QUATTRO COPPIE SU DIECI...

Quattro coppie su dieci dicheno addio ar sesso


“Arvà”. Me dice Franco “er Pacoccia”. “Me sò vergognato come ‘n ladro! Perchéèè? Perché ho
letto su li giornali che er maschio latino è finito! Nun c’è più! A Roma poi puro peggio! Pare che
li studiosi hanno fatto ‘na statistica, andove se dice che su circa 400 Cartelle Criniche dè
pazienti, tra li 17 e li 70 anni, s’è scoperto, inzomma…nun sò manco come dittelo, che a letto
stì maschi sò ‘na risata o addirittura nun sò gnente! Ma nun ce posso arivà a crede! Pare puro,
da ‘o stesso studio, che 4 coppie su 10 hanno ammollato li rapporti sessuali. Ma andò vivemo!
Ma poi, tanto pè peggiorà ‘a situazione, ma ce lo sai che semo solo li terzi ner monno? Avemio
preso ‘a medaja dè bronzo dopo li Brasiliani e li Spagnoli! Ma poi, a parte ‘e coppie che è già
grave. Quello che m’ha ‘mbufalito è che la maggioranza sò li maschi che sò li corpevoli più
corpevoli de stò fatto rognoso! Ommini dè 20/50 anni che scappeno davanti a ‘na bella
sgnacchera! Ma poi c’è sò de le cose che nun me quadreno…per esempio: arcuni maschi
fanno sesso solo si ce stanno ‘cose turche’ tipo li travestimenti, oppuro: si se ponno dì ‘n po’
dè parolacce prima ‘der fatto’…eppoi, se fanno li firmati cò li telefonini e li metteno su
Youtubbe! Poi li rivedeno pè eccitasse”. Provo a dì:“’a Pacò posso parlà? Pari er Tevere ‘n
piena! Chiudi ‘n’attimo ‘a bocca che sinnò te se geleno li denti. Allora. Domanna: ma a te dè
tutto questo che te frega?”. “A me? A me Romano e Garbatellese? A me me frega eccome! Me
frega perchè me vergogno! Io che me sò sentito maschio pè ‘na vita e me ce sento ancora!
Arvà. Quanno che noi due e l’amichi nostri ciavevamo 18/20 anni, nun è che ‘e donne ‘e
rimediavamo facirmente! Ma vattene, va! Nun ce usciveno cò noi! Pè fortuna ner gruppo nostro
c’era Fausto er pelato, t’ho ricordi Arva? L’amico che era ‘n po’ più granne de noi che, si
t’aricordi, lavorava drento a ‘n grosso Arbergo a via Veneto e sapeva tre lingue + l’Itagliano.
Noi annavamo dè fora all’Arbergo andò lavorava e quanno lui ce faceva ‘n segno, tutti inzieme
aspettavamo li purmann che uscivano e portaveno ‘e ‘strengia’, come se dice? ‘E ‘strenger’…
‘e straniere inzomma, a Funtan dè Trevi, ar Colosseo ecc. E noi j’annavamo appresso cò ‘e
vespette e le lambrette. E le strengia cò noi ce veniveno perché ce consideraveno “maschi
latini”; cioè “gajardi e tosti”. Cò noi veniveno ‘a pomicià dapertutto. E mò devo da legge che li
maschi romani sò abbioccati, stanchi…sò depressi…sò sfiniti! ‘A verità è che sò mezzecartucce
sò! Ma vaffanculo và! Ma dè che aho? Io mannaggia…è mejo che me stò zitto è mejo, che
a me stè cose me fanno venì ‘e fregne!”. “A Pacò. Ma sò cambiati li tempi…c’hai detto ‘n’attimo
fa? Hai detto ‘che cò noi ce venivano perché ce consideravano maschi latini’. O no? Adesso,
Pacò, sò puro ’e femmine che danno ‘a caccia a li maschi. E femmine sò diventate più
aggressive. E’ finito er tempo dè ‘o ma dai o scegni’. Mo è a te, che si nun te dai da fa, te
fanno scegne. Rennete conto. Stamo ner 2012 mica ner 1955! Penza Pacò. Tu esci. Vedi ‘na
bella gnocca e je fai “a bella pupa che fai stasera? Sei libbera? Volemo annà a ballà? Volemo
annà ar Cinema?”. Quela se gira e te dice: “aho! Ma nun ciai mejo da propone? Ma nun te
tira? Ma Mamma nun t’ha detto gnente? Ma tu Madre nun t’ha spiegato ancora si come se fà?
E svejete! Te lò domanno io: aho! Che fai stasera? Dormi? O sei rincojonito? Ce fai o ce sei?
Sei stupido de tuo o hai studiato pè diventa stupido così?”. E a la fine te dicheno puro: “si me
dichi de sciacquà a sella che stasera se cavarca forse s’encontramo! Sinnò mica ciò tempo da
perde cò te!” A Pacò, mica je poi chiede che fai stasera? Annamo ar Cinema? Te considereno
antico! Queste parleno ‘n linguaggio puro difficile! Tipo: “io vivo interfacciata pè interaggì cò te
e approcciatte. Vòi fa cò me n’esterna?”. Eppoi a Pacò, dimesela tutta. Ciavemo n’età! Si
ancora t’aricordi l’anni ’50 e le ‘strengia’, sei arivato! E noi due semo arivati! Si. Quarche tarda
‘a rimediamo sempre. Ma tutto lì! Ma che te metti a chiede ‘che fai stasera!’. A Pacò, je
dovressi da chiede: “aho ce l’hai appresso er Viagra? Che io m’ò sò scordato a casa…”.


Alvaro Cardarelli