BRUTTA VECCHIA E CATTIVA

BRUTTA VECCHIA E CATTIVA

Ottobre 2011


Fausto abbita a la Garbatella andove è nato e cresciuto. Stà sempre vicino a Largo delle 7
Chiese. E’ sposato. ‘A moje sta quasi sempre cò lui. ‘Na coppia normale che tutto farebbe,
forchè ‘n pò de gossippe. Urtimamente, invece, Fausto m’ha riccontato che de fronte a lui
ciàbbita una che, a detta de lui, è ’a donna più perfida che ha conosciuto ‘n vita sua. “Arvà”
m’ha detto. “Nun poi capì. E’ puro brutta! Mai sentita parlà normale. Solo offese! L’uniche
vorte che parla è pè inzurtà quarcuno che passa sotto ‘e finestre sue. All’ommini je strilla: ‘a
stronzo, ‘a checca, ‘a poveraccio, ‘a cornutone. E sà pìa puro cò e donne. Anzi! Pè fatte capì
Arva. Passa ‘na donna ‘n’pò cicciotta, je strilla: ‘A rocchio de vitella. ‘A cozza. Ar posto dè le
cianche ciai dù zampi dè maiale…ce l’ha cor monno intero. ‘A cosa curiosa poi è che, nisuno sà
gnente. Nisuno ‘a conosce. L’unico fatto che semo riusciti a ricostruì è che deve da esse
vecchia, mòrto vecchia! Mi moje, che tu sai che è ‘na bonacciona, inzurtata, ha perzo a
pazienza e j’ha strillato: “A disgrazzia vivente! Ma quanto penzi de durà? Guarda che mori
puro te!”. Nun l’avesse mai fatto Arvà. ‘A perfida s’è ritirata ‘n pò drento casa perché mi moje
nun ‘a vedesse e ha attaccato: senti a pora scema, io te vengo a accompagnà quanno che
mori. Anzi t’ho prometto! M’anzai e risate che me faccio. Te morta davanti e io viva dè dietro.
Me devo da portà er zipeppe perché de sicuro ridenno, ridenno…me posso piscià sotto.
“E ‘n’ha finiva più. E quanno stava p’ esaggerà, pè fortuna, stavo arivanno io da mi moje che
ho preso pè ‘n braccio e l’ho portata via. Tempo addietro, ‘n vicino dè casa, voleva annà dai
Carabbigneri, nun solo pè eventuarmente sporge denuncia, ma puro pè faje fà ‘na visitina”.
“’Na visitina?”. Dimanno. “‘Na visitina? E pè fa che?” “Arvà…’na visitina pe fa che? Come? Ma
si se chiedemo tutti ner vicinato: ma questa come vive? Che fà tutto er giorno? Chi è? Che
magna? Quanno sorte de’ casa? De’ notte? Boh? C’è puro da aggiugne che quarcuno comincia
a avecce paura, nun solo pè se stesso, ma puro pè li ragazzini”. “Si. Ciai raggione, ma fermete
a Fa”, je dico. “Qui c’è da fà quarche cosa de serio. Nun saprei che, ma bigna fa quarche
cosa!”. Quarche giorno doppo me viè a chiamà Fausto. Io stavo a casa. M’affaccio e Fausto me
dice: “scegni Arvà. Te devo da parlà”. Scegno, puro incuriosito e come m’avvicino Fausto me
dice: ”Arvà, te devo d’ariccontà n’artro fatto. T’aricordi er Vinaville? Detto puro ‘er Bosticche,
perché è appiccicaticcio e si te becca, nun t’ho levi più de torno”. “Ma chi Bruno? Er Vinaville?
Ma certo” dico. “Che j’è successo? Ma aho” je dico secco ” ‘n momento a Fà. Ma ‘a vecchia
brutta e cattiva? Nun me dichi gnente d’a vecchia?”. “Si. Doppo. Mò fatte dì stà cosa! E stà a
sentì! ‘N’amico che pè lavoro è dovuto annà a l’Estero, ha lassato ar Vinaville, Bosticche ‘a
casa pè stà tranquillo. Pare che prima dè parti abbia detto a Bruno: ‘a Bru’. A casa mia ce poi
annà quanno che te pare. Portece puro chi te pare. ‘Na cosa però ma devi da fà. ‘Gni tanto,
sempre pè piacere, vacce. Sai, ho letto su ‘n Giornale che è ‘n periodo che occupeno ‘e case.
E tu capischi Bru! Quanno c’aritorno me piacerebbe aritrovà casa mia e senza stà a ricore a li
Carabbigneri”. “Aho!” chiedo. “Nun me dì che Bruno j’ha detto de no!”. “No Arvà. Anzi. Nun ce
và a dormì. No. Và però in quela casa tutti li giorni. Poi, ‘a notte, và a dormì a casa sua e er
giorno doppo rivà da l’amico”. “Scuseme Fa”, dico, “io nun ho ancora capito andò stà ‘a
gravità der fatto, si de gravità se parla!”. A stò punto Fausto cambia tono e più ‘ncazzato dice:
“Arvà. Aspetta. Adesso è mejo che riparlamo d’à vecchia. T’aricordi è? E sì che t’aricordi! Mbè.
Da ‘n pò de giorni ‘a tenevamo d’occhio. Facevamo li turni e cò l’orecchie appizzate. Io facevo
er turno d‘a matina. Aspettavo che opriva ‘e persiane e poi me n’annavo. Ieri matina nun
opriva e quanno è arivato l’amico pè damme er cambio, se semo conzurtati e avemo deciso de
fasse coraggio e de salì a vède. Sai, se semo detti, vecchia com’è, annamo a vède si è morta
o stà penzanno de morì! ‘A faccio corta Arvà. ‘A vecchia stava bene. Dormiva! E indovina ‘n pò
chi era ‘a vecchia? Quer fio dè nà m…amma sua de’ Bruno er Vinaville. Che faceva? Se
metteva ‘na perucca da vecchia. S’affacciava e ce rompeva le palle a tutti. E cià puro messo
pavura”. “Vabbè”, dico io pè carmallo, mò stattene tranquillino. L’importante è che state tutti
bene e che puro quell‘imbecille stà bene!” “Stà beeeeene Arvà?”. “Aho!” Dico secco.”Tu, dù
minuti fa, m’hai detto: ‘a vecchia stava bene. Dormiva. O ho capito male?”. “Noooo hai capito
bene Arvà! ‘A vecchia staaaava bene! Perché mò, dopo li carci che j’avemo dato nu ‘o sò si je
basterà ‘na settimana d’Ospedale e 10 giorni dè convalescenza pè rimettese ‘n piedi!
L’anima de li mejo mortacci sui e der nonno!!!
Alvaro Cardarelli
2