PROVA COSTUME DA BAGNO

PROVA COSTUME DA BAGNO  

                

23 giugno 2014

Ciarisemo! Succede tutti l’anni. Quanno che s’avvicina er periodo dè potè annà ar mare o ‘n piscina comincio ‘a matina, ancora gnudo, a guardamme a ‘o specchio de profilo, davanti e de dietro. ‘A panza er culo e braccia e er resto. E, còr passà dell’anni me faccio sempre più schifo!!! Certo! E’ puro giusto! L’anni passeno! Ma me ce rode e mica poco…allora ho deciso de nun magnà e si me viè fame me mastico quattro noccioline cor risultato che:
stò a diggiunè e cò ‘e noccioline, me viè er mar de panza. E puro forte! Allora cambio: nun magno più pasta, pane, pizza, nun bevo vino che, pè fortuna, n’ho sempre bevuto poco, nun fumo…(‘n’amico m’ha detto cor sorisetto: “ma allora Arvà che cazzo campi a fa? Nun è mejo si mori?”). Cià raggione puro lui! Ma che devo da fa? Che posso fa? Allora: ieri me so ‘nventato che da oggi divento er Dietologo de me medesimo, er mio Istruttore de ginnastica e via discorenno! Anni addietro su unizziativa dè quarche Amica avevo seguito un corso de 15 giorni pè capi come fà ‘a ginnastica, ‘a dieta e l’alimentazzione. Ma nun è che ciavevo tratto giovamento, perché nun m’annava de fallo e l’ho fatto contro voja. Ma quarche cosa m’è rimasta! Ma vado avanti a ariccontavve:
Ho preso un blocco de carta e ho cominciato a scrive de le domanne prese sur Webbe:
”Arvà. Te senti anoressico? Te senti bulimico?” P’a verità, siccome nun so bene né quelo che vordi “anoressico” e né “bulimico” ho scritto arisponnenno a ‘e domanne: “tutte e dua”.
E vabbè. Annamo avanti! Io so solo che ho da perde de li chili de peso e che pè perdeli devo da magnà de meno e fa tanta ginnastica. Mo’: magnà de meno vor di morì de fame!
E fà tanta ginnastica…e qui me viè da ride! Come cavolo ve spiego come falla? Provamo!
-Braccia lungo li fianchi. Gamba destra avanti e piegasse artenativamente sull’artra gamba.
-Ginocchio: (a me er ginocchio me fa male! Sarà l’età? E che ne so? Sarà l’età! Ma a me comunque me fa male! Anzi: me fanno male tutti e dua!). Vabbè:
-Provate mò ‘a stenne a gamba sinistra fino a che er culo nun ve tocca pè tera.
-Adesso dovete ariportalla ar posto suo. E’ ‘na parola. ‘N doloreeee…e dovete puro ripete l’esercizzio armeno tre quattro vorte. Ma io sò puro che devo da perde armeno tre/quattro chili. Ma si io j’ha faccio a perde un chilo solo, faccio ‘na festa cò tutti l’amichi e l’amiche artro che pisoli. Allora: subentra ‘a piscina. Già. ‘A piscina. Andove me distraggo ‘n po’ pè ‘e belle donne che circoleno e sculetteno da fà mori ammazzato chi ‘e guarda!
Già a l’ingresso ce so dele gnocche da fa paura…me lamento cò ‘a Segretaria. Dico. Aho! Ma io ciò da perde peso mica ‘a capoccia pè queste! M’arisponne sta regazza che è bella più der sole e cò dorcezza me dice: “ma scusi. Ma ‘nvece di essere contento se ne lamen ta?” «No tesoruccio. Nun hai capito. Io nun me lamento pè gnente. Er probblema è n’artro:
o faccio li tuffi o me butto!» “Dove?” Me domanna Cristina ‘a Segretaria. «Eh? Dove? Ma qui nun c’è che da buttasse e senza nemmeno sceje». E mentre che penzo e guardo, sento ‘n gruppetto de Signore che parleno tra de loro: “Hai visto Daniela? Finalmente ce l’ha fatta…una fatica, però”. “Si. Vero. Pare una modella. Gambe sottili. Ginocchia che non si toccano tra loro. Fianchi divini. Bella, bella, bella”.  Poi, nun volenno, sento che dicheno: ”però diciamocelo. Chi non è magra è sfortunata…la ciccia ti fa sentìre fuori dal giro…io me ne vergogno…hai voglia a dìre che la bellezza è un altra cosa…ho sentito una statistica che una Romana su due stà molto in carne e che si vergogna a spogliarsi”. Allora nun ciò fatta più! Nun riesco a stamme zitto e ‘n po’ pè tranquillizzalle e ‘n po’ perché ‘o penzo davero je fò: «scusate belle Signore. Ma come? Io stò qui e sbavo pe voi pè quanto sete belle e gnocchettose e voi ve sentite brutte, ciccione e fori moda? E allora che dovrei di io? Che si. E’ vero. Sò ‘n maschio e è ‘n po’ diverso, ma stammatina prima de venì ‘n Piscina ho fatto ‘a prova costume davanti a ‘o specchio granne e l’uniche cose che me stanno bene so: l’occhiali, ‘a canotta e le ciavatte»…

Alvaro Cardarelli






 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”