'A FARMACISTA ROMANISTA(SECONDA)

‘A FARMACISTA ROMANISTA INTEGRALISTA (l’ho conosciuta puro io!!!)

Er primo settembre der 2009, avevo scritto der racconto dè Carletto su ‘a faccenna dè ‘a Farmacista Romanista Integralista e avevo detto che:”tutti i personaggi e i loro nomi erano veri, vivi e veggeti. E che solo dè ‘a Farmacista, Carlo non m’aveva saputo di er nome. Avevo puro scritto che Carlo “m’aveva raccontato questa cosa “vera”, dela quale, personarmente, avevo verificato er tutto!

Er tempo è passato e non ho potuto più aggiunge gnente ar racconto che me fece Carlo. Per esempio: nun ho potuto scrive che da quer giorno ‘a Farmacia dè Carlo è diventata puro ‘a mia. Ero curioso e mòrto preso da ‘a storia dè Carlo che ho cominciato a frequentà stà Farmacia e, in particolare a chiede ‘e medicine a la Farmacista Romanista. Che se chiama Roberta (adesso conosco er nome!). ‘A Dottoressa Roberta è sempre quela descritta da Carlo:” ‘na Dottoressa, seriosa e che pare stà tutta su’ e’ sue. E’ ‘na bella Signora che fà er su lavoro bene e seriamente”. Così me ne parlò Carletto, ma adesso nè posso parlà io cò cognizzione dè causa. Anzi: racconto er primo ‘mpatto tra me e ‘a Signora: vado cò ‘na ricetta, me dà ‘e medicine e me chiede ‘a Tessera Sanitaria. Io, ‘nvece, je metto sotto ar naso ‘a tessera d’a Lazzio. ‘A Dottoressa, arza lentamente ò sguardo, me fissa e me dice: “che cos’è una provocazione? Si lei è laziale po’ pure farne a meno de farsi dare le medicine da me. Come vede c’è un’altra Dottoressa e può chiedere a lei!”. Io scoppio a ride e je dico: “Dottorè, io sò amico dè Carlo er Lazziale e volevo esse spiritoso!”  “Buono pure quello”, me fà. “Ma non potete farne a meno di portarmi ‘stà puzza’ da laziali qui?”. Ma questa è ‘a prima botta. Poi però, cor tempo, semo diventati amici. Ner senzo che se trattamo bbene. Come esseri civili (anche si sò sicuro che ‘a Dottoressa Roberta nun me considera ‘n’essere civile, ma solo un povero lazziale!). Ma c’è stato però ‘n grosso passo avanti. Io ho ‘mparato er suo nome e lei er mio. Me dice:“Alvaro, state messi proprio male!”. “E ciò sò Dottorè! Nun c’è mica bisogno che m‘ho ricorda puro Lei!”. “Si”, insiste, “ma se seguita così l’anno prossimo non giocate con la Roma ma con la Reggina, il Crotone e l’AlbinoLeffe! Ma parliamo seriamente: cosa ti occorre?”. “Ciò mar de testa, Dottorè! Me stà a divorà! Vorei ‘na scatola dè Arbapicin” E lei:“e la ricetta?”. “ ‘A ricetta dè che?” Chiedo. “Ci vuole la ricetta”. “E che mò ce vò ‘a ricetta per mar dè testa?” E lei con carma: “pè l’esseri normali si, ma pè te basta ‘n martello. Come a tutti li laziali! I normali medicamenti con voi lazziali non funzionano! Se non fossi una Farmacista e non tenessi alla mia Professione, ti darei una medicina che fa venire la dissenteria, er morbillo e l’eczema”.S’è capito mò che soggetto è stà Farmacista Romanista?

E doppo l’urtimo Derby, che si quarcuno nun ‘o sapesse, ‘a perzo ‘a Lazzio, sò  ito dè proposito a comprà ‘na quarsiasi cosa. Volevo senti che me diceva. E cò granne meravija m’ha detto: “Beh! Siete stati sfortunati!”. Io l’ho guardata bbene né l’occhi pè capì si aveva bevuto pè festeggià, o me stava a pià ‘n giro! E j’ho detto (dandoje der tu) “ ’A Robbè stà cosa t’ha potevi dà risparmià. Ma nun vedi che sò gonfio? Ma che fai, ‘nfili er deto ndà piaga e ciò giri puro drento?”. “No Alvaro. Non me lo permetterei mai! Tutto al più provo tanta pena per te, tua Moglie e Carlo!”. Mortacci, me sò detto! E’ mejo che me ne vado sinnò questa me manna ar manicomio, me manna! Ma ‘nfonno, ‘nfonno, devo da dì che Roberta è si ‘na Romanista Integralista, ma simpatica e come me disse Carlo:”ma che te devo da dì. Io ‘na romanista così simpatica me ’a sposerebbe subbito”. Magara Carlo aveva esaggerato, ma nun c’è dubbio che ‘a Dottoressa Roberta, in quarche modo ariconcilia cor tifo. Si, è vero, me sfotte, ma mentre ‘o fà, me soride cò ‘n soriso bbono pieno…dè  tanta cattiveria! Pè er resto er circondario è rimasto ò stesso dè quelo descritto da Carletto: c’è ‘a Fiorara, ‘a bella Tiziana cò li gelati proprio bboni, er Tabbaccaro, er Giornalaro Lazziale amico dè Carlo (e mò puro mio!) “Pracash” (quelo nero che è più nero dè ‘na penna Bic nera), cò Anuscia, ’a moje color cioccolatino ar latte e er Supermercato. ‘Nzomma: si nun fusse che ‘a Dottoressa Roberta è Romanista (e puro integralista), er posto nun sarebbe pè gnente male! Ma nun se po’ avè tutto d’a vita! E io, Lazziale, qui da stè parti ciò veramente pochino…

 

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline