'A DIETA

‘A DIETA                                                                                      17 Settembre 2012


Raffaele ciaveva ’a fissa d’a dieta. Annava aripetenno a la moje che puro lei se doveva
mette a dieta. «Perde peso nun vordì sortanto diventà più snelli e più belli, come dice ’a
pubbricità, ma vordì puro salute, ’a protezzione der core, er fiato. Ridure ‘e calorie vordì
puro riavecce n’ pò de giovinezza. Inzomma se dovemo mette a dieta tutti e due!»
Giusy j’aveva sempre risposto: «io me renno conto che se dovrebbe dimagri, ma te più de
‘na vorta m’hai voluto fà intenne che vòi somijà a n’ Attore famoso. Ma a me nun me ne
frega gnente dè somijà a ‘n’ Attrice famosa. Io ‘o farei solo pè me e basta!»
«Ma io mica t’ho detto che devi dà somijà a Sciarostone. Quela fà ‘i firme!
E nemmanco io a Giorgiocluuni. Quelo è bello de suo e io come faccio a somija a lui!»
«Si vabbè. Ho capito! Io sò dura de comprendonio ma quanno ho capito, ho capito. E ho
capito che tocca fa ‘a dieta! Eppoi nun cià faccio più cò te. Stò quasi a la disperazione!
E che cazzo! Tutti li giorni a stessa storia. A dieta, a dieta, a dieta! E famo stà cazzo de
dieta e famola finita!». «Okkey, fà Raffaele, domani vado a parlà cor Dietologo dè Marisa “a
gialla”, che l’ho vista e ha perzo ‘n’ sacco de chili in poco tempo! Tra l’artro er Dietelogo è
d’a Garbatella e perciò ce stà puro vicino a casa». «Aho, fa Giusy, ma mò chi è “‘a gialla”?»
Cò l’aria ‘n pò gelosetta! «Marisa ‘a gialla? Chi è? Ma è Marisa “‘a cinese” detta puro “‘a
gialla”. ‘A sorella der “cinese”! Si. Vittorio “er pechino…”» «Ma si “er pechino” è morto!»
«E sì che è morto ma ‘a sorella no!» «Aho. Annamo avanti sinnò ‘na famo finita pè mo!
Allora: vai da stò Dietologo? E sarà bene che ce vengo puro io. O no?»
«Si certo che ce venghi puro te. E che ‘a dieta ‘a faccio da solo? E che magnamo uno tanto
e l’artra gnente?» Er Dietologo je fece ‘n sacco de domanne e dopo ‘n’elettrocadiogramma
e richieste de analisi tipo: colesterolo, trigligeridi e artro, je diede a dieta a base de:
- verdure cotte e scondite, poco pane e poca pasta. Riso in bianco. Pesce alla grija o
bollito.Tanta frutta e tanta acqua. Poco vino. No a patate fritte e dorci ecc.
Inzomma: da moriammazzati pè chi s’è sempre sparato belli piatti dè Rigatoni cò ‘a pajata,
Carbonara, Bistecche da mezzo chilo e mezzi litri de vino a testa sia a pranzo che a cena.
Doppo ‘na mesata faceveno schifo a guardalli tutti e due. E chi l’incontrava je ripeteva ‘a
stessa musica: ‹Dio mio. Sete dimagriti troppo. Tu a Giu eri mejo prima. Hai perso e
magnifiche curve che ciai sempre avuto e tu Raffaè pari n’vecchio rincojonito›.
I due incassaveno “i complimenti” zitti e boni, ma ereno tristi! Della serie:”cornuti e
mazziati!” Passa quarche artro giorno e Giusy dice: «A Raffaè vado a fa ‘n pò de spesetta.
Torno presto» Quanno che ritorna, ‘a scena che trova è questa che v’aricconno io:
Giusy opre a porta dè casa cò ‘n carello andò c’era ogni ben dè Dio e soprattutto contrario
a ogni regola de dieta. Entranno vede Raffaele che stà a cucinà.
«Che cucini Raffaè?» domanna. E Lui: «cosette…du bucatini a la matriciana. ‘N fritto misto
cò broccoli, zucchine, filetti dè baccalà, patate e…»
«Fermete, je fa Giusy. Ho capito tutto. Anzi te domanno: “sbajo o avemo rotto a dieta?»
E Raffaele: «no! Datosi che doppo esco pe vedemme cò l’Amichi a Piazza Biffi vicino ar
ponticello medievale e famo de sicuro ‘n pò tardi, me stò a preparà ‘no spezzafame e cò
l’occasione l’ho preparato puro pè te».
I due se diedero ‘na guardataccia, poi scoppiorno a ride come dù matti. “Addio dieta!”
dissero quasi ‘n coro.
«Mejo sti spezzafame» disse soridenno Raffaele…


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline