QUANNO CHE DICEVENO ROMA LADRONA

Quanno che diceveno “Roma ladrona”  

Dicembre 2013                                                                                          
Io nun so voi, ma a me quanno che me toccheno Roma me ce ‘ncazzo come ‘na bestia!
Ereno anni che aspettavo de vendicamme. Anzi: siccome nun sò capace de covà vennetta
aspettavo, su ‘na riva der Tevere, che passasse er cadavere der nemico. E nun speravo nemmeno, “tanta grazia Sant’Antò”, che er cadavere passasse così putrido e mar ridotto.
Aho! So stati beccati cor sorcio ‘n bocca! Li padani (che nun s’è mai saputo nemmeno andò abbiteno perché ‘a padania nun esiste!), staveno “sotto osservazione” già da quarche anno. Io l’avevo letto ner 2012 che arivava quarche arietta spuzzolosa, ma poi nun se n’è sentito più gnente…e invece l’Inquirenti, sti santi Inquirenti, lavoraveno pe vedè er sorcio in quale bocca finiva…e nun ne hanno presi 2, o 3, ma 91 (hai letto bene! Novantuno ladri!). Hanno beccato consiglieri, assessori, e quarche nome d’a mignottocrazia lombarda. Vent’anni d’offese, d’inzurti a Roma e a li Romani. È a “Roma ladrona” brandiveno ‘a spada de Arberto da Giussano. Già perché loro sò der Caroccio. Li mortacci vostri e dè li vostri avi! Quanno penzo che ‘mbriaconi come Borghezio cià sputato addosso ‘e peggio cose, E uno de loro, nun me ricordo come se chiama e chi era ma me ricordo l’inzurto, disse: ”ciò ‘na nonna romana. Pe me è ‘n’unghia incarnita. Me fa male”. E quell’artro imbecille dè Miglio? ‘Na vorta disse pressappoco: ”nun amo i romani perché io sò europeo”. Li mortacci tua pure a te. A noi dichi stè cose? A noi che semo discendenti de li Romani che “l’Europa” l’hanno conquistata e puro civilizzata? Come pòi legge, amico mio Romano, nun me so scordato tanto de ‘e cazza te c’hanno detto su Roma e li Romani. Per esempio: ‘na vorta, me pare Bossi, disse d’a As. Roma e d’a Ss. Lazio che aveveno ‘na situazione economica nun troppo bella: “si nun trove no l’acquirenti è giusto che fallischeno”. E invece adesso er fallito rischia de essece lui. A chi diceva che Roma è bella, quelo stronzo de Calderoli disse: “parla così perché nun ha visto Bergamo”. Cominci mò a capì perché so così ‘ncazzato? Si. “Roma ladrona, ‘a Lega nun perdona”. Er bello poi è che loro, ‘a razza padana, a Roma ce se sò ‘ngrassati e aricchiti.
Io poi tante cose nun le so! Scrivo quelo che m’aricordo. ‘N’artro esempio: da ‘e parti der leghista Cota è venuto fora che In tre anni de gestione leghista ha portato er Piemonte a avecce circa 5 miliardi de buffi. Ma come? E che ciai fatto cò i sordi de li Piemontesi? «Vabbè. Ma Arvà nun ciai detto come hanno rubbato. Che hanno rubbato e quanto»
Ah certo! Hanno rubbato come de li rubba galline. Quarche episodio farebbe puro ride si nun fossero loro! Adesso scrivo pè titoli, pè episodi. Sinnò me ce vò ‘na vita pè scrive tutto quan to! Intanto ai 91, di cui sopra, compresa ‘a Minetti e er Trota, ‘a Magistratura contesta 600 mila euro di spesa in un anno solo. Che Renzo Bossi, detto er Trota, avrebbe speso li sordi in videogiochi, sigherette e lattine de Red Bull (“ ‘a bevanda che mette l’ali a ‘e perzone”. Chissà andò doveva volà?) Che Nicole Minetti, avrebbe speso 832 euro per un aperitivo all’Hotel Principe di Savoia. Una cena da Giannino l’ha pagata 400 euro e s’è comprata un iPad da 750 euro. Quanno che li padani ridevano de noi Romani…
Er “senatur”, insieme alla razza padana e padanista, ha sgraffignato 40 milioni di euro rubbati  a ‘o Stato “romano-centralista-ladrone”, pè pagà ‘e murte p’eccesso dè velocità, e pè comprà tonnellate dè mozzarella, però suddista, perché è bbona! Chi de voi se ricorda quanno veniveno a Roma e tutti inzieme strilllaveno:”Nerone, facce ‘n regalo, dà foco a Roma ‘n’artra vorta! Ah Nerò e daje! Facce contenti!” Mentre se metteveno ‘n saccoccia li 40 mijoni. Tanto c’è costato Bossi e sui! E ne li 40 mijoni ce rientra puro er costo d‘a laurea straniera compra ta ar Trota. E Rosi Mauro e alla sua guardia der corpo? (Loro che so “strutti e sanno ‘e lingue” ‘o chiameno “bodyguard”. Pè finì: ‘na vorta stavo cò ‘n’amico a via Nazionale e i “lumbard” staveno facenno casino cò ‘na manifestazione qui a Roma. Mentre passaveno noi due, sentenno che ‘nzurtaveno li Romani, avemo cominciato a strillà puro noi: “aho. Mo ve piamo pe ‘e recchie e v’arzamo per aria come ‘a coppa Uefa”. Ma erimio noi due sortanto contro troppi. Ciao belli Romani/Garbatellesi! W. Roma. ‘A Citta’ piu’ bella der monno intero!

Alvaro Cardarelli