BRIGGIDA ‘A PORTIERA E ER CELLULARE

BRIGGIDA ‘A PORTIERA E ER CELLULARE


Carlo (Carletto), ha sempre trovato spunto, nei racconti che me fà, da Briggida ‘a Portiera dè casa
sua. Da ‘n po’ de tempo nun me ne parlava nemmeno. Tanto è vero che je volevo chiede si
ciavesse litigato. Invece, ecchetechè, me dice: “Arvà ciò l’urtima su Briggida. Però te devo dì Arvà
che stavorta je dò raggione”. “Vabbè”, dico io, “ma aricconteme er fatto che è mejo. Sinnò come
faccio a capì si cià raggione o no?”. “Si Arvà. Allora: urtimamente Briggida s’è ‘ngrassata, nun
tanto, ma s’è ‘ngrassata. E pè lei è ‘n guaio perché, già er culo ce l’aveva abbondante e adesso è
‘na culona. Tutte le Signore Inquiline a daje consij. Una je fà: <a Brì, fai questo e fai quelo>.
N’antra: <a Brì te dò ‘na dieta che perdi subbito sette chili>. E, a la fine, ‘a cosa che piace più dè
tutte a Briggida: <a Bri>, je dice ‘Anna ‘a roscia’, <perchè nun te scrivi ar Centro Benessere andò
vado io? E’ puro vicino casa! Eppoi nun costa manco ‘na tombola. Lì pòi fà er trattamento
anticellulite, trattamento ar seno, ar culo, l’elettrostimolazione, ‘a fangoterapia. Eppoi ‘a Piscina!
Nun sai quanto fa bene ‘a Piscina...rilassa, fà dimagrì, te rassoda er culotto. Inzomma: ma nun
vedi come sò diventata io? T’aricordi com’ero? Guardeme adesso! Sò n’alice sò. Eppoi ho perso
armeno cinque chili dè culo e dovressi da vede ‘e cosce! Tornite, sode, senza ‘n filo dè grasso!
E le zinne? ‘No spettacolo! Poi ‘a Brì fai ‘na cosa. Intanto ‘ncominci cò ‘a Piscina. Così t’ambienti.
Li te fai puro ‘n sacco d’amiche. Poi, cor tempo, passi a artre cose>. A’ pora Briggida, rincojonita
da tutte quele parole e tremebonda arisponne: <si. Ma io me vergogno. Ma io nun sò annata mai in
posti come questi. Io tutt’ar più me sò spojata ar mare, ma c’era mi marito…eppoi che me metto?
Er perizona? Io me vergogno!> <Aho!> je fà Anna ‘a roscia, <ma de che parlamo? Ma de che
perizona parli (perizoma poi, no perizona cò ‘a enne). Lì, in Piscina, se usa er costume intero.
Quarcuno porta er bikini, ma a te che te frega? Te metti ‘n costume quarsiasi e vai!>. “Ma Arvà”,
ripija Carletto, “nun è questo er punto der casino che è successo. Er mejo viè adesso! Perché
Briggida s’è scritta davero ar Centro Benessere e s’è abbonata a la Piscina. Er primo giorno ce và
tutta ‘mpaurita e comincia a salutà questo, questa, quelo e quela. Tutta educatina che, inzomma
Arvà, dimesela tutta. Nun è che Briggida sia er massimo in fatto d’educazione e tenera né li scambi
cò l’artre persone. Come sai, nun è nimmanco Romana, è burina. Ha ‘mparato er dialetto
Romanesco, però resta burina! Vabbè! Quanno che entra drento a ‘o spojatojo, trova naturalmente
tutte femmine. Tutte scicchettose e cò l’ere moscia. Fino a qui, tutto bene: <buongiorno, buon
pranzo, ci vediamo domani e cose così>. Succede però che ‘n giorno Briggida se stà ‘a spojà e
squilla ‘n cellulare. Nisuno arisponne. Er cellulare seguita a sonà. ‘E femmine, che staveno a
chiacchierà a n’antra parte d’a Piscina, quasi ‘n coro strilleno a Briggida: <aho! Ma vòi arisponne a
quer cazzo dè telefonino?>. Dimenticanno l’ere moscia, l’eleganza nel parlare ecc. Briggida, presa
a’ la sprovista, ma cor culone che già je rodeva, pija er cellulare e dice <pronto!>. Ar cellulare, che
ciaveva er vivavoce inserito, arisponne ‘na voce d’omo che fà: <amò. Che famo stasera? Venghi tu
da me o io da te?>. Ar che Briggida, puro pè nun dalla vinta all’artre che ner frattempo s’ereno
messe a sentì, <nun sò>, dice cò ‘na vocina sessuologica, <vedi tu. Come te senti mejo!>.
E dall’artra parte: <ma famo robba?>. E lei: <aho. Ma che voi dì che famo sesso? E certo che famo
sesso>. Poi chiude ‘a conversazione e cò l’aria truce e a voce arta, strilla: <aho! Ma de chi cazzo è
stò telefonino? E perché m’avete detto d’arisponne? ‘A stronze! Ma cò chi ve credete da stà a
scherzà. Fate schifo solo a guardavve. Voi nun sete donne sete cacatori>. <A bella>, je fa una,
<ma te sei mai vista a’ o’ specchio? Ciai ‘e zinne così calate che si ariva Totti ce se mette a
palleggià>. <Ansenti chi parla>, je fà Briggida, <a proposito dè cose basse! Tieni nu culo accusì
vascio cà te servono i mutande cò u taccu pè nun e fà struscià pi terra!>. <Aho, strilla n’antra, ma
come parli? Ma c’hai detto? Ma che sei dè Cappadocia?> <Dè Cappadocia ‘n par dè palle. Mò t’ho
traduco in Romanesco ‘a mbecille> je fà Brigggida <Ho detto che ciai er culo tarmente basso che
porti dè sicuro ‘e mutanne cor tacco pè nun strusciallo pè tera>”. “Arvà” me fa Carletto “er resto
sarebbe mejo che nun t’aricconno! E’ successo che hanno dovuto chiamà li Carabbigneri. L’hanno
dovute separà e levà ciocche dè capelli strappati tra ‘e deta de ‘e mano.” “E Briggida? E er Centro
benessere? “, domanno io. “Finito.Tutto finito Arvà. E er peggio è che hanno cacciato via puro
Anna a roscia, corpevole d’avè presentato Briggida”. “Robba da matti”, dico io. “Ciao Carlo. A la
prossima dè Briggida. Tanto ormai ciò sapemo tutti e dua che ce sarà ‘na prossima vorta”.


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline