'A DIFESA DE ROMA RICORDI PERSONALI DELL'8 E 9 SETTEMBRE 1943

Ricordi personali dell’8 – 9 settembre 1943

Ricordi un po’ offuscati dal tempo ma che spero abbastanza precisi…
Ereno giorni che noi regazzini avevamo capito che quarche cosa de grosso sarebbe successo.

L’avevamo capito e no. Certo i nostri genitori ereno aggitati e nun capivamo bene perché.
Noi amichetti del Lotto 11 e quarcuno puro de l’artri lotti, giocavamo pè strada a via della Madre Italiana. Oggi via A. Macinghi Strozzi. Giocavamo puro co’ ‘e femmine. A tre tre giù giù, a corda, a palla, a sottomuro, a nizza, a campana, cor cerchio, a nasconnino, a palla avvelenata, a rubba bandiera, a ‘o schiaffo der sordato, a uno monta a luna, ‘a spacca picchio e tanti artri che s’inventavamo. A parte li tuffi a la marana tutti gnudi…e erimio sempre li stessi: io, Franco  e  Renzo de Stefani, Settimio (Mimmo) Fiorini, prima Sacerdote e oggi Monsignore, Bruna e Franco Genzini, Nino Bacchini, Enzo di Silvio, Eugenio Gaudiosi, Virgilio Messineo e artri che mo nun me ricordo nemmeno. Nei giorni 6 o 7 settembre 1943, drento all’Orto de Oreste, che nun esiste più e oggi c’è ‘nvece puro er CTO, avevamo visto quarche sordato tedesco che se sparava cò sordati Italiani che indietreggiaveno verso er Lotto 11. Se sparaveno puro da abbastanza vicino. Ma fu ‘na cosa così. Cominciò e fini in poco tempo. Era tutto carmo. A la Garbatella nun se sentiveno casini, se vedeveno pochi sordati. Insomma pareva tutto tranquillo. Armeno a l’occhi de noi regazzini che, nun se lo scordamo, regazzini dell’anni 30. Nun ciavevamo che poco o gnente. Erimio poco coinvorti da quelo che ce circondava. Si. ‘Gni tanto sentivamo parlà d’armistizio. Li mi nonni seguitaveno a sentì Radio Londra con ‘n lenzolo pesante che copriva sia ‘a testa loro che a’ radio. “Pè nun fasse scoprì”, diceveno, “perchè er fascismo proibiva de sentì Radio Londra”.  Ma li mi nonni sentiveno Radio Londra già da quanno era scoppiata a’ guera. Dar ’39. Da Radio Londra, a l’Italiani, parlava er “Colonnello Buonasera”, che puro si parlava in Italiano se capiva che nun lo era. E mò vengo a ‘na cosa che amo fatto quarcuno de noi tra er 7, l’8 settembre 1943. Oggi io penso che avemo fatto ‘na stronzata perché amo corso rischi anche mortali. Ma allora, ancora piccoli nun lo avemo capito. Venimmo a sapè che a Porta S. Paolo se sparaveno Italiani e Tedeschi e l’8 de settembre decidemmo d’annà a vede. Allora nun c’era ‘a Circonvallazione Ostiense, ma da via Pigafetta se saliva ‘n vallone che portava a li binari d‘a Stazione Ostiense. Attraversati questi se semo aritrovati a Porta San Paolo. Er ricordo più vivo che ciò è de ‘na serie de militari italiani sdraiati pè tera che sparaveno adosso ai tedeschi che je staveno de faccia.
Li sordati Italiani se faceveno scudo puro dietro a de li tranve arivortati. L’italiani ciaveveno ‘e gambe verso a Stazione e quell’artri staveno dè fronte. Io m’ero impaurito e ho cominciato a striillà come ‘n matto all’artri de scappà o de coprisse. E difatti se mettessimo a ‘n angolo d‘a Stazione Roma Ostia e avemo assistito a quarche cosa che ancora oggi nun ce la faccio a ariccontà. Li Sordati, sia Italiani che tedeschi cascaveno come pupazzi e rimaneveno li morti. Forse quer giorno e pè ‘a prima vorta ho capito che volesse di morì. Ma ne moriveno tanti, da ‘na parte e dall’artra. Io ciavevo 10 anni e l’artri amichi uno o due de più. Poi, tempo doppo venissimo a sapè che ereno morti a S.Paolo circa 400 Militari ma puro un centinaro de gente che stava li come me. Come noi. E che a modo loro partecipanno, aiutanno li sordati Italiani. E parecchi ereno puro armati e sparaveno insieme a li sordati. Poi se seppe che sti poveri sordati Italiani e anche li civili staveno li a difenne Roma e li Romani dai Tedeschi che ‘a voleveno occupà. E margrado quelo che fecero, Roma fini ne le mano de li Tedeschi e fu dura…mòrto dura.
Credo d’aricordamme bene che li Tedeschi occuporno Roma pè nove mesi dar settembre ’43 e fino ar giugno der 44. Furno nove mesi de terore, dè paura, dè rastrellamenti d’Ebrei a Portico D’Ottavia.
Cor rastrellamento li Tedeschi se portorno via più de 1000 Ebrei Romani. A marzo der ’44 fecero sartà ‘e Cave Ardeatine, come se chiamaveno allora e noi ciannavamo a giocà a pallone.  Diventorno ‘e Fosse Ardeatine dove li tedeschi fucilorno più de 300 persone. E smetto qui che è mejio! Me stà a venì er vorta stommico!

Circa 10 anni doppo quanno fui chiamato a fa er militare m’assegnareno a li Granatieri de Sardegna, che allora staveno a Santa Croce in Gerusalemme e me so sentito pieno d’orgoglio. Nun m’ero scordato queli Granatieri che ereno morti tanto giovani pè difenne Roma!!!

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline