‘A RIUNIONE DE L’INQUILINI

‘A RIUNIONE DE L’INQUILINI DE VIA A.M.STROZZI

Febbraio 2012


Io abbito in uno dei 5 vecchi palazzi de Via A.M.Strozzi; strada che parte da Largo de le Sette
Chiese. Se conoscemo tutti e da sempre. Cò quarcuno semo cresciuti assieme. Artri sò i Fij de
questi e puro li Nipoti. Ma nun semo amichi. Nemmeno quanno viveveno ‘e nostre Nonne
ereno tutti amichi. Pè ‘n verso o n’antro c’era sempre da ridì. Figurete adesso! Se litiga su tutto
e dè vorte pè stupidaggini. Da noi nun se useno le Riunioni dell’Inquilini (‘e Riunioni de
Condominio nun ce l’avemo perché er Condominio nun se pò ancora formà). Nun se usaveno
perché urtimamente n’avemo fatta una. A casa mia. A me me viè ancora da ride (o da piagne!)
A l’ordine der giorno c’era:
1) orario d’accenzione e smorzamento der riscallamento;
2) rifacimento der giardino de dietro ar palazzo cò buttata generale de le vecchie cose ammuc-
. chiate lì.
3) li du platani che ce stanno sò malati. Sò stati attaccati da ‘na malatia teribbile e bisogna fà
. quarche cosa e puro dè corsa.
“Questo si li volemo sarvà”, sentenzia Franco “er gigante” (arto quasi du metri). J’arisponne
Vittorio “er pechino” (pè via der tajo dè l’occhi): “Vabbè ma si chiamamo ‘n giardiniere vò ‘n
sacco de sordi”. “E allora fameselo da soli” aggiunge Fabbio. “Ma de che” sbotta mi fratello che
abbita andò abbito io ar piano de sotto. “ma si ‘a media d’età quà drento è de armeno 70 anni.
Ma chi je ‘a fà a ‘ncollase li platani! Li lassamo stà così!” “Allora. Zitti tutti!” dico io che sò stato
nominato coordinatore d’a Riunione. “Sur punto primo, sull’orari d’accenzione der riscallamento,
vò parlà Maria der 2° piano” Ma a Maria der riscallamento nun je ne frega ‘na cippa. Difatti
attacca Roberto der 3° piano: “A bello. Tu bigna che dai ‘na pulita ar casino che hai fatto ‘n
giardino. Ciai messo de tutto, ciai. Tavole, sacchi de cemento, er motorino, ‘e sedie. Ce mancheno
sortanto ‘e mutanne tue e d’a tu regazza ce mancheno!” “A sora spo’ ”, i’arisponne
Robberto. “Er casino mica ho fatto solo io. C’è de tutto li de dietro. Eppoi scusateme tanto. Ma
nun stamo qui pe sistema puro er giardino? Però si ‘a mettete così allora me levo stò peso che
ciò su ‘o stommico da armeno 10 anni. Dunque: io levo tutto quanto quelo che ve dà fastidio,
ma voi fateme er cazzo der piacere de tenevve a casa li gatti e de fa piscià er cane da n’antra
parte!” Vista ‘a piega che stava a pià er discorso ho provato a famme senti: “Scusateme” ho
detto co’ ‘a voce ferma. “Ma annamo pè ordine: punto primo er riscallamento. L’orario
d’accenzione e spegnimento. Chi pia ‘a parola?”. “Io” disse Marco. “io e mi Madre er pomeriggio
ciavemo freddo. A me nun me ne frega gnente che, com’adesso, s’accenne a ‘e 6 de matina
e se smorza a le 8. Spegnemelo a quell’ora ma acennemelo a ‘e 3 der pomeriggio e no a le
5 come mò!” “E no, bello mio”, je fa Annamaria der 2° piano. “Chi come me cià li regazzini che
vanno a scola, a matina quanno che s’arzeno deveno da sta calli”. “Aho” aricchiappa Marco.“In
‘quer posto’ t’entra ma ‘n testa no! Li regazzini tui escheno a le 8 e chi s’è visto s’è visto. Ma
er pomeriggio, mi Madre, che come sai è avanti cò l’anni, sente freddo!” “E compreje ‘na stufa”
fa Annamaria ‘n pò incazzata.”Così t’ariscalli puro te!” Capito ‘n’antra vorta com’annava er
dibattito, cerco de cambià argomento speranno in Dio! “Famo ‘na cosa” propongo. “Parlamo
de li platani. Cianno ‘a carie.‘Na malatia grave che li fà diventà dè colore chiaro e poi moreno.
Li volemo abbatte?” “A pè me va bene” intervenì, come se dice, “a piedi uniti” Rina der 1°
piano. “Tanto stanno là de dietro, sò mezzi morti, costerebbe de più a falli curà, che a falli
abbatte. Ar posto loro ce famo n’orticello cò ‘a lattuga, a cicoria, er basilico”. Improvisamente
se sentì nà voce fioca ma ferma da dietro a tutti noi: ”no! Voi nun fate proprio n’cazzo dè
gnente! Avete capito? Io ciò ottantacinquanni e quanno sò nato li platani cereno e vojo morì cò
li platani! Chiarooooo?” disse er vecchio Mauro ex imbianchino. Se sentì allora puro ‘a voce
forte da baritono dè Vittorio “er pechino” che fà. “State tranquillo. Ve li lassamo li, li platani
vostri. Li levamo però quanno che morite. Tanto ve manca poco!”. ” ’A stronzo! “ Disse cò quer
filo de voce che j’èra rimasto er sor Mauro. “Io ‘ntanto me gratto ‘e 'cose mie'. E poi vattene a
fanculo te e tutto l’arbero gegnaloggico tuo! Si er vino nu ‘o reggi, l’uva magnetela a chicchi!
E te dico puro che io nun ciò nisuna voja dè morì. Hai capito? E mò me ne vado puro sinnò
t’arimanno a fanculo n’artra vorta!“. E oprì ‘a porta de casa mia e sortì. A quer momento
guardai tutti, uno pè uno, con carma (apparente) e poi dissi: “me sò reso conto che ‘a Riunione
è bella che finita. Dè tutto avemo parlato for de quelo che interessava a tutti noi. Ne famo
n’artra? Io nu ‘o sò, ma nun me chiamate più a fà er moderatore perché io da stò minuto dò ‘e
dimissioni”. Sarei però farzo si nun dicessi che m’aspettavo un coro de’ “ma no! Resta! Come
famo noi senza de te”. Cor pisolo che l’hanno detto. Ma nemmeno uno. Che ‘mbecille che sò io
aho! Ma chi m’ho fa fà de pijamme tutti sti’ cazzi? Boh?


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline