Er provino de Katy                                                                                    15.novembre 2012


Marco chiacchiera tranquillo cò l’amico Arfredo mentre guardeno ‘a televisione.
A ‘n certo punto Marco se ne esce: «Anvedi si che galline che so’ queste. Fanno schifo come
canteno. E magara ‘e pagheno puro. Io je staccherei er collo e ce farei er brodo! Naturarmente
de gallina. Nemmeno ce verebbe bono. Nun sanno cantà e se moveno puro male. Ce dovrebbe
annà mi sorella Katy che armeno jammolla! Mò quasi quasi je dico de fa a domanna pè ‘n
provino. Hai visto mai che c’è uno che ce capisce…e si c’è uno che ce capisce, mi sorella a
pieno subbito!» Arfredo, cò l’arietta d’a presa per culo risponne e domanna:
«Ho sentito bene? Che fai pè tu’ sorella?» «Dico a Katy de fà domanna pe ‘anna’ in quela
trasmissione come cantante» risponne Marco. «Cantante? - fa Arfredo - io l’ho sentita cantà tu
sorella. Me pareva una che ciaveva ‘a tonsillite cor febbrone. Tanto è vero che ho bussato a la
porta de casa sua e j’ho domannato si je se stava a lamentà ’aspiraporvere!» «Vabbè. Quanno
se tratta de mi sorella ce n’hai sempre una! Ma che t’ha fatto Katy, se pò sapè?» «Magara
quello che nun m’ha fatto! E si che je sò ito appresso pè quasi ‘n’anno e j’avevo detto che
avevo preso ‘a scuffia pè lei. Ma lei ha fatto finta de nun vedemme e de nun sentimme!
Me so ‘nteso ‘n verme, me so ‘nteso!» «Succede a li vivi perché a li morti…però mò nun la poi
massacrà a vita. Cerca de rispettà puro er parere e er volere de l’antri» «Si. Certo. Ma ‘a
scuffia pè lei mica m’ha fatto diventa scemo e sordo. Tu sorella si canta pare ‘n cane. Anzi ‘na
cagna!» «Pò esse. Ma questo ‘o dichi te! L’artri ‘a senteno volentieri!» «E bigna vedè che “j’ha
fatto a loro”. Sai tu sorella mica è ‘na verginella. Se dà da fa eccome. Solo cò me “nun ha
potuto”. Così m’ha detto! E nun me pare dè esse ‘n mostro de bruttezza…» «’O vedi che sei
prevenuto! Poi amico caro, mi sorella cià quasi cinquant’anni e me pare che quell’età nun deve
chiede a nisuno si pò fa questo o pò fa quell’artro e soprattutto co chi! Tu che hai voluto dì?
Che favorisce quarcuno? E allora? Farà puro come je pare. Questo però nun te deve fa
diventà acido. Katy canta e balla puro. E bene! Ma tanto a te che t’ho dico a fa? Pe te ormai mi
sorella è come er fumo all’occhi!» «No. Io tu sorella ‘na vedo proprio. Anzi nun e’ vero. Io
quarche sera che l’ho seguita l’ho vista e puro bene…» «Stà a senti Arfrè. Io nun vojo discute
cò te. Semo amichi e nun rompo n’amicizia perché tu nun poi vede più mi sorella. Però cerca
de stà carmo. Si stai carmo te dico ‘n pò de cose su la bravura de Katy. Lei, quanno canta, nun
sarà Mirva, anche se ce somja parecchio, ma è brava. Poi balla tutti o quasi li stili der ballo.
Dar tango ar chachachà. Er varzer crassico, la bossa e er samba. ‘Nzomma: è brava. Punto e
basta!» «A Mà. Io de tu sorella, si credi, nun te ne parlo più. Anche perché e ciai raggione, è tu
sorella. Io resto de ‘e mie oppignoni. Poi è vero! Io ciò sformato perché la sua cò mè è stata
‘na vera cattiveria. Credo puro che te tu sorella nu ‘a conoschi fino ‘n fonno. Ma ‘n giorno
capirai. Vedrai che capirai!» «Si. Pò darsi che nun ‘a conosco fino in fonno! Ma quelo che nun
so’, dev’esse così poco che nun me serve nemmeno de sapè. A proposito. Me so scordato dè
ditte che Katy è puro imitatrice. E anche qui è bravissima» «Questa me mancava proprio.
A si? Imita puro? E che imitazioni fa? De li cantanti? De l’attori? Che imita?» «E’ brava
parecchio. E’ na rumorista nata! Li motori de l’atomobbili per esempio. Riesce puro a fatte capì
si è ‘na Ferari o ‘n Bmw. Eppoi ‘e motocicrette e li versi dell’animali e speciarmente l’ucelli».
«Ah ecco!!! Mo capisco tutto!!! Ecco che fa ‘a sera su ‘a Colombo!!! Certo che è brava…»
«Aho! Finarmente te sei ricreso su Katy. Lei è ‘n talento puro. E’ una dè l’imitatrici più brave dè
casa nostra! E tu Arfrè pensi che pò annà a quela trasmissione a fa er provino?»
«No!!! E’ sprecata!!! Io dico che lei deve seguità a sera a annà su a Colombo, andò vanno ‘e
specialiste de quer settore e de quel’animali.
Li ‘a pieno subbito! De sicuro!»
Alvaro Cardarelli
2

Write comment (0 Comments)

MARCELLO ER SALUTISTA


«Arvà. Sò ito a cena a casa de Franco “er paco” che m’ha invitato per compleanno der pupo
suo, che proprio ieri ha fatto tre anni. A vedè magnà Franco fà paura!»
Me dice Marcello “er bello” (a la Garbatella ciavemo puro Marcello “er brutto”).
«Si ce lo sò che magna tanto!». J’arisponno. «No! Ma nun è solo che magna tanto!
E’ quelo che se magna che fà paura! ‘N piattone de tonnarelli all’ovo a la matriciana e uno a
cacio e pepe! Aho! Ciavrebbero magnato in tre. Eppoi. Appresso: li facioli cor tonno, dù patate
arosto tanto pè gradì e mezza pagnotta de Terni. M’ha fatto paura, m’ha fatto!».
«E a te che t’ha dato da magnà?»
«Ah. ‘Mbè. Io me so fatto dà ‘na mozzarellina, ‘na fetta de preciutto e dù foije d’inzalata.
Ah. Me scordavo de ditte che ho bevuto puro un bicchiere de vino bianco»
«Vabbè. Ma tu magni sempre così o è perché te attrippi a pranzo?» « Ma de che? Ma quanno
mai…io a pranzo in genere magno ar Bar sotto ar lavoro e me faccio fa ‘n tramezzino co ‘a
rughetta, ‘na fetta de bresavola e ce bevo un calicetto dè bira.»
«E a sera ciarifai cò a mozzarellina e a fetta dè preciutto?» «Si Arvà. Io me devo da tenè ‘n
forma. Io ce tengo a la forma!» «E si. Ho capito. Ma a che te serve? Qual’è ‘o scopo?»
«Mbè. Tengo così puro a bada er colesterolo, li trigliceridi, evito malatie tipo er diabbete er
canchero. Sò tutte malatie der benessere che fanno ‘nvecchia prima e male! Eppoi er fisico!
Io ce tengo puro ar fisico!» «Si. Vabbè. Ma nun esaggerà. Come me diceva mi Nonna Amelia,
quanno che vedeva che magnavo poco: “bello dè nonna. Er corpo è come ‘n sacco dè juta.
Si nun lo riempi s’affloscia!”. E te, si t’ho posso dì, ‘n pò afflosciato ce sei!»
«Ma che dichi Arvà? Ma io stò bene. Sò sano come ‘n pesce, sò!»
«Pè carità! Io nun me volevo mica fa l’affari tua, ma visto che stamo a parlà me sò permesso!»
«Ma te hai da sapè Arvà che io tutti li mesi me faccio fà ‘n cecappe. Sangue, urine, er cardio
gramma, lastre a li pormoni, visita dar dermatologico e artro! »
«Vabbè Marcè. Dar dermatologo! Ma a me và tutto bene. Io azzardavo per bene tuo.
Sai. Quanno che s’ariva all’età mia e ce se guarda indietro…è vero che se vede solo er culo,
ma se rimpiagne quelo che nun s’è fatto. Compreso er magnà. Sur quale nun se deve da
esaggerà. Nè tanto né tanto poco». «Ciai raggione Arvà. Ma io vorei puro campà tanto.
Me piacerebbe campà come mi Nonno che è morto a novantacinquanni.
Chissà se ciarivo? Tu che dichi Arvà? Cià farò? Ciariverò? Penzi che ce posso sperà?»
«Marcè. A parte che noi Romani dimo che “chi vive speranno more cacanno”, ma leveme ‘na
curiosità. Tu ce lo sai quant’anni ciò io?» «No Arvà nun ce lo so. Ma penzo ‘na settantina. No?
Nun è così Arvà?» «Siiii! Lallero Marcè! Ce n’ho ottanta! Ma nun li dimostro vero? ‘Na
settantina vero? Pè ‘a verità nisuno me ne dà ottanta. E io Marcè nun ho mai magnato tanto
‘na vita mia. Ma er giusto sì. E eccheme qua! Tutte ste malatie nun ce l’ho avute. So stato
affortunato? Certo che sò stato affortunato, ma ho fatto ‘a vita mia senza famme manca
gnente! Nemmeno e donne! Ma a proposito de questo. Ma tu che magni poco e bevi de meno,
ma còr sesso come stai messo? E quant’anni ciai Marcè?»
«Ciò quarantacinquanni Arvà. E cor sesso puro ce vado pianino che si se esaggera nun fa poi
così bene. Anzi fa male!» «Senteme Marcè.Te posso esse padre e famme di allora che penzo!
Dunque. Detto a la bene e meijo: magni poco, bevi poco, e penzi che er sesso fa puro male!
E’ così Marcè?» «Si Arvà. Più o meno è così»
«Allora. Si è così, me dichi perché cazzo vòi campà fino a novantacinquanni? Ma che campi a
fa? Te vivi pè fà dispetto a li Santi che siccome sò Santi quanno che vai “lassù a trovalli” nun te
meneno. Ma te sputeno addosso de sicuro!»


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

‘A DIETA                                                                                      17 Settembre 2012


Raffaele ciaveva ’a fissa d’a dieta. Annava aripetenno a la moje che puro lei se doveva
mette a dieta. «Perde peso nun vordì sortanto diventà più snelli e più belli, come dice ’a
pubbricità, ma vordì puro salute, ’a protezzione der core, er fiato. Ridure ‘e calorie vordì
puro riavecce n’ pò de giovinezza. Inzomma se dovemo mette a dieta tutti e due!»
Giusy j’aveva sempre risposto: «io me renno conto che se dovrebbe dimagri, ma te più de
‘na vorta m’hai voluto fà intenne che vòi somijà a n’ Attore famoso. Ma a me nun me ne
frega gnente dè somijà a ‘n’ Attrice famosa. Io ‘o farei solo pè me e basta!»
«Ma io mica t’ho detto che devi dà somijà a Sciarostone. Quela fà ‘i firme!
E nemmanco io a Giorgiocluuni. Quelo è bello de suo e io come faccio a somija a lui!»
«Si vabbè. Ho capito! Io sò dura de comprendonio ma quanno ho capito, ho capito. E ho
capito che tocca fa ‘a dieta! Eppoi nun cià faccio più cò te. Stò quasi a la disperazione!
E che cazzo! Tutti li giorni a stessa storia. A dieta, a dieta, a dieta! E famo stà cazzo de
dieta e famola finita!». «Okkey, fà Raffaele, domani vado a parlà cor Dietologo dè Marisa “a
gialla”, che l’ho vista e ha perzo ‘n’ sacco de chili in poco tempo! Tra l’artro er Dietelogo è
d’a Garbatella e perciò ce stà puro vicino a casa». «Aho, fa Giusy, ma mò chi è “‘a gialla”?»
Cò l’aria ‘n pò gelosetta! «Marisa ‘a gialla? Chi è? Ma è Marisa “‘a cinese” detta puro “‘a
gialla”. ‘A sorella der “cinese”! Si. Vittorio “er pechino…”» «Ma si “er pechino” è morto!»
«E sì che è morto ma ‘a sorella no!» «Aho. Annamo avanti sinnò ‘na famo finita pè mo!
Allora: vai da stò Dietologo? E sarà bene che ce vengo puro io. O no?»
«Si certo che ce venghi puro te. E che ‘a dieta ‘a faccio da solo? E che magnamo uno tanto
e l’artra gnente?» Er Dietologo je fece ‘n sacco de domanne e dopo ‘n’elettrocadiogramma
e richieste de analisi tipo: colesterolo, trigligeridi e artro, je diede a dieta a base de:
- verdure cotte e scondite, poco pane e poca pasta. Riso in bianco. Pesce alla grija o
bollito.Tanta frutta e tanta acqua. Poco vino. No a patate fritte e dorci ecc.
Inzomma: da moriammazzati pè chi s’è sempre sparato belli piatti dè Rigatoni cò ‘a pajata,
Carbonara, Bistecche da mezzo chilo e mezzi litri de vino a testa sia a pranzo che a cena.
Doppo ‘na mesata faceveno schifo a guardalli tutti e due. E chi l’incontrava je ripeteva ‘a
stessa musica: ‹Dio mio. Sete dimagriti troppo. Tu a Giu eri mejo prima. Hai perso e
magnifiche curve che ciai sempre avuto e tu Raffaè pari n’vecchio rincojonito›.
I due incassaveno “i complimenti” zitti e boni, ma ereno tristi! Della serie:”cornuti e
mazziati!” Passa quarche artro giorno e Giusy dice: «A Raffaè vado a fa ‘n pò de spesetta.
Torno presto» Quanno che ritorna, ‘a scena che trova è questa che v’aricconno io:
Giusy opre a porta dè casa cò ‘n carello andò c’era ogni ben dè Dio e soprattutto contrario
a ogni regola de dieta. Entranno vede Raffaele che stà a cucinà.
«Che cucini Raffaè?» domanna. E Lui: «cosette…du bucatini a la matriciana. ‘N fritto misto
cò broccoli, zucchine, filetti dè baccalà, patate e…»
«Fermete, je fa Giusy. Ho capito tutto. Anzi te domanno: “sbajo o avemo rotto a dieta?»
E Raffaele: «no! Datosi che doppo esco pe vedemme cò l’Amichi a Piazza Biffi vicino ar
ponticello medievale e famo de sicuro ‘n pò tardi, me stò a preparà ‘no spezzafame e cò
l’occasione l’ho preparato puro pè te».
I due se diedero ‘na guardataccia, poi scoppiorno a ride come dù matti. “Addio dieta!”
dissero quasi ‘n coro.
«Mejo sti spezzafame» disse soridenno Raffaele…


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

SANDRO “ER CICERONE” Agosto 2012


Viè da me Sandro “er corto circuito” e me dice: «Arvà. Deveno da venì du cuggini da Avignone in
Francia e io e Lauretta nun sapemo come movese e andò portalli. Devo da fà da Cicerone! Che
dichi? Che me suggerisci?». «A Sà» faccio io «e che ne sò. Nun li conosco. Nun sò manco
come ‘a penzeno e che je pò piacè. Che te dico? Bocio? ‘Ntanto, a seconno dè l’ora che
ariveno, porteli a magnà. Anche a casa tua tanto p’arispagnà. E poi prova a fà parlà loro e fatte
dì che je piacerebbe fà e andò je piacerebbe annà. Roma è ‘n pozzo dè meravije! Eppoi a Sà,
mica sarebbe male faje fa ‘n giro pè li lotti d’ ‘a Garbatella. Questa è casa tua! Tu, come me,ce
sei nato e l’ha conoschi bene! Hai voja te a faje vede» «Si Arvà. Li soliti Cesaroni, ‘a funtana dè
Carlotta, Piazza Sapeto…ma questi che cazzo ne sanno dè Carlotta?» «
Senti Sà. Io ciò sapevo che prima me chiedevi e doppo voi fà come te pare!. Io nun dico che je
devi da fa vede solo ‘a Garbatella ma, per esempio, si ariveno dè sera, nun sarebbe sbajato che
je facessi fa un giro dopo cena.
Eppoi: lassa perde li Cesaroni che cò noi nun cianno tanto da spartì.
Ma scherzi? Me chiedi andò li porti a la Garbante? Li porti a P.zza Benedetto Brin, ar Lotto 1, a
faje vede a lapide de re Pippetto che dice che ner 20 innaugurò tutto. Eppoi: l’Arberghi, er
Palladium, ‘a Scola Cesare Battisti, Sant’Eurosia cò ‘a Chiesoletta e via Paradisi, er Lotto 24 che
è ‘n gioiello, P.zza Masdea, l’Asilo de li cacca e piscia e le Catacombe dè Commodilla nell’ex
Parco Serafini dè via Giovannipoli, eccetera, eccetera…però, dà retta, senti loro e poi decidi».
- Se lassassimo così. M’era parzo soddisfatto. Pareva come l’avessi aiutato a respirà.
Aspettavo anzioso pure io pè sapè com’era annata. Ecchetechè ariva. E dice:
«allora Arvà. Pè primo: li cuggini sò du ricchi che nun cacceno ‘na lira manco a ammazzalli.
Seconno: appena scesi a Fiumicino l’avemo portati a pranzo ar mare. Saranno pure perzone de
curtura, ma quanno che magneno fanno schifo! Sò peggio de li servaggi!
Magneno facenno ‘n casino de rumori. E nun ce crederai: io me so vergognato!
Poi uno di due, Pascale, come diceva de chiamasse lui, me dice: «Dove ci porti?».
«Beh...annamo andò ve pare. Potemo annà ar Museo, come se chiama? Nun me ricordo...»
«Ar Maxxi?», domannò Matteo, l’artro Cuggino. «Io Arvà, preso a la sprovista, cò è fette de li
piedi che già staveno in allarme, smiccio Lauretta p’avè ‘n riscontro cò lo sguardo. Avuto er
giudizzio de mi moije e rivorto a tutti e due, ricordannome quelo che m’avevi suggerito te, je fò
cò l’aria da primo ministro: “l’unico Museo che dovete da vede prima de parti’ e ce voranno ‘n par
de giorni pè vede tutto, è ‘a Città Giardino, l’ex Concordia o Remunia, oggi Garbatella.
C’è ‘n sacco da vede: er Palladium, che è ‘n’ Opera d’arte e che cià puro l’Unversità, Piazza
Benedetto Brin co’ a lapide der Re, quanno che ha innaugurato ‘a Garbatella ner 1920, ‘a
Funtana de Carlotta, che chi nun beve l’acqua dè Carlotta è ‘n gran…lassamo perde, ‘a salita
dell’innamorati, Sant’Eurosia, andò giocavamo all’Oratorio cò Padre Guido, la Casa dei Bimbi,
cioè er cacca e…arilassamo perde”. Inzomma Arvà. Te dovrei da bacià. Un successone!
Contenti da morì! Hanno fatto centinaia dè fotografie, firmati, riprese sonore cor microfono cor
quale commentaveno le foto e i firmini. Hanno fotografato puro un Ristoratore e li du Cochi.
Hanno poi detto che pubblicheranno tutto su ‘na loro Rivista che pubbricheno a Avignone.
E che ne parleranno puro a ‘na Tv privata che è de loro due. E parleranno puro de te Arvà
perché j’ho detto che scrivi li Racconti Garbati pè l’Associazzione Curturale Garbatella.
Arvà. E’ stato ‘n tale successo che m’annerebbe de invità a Roma certi parenti ricchi dè Lauretta
e faje puro a loro da Cicerone. Faje vedè stà meravija che è la Garbatella che te devo da dì, me
fanno un male boja e fette, ma puro io l’ho vista pe ’a prima vorta e finarmente come se deve…»
Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

PROVA BIKINI                                                                   fine Luglio 2012


Quattro de le amiche mie intime, m’ hanno parlato der mare, de l’estate e der bikini.
Ma m’hanno puro fatto capì un par de cose:
1) che nun cianno n’a lira pè fa due e hanno deciso da un par d’anni, da quanno che c’è
‘a crisi, d’arisparmià e su tutto quelo andò se pò arisparmià! Anfatti fanno er sarto a la
quaja pè mette da parte dù sordini insieme.
2) Ma er peggio è che nun sanno comunque andò tajà!
‘E cose da eliminà sò troppe anche se quarcuna è praticamente indolore. Per es: er
cinema der sabbato. ‘A pizza tutte inzieme. Allungà li tempi d’annata dar parrucchiere
(‘na vorta ‘gni tanto invece che ‘na vorta a settimana). Ma quelo che nun manneno giù
perché ce tengheno tanto e tutte e quattro, è ‘nun potesse pagà na dieta efficace pè
potè poi fa ‘a prova bikini. E a questo, nisuna dè ‘e quattro vò arinuncià. «E allora?»,
domanno io «che volete fa?». «E allora?» m’arisponne Giusy. «Allora è pè questo che
se stamo a ‘rivorge a te: perché ce ajuti!» «Eccome v’aiuto? Io mica conosco quarche
Dietologo a poco prezzo! Io, come potete vede, grazzie a Dio nun ce n’ho bisogno!».
«No Arvà» interviè Laura «nun hai capito! Noi volemo che te ce fai da dietologo,
istruttore de ginnastica e pesatore quotidiano. Pè questo t’avemo iscritto a ‘n Corso
gratuito qui a Roma ch’avemo trovato su Internet. E…» «E…aho! Fermete! Fermateve!
Ma che avete bevuto? Ma che ve passa p‘a mente? Ma vabbè che ve le dò tutte vinte!
Vabbè che quanno chiamate io arivo e v’aiuto! Ma mò me pare che state esageranno!
Un corso de chè? Aho! Mò basta!»… e è annata così che ho fatto 15 giorni dè corso,
facenno io stesso ginnastica, dietologia e scienza de l’alimentazione.
Ma mò nun sò più come ariccontallo a voi che me leggete su li Racconti Garbati!
P’ariccontallo me ce vò coraggio! Annamo và. Forza Arvà! Allora: s’aridunavamo tutte ‘e
sere a casa de Silvia, che cià ‘na casa granne ma che, soprattutto nun cià rotture…
Né marito (è divorziata) né Fija (all’estero). «Dunque» j’ho detto a prima sera. «Prima
de tutto pesateve e scrivete ‘a data de oggi e er peso. E questo lo farete a giorni
arterni. E certo che ve dovete da spojà! E che ‘o volete fa vestite? Aho! E nun fate
storie. Mica ho detto gnude. ‘A pesata a fate ar bagno de Sirvia cò lo slip e poi ve
mettete quarche cosa sopra tipo carzoncini. Fatto questo poi, adesso cominciamo coi
movimenti pè l’arti inferiori: li farete cò i manubri che ha portato Cinzia. Pronte?
Braccia lungo li fianchi. Gamba destra avanti. Adesso piegateve su ‘a gamba destra fino
a che l’angolo ar ginocchio è de 120°. ‘A gamba sinistra ‘a dovete tenè stesa cor
ginocchio che a momenti tocca tera. Adesso ritornate alla posizione de partenza
spignenno co’ ‘a parte davanti der piede. E questo ho dovete ripete 10/15 vorte pè
gamba e armeno da 3 a 5 vorte ar giorno. Pè ‘a dieta: ve l’ho scritta. State attente a
nun sgarà. Er primo passo p’eliminà l’istetismi d’a cellulite è quelo de cambià alimentazione.
Alimenti antiossidanti. Ortaggi pieni dè vitamine. Ma pè perde peso, seguirete un
programmino. Questo: ‘na tazza de thè ‘a matina cò ‘na fetta biscottata. Come spezza
fame a mezza matina: finocchi, sedani e carote. A pranzo: pollo, tacchino ai feri,
verdure cotte cò ‘n cucchiaro d’ojo e basta. Artro spezza fame ner pomeriggio e a cena:
pesce ai feri o ar cartoccio cò verdure crude o cotte. Niente pane, niente pasta, nè vino,
né bira o artre zozzerie! Poi, si ve piace, prima d’annà a letto, ‘na bella tisana de
melissa e pè dorcificalla userete er fruttosio. Basta! Questo lo farete de seguito pè du
settimane e poi vedremo!» E tutte ‘n coro: «Arvà così’ ciammazzi! Ciai ridotto ‘n
mutanne, ce fanno male tutte l’ossa, ciavemo ‘na fame che s’a famo sotto. E che
cavolo!» «Aho! Si belle volete comparì, quarche pena avete da soffri! Ma poi vedrete si
che gnocche. Ve coreranno tutti li maschi appresso. Vedrete, vedrete». E devo da dì
che c’è stato si quarche svenimento, quarche giramento de testa. Ma mo sò belle, cò le
chiappe toste e cianno tutte ‘na media de 5 kili de meno. E nun ve dico poi…er bikini!
Cheeee er bikini? Ma de chè? Ce n’è una (tanto nun faccio nomi) che è stata sempre ‘a
mejo fisicamente, ma cò quarche chilo dè troppo. Adesso s’è messa er perizoma cò
l’infrachiappe!!! Dovressivo da vedè si che d’è! ‘No spettacolo divino!!! Si. Certo. Doppo
stò risurtato io so diventato quarcuno pè loro. Adesso me chiameno Alvy, Alvaruccio,
Alvarosky. Una me chiama Tesoruccio. Queste quattro super gnocche quanno me
molleno più!!! E, dimesela tutta: a me mica che me dispiace…ma proprio pè gnente!
Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

ER NOME DER PUPO 4 luglio 2012

‘E discusioni sur nome der fijo che doveva da nasce ereno ‘ncominiciate da armeno 9 mesi; più o meno quanno se capì che ‘a moje de Sandro era incinta.
Aveva ‘ncominciato Sandro a cercà de mettece ‘na pezza facenno avanzà de l’ipotesi su questo o quer nome. «A me me piacerebbe che se chiamasse Francesco, si fosse maschio e Chiara si fosse femmina»
«Arva» me dice Sandro. «Sò stato sempre ‘n tifoso de San Francesco e de ‘a Sua Santa Chiara. Pè questo me piacerebbe tanto chiamallo o chiamalla così». «Vabbè» je fò io, «e chi t’ho proibisce? Si te piace…» «si. E’‘na parola! Tra mi moje, er fratello de mi moje, mi socera e mi socero, nun fanno artro che mettece bocca. Un pò de nomi? Bada. Posso puro sbajà a scriveli perché quarcheduno so proprio ‘mpossibili! Io me chiedo andò cazzo l’hanno presi! Questi vedeno troppe fiction vedeno…» «Mò a Sà stà carmo però, mica saranno tutti nomi difficili. Magara quarcuno perché straniero…» «e certo che resto carmo. Però. Devo da dì che quarcuno è puro piacevole. Tipo “Alessandro, Andrea, Matteo, Lorenzo” oppure si fosse femmina: “Giulia, Sarah (co l’acca però!) Sofia (come ‘a Loren), Martina e Giada”» «’mbè, nun me pare che è così drammatica ’a cosa», dico io. «Sò nomi puro conosciuti…». «Arvà. Ma tu nun ciai nessun nome che te passa pe ‘a mente e damme così ‘n suggerimento? A me, a la fine me piacerebbe puro ‘n nome composto cò Antonio. Per esempio: Antongiulio» «A Sà. Queste sò cose delicate e nun è che ce se pò mette bocca. ‘O capisci vero?» faccio io. «Potressi, se è pè questo, puro penzà a un nome che ricordi questo o quer parente. Faccio ‘n esempio: tu Socero. Come se chiama tu socero? Potressi mette er nome de tu Socero si è maschio e de tu Socera si è femmina. No?». «Arvà. Ma ciò sai come se chiama mi Socero? Ce lo sai?» «No a Sà. Nu lo so. Ma perchè? Ciò dovrei da sapè?». «Arvà. Solo a l’idea de chiamà mi fijo Bernardo me sento male! Così se chiama mi Socero Arvà. Hai capito mò?» «Ho capito. Ho capito.
A parte che nun me sembra un nome così brutto. C’è pure er Passo der Gran San Bernardo…» «Si. Bonanotte Arvà. Si è pè questo c’è puro er cane de San Bernardo! » «Senti Sandrì. Te vojo bene. Ma me devi da dì: ma sei così sicuro che nasce maschio?
E si nasce femmina? Hai penzato a tu Socera? Ma ciai penzato davero?» «Arvà. Sta a sentì. Mò basta! Nun ne infili una che è una! Ma lo sai come se chiama mi Socera? Ce lo sai Arvà?» «Aho. A Sa. Ma mo ciarifamo? Ma come faccio io a sapè si come se chiama tu Socera si nun l’ho mai vista in vita mia! Ma come se chiamerà mai? Beata? Bonaria? Creofe che era a fia der tripparolo?» «Noneeee! Questi che dichi te sò pure mejo der nome de mi Socera! Capimese però. E’ a me che nun me piace. A me mi fija cor nome Adargisa nun me piacerebbe! ‘O capisco che è ‘n nome come n’antro. Ma a me Adargisa nun me piace. Punto!» «E virgola! T’avevo detto che nun me volevo ‘mpiccià! Poi so gusti perzonali! A me Adargisa, per esempio nun me fa schifo! »

Pochi giorni doppo, nasce un maschietto a Sandro. Chiaro che ero curioso de sapè come l’aveveno chiamato. Ma nun me volevo espone troppo. Allora ho chiamato Nenno, che è amico dè Sandro. E domanno: «A Né. Ho saputo che è nato ‘n fijo a Sandro e che è puro ‘n ber pupo. Ma come se chiama? Come l’hanno chiamato?» «Hanno fatto un gran casino Arvà. Nun t’aricconto nemmeno tutta ‘a storia che è lunga, curiosa e pè certi verzi dolorosa. Si perché Sandro e la moje se sò separati. Armeno ner senzo che lui è riito a casa da ‘a Madre e lei è rimasta cor regazzino a casa dè li genitori materni. Ereno d’accordo che j’avrebbero messo nome Claudio, che è er nome der Padre dè Sandro, morto tanti anni fà. Hanno dato l’incarico d’annallo a registrà a l’Anagrafe a Sandro che essenno er padre…» «Okkei. Ma perché hanno fatto casino? Che è successo? Ma inzomma sto regazzino ce l’ha ‘n nome o no?» «Si. Se chiama Adarberto. Perché Sandro, ‘n pò p‘a stanchezza, l‘aspettativa che nascesse stò fijo, er gran callo che fà...nun s’è capito come e perchè ma, davanti a l’impiegato de l’Anagrafe, nun s’è aricordato più er nome che j’aveveno dato e siccome che pare che l’impiegato j’ha detto che lui nun poteva stà tutto quer tempo a aspettà, Sandro, preso da ‘o sconforto i’avrebbe detto “vabbè mi fio se chiama Adarberto”. Aprete celo! Quanno che è tornato a casa e ha detto che aveva messo nome ar pupo Adarberto…» «a Né. Me viè a mente ‘a vecchia barzelletta che faceva: "Arfredo, viè a pijà ‘n po' de vino". “No. Io so astemio”. “Vabbè: Astemio viè a pija ‘n pò de vino...”.

Alvaro Cardarelli



 

 

 

 

 

 

Write comment (0 Comments)

A ‘NA CERTA ETÀ…


A ‘e 6 de matina me squilla er telefeno.’Na fortuna che a quel’ora me sò già fatto er caffè,
sinnò…«pronto» faccio. M’arisponne ‘na voce «Chi è?». «Scusi» dico io. «Ma chi vole?»
«Io sò Daniele e Lei?» «A Daniè. Sò Arvaro». «Arvà. Ma ho fatto er numero tuo?»
«Si Daniè. Ma nun c’è probblema! Ma che me volevi da dì?» «Arvà. Pè dittela tutta, gnente!
Me so aritrovato ‘n fojetto cò ‘a calligrafia mia cò scritto stò nummero e nun sapevo de chi
fosse». «Daniè. Ma ieri sera me l’hai chiesto te. Nun t’aricordi?». «No. Ma quanno?». «Ieri
sera. Quanno che se semo ‘ncontrati da Foschi pè ‘n caffè e du chiacchiere». «Da Foschi?
E quanno? E andove?». «A Daniè. Ma ce fai o ce sei? Ieri sera. Da Foschi. Ar Bar. Erimio
io, te e er Pacoccia». «Vabbè Arvà. Ma che è che volevi? Perché m’hai telefenato?» «Aho!
Ma chi è che t’ha telefenato? Me chiami a ‘e 6 de matina. Me chiami a un nummero che t’ho
dato ieri sera. Me chiedi chi sò io e mò me venghi a domannà che vojo? Danieleeee ma
fatte vede, ma da uno bravo che ce n’hai bisogno!» «Arvà. Ma mo che fai m’enzurti? Ma io
sò o nun sò n’amico tuo? Eppoi che voi dì che sò rincojonito? E annamo Arva, falla finita!»
«Senti Daniele. Mo me fai perde ‘a pazienza! Arisponneme si o no! Sei pronto?» «No»
«Daniele. Daniele. Danieleeee. Pè piacere. Provamo. Io domanno e tu m’arisponni» «Vabbè
Arvà. Provamo. Però io ancora ho da capì bene che voi da me. Me telefeni Arvà. E’ vero o
nun è vero che m’hai chiamato e che nun sai che voi da me! Arisponni prima te Arvà.
Arisponneme!» «Daniele. Tu me manni ar manicomio! Ma che cazzo stai a dì? Ma chi t’ha
chiamato? Vabbè Daniè. Mo basta! Arisponni! E’ vero o nun è vero che ieri sera stavamo da
Foschi. Io te e er pacoccia?» «No» «Come no? Daniele t’aricordi che m’hai detto che
siccome te sei perzo er cellulare nun ciavevi più ‘a rubbrica cò tutti li nummeri der
cellulare?» «No. Perché io er cellulare nun ce l’ho più da tanto tempo e nun m’aricordo
nemmeno si me lo sò perzo!» «Ma allora perchè m’hai chiesto er nummero mio? Perché
nun ce l’hai più o…basta! Smettemo ‘sta cazzata e chiudemo qui. Sei d’accordo?» «No!»
E riattacca! Quarche tempo dopo incontro ‘a Sorella che abbita ancora a l’Arbergo Rosso.
«Ciao Fiammè. Come stai? E’ tanto tempo che nun se vedemo. E Daniele come stà?»
«Arvà io stò bene e vedo che puro te stai bene. Daniele? Ma Daniele cià dei problemi.
Problemi dè memoria! Nun è che s’aricorda tutto e de quer poco che s’aricorda fa casino.
Se ‘mpiccia. Fa confusione e ce se ‘ncazza puro. S’à pia cor monno intero. Anzi: cò stò
monno e quel’antro! » «Fiammetta. Ma famme capì. Nun è che tu fratello cià l’Arzaimere?»
«No, no! E’ rincojonito de suo! Sai come vanno stè cose! A ‘na certa età…però chiamelo
Arvà. Ciò sai che a te te vò bene. Chiamelo!» «Okkei Fiamma. Mò uno de stì giorni ‘o
chiamo».
Ma ne io ne Fiammetta sapevamo che Daniele er giorno doppo dè l’incontro mio cò Fiamma
se sarebbe arzato dar letto cercanno d’aricordasse che doveva da fà. Comincia a cercà
quarche spunto de qua e de là de casa. Và in terrazza. Respira forte e rientra. Vorrebbe
capì che deve da fà ma nun ce riesce. Se chiede si ha preso er caffè o si ancora s’o deve
da fà. Si ha fatto colazione oppuro no. Se veste de tutto punto. Sta pè sortì de casa, quanno
s’aricorda che da quarche parte cià n’elenco de nummeri de telefono.
‹So ‘e 6 de matina me squilla er telefeno›. «Pronto» faccio. M’arisponne ‘na voce «Chi è?».
«Scusi. Ma chi è lei?», dico io. «io sò Daniele e Lei?» «A Daniè. Sò Arvaro». «Arvà. Ma ho
fatto er numero tuo?» «Si. Hai fatto er numero mio! Puro matine addietro hai fatto er numero
mio. Ma nun c’è problema! Che me devi da dì?» «Arvà. Pè dittela tutta gnente! Me so
aritrovato ‘n fojetto cò scritto stò numero e…


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

LAZZIALE FRACICO E ROMANISTA PERZO                                  2 Maggio 2012


Marco, Lazziale fracico, entra ar Green Bar da Piero e vede l’amico Gianni, Romanista de queli perzi
e je fa: «Mamma mia si come state messi male! Pijate certe scoppole» «Si ma stà pè fini!» Se difen.
ne Gianni.«Stai manzo e vedrai! Pare che compramo uno cò ‘e palle!» «Si. Magara, visto che cò e
palle ce sa fà, ‘e palle ve ‘e fà girà». «Vabbè. Mò ciò sò che devi da rompe» fà Gianni «ancora devi
da sapè chi piamo e già frantumi i cosiddetti». «Aho! » rilancia Marco. Nun ho detto mica gnente!
Daje. Parla. Chi piate? Messi?» «Ma quanto sei stronzo!», dice cò ‘a voce ‘strozzata Gianni «chi ‘o
sà come famo a pijà Messi… piamo un centrocampista Argentino. Se chiama Cessos. Gioca ner
Boca» «Giocherà nder buca», rilancia Marco «si se chiama Cessos, va bene cò buca. D’artro canto
che c’è ner cessos? ‘Na buca!». «Aho! Che palla che sei! Mo stai a pià per culo per cognome? Chi
‘o sa che cazzo c’entra?» «Ah! Nun c’entra gnente? Già sete pieni de cognomi strani: Cassetti,
Gago, Piscio, Lamela, Lapera, Borini, Burini…» «Er bove che dice cornuto all’asino. Me venghi
proprio a ciccio de sellero. Perché, allora voi, che sete burini davero, nun ciavete li Brocchi, Rocchi e
Gnocchi. Ar sugo però. Eppoi ciavete Alfaro, che forze è parente d’Arvaro d’a Garbante
(Arfaro…Arvaro...mica cambia tanto), Ciavete Bava…» « Fermete a Già. Fermete! Biava, no Bava»
«Si vabbè a Mà. Ma poi, Biava a Bava, ma che te frega. Ner Campionato Itagliano è pieno dè nomi
strani, tipo: Ranocchia, Grosso, Maggio…giugno e luglio. E te te stai a meravijà si piamo uno che se
chiama Cessos? E chi se ne frega! Mejo un Cessos oggi…» «che ’n cacatore domani!» interviene
Marco «ma andò ‘o fate giocà stò mostro de bravura? A centrocampo hai detto? Ma poi,‘a Già,
dimesela tutta. A voi ve servirebbe ‘n miracolo, artro che Cessos. Anzi. Perché te che sei Romano,
nun porti tutta ‘a squadra d’a Roma, compreso l’Allenatore, a la Madonna der Divino Amore? Che te
ce vò? Li porti lì. Li fai benedì e nun se sà mai che ‘a Madonna nun ve fa er miracolo! Hai visto mai
che ‘nvece de perde 4 a 2 a Lecce, 4 a 0 a Torino e a casa cò ‘a Fiorentina, nun riuscite a perde 7 a
0 còr Cittadella o cò Arbinoleffe. Tanto er posto vostro è giocà cò ste squadre…» «Tranquillo
Marco, scialla. Tanto ve stamo a ripijà e ve famo er sorpasso. Ciannamo noi in Championse. E voi
ce vedete a pagamento in televisione». «Si vabbè! Cò quà specie d’Allenatore che ciavete ma andò
annate. Lui cià er progetto! Ma de che parla Luiseriche? Ma de che pisolo parla? Er progetto. T’ho
dico io qual’è er progetto suo. De riannessene de corsa che qui a Roma sinnò je danno ‘a sveja. ‘O
cacceno a carci ‘n culo! Artro che progetto!» «A Mà, mo me fai ‘ncazza sur serio! Nun te piace Luis
Enrique? Ma te che ne sai de carcio giocato? Ma hai visto che cò quattro passaggi annamo ‘n porta?
Ma l’hai visto o parli tanto pè dì quarche cosa…sete proprio ‘gnoranti. Ammazzeve si quanto sete
‘gnoranti! Nun ce capite ‘n cazzo de pallone e sputate puro» «Stà a senti bello de Mamma tua! Nun
ce trattà da ‘gnoranti a noi. Hai capito? ‘A bellino! Noi semo queli che amo portato er carcio a Roma.
Ner 1900! 27 anni prima de voi!!! T’ho sei scordato? Mentre voi facevate elementari noi stavamo
all’Università der carcio! A Già, famme sapè quanno che inauguri er cervello nòvo che te fò ‘n ber
rigalo!!!». «Marcolinoooo. Noi semo queli de Testaccio. Te dicheno gnente li nomi dè Masetti, Furvio
Bernardini, Bodini, Ferrari, Fasanelli, Costantino e Volk? V’avemo dato tante de que botte che
ancora ciavete li bozzi» «E me cojonse! Me fai quasi ride. A qui tempi, tanto pè fa du nomi a caso ne
la Lazio giocaveno tale Sirvio Piola, Levratto, Ferraris IV°, Gipo Viani e Blason. Nun so si rendo…».
A quer punto interviene Piero er Barista che dice:“State buoni. Siete due amici e non dovete litigà.
Poi diciamola tutta. Litigate per due squadruccie e…” Ma nun ha finito ‘a frase che i due, Marco e
Gianni, so sartati come dù ossessi e j’anno strillato quasi inzieme ‹Aho! A Piè. Tu vaffanculo te e a
Juve! State a piagne dopo ‘gni partita, l’Arbitri nun vedeno i gol che ve so entrati drento più de ‘n
metro e mò ce venghi a dì che e du Squadre d‘a Capitale so du squadrucce? Aho! Qui se parla de
Roma! ‘A Capitale d’Itaglia e der Monno. Mica de Cetona andò sei nato te! A Piè! M’arivaffanculo e
fischia…ma fischia forte però!!!›. A stò punto Marco se gira verso Gianni e chiede: «’a Già che se
piamo? O voi er caffè?» «No a Ma. Preferisco n’ cornetto e n’ cappuccio» «Vabbuò». E rivorto ar
barista: ‹Vartere n’ caffè pe me e ‘n cornetto e cappuccio pè Gianni›.


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

MI MOJE E ER CHIRURGO PLASTICO Aprile 2012


Mi Moje m’ha sorpreso e manco poco! A dì ‘a verità è che nun me l’aspettavo!
Doppo tanti anni dè vita inzieme ho capito che bene, bene, bene, n‘a conosco.
Ma venimo ar sodo: improvisamente me fà cò ‘a voce decisa: «devo da annà da ‘n
chirurgo plastico! Bigna proprio. Tutte ste rughe che se vedeno…li cerchi sotto ‘e
parpebbre. Inzomma. Quele che chiameno “rughe d’espressione” nun me stanno più
bene! Io nun sò vecchia come se pò crede! Io ciò sortanto 75 anni! Ma così ne
dimostro tanti de più! Nun è che vojo fa ‘a bella. Questo no. Ma inzomma esse più
decente si!» Io l’ho guardata e me dovete da crede, ho capito si che d’è l’istinto
omicida. M’è venuta ‘a voja dè strozzalla. Dè sbatteje ’a testa contro ‘o spigolo der
bagno andò stava a guardasse ‘ndo specchio. Ho fatto ‘n grosso respiro e m’è sortita
da ‘e labbra ‘na frase che nun ammetteva storie! J’ho detto: “a me me pari scema!!!”.
«Ecchetelo tiè! Ciò sapevo! Pè te, ‘gni vorta che a me me piace ‘na cosa che nun piace
puro a te, io sò scema! Tu a me nun ce penzi proprio! Io so ‘a schiava tua. Ecco che
sò. Tu nun me consideri! Pe te, io ho da stà a casa e basta! De me, a te, nun te frega
gnente! Ma stavorta Arvà nun te ‘a dò vinta! Stavorta faccio come me pare e piace.
E si nun te stà bene ‘a strada è quela. Opri ‘a porta e te ne vai. Mò me so rotta!».
Ho provato a dije: “nun hai penzato che me piaci così come sei? A l’acqua e sapone!
Che io nun te cambierebbe co nisun’artra! E che a me dè le rughe d’espressione tue
nun me ne pò fregà de meno!”. «A me si però! Io prima dè piacè a te devo da piacè a
me. E io urtimamente nun me piacio più!» E qui ha attaccato ‘na pippata tipo
piagnisteo: «Arvà. Arvarù. Fammela fa dà sta botta dè scartavetrata sur viso.
Vedrai che piacerò de più puro a te. Essi bono! Fammelo fà. E pè piacere t’ho chiedo.
E annamo!». Io ho pensato in un attimo: ‹io cò questa ciò da vive. Che faccio ’a
cambio? E andò vado? Pè stracci vado! E li fij? Li fij che penserebbero? Che sò
retrogrado? Certo che piuttosto che annà contro ‘a Madre verebbero contro de me!›
Allora ho sentenziato: «vabbè! Vabbè! Fallo! Ma doppo si te aruvineno? Si trovi uno
dè questi che ‘gni tanto aresteno perché nun sò Chirurghi veri? E si trovi uno che
invece de spianatte er viso te l’aruvina? Dopo che fai? Anzi. Che famo?»
- Ma che ve stò ariccontà a fa? Come si nun se sapesse che a casa nostra noi maschi
contamo poco o gnente. A me queli che me dicheno “a casa mia commanno io” me
fanno ride! Ma che commanni te? ‘N pezzo de cippa commanni! ‘A verità, quela vera,
è che si nun ce fossero ‘e donne, noi nun saressimo boni da gnente! Armeno io! Che
so fà io a casa? Si. Quarche lavoretto elettrico. Curo ‘n pò ‘e piante (e mi moje m’o fa
fa puro poco…). E che artro? Boh? Faccio fatica a ricordamme che artro so fa!
Si. Quarcuno de voi potrebbe dimme. “Arvà si tu nun sei bono dà n’ cazzo che me
paragoni a te? Arvà, ma tu sai cucinà? Nooo? E io sì! Tu ce vai quarche vorta a fa ‘n
pò de spesa? Nooo? Comeee? Ce vai inzieme a tu Moje? Perché da solo nun sei bono?
Ah. Capisco. Da solo nun te piace! E chi lava, chi stira, chi và a la Posta a pagà ‘e
bollette? Chi chiama Sandro l’Idraulico? E quanno se rompe er fornetto pè scallà
quarche cosa, chi talefena pè fa veni quarcuno? Ma te Arvà, me poi di che cazzo fai
tutto er giorno? A si? Stai davanti ar compiutere? Scrivi? Bravo! E che scrivi? Li
Racconti Garbati? E tutto er giorno te serve? Aho! Pare che scrivi ‘E mie prigioni de
Sirvio Pellico!” «Vabbè amico. Mo stai a esaggerà! ‘A moje è mia. La faccia dè mi Moje
a me me preme. A te che te ne frega? Ma perché tu Moje è mejo d‘a mia? Nun cià ‘e
rughe? E che è de cera. O cià 30 anni? A mia armeno, cò ‘na sistematina pò annà
mejo d’adesso! A tua io n’a conosco, ma me l’immagino brutta e n’ cartapecorita che
ce vò ‘a mola pè spianalla e er seghetto arternativo pe daje nà segata ‘a queli du
zampi dè maiale che s’aritrova ar posto d‘e gambe!›
- Poi me so accorto che stavo a litigà da solo! Allora ho penzato che dar Chirurgo ce
dovrebbe annà io. Ma pè famme dà ‘na botta ar cervello! Che me pare ’a stò punto ce
vò proprio! E mi Moje? Gnente! Nun ha fatto più gnente. E ‘a messa così:
«Arvaruccio…Arvaruccio mio. Nun te vojo contraddi! Nun faccio gnente. Vabbè
Arvarù? Sò bravina? Vero che so bravina? Ma mò però me devi da fa ‘n rigaletto.
Anzi, mò che che ce penzo, sai che me potressi arigalà perché so stata brava?
‘Na bella borza e n‘ par de scarpe nove!»
«Si. “E m’accompagno da me”. Come ‘a canzone:“tanto pe cantà” de Ettore Petrolini».
Però, a penzacce bene, cor cambio ciò guadambiato: ‘na borza e ‘n par de scarpe
costa sempre de meno de ‘n Chirurgo Plastico. E poi ‘e scarpe co ‘a borza e vedi
subbito siccome sò! Te piaceno e le compri. Nun te piaceno e le lassi li.
Ma ‘a faccia de mi moje ‘na vorta aruvinata…
Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

Quattro coppie su dieci dicheno addio ar sesso


“Arvà”. Me dice Franco “er Pacoccia”. “Me sò vergognato come ‘n ladro! Perchéèè? Perché ho
letto su li giornali che er maschio latino è finito! Nun c’è più! A Roma poi puro peggio! Pare che
li studiosi hanno fatto ‘na statistica, andove se dice che su circa 400 Cartelle Criniche dè
pazienti, tra li 17 e li 70 anni, s’è scoperto, inzomma…nun sò manco come dittelo, che a letto
stì maschi sò ‘na risata o addirittura nun sò gnente! Ma nun ce posso arivà a crede! Pare puro,
da ‘o stesso studio, che 4 coppie su 10 hanno ammollato li rapporti sessuali. Ma andò vivemo!
Ma poi, tanto pè peggiorà ‘a situazione, ma ce lo sai che semo solo li terzi ner monno? Avemio
preso ‘a medaja dè bronzo dopo li Brasiliani e li Spagnoli! Ma poi, a parte ‘e coppie che è già
grave. Quello che m’ha ‘mbufalito è che la maggioranza sò li maschi che sò li corpevoli più
corpevoli de stò fatto rognoso! Ommini dè 20/50 anni che scappeno davanti a ‘na bella
sgnacchera! Ma poi c’è sò de le cose che nun me quadreno…per esempio: arcuni maschi
fanno sesso solo si ce stanno ‘cose turche’ tipo li travestimenti, oppuro: si se ponno dì ‘n po’
dè parolacce prima ‘der fatto’…eppoi, se fanno li firmati cò li telefonini e li metteno su
Youtubbe! Poi li rivedeno pè eccitasse”. Provo a dì:“’a Pacò posso parlà? Pari er Tevere ‘n
piena! Chiudi ‘n’attimo ‘a bocca che sinnò te se geleno li denti. Allora. Domanna: ma a te dè
tutto questo che te frega?”. “A me? A me Romano e Garbatellese? A me me frega eccome! Me
frega perchè me vergogno! Io che me sò sentito maschio pè ‘na vita e me ce sento ancora!
Arvà. Quanno che noi due e l’amichi nostri ciavevamo 18/20 anni, nun è che ‘e donne ‘e
rimediavamo facirmente! Ma vattene, va! Nun ce usciveno cò noi! Pè fortuna ner gruppo nostro
c’era Fausto er pelato, t’ho ricordi Arva? L’amico che era ‘n po’ più granne de noi che, si
t’aricordi, lavorava drento a ‘n grosso Arbergo a via Veneto e sapeva tre lingue + l’Itagliano.
Noi annavamo dè fora all’Arbergo andò lavorava e quanno lui ce faceva ‘n segno, tutti inzieme
aspettavamo li purmann che uscivano e portaveno ‘e ‘strengia’, come se dice? ‘E ‘strenger’…
‘e straniere inzomma, a Funtan dè Trevi, ar Colosseo ecc. E noi j’annavamo appresso cò ‘e
vespette e le lambrette. E le strengia cò noi ce veniveno perché ce consideraveno “maschi
latini”; cioè “gajardi e tosti”. Cò noi veniveno ‘a pomicià dapertutto. E mò devo da legge che li
maschi romani sò abbioccati, stanchi…sò depressi…sò sfiniti! ‘A verità è che sò mezzecartucce
sò! Ma vaffanculo và! Ma dè che aho? Io mannaggia…è mejo che me stò zitto è mejo, che
a me stè cose me fanno venì ‘e fregne!”. “A Pacò. Ma sò cambiati li tempi…c’hai detto ‘n’attimo
fa? Hai detto ‘che cò noi ce venivano perché ce consideravano maschi latini’. O no? Adesso,
Pacò, sò puro ’e femmine che danno ‘a caccia a li maschi. E femmine sò diventate più
aggressive. E’ finito er tempo dè ‘o ma dai o scegni’. Mo è a te, che si nun te dai da fa, te
fanno scegne. Rennete conto. Stamo ner 2012 mica ner 1955! Penza Pacò. Tu esci. Vedi ‘na
bella gnocca e je fai “a bella pupa che fai stasera? Sei libbera? Volemo annà a ballà? Volemo
annà ar Cinema?”. Quela se gira e te dice: “aho! Ma nun ciai mejo da propone? Ma nun te
tira? Ma Mamma nun t’ha detto gnente? Ma tu Madre nun t’ha spiegato ancora si come se fà?
E svejete! Te lò domanno io: aho! Che fai stasera? Dormi? O sei rincojonito? Ce fai o ce sei?
Sei stupido de tuo o hai studiato pè diventa stupido così?”. E a la fine te dicheno puro: “si me
dichi de sciacquà a sella che stasera se cavarca forse s’encontramo! Sinnò mica ciò tempo da
perde cò te!” A Pacò, mica je poi chiede che fai stasera? Annamo ar Cinema? Te considereno
antico! Queste parleno ‘n linguaggio puro difficile! Tipo: “io vivo interfacciata pè interaggì cò te
e approcciatte. Vòi fa cò me n’esterna?”. Eppoi a Pacò, dimesela tutta. Ciavemo n’età! Si
ancora t’aricordi l’anni ’50 e le ‘strengia’, sei arivato! E noi due semo arivati! Si. Quarche tarda
‘a rimediamo sempre. Ma tutto lì! Ma che te metti a chiede ‘che fai stasera!’. A Pacò, je
dovressi da chiede: “aho ce l’hai appresso er Viagra? Che io m’ò sò scordato a casa…”.


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)
 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”