'A FARMACISTA ROMANISTA(PRIMA)

 

‘A FARMACISTA ROMANISTA INTEGRALISTA

Avvertenza: tutti i personaggi e i loro nomi sono veri, vivi e vegeti.

Solo della Farmacista, Carlo non m’ha saputo ancora fornire il nome…

Carlo, detto “Carletto” è mio amico da sempre. Abbiamo  più o meno  la stessa età.

Carletto è un Garbatellese  Doc degli Alberghi che recentemente si è dovuto spostare alla Montagnola, ma stà sempre qui tra noi. Laziale verace, lui parla soltanto in Romanesco e m’ha raccontato questa cosa “vera” della quale,  personalmente, ho verificato appunto la veridicità!

Arvà, mi racconta Carlo, vicino a casa andò abbito adesso, ce sò tutti i servizi indispensabili a ‘n tiro dè schioppo.  C’è à Sora Maria ‘a fiorara, educata e gentile. ‘A bella Tiziana che cià li gelati proprio bboni e puro li cornetti e li tramezzini bboni. Er Tabbaccaro, er Supermercato e ’a Farmacia.

Già! ‘A Farmacia!

Io vado in quela Farmacia a spedì ‘e ricette da ‘n’annetto circa. E tutto sommato ce sarò entrato ‘na decina dè vorte. Ar banco, ortre all’antri, c’è ‘na Dottoressa, seriosa e che pare stà tutta su’ e’ sue. Nun è che è m’è parsa antipatica, capimese, no! E’ normalissima! E’ ‘na bella Signora che fà er suo lavoro bene e seriamente. Nun l’ho mai vista famme grossi sorisi, ma ha sempre risposto educatamente ar mio saluto. Solo un giorno m’ha parlato personarmente. A voce bassa, m’ha dato ‘n consijo da Farmacista, con morta delicatezza! Detto questo però, stà a sentì:                                                                 ero annato in Farmacia perché avevo bisogno dè medicine e come sò entrato, m’ha preso ‘n còrpo. Era pieno dè gente e ‘a fila, quella dè ‘a Dottoressa in particolare, arivava in fonno ‘a Farmacia.    Era ‘na fila dè circa tre metri. Giustamente sò annato verso ‘a fine dè ‘a coda pè metteme ‘n fila e chi te trovo? L’amichetto mio Pracasch (nun sò come se scrive ma sò che se dice così), nero che è più nero dè ‘na penna Bic nera. Lui è venuto a Roma da tanti anni e mò parla puro in Romanesco. S’è sposato cò ‘na nera, Anuscia (ciarisemo: nun sò come se scrive!). Anuscia è meno nera. E’ color cioccolatino ar latte. Bella e che cammina dritta come ‘na modella: dritta e ‘mpettita. Se dà er caso che l’amico mio “nero bic” è puro Lazziale. E se semo messi ‘a parlà d’a Lazzio. ‘Na Signora, in fila vicino a noi, s’è buttata n’der discorso perchè Lazziale puro lei. Ecchedechè, improvisamente, che ‘a Dottoressa seriosa, arza ‘a testa da ‘e medicine che stava a dà a ‘n Signore, me guarda da lontano, me indica cor deto indice e poi, come se usa a Roma, cò a mano destra messa a taijo, ‘a sbatteva sur parmo dè ‘a mano sinistra e, senza dì ‘na parola, ma cor gesto, me “diceva”: aho! Vedi d’annattene, smamma, dacce ‘n taijo che qui li Lazziali nun sò graditi!”.

E tu cosa hai fatto, domando io.

“Che ho fatto? Me so prima assicurato che ciavesse proprio cò me, e siccome era accusì, ho capito ar volo che voleva dì cò queli gesti e jo detto a voce arta:  a Dottorè, si crede me ne posso puro annà, ma tanto sò Lazziale e Lazziale resto.  E tutta ‘a Farmacia ‘a ride…”.

Va bene Carlè, gli ho detto, ma c’è poco da ridere! Ti ha praticamente cacciato!

“Si è vero, dice Carlo, ma io pè capì mejo fino a che punto ‘a Dottoressa volesse arivà, ce sò tornato giorni doppo e ‘a Dottoressa “seriosa” come m’ha visto ha preso ‘n giornale piegato ‘n quattro che ciaveva sur banco e, appena je sò arivato a tiro, m’ha cominciato a sventolà sur viso. E mentre che me sventolava, con morta dorcezza e gentilezza e a voce bassa, m’ha detto: “sà, è solo per cattivo odore dè voi Lazziali”.

Carlo, dico io, se non fosse che si tratta di un fatto di tifo sportivo e quindi anche simpatico, ci sarebbe da arrabbiarsi un po’! “Ma và, fa Carletto, ma che te devo da dì. Io ‘na romanista così simpatica m‘a sposerebbe subbito. O quanto meno me ce fidanzerebbe. Ma me sa tanto che lei, ‘a bella e simpatica Farmacista romanista (co ‘a “ere” minuscola), nun sarebbe d’accordo.

Nemmeno si me presento doppo che me sò tirato addosso ‘na boccia intera der profumo “de chi nun deve da chiede mai…”.  Io sò convinto che lei, ‘a Farmacista romanista integralista, “l’odore” der Lazziale che me porto appresso, ‘o sentirebbe ‘o stesso…

 

Alvaro Cardarelli