QUANNO CHE UNO E’ EDUCATO…

QUANNO CHE UNO E’ EDUCATO…

Urtimamente andò abbito io, ‘e cose nder Palazzo nun vanno più bbene.

‘A situazzione è diventata ‘n po’ critica. ‘E scale cianno parecchi scalini che cò li tanti anni se sò arrotonnati e sò diventati pericolosi, tanto è vero che quarche inquilino è scivolato facennose puro male e manco poco. Er portone, magari s’encastra, ma nun se opre e nun se chiude facirmente. Nun parlamo poi dè li terazzi pè stenne li panni e dè li “spazi condominiali”, come li chiama er “padrone dè casa”. Io abbito in quela casa da sempre e noi inquilini semo sempre li stessi. Magari, quarcuno è er fijo dè ‘n’ Amico che nun c’è più, ma semo sempre noi. Inzomma: arivati quasi a ‘o stremo, m’è stato chiesto dè scrive ar padrone dè casa. “Sai”, m’hanno detto ‘n par d’amichi coi quali ho giocato da regazzino, “tu ciai ‘a penna facile e educata. Fallo te dè scrive!”. Evvabbè. Presa carta e penna (aho! Nun sò mica così aretrato! Ciò er computere io, ciò!) ho buttato giù ‘na specie dè bozza cò l’intento dè mijoralla poi:  “Egregio Geometra, Responsabile dei Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria -Roma-. Noi semo 14 Famije che abbiteno ar Civico…ar Lotto…dè ‘a Garbatella. Te scrivo perché tu sappia che ‘a parte Amministrativa dè andò lavori te, è sempre pronta a chiedece li sòrdi, dè sollecitacce a pagà li bollettini mensili, a dacce er sardo mò dè questo e mò de quelo. Insomma, tutti voi, compreso te, me ricordate ‘a barzelletta dè Proietti che, da Avvocato, sfojanno ‘e carte, diceva ar cliente: “qui se li famo, qui te se fanno, qui te se fanno e qui se li famo”. A ‘n certo punto er cliente chiede:”Avvocà. Ma com’è che quanno vabbene se li famo in due e quanno và male me se fanno solo a me?”. Ecco. Te ce riconosci né ‘a parte dè l‘Avvocato? Qui stamo peggio dè li barboni, stamo! E sò mesi e mesi che reclamamo! Dè che? Me domanni dè che’?

Allora: ‘A sera entrati a spinte ‘n der portone, nun ce se vede ‘n cazzo perché manca ‘a luce pè ‘e scale. Pè andovinà ‘a toppa dè ‘a seratura dè casa, tocca accenne ‘n’accennino. Chi nun fuma se porta appresso li prosperi, si nun adirittura ‘na cannela. ‘Na vorta drento casa se dovemo aricordà dè svotà ‘a bacinella cò l’acqua che quarcuno tiè sotto ar soffitto che sgocciola. A quarcheduno, dar cesso der piano dè sopra je piove dè tutto e je tocca pregà l’amico che abbita ar piano dè sopra dè fà ‘a pipì e a pupù quanno stà a casa puro lui, che così po’ ‘ntervenì a bloccà a robba che j’ariva! Ma visto che ce semo, me dovressi puro dà spiegà perché si venimo a reclamà noi maschi der palazzo nun ce fai ‘nber cazzo (hai notato ‘o splendore d‘a rima?) e si ‘nvece mannamo quarche moje te movi abbastanza…boh? T’ho scritto abbastanza e no tanto. No perché si è accusì che funziona, pè avè tanto, te mannamo quarche bella excort ar posto dè ‘e nostre moji…te vojio puro precisà che sò stato pregato dè scrive io perché mòrto democratico. Difatti avrai notato l’eleganza e er bon ton cor quale t’ho scritto. Si perché l’antri amichi so ‘n po’ rozzi e quanno je rode er coso diventeno ‘gnoranti. T’ho precisato puro questo perché loro, li mii coinquilini, si s’encazzeno sò “augelli senza zucchero”. Inzomma. Hai capito. In francese se direbbe “so pisoli amari! “. Perciò, sempre democraticamente come uso io: datte ‘na mossa che questi sò capaci dè dà ‘na svorta a la vita tua. Ner senzo che te fanno passà 'n mezzo a 'n’ incrocio de schiaffi che nun sai manco a chi devi da da' 'a precedenza.

Questi sò bboni a mettete ‘n bocca l’avanzi der Santo Natale e Capodanno. Majalino, patate  vecchie, vecchi cannelloni cò ‘a ricotta ormai acida, pezzi dè torone, pangiallo e artri avanzucci. Che poi te spigneno ‘n gola cò ‘n manico dè scopa. Sai com’è! Vabbè.Ne ‘a speranza dè esse stato chiaro e educato, mò te saluto. Ma ‘nzisto! Datte ‘na mossa! E’ per bbene dè tutti. Puro er tuo…

Ah. N’antro po’ me ne scordo! Er Geometra, Responsabile dei Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria -Roma-, m’ha denunciato “per minacce”.

E’ propo vero. A stò monno più sei carino e educato e più ciarimetti!

MIA NOTA: le persone, i fatti, i luoghi, e le situazioni, sono di mia pura fantasia.

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline