BELENNE/VANDINA

BELENNE/VANDINA                                                                             Marzo 2012


«Arvaro mio che è successo a casa mia!», attacca Sandro“ Conoscendo Sandro ho subbito
domannato: “che è successo Sà che te vedo affannato quanno parli?”
«Arvaro mio che traggedia!». “Senti a Sà, mo nun comincià cò li preamboli tui che sò lunghi ‘na
quaresima! Viè ar sodo. Daje! “. «Arvà ieri sera rientro a casa e Vanda me fa:
«Hai visto ieri sera Belenne a Sanremo si che tatuaggio che ciaveva…hai visto si che farfalla…»
«No», j’ho risposto, «io er festival de Sanremo n’o guardo». «E che guardi?», ha insistito lei,
«si nun guardi Sanremo come tutti l’Itagliani, ma che guardi?».
«Ma io n’a guardo volentieri ‘a Tv. A si! Sai che guardo? Guardo Ballanno cò ‘e stelle. Me piace
come balleno puro queli che nun hanno mai ballato!». «Inzomma. Me vòi dì che Belenne nun l’hai
vista e che a te ‘e belle gnocche nun t’enteresseno più!». «A Và. Ma perché te scalli tanto?
Perché nun ho visto er Festival de Sanremo? Ma a me nun me ne frega ‘na cippa der Festival.
Sò finiti li tempi de Claudio Villa, de Nilla Pizzi e compagnia bella. Quelle ereno canzoni…e adesso
du palle Và!» «Si ma c’era puro Celentano che ha fatto certi sermoni…se l’è presa cò tutti.
Puro cò li Preti, li Partiti e ‘a Politica!» «Arvà. A quer punto ho guardato mi moje e nun sapevo si
ammazzalla subbito o dopo magnato. Ma ciò avuto ‘a forza de restà carmo e ho chiesto gentir -
mente: Vanda, Vandina mia. Ma che è che vòi? Ma mò che voi da me? Eh? Nun ho visto San -
remo? Ma mò me vòi sparà pè questo? Vabbè. Ho sbajato. ‘O dovevo da vede, magara pè fatte
contenta. Ma nun l’ho visto! E allora aricconteme Va. Che artro è successo a Sanremo?
Si. C’era Belenne e si nun ho capito male ciaveva ‘n tatuaggio su ‘a spalla. Ok. Che artro?»
«Su ‘a spallaaaaa? Ma che dichi? Ciaveva su ‘na coscia!» «E vabbè. Ciaveva su ‘na coscia e
allora? A quer momento Arvà, Vanda me viè sotto ar viso e comincia a soffiamme: «Belenne nun
se l’è fatto sempricemente su ‘na coscia er tatuaggio, ma quassù ar limite dè…dè…dèèè…’a
panza e spostato ‘n pò verso…verso…verso…’a cosa’!» «Verso ‘a cosa? Ma che era gnuda?»
«No. Ma ‘nzomma…» «ma ‘nzomma, ma ‘nzomma. Era gnuda o no?». «No nun era gnuda.
Ciaveva un dilongo colorato che je arivava fino a li piedi. Lei però, cò ‘a manina, teneva tutta a
parte destra tirata su ‘n modo che se vedesse tutta a coscia e fino a…»
«Si Vanda. Ho capito. ‘Nzomma me so persò ‘no spettacolo secsi?».
«E sì. Te sei proprio perzo ‘n granne spettacolo, ma nun te preoccupà che t’ho faccio rivedè io.
E prima che t’immaggini.» «Ma nun me dì! Hai comprato ‘n registratore e nun m’hai detto…e hai
registrato tutto?» «Aho! Ma che reggistratore e reggistratore der piffero! Si se l’è fatta Belenne a
farfallina m‘a posso fà puro io. E seconno me nun costa nemmeno tanto. Me sò già ‘nformata e
m’hanno detto che costerebbe meno dè 500 euri. E nemmanco c’è dolore. Prima te disegneno su
a coscia ‘a farfallina e poi cò n’aghetto cominceno a fatte er tatuaggio. Doppo n’oretta è tutto fatto!
A me però deveno stà attenti sortanto a che artezza me fanno er tatuaggio. Io ‘o vojo più su possi
bile così ‘o vedi solo te e ar mare nun se vede. Pè er resto…a Sa. Ce penzi quanno che me te
presento così si che pezzo de gnocca che sò! Eppoi nun sarò bella come Belenne ma ‘nzomma» .
«Arvà. So stato zitto pè tutta ‘a tiritera che ha fatto Vanda. Poi però sò sbottato e j’ho detto tutto
quelo che me veniva su ‘a lingua. Ma su ‘a lingua mia ‘ncazzata!» «’A Sa. Puro io so stato zitto
fino a mò. Ma cerca dè famme capì si come è ita a finì che sinnò divento scemo!»
«Si Arvà ciai raggione puro te. Che j’ho detto? E che j’ho detto? Beh ‘nzacco de cose ma quela
che l’ha fatta ‘ncazzà de più è quanno che j’ho detto: A Và. Sei mi moje da ‘na vita e sai che te
vojo bene, ma fammetelo dì: ma te tatuaggi ‘na farfallina? A Và pesi 85 chili e ciai na panza che
inzomma...pè fatte ‘na farfallina a te ce vorrebbero 2/3000 euri e nun basterebbero dù mesi!
E a quer punto...» «E a quer punto Sa?» «Eh! A quer punto ha operto ‘a porta de casa e se n’è
annata. Stà d’a sorella che abbita a via dell’Armatori e da 15 giorni. E nun se vede aria che
aritorna. Nun arisponne nemmeno ar talefeno! Me manca Arvà! Me manca Vandina mia!»
«Si. A Sa. Prima dichi che pesa 85 kili eppoi ‘a chiami Vandina! Fatte ‘na telefonata ar cervello cor
cellulare e mettetece d’accordo. Aspetta! Famme fà a me! Ciò sai che tu moje m’ha sempre voluto
bene come a ‘n fratello. Ce provo a talefenaje io. Poi vedemo…»
E’ passata ‘na settimana e sò tornati insieme. Pianti abbracci e davanti a me! E senza ritegno!
L’urtima che ho saputo però è che…Sandro, giorni addietro ha domannato a Vanda:
«A Va, ma che fine ha fatto ‘a farfallina? Ma nun te la fai più?» A quer punto Vandina ha tirato su
er vestito da ‘na parte e ha fatto vede a Sandro ‘a coscia “più su, più su possibile”, dicenno:
«Sandrino mio. Ma che vòi dè più! Ma becchete stà robba! Guarda! Ma te serve ‘na farfallina pè
‘npazzi? Stà mostra dè bellezza nun te basta?».
Io quanno che l’ho saputo ho commentato morto banarmente! “è robba da matti!”
Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline