strilla: ‘A rocchio de vitella. ‘A cozza. Ar posto dè le
cianche ciai dù zampi dè maiale…ce l’ha cor monno intero. ‘A cosa curiosa poi è che, nisuno sà
gnente. Nisuno ‘a conosce. L’unico fatto che semo riusciti a ricostruì è che deve da esse
vecchia, mòrto vecchia! Mi moje, che tu sai che è ‘na bonacciona, inzurtata, ha perzo a
pazienza e j’ha strillato: “A disgrazzia vivente! Ma quanto penzi de durà? Guarda che mori
puro te!”. Nun l’avesse mai fatto Arvà. ‘A perfida s’è ritirata ‘n pò drento casa perché mi moje
nun ‘a vedesse e ha attaccato: senti a pora scema, io te vengo a accompagnà quanno che
mori. Anzi t’ho prometto! M’anzai e risate che me faccio. Te morta davanti e io viva dè dietro.
Me devo da portà er zipeppe perché de sicuro ridenno, ridenno…me posso piscià sotto.
“E ‘n’ha finiva più. E quanno stava p’ esaggerà, pè fortuna, stavo arivanno io da mi moje che
ho preso pè ‘n braccio e l’ho portata via. Tempo addietro, ‘n vicino dè casa, voleva annà dai
Carabbigneri, nun solo pè eventuarmente sporge denuncia, ma puro pè faje fà ‘na visitina”.
“’Na visitina?”. Dimanno. “‘Na visitina? E pè fa che?” “Arvà…’na visitina pe fa che? Come? Ma
si se chiedemo tutti ner vicinato: ma questa come vive? Che fà tutto er giorno? Chi è? Che
magna? Quanno sorte de’ casa? De’ notte? Boh? C’è puro da aggiugne che quarcuno comincia
a avecce paura, nun solo pè se stesso, ma puro pè li ragazzini”. “Si. Ciai raggione, ma fermete
a Fa”, je dico. “Qui c’è da fà quarche cosa de serio. Nun saprei che, ma bigna fa quarche
cosa!”. Quarche giorno doppo me viè a chiamà Fausto. Io stavo a casa. M’affaccio e Fausto me
dice: “scegni Arvà. Te devo da parlà”. Scegno, puro incuriosito e come m’avvicino Fausto me
dice: ”Arvà, te devo d’ariccontà n’artro fatto. T’aricordi er Vinaville? Detto puro ‘er Bosticche,
perché è appiccicaticcio e si te becca, nun t’ho levi più de torno”. “Ma chi Bruno? Er Vinaville?
Ma certo” dico. “Che j’è successo? Ma aho” je dico secco ” ‘n momento a Fà. Ma ‘a vecchia
brutta e cattiva? Nun me dichi gnente d’a vecchia?”. “Si. Doppo. Mò fatte dì stà cosa! E stà a
sentì! ‘N’amico che pè lavoro è dovuto annà a l’Estero, ha lassato ar Vinaville, Bosticche ‘a
casa pè stà tranquillo. Pare che prima dè parti abbia detto a Bruno: ‘a Bru’. A casa mia ce poi
annà quanno che te pare. Portece puro chi te pare. ‘Na cosa però ma devi da fà. ‘Gni tanto,
sempre pè piacere, vacce. Sai, ho letto su ‘n Giornale che è ‘n periodo che occupeno ‘e case.
E tu capischi Bru! Quanno c’aritorno me piacerebbe aritrovà casa mia e senza stà a ricore a li
Carabbigneri”. “Aho!” chiedo. “Nun me dì che Bruno j’ha detto de no!”. “No Arvà. Anzi. Nun ce
và a dormì. No. Và però in quela casa tutti li giorni. Poi, ‘a notte, và a dormì a casa sua e er
giorno doppo rivà da l’amico”. “Scuseme Fa”, dico, “io nun ho ancora capito andò stà ‘a
gravità der fatto, si de gravità se parla!”. A stò punto Fausto cambia tono e più ‘ncazzato dice:
“Arvà. Aspetta. Adesso è mejo che riparlamo d’à vecchia. T’aricordi è? E sì che t’aricordi! Mbè.
Da ‘n pò de giorni ‘a tenevamo d’occhio. Facevamo li turni e cò l’orecchie appizzate. Io facevo
er turno d‘a matina. Aspettavo che opriva ‘e persiane e poi me n’annavo. Ieri matina nun
opriva e quanno è arivato l’amico pè damme er cambio, se semo conzurtati e avemo deciso de
fasse coraggio e de salì a vède. Sai, se semo detti, vecchia com’è, annamo a vède si è morta
o stà penzanno de morì! ‘A faccio corta Arvà. ‘A vecchia stava bene. Dormiva! E indovina ‘n pò
chi era ‘a vecchia? Quer fio dè nà m…amma sua de’ Bruno er Vinaville. Che faceva? Se
metteva ‘na perucca da vecchia. S’affacciava e ce rompeva le palle a tutti. E cià puro messo
pavura”. “Vabbè”, dico io pè carmallo, mò stattene tranquillino. L’importante è che state tutti
bene e che puro quell‘imbecille stà bene!” “Stà beeeeene Arvà?”. “Aho!” Dico secco.”Tu, dù
minuti fa, m’hai detto: ‘a vecchia stava bene. Dormiva. O ho capito male?”. “Noooo hai capito
bene Arvà! ‘A vecchia staaaava bene! Perché mò, dopo li carci che j’avemo dato nu ‘o sò si je
basterà ‘na settimana d’Ospedale e 10 giorni dè convalescenza pè rimettese ‘n piedi!
L’anima de li mejo mortacci sui e der nonno!!!
Alvaro Cardarelli
2

Write comment (0 Comments)

 

Estate. Agosto callo!

Che facesse callo faceva callo! Che fosse agosto (e a Roma!!!) s’era capito puro.
Che moje e marito poteveno smanià dar callo ce pò puro stà. Ma smanià a quela maniera, inzomma!
Ma nun tanto lei. Soprattutto lui. Smaniava perché er callo era teribbile. “Nico” (Domenico), detto “er
caciara”, poi era propio inzofferente: “Io vorrebbe sapè”, disse alla moje “Eli” (Elisabetta), detta “ ’a
moje der caciara”, perché semo l’unichi ‘mbecilli che in cammera nun ciavemo l’aria condizzionata. ‘N
soggiorno ciavemo! Chissà che cazzo ce famo cò l’aria condizzionata ‘n soggiorno! Ciarinfrescamo er
tavolino cò e sedie, ciarinfrescamo!” “Aho!” fece Eli “ma er condizzionatore ‘n cammera fa male! Ma
che se volemo pijà ‘na paresi ‘n faccia? Oppuro ‘na bella broncopormonite a li pormoni? Noi ciavemo ‘a
finestra d‘a cammera spalancata e verso l’una, le dua, ariva l’arietta. Quela bona però. Eppoi quanno
Te metterai ‘n testa che si oprimo ‘a finestra da chiostrina ce fà ‘n pochetto de corente e vivemo mejo?
‘A chiudi perché ciai paura de li ladri. Chissà come cazzo fanno li ladri a salì drento ‘na chiostrina ar
sesto piano? Bocio? Si tu opri avemo risorto” “Avemo risorto ‘n par de palle”, fece Nico. “Te l’avrò
detto cento vorte perché nun opro. E no pè li ladri. Perché c’è ‘n vicino dè fronte che attacca a rottà
verso mezzanotte. Ce sò de le vorte che tremeno ’e pareti da come ròtta forte! Aho!. Io stò pensanno
seriamente de cambià casa. Vojo restà a la Garbante andò sò nato e ciò l’amichi mia, ma si trovo ‘n
cambio, da qui me ne vado. E mica è più vita qui! Quelo de fronte rotta. Quelo de sopra canta
<‘A donna è mobile>. E propio ‘n palazzo d’artisti! Manca er…aspetta…aspetta. Come se dice? Come
‘o chiamerebbe Arvaro che sa tutto lui? A si. Ecco: ‘n petomane. Già. Ce manca er petomane eppoi
stamo a posto! Ciavemo l’Orchestra de la Rai”. “Come sei palloso…come sei lagnoso” ribbatte Eli “te
lamenti de tutto. Er giorno perché er vicino, che chiamamo tutti “er tenore”, canta <‘A donna è mobile>.
‘A sera perché queli fanno ‘n pò de rumori”. Eli se ferma dè botto e come fusse forgorata, se mette ‘na
mano su ‘a fronte e dice: “aho! Nun me chiede si come m’è venuta st’idea! Ma forse er fatto che er
tenore canta che a donna è mobbile…ma vedi come funziona er cervello de li cristiani…”er tenore”
m’ha fatto venì ‘n’idea…io, ar contrario dè ‘a donna der tenore, che è mobile, starò ferma ‘n der letto
e sò sicura che, ortre a sudà de meno, me godo l’arietta. Fallo puro te! Statte fermo. Te godi l’aria che
ariva e nun te ‘ncazzi. Io poi t’ho ripeto: er condizzionatore ‘n cammera nun ciò vojo e nun ciò vorò
mai! Quelo è ‘n’attrezzo che fa male a la salute e io nun ciò vojo!”. “Vabbè”. Ribbatte Nico. “Allora me
compro ‘n ventolatore. Nun vòi er condizzionatore? E io compro ‘n ventolatore”. E nun me venì a dì mò
che er ventolatore fa venì ‘a broncopormonite a li pormoni. A proposito: ma perché dichi così? Ma
perché ‘a broncopormonite andò artro posto po’ venì?”. “Quanto rompi” je fa Eli. “T’attacchi puro ar
fume d‘a pippa. Abbasta che liticamo sei tutto contento! Essi bono, essi. Potemo vive senza li rischi
che porta quel’attrezzo. Oprimo ‘a chiostrina e vedrai che annamo mejo”. “Aridaje! Ciarifà cò Angelica.
J’ho detto che me chiamo Margherita” (@) inziste Nico “ io vojo o er condizzionatore o ‘n ventolatore ‘n
cammera. Decidete!” “No e poi no!” Dice Eli, cò n’aria ferma. “Der condizzionatore nun se ne parla
propio”. “Vabbè”, dice Nico “domani vado a comprà ‘n ventolatore. Mejo morì cò ‘na broncopormonite
che morì’ dè sudore!” A sera doppo Nico rientra a casa co’ ‘n ventolatore e dice: ”Io mo lo monto e me
lo metto ai piedi der letto. Vedemo si ciai ancora da baccajà”. Detto fatto Nico ‘o monta e se lo mette
diretto verso de lui. Passeno cinque minuti e Eli s’avvicina e stabilito che er venticello che er
ventolatore mannava era piacevole, cò ‘a voce sensuale (che solo e donne sanno fa) dice. “Ma si.
Deve da fenì stà storia! E tutto sommato ciai raggione”. Poi se sdraia accanto a Nico e dice cò a
faccetta da ‘mpunita: “aho. Cò s’tarietta ò potemo puro fa. E si! ‘O famo e ‘o famo strano! ’
O famo ‹ar ventolatore ›…
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
(@). Per chi non conosce questa frase: Questo detto l’ho sentito spesso da mia Nonna Amelia, che
la spiegava così: “A Trastevere c’era ‘n poveta (poeta) che quanno che ‘ncontrava ‘na bellissima
donna, bella e popolana, la guardava e je diceva: ‹Oh Angelica creatura › intennenno così che era
‘n’ Angelo. E lei, che tutto se poteva dì tranne che fusse educata e istruita, incacchiata arisponneva:
‹ aridaje! Ciarifà cò Angelica, j’ho detto che me chiamo Margherita! ›. E mia Nonna usava questa
espressione per dire “aho! E insisti!!! Ma t’ho detto più de ‘na vorta che nun è così!”.
Alvaro Cardarelli
2

Write comment (0 Comments)

 

E si me n’annassi adesso?
Incontro Franco “er pacoccia”, amico d’infanzia e vicino de casa.
Me fà: Arvà. E si morissi adesso? E si me n’annassi mò?
“A Pacò. Ma che cazzo te passa pè la capocciaccia tua?
Ma perché doveressi da morì adesso?”.
Ma no Arvà. E’ ‘n’gioco. Me piace immagginamme er funerale mio, cò me drento ‘a la
cassa e sentì così i commenti dè queli che m’hanno conosciuto da vivo.
Inzomma: sentì i commenti in generale. Eppoi vede chi c’è.
E guardà, che ne sò, er vicino coinquilino. Quelo scarzo dè testa. Si hai capito bene de chi
parlo: Quelo tutto matto che magara dice: “oh! mio Dio poverino, sempre carino e così
gentile”. Poi, a voce più bassa: “gentile e carino ‘stà mazza! Era un vero e proprio
cacacazzo!”. Dio Arvà. Poteje fa ‘n par dè pernacchie senza che lui me sente! Le risate che
me farei! E quell’artro stronzo sempre controcorente. Si er burino der sesto piano. Si lui
Arvà. Proprio lui, che de sicuro commenta: “era mòrto intelligente. Poi a voce più forte:
“era n’egoista. Pensava solo a se stesso e ar culo d’a cameriera sua...”.
“A Pacò, t’avverto. Stò gioco nun me piace e nun me fa nemmanco ride!”.
E daje Arvà e ridi, che cò li tempi che coreno adesso, ce sò rimaste solo dù risate e tre
scoreggie! E daje. E fattela ‘na risata. Oggi me pari ‘na mummia egiziana!
“A Pacò. E piantela! E falla finita!”. No Arvà, stà a senti st’artre botte.
Er direttore de Banca viè ar funerale mio in frack e declama: er signore era di tanto rispetto.
Poi se gira verso er collega più ‘mbriaco ‘a matina che ‘a sera e aggiunge:
“noi ‘o conoscevamo bene. Era ‘no stronzo. E meno male che è morto. Semo contenti,
semo!”. Er Barista che dice: “educato, sempre elegante anche ner parlare”.
Poi se gira intorno ‘n’ pò incerto e fà: “gnorante madonna! Mancava a tutti dè riguardo...”.
“E li clienti der bar che dicheno?”, azzardo io.
E che dicheno Arvà? Che ero sempre affabbile e soridente. Poi dicheno tutti in coro:
“Era ‘n rompi cojioni. Era più ‘e vorte che te veniva voja dè mannallo a fanculo che er
resto!”. E io ormai, preso dar gioco e incuriosito domanno: “E amici e parenti?”.
Arvà. Queli sò tutti uniti: “se lo semo levato dar pisolo e amenne”.
“E tu Moje? Così dorce e tenera? C’hai potuto sentì che dice?”.
Ah! Bella sta domanna Arvà! Si che ‘o sentita! Mi moje cò dù parole l’ha sistemati tutti.
“E ciovene Pacò? Che dice? Che fà tu Moje?”
Mi moje dice: “mi Marito era troppo bono. Avrebbe voluto cambià tutto de stò zozzo monno
‘nfame. Ma nun ce l’ha fatta…ma io nun sò morta. E voi me dovete dà ‘na mano. Dovete
arispettà er mio penziere e quelo dè Franco, mi Marito. E anche er mio dolore. E dovete
abbozzà si sò ‘n po’ strana! Si nun lo fate, nun ve dico gnente!
Però comincio a piavve a borzettate e a penzà puro che nun è che valete tanto.
Anzi: che nun valete ‘n cazzo!!!
Er pacoccia, m’abbraccia forte e se ne và canticchianno ‘na canzone mai sentita prima:
- m'embriaco pè trovà 'na via d'uscita
- vado a zonzo come 'no stronzo
- ma si che felicitàààà…
chi ‘o sà andò ‘a presa…boh?


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

BRIGGIDA ‘A PORTIERA E ER CELLULARE


Carlo (Carletto), ha sempre trovato spunto, nei racconti che me fà, da Briggida ‘a Portiera dè casa
sua. Da ‘n po’ de tempo nun me ne parlava nemmeno. Tanto è vero che je volevo chiede si
ciavesse litigato. Invece, ecchetechè, me dice: “Arvà ciò l’urtima su Briggida. Però te devo dì Arvà
che stavorta je dò raggione”. “Vabbè”, dico io, “ma aricconteme er fatto che è mejo. Sinnò come
faccio a capì si cià raggione o no?”. “Si Arvà. Allora: urtimamente Briggida s’è ‘ngrassata, nun
tanto, ma s’è ‘ngrassata. E pè lei è ‘n guaio perché, già er culo ce l’aveva abbondante e adesso è
‘na culona. Tutte le Signore Inquiline a daje consij. Una je fà: <a Brì, fai questo e fai quelo>.
N’antra: <a Brì te dò ‘na dieta che perdi subbito sette chili>. E, a la fine, ‘a cosa che piace più dè
tutte a Briggida: <a Bri>, je dice ‘Anna ‘a roscia’, <perchè nun te scrivi ar Centro Benessere andò
vado io? E’ puro vicino casa! Eppoi nun costa manco ‘na tombola. Lì pòi fà er trattamento
anticellulite, trattamento ar seno, ar culo, l’elettrostimolazione, ‘a fangoterapia. Eppoi ‘a Piscina!
Nun sai quanto fa bene ‘a Piscina...rilassa, fà dimagrì, te rassoda er culotto. Inzomma: ma nun
vedi come sò diventata io? T’aricordi com’ero? Guardeme adesso! Sò n’alice sò. Eppoi ho perso
armeno cinque chili dè culo e dovressi da vede ‘e cosce! Tornite, sode, senza ‘n filo dè grasso!
E le zinne? ‘No spettacolo! Poi ‘a Brì fai ‘na cosa. Intanto ‘ncominci cò ‘a Piscina. Così t’ambienti.
Li te fai puro ‘n sacco d’amiche. Poi, cor tempo, passi a artre cose>. A’ pora Briggida, rincojonita
da tutte quele parole e tremebonda arisponne: <si. Ma io me vergogno. Ma io nun sò annata mai in
posti come questi. Io tutt’ar più me sò spojata ar mare, ma c’era mi marito…eppoi che me metto?
Er perizona? Io me vergogno!> <Aho!> je fà Anna ‘a roscia, <ma de che parlamo? Ma de che
perizona parli (perizoma poi, no perizona cò ‘a enne). Lì, in Piscina, se usa er costume intero.
Quarcuno porta er bikini, ma a te che te frega? Te metti ‘n costume quarsiasi e vai!>. “Ma Arvà”,
ripija Carletto, “nun è questo er punto der casino che è successo. Er mejo viè adesso! Perché
Briggida s’è scritta davero ar Centro Benessere e s’è abbonata a la Piscina. Er primo giorno ce và
tutta ‘mpaurita e comincia a salutà questo, questa, quelo e quela. Tutta educatina che, inzomma
Arvà, dimesela tutta. Nun è che Briggida sia er massimo in fatto d’educazione e tenera né li scambi
cò l’artre persone. Come sai, nun è nimmanco Romana, è burina. Ha ‘mparato er dialetto
Romanesco, però resta burina! Vabbè! Quanno che entra drento a ‘o spojatojo, trova naturalmente
tutte femmine. Tutte scicchettose e cò l’ere moscia. Fino a qui, tutto bene: <buongiorno, buon
pranzo, ci vediamo domani e cose così>. Succede però che ‘n giorno Briggida se stà ‘a spojà e
squilla ‘n cellulare. Nisuno arisponne. Er cellulare seguita a sonà. ‘E femmine, che staveno a
chiacchierà a n’antra parte d’a Piscina, quasi ‘n coro strilleno a Briggida: <aho! Ma vòi arisponne a
quer cazzo dè telefonino?>. Dimenticanno l’ere moscia, l’eleganza nel parlare ecc. Briggida, presa
a’ la sprovista, ma cor culone che già je rodeva, pija er cellulare e dice <pronto!>. Ar cellulare, che
ciaveva er vivavoce inserito, arisponne ‘na voce d’omo che fà: <amò. Che famo stasera? Venghi tu
da me o io da te?>. Ar che Briggida, puro pè nun dalla vinta all’artre che ner frattempo s’ereno
messe a sentì, <nun sò>, dice cò ‘na vocina sessuologica, <vedi tu. Come te senti mejo!>.
E dall’artra parte: <ma famo robba?>. E lei: <aho. Ma che voi dì che famo sesso? E certo che famo
sesso>. Poi chiude ‘a conversazione e cò l’aria truce e a voce arta, strilla: <aho! Ma de chi cazzo è
stò telefonino? E perché m’avete detto d’arisponne? ‘A stronze! Ma cò chi ve credete da stà a
scherzà. Fate schifo solo a guardavve. Voi nun sete donne sete cacatori>. <A bella>, je fa una,
<ma te sei mai vista a’ o’ specchio? Ciai ‘e zinne così calate che si ariva Totti ce se mette a
palleggià>. <Ansenti chi parla>, je fà Briggida, <a proposito dè cose basse! Tieni nu culo accusì
vascio cà te servono i mutande cò u taccu pè nun e fà struscià pi terra!>. <Aho, strilla n’antra, ma
come parli? Ma c’hai detto? Ma che sei dè Cappadocia?> <Dè Cappadocia ‘n par dè palle. Mò t’ho
traduco in Romanesco ‘a mbecille> je fà Brigggida <Ho detto che ciai er culo tarmente basso che
porti dè sicuro ‘e mutanne cor tacco pè nun strusciallo pè tera>”. “Arvà” me fa Carletto “er resto
sarebbe mejo che nun t’aricconno! E’ successo che hanno dovuto chiamà li Carabbigneri. L’hanno
dovute separà e levà ciocche dè capelli strappati tra ‘e deta de ‘e mano.” “E Briggida? E er Centro
benessere? “, domanno io. “Finito.Tutto finito Arvà. E er peggio è che hanno cacciato via puro
Anna a roscia, corpevole d’avè presentato Briggida”. “Robba da matti”, dico io. “Ciao Carlo. A la
prossima dè Briggida. Tanto ormai ciò sapemo tutti e dua che ce sarà ‘na prossima vorta”.


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

Metti ‘na sera a cena

“Arvà”, me fà Carletto, “ma ciò sai che è arivenuto Furvio er Pirata?”. “Ma va?” dico io. “Ma
nun stava in Spagna?” “SI. Com’ar solito. E è tutto alegro Arvà. M’ha detto che vò offricce ‘na
bella cena a tutti l’Amichi”. “Vabbè” arisponno. “Ma andò ce porta a magnà?” “No sò. Nun è che
m’ha detto. Nun ne avemo proprio parlato”. “Vabbè. Ciò dirà” faccio io. Dù giorni doppo me
telefena Furvio er pirata. “Arvà! Arvaretto! Arvaruccioooo sò io. Sò aritornato. Come stai bello
mio?”. “Stò benino Fu’. Che me dichi? Che m’ariconni?”. “T’aricconno che si nun fosse che
Roma è Roma e ‘a Garbatella, ‘a Garbatella, resterei in Spagna, andò ciò er lavoro che me
piace e guadambio puro bene. Arvà, in poco tempo ho messo da parte quarche sordarello. A
proposito. Vojo offrì ‘na cena a l’amichi. Anche a queli dell’antro Quartiere che frequento e che
te conoschi. Ma in un granne Albergo o Ristorante. De lusso Arvà. Ce dovemo annà tutti
acchittati. Ma te Arvà me devi da fà ‘n piacere. Io m’aricordo quanno, quarche anno fà, ce
spiegassi ‘e bone maniere. ‘O dovessi da fà ‘n’artra vorta. Nun solo pè li nostri amichi dè ‘a
Garbante, ma puro pè quell’antri che t’ho detto prima. O fai Arvà’?” “Si, ‘o fò, ma nun è che io
sò ‘n professore. Conosco quarche regoletta. Tanto pè nun fà brutta figura”. “Vabbè Arvà.
Abbasta e avanza. Poi l’amichi li convincemo a stà boni e zitti”. ‘A sera fatidica se stà
p’avvicinà e io convoco l’amichi, sia mia che queli “extra dè Furvio” (che poi sò solo tre in tutto),
a ‘n Bar e attacco: ”allora. Io vè spiego quarche cosa che m’aricordo in tema dè bon ton e voi
cercate dè stà attenti perché io già nun m’aricordo quasi gnente de ‘e bòne maniere e si ve ce
mettete puro voi…”. “Vabbè fà ‘er patata’ ma intanto che è stò botton?” “A Fà. Cominciamo
bene! Bon ton ho detto a patà! E no botton! Er bon ton vordì bone maniere, educazione verso
l’antri, ‘n pizzico de savoir faire”. “Arvà” ribbatte er patata, “ma allora nun ce fai, ce sei propio.
E mò dichi puro savuarfere. E che vor dì?”. “Ciai ragione patà. Ciai ragione”, dico io. “Mò state
attenti però che dico poche cose ma m’auguro che cianno ‘n senzo. A la fine, si dovete famme
domanne me ‘e fate, ma mò state zitti a sentì. Dunque. Aricordateve stè cosette. Primo: nun
appoggiate li gommiti sur tavolino. Seconno: nun smovete le posate, li piatti e li bicchieri.
Terzo: nun fate ‘e palline cò ‘a mollica der pane. Quarto: nun chiedete li stecchini che sò
proibiti. Quinto: prima dè beve tamponateve ‘a bocca cor tovajolo; tovajolo che dè sicuro
trovate o drento ar piatto o dè lato e che voi ve metterete su ‘e gambe e nò ar collo come se fà
cò li pupi che sinnò se sbrodoleno. Sesto: nun fate rumore quanno bevete tipo majali che
beveno. Settimo: nun fate rumore quanno magnate. Magnate a bocca chiusa e, puro pè
questo, nun fate li bocconi troppo grossi. Ottavo: nun fate ‘a scarpetta. Nono: quanno avete
finito dè magna, mettete ‘e posate sur piatto cò i rebbi dè ‘a forchetta (li denti dè ‘a forchetta
inzomma!) verso l’arto e a le 3 e ¼ - 5 e 25. Decimo: cercate dè nun fà casino e rumore, specie
si vè soffiate er naso. Inzomma dovemo esse educati perché ‘er pirata’ ce porta in un posto
elegante e cò ‘a cucina d’eccellenza e nò dar bujaccaro. Regoletta finale totale e generale: nun
fate li rompicazzo e cercamo desse de figura. Nun se famo ariconosce inzomma! Metteteve
camicia e corvatta. Nun venite cor petto villoso ‘n mostra. Lasciate a casa li catenoni d’oro. Nun
fate gesti strani tipo ‘e corna. Nun masticate ‘a gomma americana. S’arza Sandro ‘er corto
circuito’ e domanna: “ma perché li stecchini no e nemmeno ‘a scarpetta?”. “A Sa” arisponno.
“Perché devi dà capì che nun sò dù cose eleganti. Eppoi mica me le so ‘nventate io stè regole.
Ecchenesò perché?” “Si” fà ‘uno dell’antri amichi’ “ma Arvà come se fà a tamponasse ‘a bocca
cor tovajolo?”. “Cor tovajolo, te dai dè le piccole asciugatine a le labbra. E doppo poi beve!”.
“Arvà” sbotta Claudio ‘o sciorto’, ma te me devi da dì come se fa ‘a magnà cò ‘a bocca chiusa”.
“A Clà”, dico, “nun pija tutto a la lettera. Volevo dì dè nun magna a bocca operta!” “Si”, fa
sempre Claudio, “ma poi che vòr dì che a la fine se deveno da mette ‘e posate a le 3 e ‘n
quarto, 5 e venticinque. Io ciò ‘n Rolex e nun ’o lascio nder piatto, magara pè mancia a li
cammerieri”. A stò punto ho capito che me se faceva difficile e ho detto: ”sentite. Fate l’educati
e magara guardate l’artri signori che stanno a magnà come fanno”. Fino a qui l’antefatto! A
cena, a via Veneto, locale dè lusso, è successo dè tutto! Ricconto in poche parole come è ita
e senza fà li nomi perché è brutto e inutile. Un Cameriere versa elegantemente ner bicchiere
dè ‘uno de noi’ dù dita dè vino. “Aho” je fà ‘uno dè noi’, “ma che m’hai messo ‘a prima rata der
vino? Er saldo che faccio, ‘o vengo a pià domani?”. ‘N’antro’ batte cò a lama der cortello su ‘n
bicchiere pè chiamà ‘n Cameriere e quanno questo, con educazione, domanna: ”prego signore,
dica”. Lui je domanna a voce arta: “ahò, andò stà er cesso?”. Senza dì che ‘n’antro ancora’,
facenno er distratto, se puliva cò li rebbi d‘a forchetta l’unghie de le mano. Ma er mejio è stato
che a la fine dè ‘gni portata litigaveno a voce arta pè l’ora dè le posate. ‘Uno’ piuttosto
arterato, discuteva cò ‘n’antro’ e je diceva. “Arvaro ha detto ‘e 3 e ‘n quarto e te ‘e stai a mette
a ‘e sei e mezza. E ‘n’antro’ a me: “c’hai detto Arva? N’hai detto che a la fine d’a portata
saranno all’incirca e 6 e mezza? A quer punto me sò reso conto che arcune cose era mejo che
nun je suggerivo, anche perché io puro nun magnavo pè tenè d’occhio l’antri. Ma poi a la fine
era stato ‘no sbajo annà li. Noi semo tutti quanti bravi ma genuini e nun potemo sottostà a
regole e regolette così a l’impronta. E me so puro reso conto che sarebbe stato mejo pè tutti
noi annà a cenà a la nostra solita Trattoriola.


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)
 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”