QUI NUN SE MAGNA' PIU'

 

 

 

 

Si c'è ‘na cosa che me fa venì ‘e “paturnie” è che a nun se riesce più a magnà a la Romana. Nun è che è solo a casa. Ma vattene! Ar ristorante, a la tavola calla, ‘n pizzeria. Dice: “perchè nun se magna più?”. «Perché oramai li piatti che se fanno nun so più li piatti d’a cucina Romana ma straniera. E spesso somijeno più a ‘na bujacca che a ‘n piatto da magnà!»
“Per esempio?” «E per esempio ‘a cucina Arabba cor Couscous e er Tagine de carne. Quela Greca cò ‘a Feta e ‘a Moussaka. L’ Eggizziana cor Mahshy e ’a Marocchina cò ‘a pastilla, ‘a tanjia e l'harira. Abbada che io sti piatti nun saprei nemmeno si come se chiameno. Me l’ha insegnati ‘n Amico che ha girato er Mediteraneo pè lavoro. Capimese! Nun è che nun so piatti da provà! Ma che tu a Roma, in un menù, me presenti tutto questo ar posto der magnà de noantri, ‘mbe’ ce ne còre…mò va tanto de moda ‘a pasta de Kamut» “Arvà. Ma mò che cavolo è 'sto Kamut?” «Io nun so nemmeno sicuro de nominallo bene! Me pare però d’avè capito che è un tipo dè grano Africano che è mejo der grano nostro pè li contenuti nutrizzionali» “E vabbè! Ma andò stava fino adesso?” «E che ne so? So solo che ‘e quattro Amiche nostre, mie e di mi Moje, l’addopreno tutte e nun se ne staccheno più. Ce fanno ‘a pasta de Kamut. ‘A pizza de Kamut. Ma ‘a cosa che più me preoccupa è che ho scoperto che nun se magna. Nun magna più nissuno! Andò so finite ‘e vecchie abbuffate de ‘na vorta? Prova a annà a cena cò quarche Amico e t’accorgi che mica magna. Spizzica! Aho! Tu ciò sai che si c’è ‘na Zona de Roma andò se magna bene e nun devi manco annà lontano, questa è ‘a Garbatella! Ciavemo li Ristoranti che cucineno a la Romana e andò vai, vai! Da Marisa, da Attilio, da Bruno e artri. Se magna bene e dapertutto. ‘Mbe’. Stà a sentì! Semo iti n’quattro a un Ristorante e a da vede che sofferenza! Quela ‘a carbonara nun la magna. Quell’antra preferisce sartà er primo! Che palle!!! Ma te dico puro ‘n’artra cosa che m’è successa. Gioveddì 13 marzo, pè festeggia er compleanno mio, ho invitato ‘n ber gruppetto d’Amichi  e Amiche a cena a casa mia.
‘Na traggedia! Cinzia è diventata vegana che vordì vegetariana. Bruna è celiaca e nun pò magnà quasi gnente. Luigi cià er diabbete. Alfo nun cià gnente ma nun magna ‘o stesso. Silvia stà a dieta e manna giù solo “er cibbo ipocalorico”. Corado è intollerante ar latte e derivati. Daniela è allergica a tutto er magnà de colore rosso, Ludovica nun po’ magnà li legumi. Ottavio è grasso e fa ‘a dieta der minestrone. Roberto e ’a moje Rita magneno sortanto er cibo biologgico e Francesca, ‘a Bancaria, s’alimenta solo appunto der famiggerato Kamut. Capirai che pè organizzà ‘n menù de ‘na cena è come fà li cruciverba de Bartezzaghi! Ho pensato de ‘nformamme si esiste un tipo de magnà che va bene pè tutti ma ho capito che nun esiste. E si mai è esistito mò nun c’è nemmeno più. Io m’aricordo de quele belle spaghettate a mezzanotte cò li spaghetti ajo, ojo e peperoncino cò ‘li quali se ingozzavamo. Er profumo de l’ajo, er colore de l’ojo e er pizzicore der peperoncino…che meravija! Artro che “Granne bellezza” de Sorenti no! Ma poi: li cornetti? Li vedi più com’ereno fatti ‘na vorta? Io me sogno queli cornettari de quanno ero regazzino…che li facevano puro “gnudi”. Oppuro drento c’era de tutto! C’era ‘gni ben de Dio! Pieni de panna o de miele…e puro li ciccioni de mezza età se ‘ngozzaveno e senza tanti scrupoli! Er colesterolo? E ched’era? E le ciambelle? E le bombe?. Annamio a Ostia e se fermavamo ar Bar cor diriggibbile che ce scaricava ‘e bombe appena fatte!» “Si Arvà. Ma so cambiati li tempi. ‘Na vorta se poteva parlà de dieta? Ma co chi ne parlavi? ‘E nostre Madri ce metteveno sur tavolino quelo che ciaveveno pè ‘e mano. E si te lamentavi te diceveno:” ‘o magni stà minestra o sarti stà finestra!”  «Si. E’ così! Ma ‘na cosuccia s’a dovemo da dì! Armeno io parlo pe me. P’Arvaro. Io magno de tutto ma senza esaggerà! Eppuro si me guardo a ‘o specchio e me conto e ciambelle e le ciambellette supero er numero de 20. E allora faccio er solito pensiero: da lunedì a dieta!» “Beato te che ce la fa! Io no!”  «Aho! Ma che stai a dì? Co quelo che prepara mi moje come fò a metteme a dieta? Anzi. Ciò sai come va a finì quanno che me vedo a ‘o specchio? No? T’ho dico io. Ce parlo!» “Arvà. Ma nun me fa ride và. Mo parli cò ò specchio?” «Si. E ‘o manno puro a fanculo, ‘o minaccio e je sputo! Je dico che si nun me fa vede ‘n po’ più magro, ‘o rompo! ‘O faccio a pezzettini…’o faccio!!! Ma tanto so tutte chiacchiere. E mi Nonne, che Dio le tenga bene ‘n cielo, quanno che se rompeva ‘no specchio diceveno che portava male. E si è pè questo, puro quanno che je cascava l’ojo. Ma io ciò so perché! Perché l’ojo e o specchio costaveno ‘n botto tutti e dua…»

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline