BRIGGIDA ER MECCANICO E...

 

Briggida. Er meccanico e ‘n gatto

“Arvà, me fa Carletto, te cerco da tre giorni. M’andò stavi?”

“A Carlo andò stavo? Ciò avuto da fà, mica me so divertito! Ma che me volevi da dì Carlè? “ “Ma gnente dè serio. Te volevo ariccontà l’urtima avventura dè Briggida ‘a Portiera mia. T’aricordi?” “E come nun m’aricordo? Quela che quanno dorme ‘n guardiola nun vò esse disturbata…”. “Si Arvà. Proprio lei. Dunque: vicino ar Palazzo andò abbito io e Briggida fà ‘a Portiera, ce stà ‘n Villinetto er cui proprietario vive da solo.  E’ ’na persona per bene e nun rompe. Vive lui da solo e ‘n gatto. Mò ecchetechè giorni addietro Briggida sentiva che er gatto miagolava come fusse disperato. E difatti, er gatto s’era ficcato cò ‘a testa drento ‘e sbare d ‘a cancellata che circonna er Villinetto e più tirava ‘ndietro e più strillava. Inzomma. Briggida decide che deve da capì meijo. Fa er giro der Villino. Bussa ar portone. Una, due , tre vorte e visto che nun j’arisponne nisuno, comincia a chiamà er Padrone der Villino, prima piano eppoi cò quanta voce ciaveva. <Sor Girolamoooo…sor Girolamoooo…> ma gnente. Er Villino pareva disabbitato. Er gatto però seguitava a lamentasse. Allora Briggida cià ‘n lampo. Và dar meccanico vicino che tra li lavoranti ce n’ha uno arto più d’un metro e novanta e je dice: “aho. Tu che sei arto viè ‘n pò co’ me che me devi da da ‘na mano!” Quello, er meccanico, senza arisponne je s’accoda e Briggida lo porta ar Villino e je spiega tutto. Er meccanico, guarda. E più guarda e più pare sconsolato.

Dice: “a Signò e qui come famo? Drento nun ce se pò annà perché ce sò tutte st’inferiate. Er padrone nun apre e er gatto stà ‘ncastrato drento l’inferiata più arta”.

Poi er lampo puro a lui! “A Signò venite cò me! Annamo a quel’inferiata ‘n pò più bassa”. Detto fatto. “E mò?” je chiede Briggida, che ner frattempo s’era resa conto che nun avrebbero mai scavarcato nè lei nè lui. “E mò come famo?”. “A Signò”, dice er meccanico, “ciò n’idea. Voi ve mettete a cavacecio sur collo mio e io ve sollevo. Così  voi provate a scavarcà! E doppo liberà er gatto è ‘n gioco de regazzi!” “Si vabbè!”, je dice Briggida, “ma io so ‘na donna e nun me sò messa manco li carzoni. Cò stà gonna come faccio a metteme a cavacieci sur collo tuo? E cerca dè capimme! Ma ‘nziamai ce vede quarcuno, ma che penza?” “A Sora Bri” fa er meccanico anche ‘n pò seccatello, “si ciavete n’idea mejo tiratela fora. Pè me però è ‘na bella soluzzione!”. “E certo je fà Briggida, a te nun te pare vero dè ficcamme ‘a testa sotto”. “ ’A sora Bri e nun me potete fà perde tempo. Io ciò da lavorà, ciò!”. E Briggida ‘n po’ incazzata: “Vabbè. Daje và e famela finita!” “A Signò. E pare che me fate ‘n piacere!”. “E ‘nzomma” j’arisponne Briggida. “E mica tutti li giorni ficchi er collo sotto e cosce dè ‘na donna!”. “Si vabbè! A Signò che dovemo da fa?”.

Epperò Briggida a cavacecio sur collo der meccanico nun cià fà ‘o stesso a scavarcà e allora er meccanico cò due, tre scrollate bene assestate fa ‘n modo che ‘a testa sua finisce proprio…ner mezzo dè ‘e cosce dè Briggida, là andò cià er mejo de se stessa, e ‘a solleva de più dè prima mettennesela…‘n testa. “E qui Arvà er dramma” me fà Carlo. “Briggida tutta protesa a scavarcà cor meccanico ‘n mezzo a ‘e cosce (‘n po’ più su!), perde l’equilibrio e finisce cò a testa quasi pè tera e le gambe per aria e cò ‘a testa der meccanico che affiorava da dè sotto a lei. Arvà. In quer preciso momento er Padrone der Villino esce dall’angolo e vede Briggida in quela posizione cò ‘e gambe per aria e er meccanico che s’era piegato sotto ar peso de Briggida, ma era restato cò à testa fra ‘e cosce d’ ‘a portiera”.  “E er padrone der villino che fa?” Domanno io.

“Che fa Arvà? Li guarda e cercanno dè restà carmo dice: “Embe’?”

“Embè che?” jarisponne Briggida. “Embè ‘o dico io a vvoi! Che fate ‘e zozzerie a casa mia? E le fate strane come Carlo Verdone? Ma voi, sora spò, nun ve vergognate cò ‘n regazzo che ve potrebbe esse, nun dico fijo, ma fratello più piccolo si!”

“Ahè, strilla Briggida, ma che cazzo avete capito? Io ‘o stò a fà per gatto vostro!”.

“A si? E er gatto mio che c’entra cò e zozzerie che state a fa voi?”.

“Inzomma”, riprenne a riccontà Carlo. “Ce sò voluti dù giorni pè fa capì ar Sor Gerolamo dè ‘a sincerità e d’onestà dè Briggida che ha però sentenziato:

“ ‘n’antra vorta er gatto suo j’ho schiaffo tra ‘e palle, j’ho schiaffo!”.

“Ciao Arva. A la prossima”.

“E tanto a Carlè, cò Briggida ce po’ esse quasi dè sicuro ‘na prossima. Ciao”.

 

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline