"MASSIMO E ROSSANA" 'A ROMA E'A LAZIO

20 giugno 2013 -  «Si litigamo ‘a corpa è tua che sei troppo ‘gnorante. Eppoi. Perché hai arzato ‘a voce cò Franco? Er mejo amico che ciò! Che bisogno c’era? » «C’era…c’era…l’amico tuo nun capisce ‘n cazzo!»

E tanto meno dè carcio. ‘A Roma…’a Roma. Ma ‘a Roma de che? ‘A rometta piccola, piccola…e siccome a l’amico tuo, come dimo a’ la Garbante ”‘n culo j’entra e ‘n testa no” ho dovuto arzà li decibelle d’a voce e famme senti bene! Puro si da ‘a faccia che ha fatto se direbbe che nun j’è piaciuta ‘a faccenna...». «E ‘nfatti  nun j’e’ piaciuta . Franco se l’è presa a male e s‘è offeso…e te, quanno che parli d’a Lazzio nun te fermi più. Diventi ‘na sciacalla». «Mejo sciacalla che Romani sta come te!». Massimo, certo, nun e’ tenero cò ‘a moje e arza ‘a voce puro lui. E Rossana e’ inzistente. E’ una de quele perzone che parleno lentamente ma piano, piano scassa! Come se dice a Roma “è una che parla poco e ficca bene!” E Tiziana e er marito Fabio, vicini de casa, nun ne ponno più de queli due che litigheno un giorno si e n’artro puro e strilleno ‘come cornacchie. «Ma che cazzo strilla quelo? E puro a moje? Ma perché nun se divideno e ‘a fanno finita?» Azzarda Fabio, sapenno che puro a moje in quanto a strilli…e Tiziana puro attacca: «ma nun tanto lei, ma lui! Tanto a casa loro chi cià ‘e palle è lei e è lei che comanna. Lui deve da annà solo che a lavorà e zitto!» Fabio allora difenne Massimo: «Ma ciò sai che te dico? Fa bene a strillà stò poraccio…co’ quela vipera, si lui nun strilla, lei s’o’ mette sotto...». Ner frattempo, mentre Fabio e Tiziana cercaveno de capì Massimo e Rossana…’a faccenna tra qui due s’era fatta tosta. Massimo strillava come ‘n matto e je diceva tutto quello che je scappava de dije: «sei ‘na stronza laziale. Maledetto er giorno che t’ho visto…nun potevo fini sotto ar tranve?» E lei Rossana ‘o guardava senza parlà. Ciaveva ‘no sguardo pieno de odio e a la fine fece ‘n sospiro come si piasse fiato. E ‘nfatti prese fiato. Ma parlò con carma e co ‘a voce bassa disse: «’a Roma cià ‘n novo allenatore. Se chiama Carcia e pare che tutto er giorno a li giocatori  je dice carcia, carcia, carcia..che nun s’è capito si ‘o dice pe presentasse, tipo “piacere carcia” o pè dije proprio: aho. E carciaaaa» E lui:«vedi. Nun vale ‘a pena de parlà co’ te. Nun solo sei ‘gnorante ma ha raggione Franco che te dice de falla finita de parlà de carcio che nun ce capischi ‘na mazza. L’Allenatore d’a Roma è ’n Signore. E se chiama Rudi Garcia e se pronuncia Garsìa co’ l’accento su la ì. “Sia”. Garcia, Garsia. E imprimeteli ‘nder cervello sto nome e cognome che t’ho dovrai sognà tutte e notte». «Si ciò sò chi è e come se chiama» Arisponne Rossana «e so puro che ha rilassato ‘na dichiarazione da scemo: “so venuto a Roma pe vince”. Ma pè vince che? Ar superenalotto? Aho! Ma portatelo subbito ar Pronto Soccorso che questo da li nummeri…si perché ha puro detto: “facenno diverti li tifosi” e cò che ve fa divertì? Come potete ride co queli quattro “componenti d‘a rosa”…a rosa…er crisantemo. Artro che rosa…» Massimo, cò ‘a faccia color livido intenzo, ‘a guardo’ co’ ‘e mano che faceveno er segno de “mo a questa ‘a strozzo” e co’ ‘a voce dè ‘n cane co’ ‘a raucedine, sbottò de novo: «Ahò, falla finita, piantela de provocamme.
‘O dico pe’te! Tu stai a gioca’ cor foco e nun te ne renni conto». E lei cor sorisetto ironico: «che pavura, stò a trema’!». Lui: «Io me sto a tenè ma si continui a rompeme ‘e palle... succede ‘n guaio. Qua se rischia che m’esce à bestiaccia che ciò drento e nun zo’ come va a fini!». «Capirai! A me e bestie me fanno ride e me fanno puro ‘n baffo!». Allora Massimo: «stà ‘a sentì. Mi Nonna Amelia a sto’ punto m’avrebbe detto: “bello dè Nonna. Lassa perde. Chi cià più prudenza l’addopera” E io mò l’addoprerò. ‘A notte porta consijo, dormimece sopra e scuseme si  t’ho detto quarche cosa de pesante. Tu sei sempre mi Moje. Anzi. Domani matina me devo arzà presto, svejeme a ‘e cinque pè piacere» Lei, violacea, abbassò ‘a testa, se rese conto che forse in quer momento era mejo dacce ‘n tajo e s’avviò co’ lui ‘n cammera da letto. Lui, Massimo, tentò puro dè daje ‘n bacetto ma capì subbito che er mejo era de nun fa gnente e zitto. Ripetè sortanto: «aricordete. Si vedi che nun me svejio, chiameme a’ e cinque». ‘A matina doppo Massimo s’arzò alle 8 e mezza. Era ‘ncazzato nero, ma nun potè piassela cò a moje. Lei ‘nfatti nun c’era. J’aveva lassato ‘n ber bijetto bianco/celeste cò ‘na scritta granne così: «So’ Ita a Ostia co’ Amica mia Manu. E mentre faccio er bagno tu aricordete de ‘n fatto: “che tanto t’ho arzato ‘a Coppa italia ‘n faccia. E forza Lazio! Forza bella Lazio. Fameje vede a sti poveretti chi semo noi!!! Vai Olimpia vai!!!” Il giorno doppo Massimo ha chiamato l’amico suo Avvocato pè fasse istruì ‘a causa de separazione da ‘a moje...

Alvaro Cardarelli




Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline