BUCIARDI A LA GARBATELLA

BUCIARDI A LA GARBATELLA


Io credo che in ogni Rione, Quartiere o Municipio de Roma ce sia un buciardo. Armeno uno.
E perché? A la Garbatella noooo? E si che ce ne sò stati ner passato…e ner presente? “Beh”,
me dice Franco ‹er pacoccia›, “ce sò eccome. E più de uno! Però forse uno abbastanza dè
moda adesso è Carlo ‹er panzana›“. Incomincio a ride e a ride dè core: “a Fra”, je dico, “è
inutile che te domanno perché ‘o chiamate ‹er panzana›. Er soprannome dè stò Carlo è tutto
‘n programma!”. “Arvà te devo da di puro, che io l’ho difeso da subbito, perché a me nun me
dava proprio a sensazione ch’era un buciardo. Un pò volone si, ma no bugiardo. E ‘nfatti a la
fine…si nun fosse ch’è scoppiata ‘na traggedia che dopo t’aricconno!” “Ma fisicamente ‘o
conosco?”. “Nun ciò sò. Me pare che abbita andò sei nato te Arvà. A via Enrico Cravero.
Comunque: è basso, grasso e quanno che soride fà vede li denti accavallati e ammonticchiati.
Cià ‘na trentina d’anni e pare ‘n pupone”. “Vabbè. Ma che fa? Lavora, nun lavora, vive cò i
genitori. Inzomma perchè ritenghi che dicheno che è ‘n buciardo ma tu ‘o difenni?”. “Arvà. ‘O
dico puro io che è ‘n pò buciardo perché ‘o frequento. Intanto ‘a madre stravede pè lui, com’è
giusto che sia. E ‘o riempie de sòrdi. Carlo ‹er panzana› aricconta ‘n sacco dè…panzane.
Che cià tante donne: more, rosse, bionde e che sò tutte innammorate de lui. Ar Baretto andò
annamo praticamente tutti, ‘o stanno a sentì ma tanto n’ ‘o crede nissuno. A sentì lui nun ha
bisogno dè lavorà in quanto ‘a madre cià: appartamenti affittati, tre negozi e artro. E mò però
semo arivati che l’amichi, quanno ch’ariva, ò pieno per culo, soprattutto pe ‘e donne: “aho!
Visto che ciai ‘n ber pò de donne, perché nun ce ne fai conosce quarcuna puro a noi?”. E lui:
“quanno che volete!”. Io te devo da dì Arvà, che a me e inzisto, nun me sembrava così
buciardo come dicheno l’antri. De palle ne sparava più d’una, ma a me me pareva solo ‘n pò
leggerino. ‘N pò farzo. E come diceva mi Nonna Amelia ‘́ nun te fidà dè ‘na persona farza,
perché si piscia a letto, dice che ha sudato”. “Ma a pacò. Aricconteme ‘n’ pò ‘a traggedia”.
“Allora: l’urtimo fatto, che nun è bello, spiega tutto. Lui una ce l’ha portata. ‘Na gnocca da
schianto, ma ar momento de le presentazioni a cominciato a farfujà dà ‘a timidezza: “questa
è n’amica mia e se chiama Alexandra”. “Ma perché è straniera?” chiede Claudio ‹‘o sciorto›.
“No. E’ Romana” arisponne Carlo. “Perché te pare straniera?”. “No, sai comè, Alexandra cò la
icchese ‘n mezzo è ‘n pò strana a Roma”. “Ma, come senti Arvà, ‘na verità, ‘n mezzo a tante
bucie (li tanti sordi d’a madre, li negozzi, e le donne) ‹er panzana›, portannoce Alexandra l’ha
detta. Dimostranno, appunto, che poi tutto stò buciardo nun è. Poi è successo er fatto: cià
detto che cò Alexandra annaveno a cena e poi a letto inzieme! E nojantri, saputo cò
‘n’inghippo er posto e l’ora d’appuntamento, se semo acquattati e l’avemio appettato sotto
casa. E quanno che è sortito, noi, cò du maghine de le nostre, je semo iti appresso. Carlo e
Alexandra ariveno da e parti d’a Montagnola e ceneno. Poi ariparteno e vanno dritti verso er
mare. Arivati sur litorale, entreno drento a ‘n’ Arbergo e noi, se semo detti: “aho si questo ce
fà notte noi che famo?” “Aspettamo” E’ stata ‘a risposta che se semo dati! ‘N’ ora doppo
Fabbio ‹er patata› decide d’annà a domannà a la resepzions (così l’ha chiamata lui)
dicennoce: “vado io che conosco e lingue”. Noi restanti se semo guardati e avemo detto: “ma
perché ‹er patata›, ortre ar Garbatellese, parla artre lingue?”. E giù a ride. Doppo ‘na bona
mezzora ‹er patata› ritorna cò a faccia stravorta e dice: ”forza regà, tocca annà a l’Ospedale
Grassi a Ostia che Carlo l’hanno ricoverato.” “E che cià?”. “E che ne sò! Lo stà vejanno
Alexandra”. “A patà, parli come si fosse morto. Dichi ‘a veja’, ma è morto?” “No. S’è ‘nteso
male e hanno chiamato er 118. Annamo daje! Se famo ariccontà tutto da Alexandra”. “Che
era successo?” chiedo io. “E che era successo?” me dice ‹er pacoccia›. “Niente de grave, pè
fortuna. Er fatto che cià ariccontato Alexandra è questo: “semo saliti n’a cammera che
ciaveveno dato. Io sò annata ar bagno pè damme ‘na riassettata e pè spojamme. Sò sortita
dieci minuti doppo nuda e cò solo ‘n microslip. Puro Carlo s’era cambiato. S’era messo ‘n
dilongo de seta celeste. E qui nun ho capito bene doppo che è successo”. “Alexà”, famo quasi
‘n coro. “Ma come nu ‘o sai che è successo! Stavi lì! Armeno dicce come so ite ‘e cose che
capimo!” “Vabbè, anche si me vergogno, ve dico tutto. Carlo me s’è avvicinato e m’ha
abbraccicato. L’urtime parole che j’ho inteso dì sò state. ‘Alexà quanto sei bona‘, mentre
ch’allungava ‘na mano. Doppodechè è scivolato lentamente pè tera e pareva morto.
Ho chiamato er Portiere e…er resto ‘o sapete. Er 118, l’Ospedale e er ricovero. Mò però
abbasta nun ve dico più gnente”. “Se semo informati mejo Arvà. ‹Er panzana›, che è risurtato
‘n timido teribbile e che seconno noi era ‘a prima vorta che vedeva ‘na donna gnuda, s’è
emozionato e è cascato longo pè tera. Er referto der Grassi dice: ‘caduta improvvisa a terra,
dovuta a un eccessivo riflesso neurovegetativo con aritmia cardiaca e sindrome vertiginosa’.
“Inzomma Arvà. ‘Na bucia Carlo ‹er panzana› ciaveva detta: nun è vero che era pieno dè
donne e de qui e de là. A detta d’a madre nun ciaveva e nun j’aveva mai presentato ‘na
donna in vita sua. “E si ”, ha detto ‘a madre, “che io sò tutto dè Carlo”. “E mò come stà?”
chiedo. “Arvà. Si te devo da dì ‘a mia, è rincojonito fracico e strascica puro ‘n pò e parole.
Sò ito a trovallo e ripeteva guardanno ner vòto: “portateme e gnocche mie…portateme e
gnocche mie”. “Come senti Arvà, mica ha smesso de di stronzate. No. Ma quanno mai!
E stronzate fanno parte dè lui…

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline