17.luglio.2013 - Du’ settimane fa ho compiuto 50 anni.                    
‘A matina der compreanno me sò arzato e ero abbastanza arzillo anche si ‘n pò me ce rodeva er chiccherone d’avecce già 50 anni. Ma ereno giorni che ciò sapevo che me sarei sentito armeno ‘n pò strano e allora me sò detto: ”aho. Arvà. Mo nun cominciamo cò ‘a pippata d‘a mezza età…

Write comment (0 Comments)

‘A SIGNORINA ROSALBA

15 aprile 2013


De matina presto ‘a Signorina Rosalba oprì l’occhi e guardo’ l’orloggio: ‘e otto e mezza.
Decise de resta’ ancora ‘n po’ sotto ‘e pezze. Ma a la fine se decise. S’arzo’. E se preparò pè
sortì. Nata e cresciuta a la Garbante, a 52 anni nun era bruttaccia…anzi. Ber viso. Bell’occhi.
Belli capelli. E puro er resto, scegnenno in basso, nun era pè gnente male…’A Signorina nun
aveva mai fatto ‘n cazzo! Mai lavorato ‘n vita sua! Fija unica, er padre l’aveva lassata ricca.
Er padre, prima de morì, j’aveva comprato ‘na Villetta a la Garbatella, affacciata su via C.Colombo,
andove lei abbita. Er padre j’aveva comprato puro diversi appartamenti che, cor reddito
de l’affitti, ‘a facesse vive benissimo senza l’assillo de lavora’. Ciaveva pochi amichi e poca voja
de vedelli. Raramente ‘n cinema, da sola e tanta Tv. Quarche rara telefonata ma puro
controvoja. Aveva preso du lauree. Leggeva mòrto! Inzomma: ‘na vita regolare e senza rotture.
Annava avanti cosi’ da anni e penzava puro de morì così. E l’ommini? Nun era tanto interessata.
E pè ’a verità nemmeno l’ommini pè lei. Annò ‘n bagno se lego’ li capelli, nun se trucco’
come sempre e sortì p’annà a fa ‘n po’ de spesa ar mercato de Circonvallazzione Ostiense.
Compro’ poi ‘n giornale e rianno’ verso casa. Mentre che camminava je scivolo’ er giornale pè
tera. Un Signore che passava s’inchino’ e je lo riccorse. Era uno piu’ grande de lei, ma giovanile.
Cor capello brizzolato che fa tanto fascino. Lei ’o guardo’ furastica. «le era caduto, Signora»
disse lui delicatamente. «Grazzie. Ma mica so cosi’ vecchia da nun potemme inchina’». Poi girò
li tacchi 12 e se n’anno’! E penzo’ “ecchene n’artro che cerca rogna. Come n’omo te vede da
sola penza subbito che hai bisogno “d’aiuto”. Aho! Ma chi te l’ha chiesto! Pero’ è bello, garbato
e gentile…”. Inzomma: ‘a Signorina Rosalba era rimasta corpita. E quanno che l’ha portata a
letto p‘a prima vorta, ha penzato che j’aveva fatto fa’ e prova’ cose che nun avrebbe mai creso
che esistessero. Era contenta! Era contenta de esse sua, de nun ave’ più l’idea de chi fosse lei.
Aspettava che lui la chiamasse. Che l’annasse a trova’. Nun dormiva più, nun viveva più, nun
faceva più ‘n cazzo. ‘A vita girava ‘ntorno a lui. A Oreste! Quanno che lui je parlò de li probblemi
economici che ciaveva, lei se offrì de venne ‘n’appartamento, così da potello aiutà a tenè ‘n
piedi ‘a sua attività. E vennette! Lei penzava puro dè sposallo, d’avè un fijo cò lui e magara
d’invecchià inzieme a lui. E lui la faceva contenta quanno che je diceva: ”si amore mio. Tu sei
l’amore de la vita mia. Vedrai. Staremo insieme. Sempre insieme!”. Lui nun annava spesso da
lei. Stava sempre fori Roma pè lavoro. Nun dormiva mai da lei. Nun se faceva vivo pè lunghi
periodi de tempo. E lei, ‘a Signorina Rosalba, ce soffriva. Ma strigneva li denti perché era finarmente
felice. E si nun fosse stato pè quela telefenata arivata su ‘o smartefone de Oreste,
mentre lui faceva ‘a doccia. E si nun fosse pè quer viso de donna comparso su ‘o schermo d’o
smartefone, che lei avrebbe voluto ignorà ma che poi a la fine invece aveva risposto…si nun
fosse che quela apparsa sur cellulare avesse detto: “Oreste. Tesoro. Dove sei? Ti ricordi che
oggi dobbiamo portare i bambini da tua Madre? Per favore. Ci puoi pensare tu?”. Si nun fosse
che a la Signorina Rosalba era crollato er monno addosso! Si nun fosse che…
doppo ‘a spesa ar mercato tornò a casa ed era piuttosto incazzata! Je ce rodeva tanto che,
margrado tutto, penzava sempre a lui. Margrado ormai fosse passato tanto tempo.
Parecchio tempo! Ma sperava dè nun penzacce più e nun ammalasse magara dè depressione!
***************************************************************************
Svotò ‘e buste d’a spesa. Sistemò ‘a bottija der latte in frigo. La verdura ‘nda vaschetta sua.
Chiuse er frigo. Oprì er surgelatore. Un surgelatore piccolo, piccolo, a pozzetto, che aveva fatto
‘nfilà in uno spazietto d’a cucina. Aveva comprato dù buste da 1 chilo l’una de carciofoli surgelati
e voleva sbrigasse prima che se scongelassero. Solo che nun c’entraveno e dovette spostà
de lato ‘a sacchetta cò ‘a testa de Oreste drento, pe potelli sistemà bene e senza rovinalli…
Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

FRANCESCO E ‘A MORALE


Me talefena Francesco e me fà: «amico mio. Che stai a fà?» «Gnente de particolare
Francè. Sto a vede ‘n po’ de tv. Perché mò chiedi?» «Te volevo venì a fa ‘na visitina. Si
nun rompo però» «Ma quanno mai. Viè, vié» Tra de me penzo “che je se sarà sciorto pè
volemme veni a trovà de domenica? Bocio?”. «Caro Arvaro. Si nun fusse vero quelo
che te stò p’aricconta, se potrebbe scambià pè ‘n ricconto porno o ‘na barzelletta.
E ‘nvece è tutto vero. Puro perché m’appartiè!» «Vabbè. Mo nun te fermà. E’ mejo si me
dichi tutto dè ‘n fiato. Così nun penzi a quelo che me stai a dì!» «Vabbè Arvà. Allora
vado: Io e ‘a mi regazza eravamo fidanzati da un anno ormai, e finarmente avevamo
deciso de sposasse. I mii de genitori ci aiutaveno in tutti i modi, l’amichi ce ‘ncoraggiaveno,
e la mi regazza? Beh, lei pe me era ‘n sogno e era contenta come me, dè sposamme!!!
C’era solo ‘na cosa che me preoccupava, e me preoccupa parecchio: ‘a sorella
minore d’a mi regazza...’a futura cognata che cia’ vent’anni. Ma tu poi Arva ‘a conoschi
bene! Porta minigonne e majette mozzafiato e è ‘n gran tòcco de regazza. A ogni occasione
se ‘nchina quanno stà davanti a me, mostrannome ‘e mutandine. ‘O fà de sicuro
apposta. Difatti sta storia nun capita mai davanti a artra gente. Pochi giorni fa
“a sorellina” me chiama e me chiede d’annà co lei a daje ‘na mano a controllà l’inviti de
nozze. Eravamo soli. Io e lei a soli…me se avvicina e me soffia “che io tra nun mòrto
tempo sarei stato sposato cò ‘a sorella, che lei provava pè me certi sentimenti e, soprattutto,
‘n desiderio ar quale nun poteva e nun voleva fanne a meno. “Anche perché se
vive ‘na vorta sola!”, disse. Me disse puro che “avrebbe voluto fà l’amore cò me armeno
‘na vorta, prima che io me sposassi e me legassi pe ‘a vita a la sorella”. A stò punto
Arvà, ero totarmente ‘n bambola. Nun riuscivo a dì gnente! Nemmeno ‘na parola. Lei,
con freddezza me dice: ”Io sto ananno ar piano de sopra, n‘a cammera da letto mia, si
te la senti… vie’ su cò me e io sarò tutta tua!”. Ero disorientato. Ero surgelato da ‘a
sorpresa. Mentre ‘a vedevo salì lentamente ‘e scale, sculettanno da donna scafata e nò
da una de vent’anni, me girava ‘a capoccia. Quanno salì ar piano d‘a camera sua, se
girò verzo de me, se sfilò ‘e mutanne e me le lancio adosso. Rimasi lì pè lì ‘n momento a
guardalla, poi, più impaurito che artro, decisi che me ne dovevo d’annà, artrimenti nun
sapevo che potesse succede. Presi ‘a decisione che me me pareva più giusta! Me girai
e scesi de corsa e scale, ‘nfilanno sempre de corsa ‘a porta d’ingresso. Uscito de fora
dar portone, me misi a core verso a maghina mia. E mentre stò pè entrà ‘nda maghina,
chi te vedo?» «E che ne so? ‘A tu regazza? Noooo? Aho! A Francè dimmo te che si no
giocamo a ‘ndovinello!» «C’era er futuro Socero che me stava a aspettà e cò ‘e lacrime
all’occhi m’abbraccia e me dice: “sono, semo felici, che tu abbia dimostrato quelo che
pensavamo già de te. Tu ancora nun ciò sai ma hai superato ‘na piccola prova a la quale
t’avemo sottoposto. Quela de resiste a la possibilità dè ‘n’avventura cò a cognatina che
quanno ce se mette, ce sa fa! E’ micidiale! Nun potevamo sperà in un marito mejo pè
nostra fija. Benvenuto né ‘a nostra famija!” Arvà. Co er core ‘n mano, che ne penzi?
Come sai Arvà io me fido de te che cò l’età che ciai nun poi che dimme ‘na cosa giusta!
Allora Arva che ne penzi?» “Ho penzato: mò che je dico a Francesco? Quarche cosa
j’ha devo da dì! Si je dico che è stato bravo, nun je dico gnente de novo e de originale!
Si je dico che…inzomma, ‘un piccolo assaggio d’a sorella’…si je dico che magara quela,
‘a sorella, ce stava sur serio e allora…” «Allora Francè. Dù cose te dico:
1) - che pochi ommini avrebbero resistito a na bonazza come tu cognata e
2) - che m’hai detto ar principio d‘a chiacchierata “Beh, lei pe me era ‘n sogno”
E allora te dico che nun hai sbajato gnente. Sei stato bravo e me comprimento co te!»
Sortito Francesco da casa mia, ho penzato a la cognata e com’è! Bella, bella, tutta ‘na
curva che pare Indianapolis e che nu ‘o sò si ha fatto bbene…
ma si che ha fatto bene! N’omo se dimostra tale si supera er richiamo
d‘a carne…anche si è na’ “fracostina de vitella!”.


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

CINZIA E ER CELLULARE                                                                                         19.02.2013


«Cinzia. ‘A bella, ‘a simpatica, ‘a donna dar ricconto facile e sempre interessante». «Arvà. Ma chi
è stà Cinzia de ‘a quale me stai a fà ‘n ritratto che pare unica ar monno?» «Arfrè. Nun me pare
d’avella descritta come unica ar monno. Cinzia è ‘n’Amica. E puro er Marito. Lei è soprattutto
“viva”, mòrto intelligente e simpatica. A me me fa morì perché, margrado tutte ‘e doti che cià,
‘gni tanto je ne succede una. Ma mica una così, così…ma và… » «Arvà. Mo me stai a ‘n’ curiosì,
che vor di “gni tanto je ne succede una”?». «Ah. Lei è forte! Mica se n’accorge. Ma a me me
diverte da moriammazzato. Allora. Mò te spiego. Quanno che Cinzia aricconta, ‘o fà così bene
che è sempre da stà a sentì.Tanto te pierebbe de sicuro l’attenzione. Inzomma te rapisce. Arfrè.
Mò pè fatte capì. Stà a sentì: l’artra sera me dice: ”Arvà. Oggi ho toccato er massimo. Senti che
ho combinato. Allora: come tutti li cristiani, sò dovuta annà ar bagno. Già è difficortoso drento
andò lavori e che ce sò puro l’ommini. Vai ar cesso sempre cor timore che quarcuno bussi e da
de fora strilli: ”libbero? C’è quarcuno?” E tu da drento arisponni: ”occupato!” Ma da quer momento
nun vedi l’ora dè sortì. E allora cominci a rimettete a posto ‘a camicetta, e mutanne, er
giacchetto e poi vai a pià er giaccone ch’avevi appeso all’omo morto e sempre cò ‘a paura de
essete scordata quarche pezzo, vai fino a la porta, oprì e strilli: ”libbero!” pè accorgete poi che
nun c’è nisuno”. «Eh si». Je dico, pè daje ‘a spinta a proseguì ner racconto. «Ho lavorato puro io
in ambienti cò ‘n bagno solo e pieno dè donne…ma che t’è successo?» “A gnenteee! ‘Na cosucciaaa!
Sempre pè ’a maledetta paura che me blocca quanno che vado ar cesso. Inzomma. Stavo
lì e…a l’improviso ‘na voce d’omo, bussanno a la porta fà: “occupato?” “Si!” Je strillo.
“‘N’attimooo”. E naturarmente me pija ‘a prescia. Pè nun dovemme rivestì troppo, ‘n caso me
capitasse ‘o strillo “occupato?” m’ero lassata er giacchetto dè lana sopra ‘a la camicetta.
M’arzo de botto da ‘a tazza der cesso e sento ‘n rumore tipo “pluffff”. ‘O sento però dè dietro.
‘A ‘e spalle. Me giro, me guardo ‘ntorno, guardo ‘ndà tazza e drento che te vedo?” «E che vedi?»
“E che te vedo? Che te lo dico a fa? Vedo er cellulare che, sortito da ‘a saccoccia destra der
giacchetto dè lana, era ito dritto dritto drento ‘a tazza der cesso”. «Porca zozza!», dico io «E
scusa ’a domanna. Ma avevi fatto robba? Inzomma. avevi…» “E si Arvà! “Avevo!” E drento,
mezzo affogato, c’era er cellulare mio! Allora, aggitata come poi capì, me domanno: ‘e mo che
faccio?’ Me sò guardata ‘ntorno. Nun c’era ‘no straccio,‘na pezza. Gnente! C’era solo ‘a carta
igienica. Me ce sò fasciata ‘a mano destra e l’ho tirato fora. Ma poi: andò annavo ‘n giro cò ‘n
cellulare sporco de “robba?” E allora me sò fatta coraggio! ‘A Ci’, me sò detta, ‘bigna che te dai
‘na mossa’. E ho ficcato cò a mano destra er cellulare drento ar lavandino e cò quela sinistra ho
operto er rubbinetto de l’acqua calla, pè pulillo mejo . Doppo ‘n par de minuti, ho tirato via er
cellulare da sotto ar rubinetto. L’ho guardato e siccome ancora nun me piaceva com’era venuto,
l’ho rificcato sotto l’acqua. Nun l’avessi mai fatto! L’acqua, ner frattempo era diventata bollente.
E io, sbruciacchiata, ho cominciato a giocà a palla a volo cor cellulare passammelo da ‘na mano
a l’antra. E tentanno dè sarvallo puro cò ‘n piede, fino a che nun è cascato pè tera. S’è operto, è
sortita a batteria, ‘nantra cosa che poi m’hanno detto che se chiama ‘scheda’. Inzomma: quanno
che ho raccorto er cellulare pesava sui 5/10 grammi. Era vòto. Stava tutto pè tera! Ho preso er
giaccone e so ita ar posto mio e datosi che era l’ora dè sorti, me ne so ita p’annà a casa. Appena
però pè strada me sò domannata: ‘e mo che faccio? Stò senza cellulare? Che ora ’è? E 18?
Allora vado da Girdo, l’amico mio che ripara i cellulari…quanno che Girdo ha visto er giocattolo
che j’ho portato, l’ha messo a testa sotto puro lui nder lavandino e doppo er cellulare sgocciolava
come ‘na spugna. A stò punto, già abbastanza avvilita, j’ho domannato: “a Gi, allora?”
«Allora» me fa Girdo. «Dimme che marca vòi che te ne faccio vede ‘na decina. Così decidi».
Inzomma l’ho dovuto aricomprà novo, ma giuro che a questo novo je fò mette ‘na ciambella de
sarvataggio”. «A Ci. N’urtima curiosità. Ma tù Marito che t’ha detto?» “E mi Marito ce lo sai Arvà.
Lui è de poche parole. M’ha detto; “stai manza, stai alegra. Poteva annà peggio. Magara si er
cellulare ‘o tiravi dar finestrino der cesso, potevi beccà quarcuno de sotto. E dar sesto piano
potevi mannallo puro a l’Ospedale”. E io, guardannola ne l’occhi. «A Cinziè! A la prossima
vero? ». E tutti e due a ride! Che potevamo fa dè mejo?


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

L’ETTILOMETRO                                                                                                          22.01.2013


«Da quanno è stato messo ‘n funzione l’ettilometro “da l’autorità competenti”, io stò attento a sortì
‘a sera! Uscì de sera e annà co l’amichi e l’amiche è diventato difficile».
Così’ spiegavo a Anna, giovane ma vecchia Amica sere addietro.
«Perché, vedi Anna, le sortite mie cò l’Amichi e l’Amiche, che poi sò poche, sò fatte in genere de
‘na sosta a ‘n Ristorante e abbasta. E che famo? Mbè, se famo ‘na pizza ‘n supplì oppuro ‘na
cenetta. A turno poi, ‘na vorta a casa de questo e ‘n’artra a casa de quela, famo ‘na cenetta
leggera». «Vabbè’, me fa Anna, ma ancora mica ho capito andò stà er probblema?» «Già! Andò
sta er probblema? Er probblema è che erimio abituati a magnà e soprattutto a beve senza penzà a
gnente e ‘nvece adesso basta ‘n bicchiere de più che cominciamo a dommannasse: “che fai? Guidi
te?” Oppuro: “che faccio lasso ‘a maghina mia e vengo cò te? M’ariccompagni te a casa?”»
«Si vabbè però stà legge è giusta e ce voleva!» fa Anna. «Si, si. Sicuramente è giusta. Ma che
fermeno un poro cristo e je metteno ‘na pompetta n’bocca e si ciai er minimo de arcole t’appiop
pieno tra i 500 euri e li 2000 e te leveno a patente puro sei mesi…aho! E sò cazzi! Si ‘a legge su ‘a
guida è questa, stamo in un monno che nun ce permette più gnente! Specie a noi che amio
superato l’anni anta. Anta che? E fa te! Noi annamo da li 65 a li 83. E tutti sti sordi pè ‘na murta
andò li trovamo cò ’e penzioni che ce danno!!! E senza patente che famo? Dovemo da morì a casa
e annoiasse cò ‘e pippate che ciarifila ‘a tivvù? Mo’ però te dico ‘na cosuccia che te farà ride: è ‘na
cosa che m’ha ariccontato ‘n’amico mio cor quale nun se frequentamo tanto. Nun m’ha però detto
si “er soggetto” der racconto è lui stesso, si l’eppisodio riguarda quarcuno che conosce o più
sempricemente l’ha letto. Comunque a me me l’ha riferito così. E te dirò che m’ha fatto puro ride.
Allora me dice: “Arvà, ieri sera sò ito invitato ar compleanno de ‘n parente. Durante ‘a cena ho
bevuto du’ bicchieri de vino, e uno de prosecco. Poi er parente prima de chiude er compleanno ha
offerto un uischetto a tutti. Quanno che sò sortito e me stavo a avvià a la maghina, ho capito che
nun ciavevo ‘n gran bell’equilibbrio. Inzomma ero brillo! Ho lassato a maghina sotto casa der
parente e ho preso ‘n tassì. Ecchete chè, vicino casa, a via de le 7 Chiese, ho trovo ‘n blocco d‘a
Polizzia che faceva testi arcolici. Però pè fortuna mia, siccome stavo sur tassì, nun m’hanno
fermato che si ‘o faceveno, minimo, visto che fortunello sò io, me daveno ’ergastolo! Er giorno
doppo me sò congratulato d’esse arivato a casa sano e sarvo in quanto nun avevo guidato mai ‘n
tassì ‘n vita mia”. «Ma famme capì», j’ho detto. «Ma andò l’hai preso er tassì?» ”E che ne sò?
‘O devo avè fregato, ma nun me ricordo andove…” «e mo andò l’hai messo?» “E mò ce l’ho ar
garage mio, ma nun so come fà e a chi rivorgeme pè ridallo ar padrone!!!”.
«Dico. Ma che sei matto? Ma va subbito ar Commissariato e spiega riccontannoje tutto. Loro te
ponno ajutà. Rintracceno er padrone der tassì, te danno l’indirizzo e te j’ho riporti! In fin de’ conti
aricordete che quelo, er tassinaro, ‘o starà a cercà e penzerà puro lui d’annà a denuncia ‘o
smarimento a la Polizzia. E già stai ‘n torto! Si ritardi, peggiori e ‘a storia finisce male!»
“Arvà nun ce posso annà. Armeno oggi. Ancora puzzo de arcole e finisce male davero.
Queli m’aresteno pè furto, pè abuso de vino e compagnia bella!” «Ma rennete conto. Ce devi
d’annà! Er mio è ‘n consijo. Poi te fà come te pare. Mica sei ‘n pupo che ste cose ne capisci!»
”Accompagneme te. Tu racconti tutto a la Polizzia e io stò zitto! Così nun m’esce er fiato e nun se
sente ‘a puzza”. «In effetti manni de le svampate de vino che uno s’embriaca solo a statte vicino!
Aho! Ma dimme ‘n pò. Ma nun è che hai bevuto puro stammatina?» “Si Arvà, si! M’era rimasta
mezza bottija de Cannonau. Me sò magnato ‘n panino e giocoforza ho dovuto puro da beve.
O no?” «Si vabbè. Daje. Annamo. Ma tu nun parlà. Nun di ‘na parola. Hai capito? Ce penzo io a
tutto!» Ma è robba da matti!!!


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

ER CONSUMISMO SFRENATO                                                                            2 gennaio 2013


«Arvà, me sa che te faccio ride anche si c’è poco da ride» me fa Nico detto “er caciara”.
«Perché che t’è successo?» E Nico «Eli, mi Moje, a l’improviso me dice:”io nun vorei proprio
somijà e nemmeno n’anticchia a Lauretta» «Mo io, Arvà, stavo a legge ‘na Rivista d’informattica
perché de compiutere nun ne capisco ‘na cippa! E ‘nvece è ora che me metto ar passo co li
tempi. Te dicevo che stavo a legge, quanno che m’ha detto sta cosa. Me fermo, chiudo ‘a Rivista
e je domanno: “ma chi? Lauretta ‘a Moje de Sandro “er cortocircuito?”» «Si proprio lei» aripija
Eli. E io «in che senzo?» «Ner senzo che quela cià ‘a fissa p’ò scioppinghe e quer povero Sandro
stà sempre pronto cor portafojio ‘n mano. E io pago, diceva Totò» «Vabbè. Ma a te che te frega?
Mica paghi te!» «Certo. Ma nemmanco te! Che sei proprio er contrario de Sandro. Te sei ‘n
tirchio d’‘a miseria…nun me compri gnente! Aiuteme…come se dice gnente?» «Mbè. Mo nun
esaggerà. Nun te ricordi che t’ho comprato ‘a borza co ‘e scarpe?» «E certo! Ma du anni fa ar
compleanno mio! Quest’anno hai fatto finta de scordatte er giorno der compleanno così hai
puro sartato er rigalo!» «Quanto sei esaggerata! Me sò scordato! Succede no?» «E si. Ma
succede solo a te. Nun hai voluto che annassi a lavora!. Eri geloso! Co’ er risultato che si nun
me dai te quarche cosa io nun ciò gnente pe compramme magara ‘n vestitino! Io me riciclo li
vestiti vecchi! Li vedi sti ginze? Questi li portavo a 18 anni e mò ce n’ho 45!» «Si. E io me so
‘nammorato de te co sti ginze! Ciavevi ‘n gran ber culo…e ancora oggi. Nun so cambiati li ginze
ma manco er culo!» «Certo, certo! E io si vojo quarche cosa, perché io ce lo so, te te devo da
venì ‘a sculettà davanti. Vero?» «Bella stà cosa Nì» Je faccio. «Ma Eli te sculetta davanti?»
«Perché nun ce lo sai che ‘e Donne si vonno quarche cosa da noi ciò sanno come se fa? Ma
perché tu Moje, Arvà, nun te sculetta quarche vorta?» «Oddio Nico! Me fai ‘mpazzi! Ma te cià
vedi Valeria che viè e me sculetta davanti? Ma noi semo de ‘n’artra generazzione. Anzi come
dico io “semo diversamente giovani”. Semo d’artri tempi. A l’antica. E li sculettamenti nun
s’usaveno!» «Si. E’ vero! Scuseme Arvà nun volevo offenne né te né Valeria!» «Nun te preoccupà
che nun s’offennemo. Ma dimme. E allora? Che è successo?» «E’ successo che a
faccenna è ita a fini a schifio. Perché Eli ha seguitato e più annava avanti e piu tirava fora er
veleno. Io poi ciò messo der mio perché a ‘n certo momento ho detto: abbasta! Ciavemo ‘a crisi
economica e tutti sti consumi nun se ponno fa! Tocca a risparmià. Basta co’ sto consumismo
sfrenato, co’ l’esibbizzionismo! Punto e basta!» «A si?» M’ha risposto Eli. «Consumismo
sfrenato pe te è compramme quarche cosa ‘na vorta gni du anni? S’arisparmia quanno se tratta
de me.Te mo te sei comprato er compiutere novo “perché bigna esse aggiornati!”. E io che vado
vestita come una de l’anni trenta? Li vestiti che ciò e più de uno, so de mi Madre che li ho
rimessi a posto. Ma che devo da fa? Me devo da fa l’amante pe compramme quarche cosa?»
«Arvà. Io detesto queli che meneno a ‘e donne. E figurete queli che l’ammazzeno. Però in quer
momento ero imbestialito e prima de commette quarche cazzata ho operto a porta de casa e so
uscito. Ma ero fora d’a grazzia de Dio! Eli aveva esaggerato!!! Giro l’angolo e te vedo Gianni “er
gigante” che sortiva dar Bar. Je dico: “a Già. Vie quà! Damme du schiaffi. Ma dammeli belli e
forte”. Gianni m’ha arifilato du pezze che ancora me gira ‘a testa. Un dolore Arvà. Che
dolore…ma te devo da dì che nun tutti li dolori vengheno pè nòce. So subbito aritornato a casa
cò Eli preoccupata che m’aveva visto sortì ‘ncazzato nero e me stava a aspettà. L’ho presa pè le
braccia. L’ho fatta mette a sede ar divano. Jè so ito davanti…» «vabbè! A Nico! Ma che mo
m’aricconi de come hai fatto sesso cò tu moje?» «E no, Arvà. M’hai ‘nterotto! Famme finì ‘a
frase. Dunque dicevo: Je so ito davanti. Me so girato e ‘o cominciato a sculettà! Eli è scoppiata
in una risata convursa e rideva, rideva. M’ha abbracciato…e ha capito che je stavo a da
raggione…» «Nico. Ciavevi raggione quanno a l’nizio de ariccontamme tutto m’hai detto:
“Arvà, me sa che te faccio ride”. Me stai a fa piscià sotto da ride! Ahahahah…che scena.
Te che sculetti! Poi però te dico puro: A Nì. Ma che vergogna! Ma che schifoooo!»


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)

Gesù a Gerusalemme scaccia i mercanti che trafficavano nel tempio.


NOTA: mi si perdoni se in qualche punto sono blasfemo ma chi mi conosce da
sempre sa che io sono molto legato a Gesù, per quello che ha rappresentato, per
quello che ha fatto per l’umanità e per cio’ che ancora oggi insegna: ”Gesù esercitò
un influsso unico sul pensiero religioso, ed è impossibile trovare nella fede
Cristiana una sola concezione che, a contatto con Lui, non sia stata elevata e
trasformata”. Ed è per questo e per tutto il resto che io amo Gesù!!!

Alvaro Cardarelli
°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^
Ner Tempio trovò li mercanti de bovi, de pecore e de colombe e i trafficoni de sòrdi sporchi.
Tutti a sede. Allora “ar fly”, t’armò ’na canizza che nun ce se pò crede! Se fece ‘n flagello cò de
le cordicelle e cominciò a menà come ‘n facocchio. E ner frattempo, ‘ncazzato nero, strillava:
“l’anima de li mejio mortacci vostri, brutti fij de ‘na gran mignotta, mò si nun ve levate da li
cojioni me ve faccio uno pè uno e ve manno ar cacatore pè sei mesi filati!”. S’avvicinò ‘n
Discepolo e je disse “Maestro scialla, scialla”. E Lui: “scialla ‘n cazzo!”. Tante ereno ‘e botte
che dava, che li mercanti se la filorno e de corsa. Nun contento che queli se la davano a
gambe, cominciò a rivortaje tutto quelo che trovava n’ piedi! Arivortava i banchetti de li
cambiavalute, arivortava li bovi, ‘e pecore e aribartava puro e colombe. Poi disse:”brutti stronzi
cacati ‘n testa, portate via fino all’urtima cosa che ciavete e nun provate più a scambià ‘a casa
der Padre mio (che ha fatto ‘n culo così pè compralla), pè ‘n mercato de frutta e verdura.
E ringraziate Iddio (cioè mi Padre) che oggi già j’ho dato de brutto, sinnò ve riempivo er culo
de noccioline americane”. Poi rivorto a ‘n Discepolo che je faceva notà che “a quer tempo” ‘e
noccioline americane nun c’erano ancora, disse: “Fatte però li cazzi tua che a me, si me va, cò
du scoregge faccio l’america. Hai capito? Si?”. Poi rivorto a l’Ebbrei che je domannaveno:“ma
che fine fa er Tempio?”, je rispose:“ ‘o distruggemo tutto!”. Ma l’ebrei aricominciareno: “si
vabbè” dissero, “ma poi ’o ricostruimo? Ce sò voluti quarantasei anni pè costruillo e mica
potemo aspetta n’antri quarantasei anni!”. Lui arispose:“ ’o ricostruirò e in tre giorni!” “Cazzo”
dissero allora l’Ebrei, “e come farai?” E lui:”e che pisello ne sò? Chiamerò Cartaggirone e j’ho
faccio aricostrui e nemmanco ‘o pago!” Più tardi, quanno pensò de morì e poi fu risuscitato da’
morì, li Discepoli s’aricordonno che Egli aveva detto questo e credettero alla Scrittura ed alle
sue parole. E a proposito dè costruì. Quanno che decise che a Roma se dovesse costruì
S.Pietro, Gesù chiamo Simone, un pescatore ignorante come un politico d‘a cammera de li
deputati e je disse: “tu sei Pietro”. E quello, che ciaveva puro raggione, j’arispose: “Maestro.
Ma che hai ciucciato? Hai ciucciato er Frascati Doc? Guarda che io me chiamo Simone. Pietro
te ce chiamerai te!”.“Stà a sentì” disse Gesù ‘ncazzato, “ma de tanti spermatozoi che j’ho dato,
tu madre ha scerto proprio er più cojone pè fa te? Eppoi nun inziste che sinnò te parcheggio e
mano ‘n faccia. Tu sei Pietro e nun fa er testa de cazzo.Te annerai a Roma e costruirai ‘a
Chiesa mia. Vabbuò? Ma stà attento: nun vojo li preti, er papa, li vescovi, li cardinali e le
moniche! Hai capito? Mbè. Mo pià er motore e vai!” E Pietro prese ‘a Vespa e annò! Ma nun
dette tanto retta ar suo Maestro e nun fece ‘e cose per bene e pè questo fu crocifisso a
capoccia ‘n giù tanto è vero che chi passava je domandava: “a morto! Ma che hai
scapocciato?”. “No” arisponneva Pietro “è che nun me sò aricordato che er Maestro nun
voleva er Vaticano. E io je ciò fatto fà puro er Colonnato dar Bernini. E ciò spostato puro
l’Obelisco che li Romani aveveno fregato all’Egizziani! Sicchè merda che sò stato!. Amen. Anzi,
Amenne!!!”


Alvaro Cardarelli

Write comment (0 Comments)
 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”