'N'IDEA 'NDA' CAPOCCIA

19.maggio.2013 - Franco stava davanti a ‘o specchio e se pettinava li pochi capelli che jereno rimasti.
«Me sa che je tocca», disse a voce arta. «Je tocca de che?», je chiese Brunella, ‘a moje.

 

«E’ora de rivorgeme a queli de ‘e televennite. C’hai presente a notte, queli che venneno li prodotti pe’ ferma’ ‘a cascata de li capelli?». «Aridaje co’‘ste cazzo de televennite! – quasi urlò Brunella -. Pe’ da’ retta a queli, hai già  comprato quà specie de piccolo ventolatore co’ ‘e pallette che giranno e sbattenno dovrebbero sfina’ ‘e chiappe. Ma fino adesso me so’ solo venuti bozzi e chiazze rosse ar culo».
«E te pareva! - fece sconsolato Franco – Te stò a parlà der dramma che passo co’ li capelli e te te metti a parlà de le chiappe tue!». «E certo! E’ inutile che perdi tempo e butti sordi. C’è ‘na cosa sola che ferma a caduta de li capelli». «E sarebbe?». «Er pavimento. Oppuro: quanno che te cascheno, l’ariccoj». 
«Ma quanto sei cretina! – s’encazzò Franco smettenno de pettinasse - ma tanto si ‘e pomate nun funzioneno, allora me faccio fa er trapianto». «Ma falla finita! Ce so’ centinara d’attori che a esse pelati cianno fatto ‘a fortuna loro!». «E che me frega a me! Faccio er fornaro io, mica faccio er cinemattogra- faro. E poi, aho, che me dichi de Luigi? Lui er trapianto l’ha fatto e senza penzacce troppo: E mò doppo er trapianto che te ne pare?». «Secco com‘è e co’ qua robba ‘n testa me pare ‘o scopettino der cesso».
«Io però mica so’ secco». «E allora sarai ‘no spazzolone pe’ pulì pe’ tera! Ma lassa perde!».
«Ma ‘nzomma...‘na soluzzione ‘a devo puro da trova’».«Intanto – disse Brunella – di ar barbiere tuo de provà a fatte li capelli a fica de gatta?». «Cheee? – strillò Franco – ma che stai a di?» «Mbeh, visto che l’urtima vorta te l’ha fatti a cazzo de cane...prova a fallo cambia!» «A Brù – fece Franco – de le vorte nun te s’aregge proprio!» «Oppuro – ‘ncarzò Brunella - fatte fa ‘n ber tatuaggio su ‘a capoccia. Va puro de moda…». «si. E te fatte dà ‘n’affettata a ‘e chiappe da Vincenzo er pizzicarolo» «Però – aripia Franco – ciò sai che ciai avuto ‘na bell’idea?». «Che idea? – Domannò Brunella. Quela der tatuaggio? E che te ce fai disegna’? Spero ‘n ber  cervello! Armeno a famo finita! Ma prova invece a penzà che ce l’hai li capelli! Come quelo…quelo…nano. Come se chiama?». «Aho! Fermete qui - je fece Franco. Mo te sei capace d’attacca er mejo che c’è ‘n circolazzione. Er più! Ciò sai che guai a chi me lo tocca!»  «Ma chi to tocca? E’ tarmente corto che si tento de daje ‘na manata ‘n faccia  je faccio vento ar parrucchino perché è accosì basso che passa sotto a ‘o schiaffo mio!» «A piccolè!  Damece ‘n tajio – fece Franco cor sighero che je ballava all’angolo d’a bocca p’a rabbia – piuttosto penza che potressimo annà inzieme a fasse fà er tatuaggio. Spenneressimo puro de meno, spenneressimo. Due ar costo de uno sarebbe er massimo! Io me faccio fa ‘n tatuaggio cò ‘n piccolo Coliseo e ‘n par de gladiatori» «E io? – chiese Brunella. Che me ce faccio fa?» «E te, co quer popò de culo che ciai, te potressi fattece fa er Circo Massimo. Oppuro Piazza Navona!» «Ma mbè? Che ciai da ride? – fece Brunella imbufalita – invece su ‘na chiappa me ce faccio fa a testa d’a Funtana de Carlotta. Piccola, carina, co ‘a pettinatura che cià lei» «E a quell’artra chiappa, visto che ce stai - fece Franco - te ce fai fa Piazza Sapeto, carina puro lei…»  «si vabbè. E tra li due, proprio in mezzo, me ce faccio fa ‘a Scalinata de l’innammorati – disse inviperita Brunella. Aho!
‘A volemo fa finita e annassene a letto che è quasi mezzanotte…».  Annorno a letto.
Lui spense ‘a luce. Se girò verso de lei e soffianno  je disse: «Amò. Ce lo sai che te vojo ‘n sacco de bene vero? Ce lo sai che senza de te nun so vive vero?» Ma Brunella s’era offesa. Magara faceva finta de esse offesa pe faje tirà er collo. Tanto ciò sapeva che, gira gira, Franco voleva ‘na cosa sola. Infatti. Brunella capì, se girò verso de lui, j’accostò er viso ar viso suo, allungò ‘na mano e je la mise su a capoccia pelata e comincio a lisciajela. Franco  stava pè ‘ncazzasse. Stava pè dije “aho. Ma che me pij per culo?” Ma ecchete che je venne l’idea. S’accostò a lei. L’abbraccicò e, a proposito de culo, je ce mise tutte e dua ‘e mano sopra. Toccò allora a Brunella piassela a male: «Franchino – je fece, facenno ‘na vocetta da pupa - ma nun te fa schifo er Circo Massimo? Che c’è? Che so sti bacetti sur collo?
E Piazza Navona mo te piace? Allora Franco s’accosto de più. Je diede ‘n bacio su e labbra sfiorannele appena. La strinse ar petto de più e co ‘a voce ormai roca dall’emozione, disse: «tu ciò sai che da regazzo  ho lavorato a Londra. Mbè. Er “coso” tuo potrebbe esse grosso come Trafalgar Square che a me nun me ne fregherebbe gnente!  Io vojo bene a te mica ar “coso” tuo...

Alvaro Cardarelli