CINZIA E ER CELLULARE

CINZIA E ER CELLULARE                                                                                         19.02.2013


«Cinzia. ‘A bella, ‘a simpatica, ‘a donna dar ricconto facile e sempre interessante». «Arvà. Ma chi
è stà Cinzia de ‘a quale me stai a fà ‘n ritratto che pare unica ar monno?» «Arfrè. Nun me pare
d’avella descritta come unica ar monno. Cinzia è ‘n’Amica. E puro er Marito. Lei è soprattutto
“viva”, mòrto intelligente e simpatica. A me me fa morì perché, margrado tutte ‘e doti che cià,
‘gni tanto je ne succede una. Ma mica una così, così…ma và… » «Arvà. Mo me stai a ‘n’ curiosì,
che vor di “gni tanto je ne succede una”?». «Ah. Lei è forte! Mica se n’accorge. Ma a me me
diverte da moriammazzato. Allora. Mò te spiego. Quanno che Cinzia aricconta, ‘o fà così bene
che è sempre da stà a sentì.Tanto te pierebbe de sicuro l’attenzione. Inzomma te rapisce. Arfrè.
Mò pè fatte capì. Stà a sentì: l’artra sera me dice: ”Arvà. Oggi ho toccato er massimo. Senti che
ho combinato. Allora: come tutti li cristiani, sò dovuta annà ar bagno. Già è difficortoso drento
andò lavori e che ce sò puro l’ommini. Vai ar cesso sempre cor timore che quarcuno bussi e da
de fora strilli: ”libbero? C’è quarcuno?” E tu da drento arisponni: ”occupato!” Ma da quer momento
nun vedi l’ora dè sortì. E allora cominci a rimettete a posto ‘a camicetta, e mutanne, er
giacchetto e poi vai a pià er giaccone ch’avevi appeso all’omo morto e sempre cò ‘a paura de
essete scordata quarche pezzo, vai fino a la porta, oprì e strilli: ”libbero!” pè accorgete poi che
nun c’è nisuno”. «Eh si». Je dico, pè daje ‘a spinta a proseguì ner racconto. «Ho lavorato puro io
in ambienti cò ‘n bagno solo e pieno dè donne…ma che t’è successo?» “A gnenteee! ‘Na cosucciaaa!
Sempre pè ’a maledetta paura che me blocca quanno che vado ar cesso. Inzomma. Stavo
lì e…a l’improviso ‘na voce d’omo, bussanno a la porta fà: “occupato?” “Si!” Je strillo.
“‘N’attimooo”. E naturarmente me pija ‘a prescia. Pè nun dovemme rivestì troppo, ‘n caso me
capitasse ‘o strillo “occupato?” m’ero lassata er giacchetto dè lana sopra ‘a la camicetta.
M’arzo de botto da ‘a tazza der cesso e sento ‘n rumore tipo “pluffff”. ‘O sento però dè dietro.
‘A ‘e spalle. Me giro, me guardo ‘ntorno, guardo ‘ndà tazza e drento che te vedo?” «E che vedi?»
“E che te vedo? Che te lo dico a fa? Vedo er cellulare che, sortito da ‘a saccoccia destra der
giacchetto dè lana, era ito dritto dritto drento ‘a tazza der cesso”. «Porca zozza!», dico io «E
scusa ’a domanna. Ma avevi fatto robba? Inzomma. avevi…» “E si Arvà! “Avevo!” E drento,
mezzo affogato, c’era er cellulare mio! Allora, aggitata come poi capì, me domanno: ‘e mo che
faccio?’ Me sò guardata ‘ntorno. Nun c’era ‘no straccio,‘na pezza. Gnente! C’era solo ‘a carta
igienica. Me ce sò fasciata ‘a mano destra e l’ho tirato fora. Ma poi: andò annavo ‘n giro cò ‘n
cellulare sporco de “robba?” E allora me sò fatta coraggio! ‘A Ci’, me sò detta, ‘bigna che te dai
‘na mossa’. E ho ficcato cò a mano destra er cellulare drento ar lavandino e cò quela sinistra ho
operto er rubbinetto de l’acqua calla, pè pulillo mejo . Doppo ‘n par de minuti, ho tirato via er
cellulare da sotto ar rubinetto. L’ho guardato e siccome ancora nun me piaceva com’era venuto,
l’ho rificcato sotto l’acqua. Nun l’avessi mai fatto! L’acqua, ner frattempo era diventata bollente.
E io, sbruciacchiata, ho cominciato a giocà a palla a volo cor cellulare passammelo da ‘na mano
a l’antra. E tentanno dè sarvallo puro cò ‘n piede, fino a che nun è cascato pè tera. S’è operto, è
sortita a batteria, ‘nantra cosa che poi m’hanno detto che se chiama ‘scheda’. Inzomma: quanno
che ho raccorto er cellulare pesava sui 5/10 grammi. Era vòto. Stava tutto pè tera! Ho preso er
giaccone e so ita ar posto mio e datosi che era l’ora dè sorti, me ne so ita p’annà a casa. Appena
però pè strada me sò domannata: ‘e mo che faccio? Stò senza cellulare? Che ora ’è? E 18?
Allora vado da Girdo, l’amico mio che ripara i cellulari…quanno che Girdo ha visto er giocattolo
che j’ho portato, l’ha messo a testa sotto puro lui nder lavandino e doppo er cellulare sgocciolava
come ‘na spugna. A stò punto, già abbastanza avvilita, j’ho domannato: “a Gi, allora?”
«Allora» me fa Girdo. «Dimme che marca vòi che te ne faccio vede ‘na decina. Così decidi».
Inzomma l’ho dovuto aricomprà novo, ma giuro che a questo novo je fò mette ‘na ciambella de
sarvataggio”. «A Ci. N’urtima curiosità. Ma tù Marito che t’ha detto?» “E mi Marito ce lo sai Arvà.
Lui è de poche parole. M’ha detto; “stai manza, stai alegra. Poteva annà peggio. Magara si er
cellulare ‘o tiravi dar finestrino der cesso, potevi beccà quarcuno de sotto. E dar sesto piano
potevi mannallo puro a l’Ospedale”. E io, guardannola ne l’occhi. «A Cinziè! A la prossima
vero? ». E tutti e due a ride! Che potevamo fa dè mejo?


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline