'A SIGNORINA ROSALBA

‘A SIGNORINA ROSALBA

15 aprile 2013


De matina presto ‘a Signorina Rosalba oprì l’occhi e guardo’ l’orloggio: ‘e otto e mezza.
Decise de resta’ ancora ‘n po’ sotto ‘e pezze. Ma a la fine se decise. S’arzo’. E se preparò pè
sortì. Nata e cresciuta a la Garbante, a 52 anni nun era bruttaccia…anzi. Ber viso. Bell’occhi.
Belli capelli. E puro er resto, scegnenno in basso, nun era pè gnente male…’A Signorina nun
aveva mai fatto ‘n cazzo! Mai lavorato ‘n vita sua! Fija unica, er padre l’aveva lassata ricca.
Er padre, prima de morì, j’aveva comprato ‘na Villetta a la Garbatella, affacciata su via C.Colombo,
andove lei abbita. Er padre j’aveva comprato puro diversi appartamenti che, cor reddito
de l’affitti, ‘a facesse vive benissimo senza l’assillo de lavora’. Ciaveva pochi amichi e poca voja
de vedelli. Raramente ‘n cinema, da sola e tanta Tv. Quarche rara telefonata ma puro
controvoja. Aveva preso du lauree. Leggeva mòrto! Inzomma: ‘na vita regolare e senza rotture.
Annava avanti cosi’ da anni e penzava puro de morì così. E l’ommini? Nun era tanto interessata.
E pè ’a verità nemmeno l’ommini pè lei. Annò ‘n bagno se lego’ li capelli, nun se trucco’
come sempre e sortì p’annà a fa ‘n po’ de spesa ar mercato de Circonvallazzione Ostiense.
Compro’ poi ‘n giornale e rianno’ verso casa. Mentre che camminava je scivolo’ er giornale pè
tera. Un Signore che passava s’inchino’ e je lo riccorse. Era uno piu’ grande de lei, ma giovanile.
Cor capello brizzolato che fa tanto fascino. Lei ’o guardo’ furastica. «le era caduto, Signora»
disse lui delicatamente. «Grazzie. Ma mica so cosi’ vecchia da nun potemme inchina’». Poi girò
li tacchi 12 e se n’anno’! E penzo’ “ecchene n’artro che cerca rogna. Come n’omo te vede da
sola penza subbito che hai bisogno “d’aiuto”. Aho! Ma chi te l’ha chiesto! Pero’ è bello, garbato
e gentile…”. Inzomma: ‘a Signorina Rosalba era rimasta corpita. E quanno che l’ha portata a
letto p‘a prima vorta, ha penzato che j’aveva fatto fa’ e prova’ cose che nun avrebbe mai creso
che esistessero. Era contenta! Era contenta de esse sua, de nun ave’ più l’idea de chi fosse lei.
Aspettava che lui la chiamasse. Che l’annasse a trova’. Nun dormiva più, nun viveva più, nun
faceva più ‘n cazzo. ‘A vita girava ‘ntorno a lui. A Oreste! Quanno che lui je parlò de li probblemi
economici che ciaveva, lei se offrì de venne ‘n’appartamento, così da potello aiutà a tenè ‘n
piedi ‘a sua attività. E vennette! Lei penzava puro dè sposallo, d’avè un fijo cò lui e magara
d’invecchià inzieme a lui. E lui la faceva contenta quanno che je diceva: ”si amore mio. Tu sei
l’amore de la vita mia. Vedrai. Staremo insieme. Sempre insieme!”. Lui nun annava spesso da
lei. Stava sempre fori Roma pè lavoro. Nun dormiva mai da lei. Nun se faceva vivo pè lunghi
periodi de tempo. E lei, ‘a Signorina Rosalba, ce soffriva. Ma strigneva li denti perché era finarmente
felice. E si nun fosse stato pè quela telefenata arivata su ‘o smartefone de Oreste,
mentre lui faceva ‘a doccia. E si nun fosse pè quer viso de donna comparso su ‘o schermo d’o
smartefone, che lei avrebbe voluto ignorà ma che poi a la fine invece aveva risposto…si nun
fosse che quela apparsa sur cellulare avesse detto: “Oreste. Tesoro. Dove sei? Ti ricordi che
oggi dobbiamo portare i bambini da tua Madre? Per favore. Ci puoi pensare tu?”. Si nun fosse
che a la Signorina Rosalba era crollato er monno addosso! Si nun fosse che…
doppo ‘a spesa ar mercato tornò a casa ed era piuttosto incazzata! Je ce rodeva tanto che,
margrado tutto, penzava sempre a lui. Margrado ormai fosse passato tanto tempo.
Parecchio tempo! Ma sperava dè nun penzacce più e nun ammalasse magara dè depressione!
***************************************************************************
Svotò ‘e buste d’a spesa. Sistemò ‘a bottija der latte in frigo. La verdura ‘nda vaschetta sua.
Chiuse er frigo. Oprì er surgelatore. Un surgelatore piccolo, piccolo, a pozzetto, che aveva fatto
‘nfilà in uno spazietto d’a cucina. Aveva comprato dù buste da 1 chilo l’una de carciofoli surgelati
e voleva sbrigasse prima che se scongelassero. Solo che nun c’entraveno e dovette spostà
de lato ‘a sacchetta cò ‘a testa de Oreste drento, pe potelli sistemà bene e senza rovinalli…
Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline