ER RIGALO DE MATRIMONIO

Er rigalo....

 

 

 

Marzia e Francesco anniedero ar negozzio dove ‘na coppia d’amichi j’aveveno detto d’avè fatto ‘a loro lista de nozze  «Mortacci» fece Marzia. «E qui me pare de stà ar Louvre! Come t’accosti a ‘na cosa parteno minimo dumila euri. Aho! Io ‘m’aricordo che mi Madre, che doveva fa ‘n rIgalo de nozze a n’Amica d’a Garbatella, anniede da ‘a Cocciaretta a via de ‘e Sette Chiese, mica dar più de Roma come fanno loro e bada che ‘a robba d’a Cocciaretta costava mòrto de meno ma a noi, a casa mia, ce durava ‘na vita» Anche Francesco rimase spaventato de fronte a queli oggetti de grannissimo valore ma puro de granne costo, tanto d’avè paura puro dè toccalli. «E vabbè» disse. «Però. Si je dovemo da fà ‘n regalo de matrimonio famejelo come se deve e bonanotte. So’ oggetti che hanno scerto loro»  «E grazzie» se ne sortì Marzia. «Me piacerebbero puro a me oggetti così! Si pè sbajo j’e dò ‘na culata e sfascio ‘n bicchiere tocca fa er mutuo a 20 anni». «Esaggerata» commentò Francesco che cercava de medià tra ‘a moje er rigalo. «Vedemo puro de raggionà. Per esempio: sti piatti bordati d’oro…» «si bonanotte!
Te saluto scuffia!» fece Marzia. «E che deveno da fa de ’e cene cò pe invitati er Principe de Galles cò a Principessa? Eppoi figurete! Si c’è na cosa che se rompe subbito questi sò li piatti. None! Se dovemo da orientà su ‘na cosa che costa poco ma che dura, magara tutta ‘a vita. Poi sai com’è. Stè cose finisci pè scordattele che ce l’hai, ma prima o poi risorteno de fora» «E si je compramo ‘na bella friggitrice?» fece Francesco che stava a sfojà tutta ‘a lista pè ‘ndividuà quarche cosa. «Guarda qua, guarda ‘a foto...è ‘na meravija. Poi si pè ‘n pò nun te serve perché nun friggi ‘a poi puro aripone. Ma tanto poi, come dichi giustamente te, c’e’ ‘a vorta che te serve e aritiri de fora» «Si» rispose Marzia. «Ma so de quele cose che si schioppeno drento casa fanno ‘n casino teribbile, cò l’ojo che core pè tutta casa. Eppoi quela nun me pare ‘na friggitrice de casa. Pare più pè ’n granne Ristorante/Arbergo. Inzomma aho! Dimesela tutta. Quela costerà ‘n botto!» Francesco oramai cotto e ‘nfastidito taja corto. «Famo ‘na cosa. Lassamo perde. Poi ce se penza. Ma pè oggi è mejo che famo basta. Sinnò me ce viè er mar de testa!»  Du giorni doppo Francesco rientra a casa e dice: «Marzìa. Ho proveduto io da solo ar regalo de nozze. Je l’ho puro portato. Così nun ce se penza più»  «Ma davero?» Fa Marzia. «Ma daje!» «Sine, sine! Je l’ho portato» arisponne Francesco. E Marzia: «e  j’hai arigalato ‘na cosa che costa poco? Magara che dura tutta ‘na vita e che se po’ gni tanto aripià?» «Te dico de si» arisponne Francesco. «E che j’hai arigalato?» Domanna lei. «Come hai detto tene:“ ’na cosa che costa poco…dura tutta ‘na vita e che gni tanto a poi aripià. Pe dittela tutta avevo penzato a ‘na tartaruga viva.
Poi penzannoce bene. Ma bene bene. Me so detto:
ma forze è mejo ‘na moka espress da due».

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline