ER POVETA L’ONOREVOLE E ‘A SIGNORA

 

 

ER POVETA L’ONOREVOLE E ‘A SIGNORA  

                        

12 giugno 2014


Sabato 31 maggio decido d’anna’ co mi Moje ar Teatro Manzoni a vedè ‘na commedia andove è impegnata, come Attrice, Gabriella Silvestri. Che in occasione der 94° compleanno d’a Garbatella è stata nominata: “Ambasciatrice d’a Garbatella”.
Arivo a via Monte Zebio co’ tanto anticipo, come faccio sempre. De fora ar Teatro me renno subbito conto che a media de li spettatori è soridente e simpatica. ‘Na Signora, capello bianchissimo, elegante e cò ‘n gran soriso, pianno spunto che ce indica andò sta ‘a maghinetta pè pagà er parcheggio, me domanna: “lei conosce questo Teatro?” «Signora mia» J’arisponno. «Mi Moje è nata a via Tacito e io ‘a portavo qui ar Cinema Montezebio. Perché lei ciò saprà che questo pe tanti anni è stato un Cinema! E sa com’è! Quarche bacio c’è scappato drento ar Cinema…per cui questa zona è puro ‘a zona nostra!» “Ah, vedo vedo…”. E li nasce ‘na conversazione che ce porta fino ar momento de l’ingresso ar Teatro. Questo pè di er clima festoso de li spettatori. Entramo. Sesta fila. Visione centrale. Ottima!  Pienone. Parecchie coppie. A l’improviso ariva musica da l’artoparlanti. Se smorzeno ‘e luci e s’opre er Parcoscenico: un divano ar centro co’ ‘n tavolinetto davanti. Dietro ar divano 5 scalini de marmo che porteno a ‘n’enorme vetrata scorevole cò ‘n terrazzino. A destra du porte: una pè l’ingresso de casa e l’artra p’a cucina. A sinistra quela che porta a ‘e cammere da letto. Inzomma: ‘n bell ambientino! Entra uno ner Parcoscenico che, sentenno che entra puro n’artro, s’annisconne ficcannose sotto ar divano da la parte de dietro. L’artro che entra è l’Onorevole e poco doppo entra “LEI”. Mamma mia! Bella, elegante, sicura e spavarda! Nun sbaja ‘na battuta. Tutto a memoria. Cià ‘a musica drento a la testa che je permette de entrà e sortì da ‘e battute cò li tempi giusti. Move l’occhi e le mano da divina “anni 30”. S’arza e cammina cò tanta eleganza, ma…‘a parte che deve da recità prevede che è ‘na donna vissuta e sexy. Fine der primo tempo. Ne l’intervallo stò a sentì li commenti. Tutti boni e positivi! A l’improviso ricomincia ‘a musica. S’arispegneno ‘e luci e comincia er dialogo tra l’Onorevole e quelo che poi è er Poveta che ner frattempo è sortito fora da sotto ar divano cò ‘na fame che s’o porta via! Telefona “LEI” e nun è previsto. ‘Na sorpresa! Dice che viè. Sine. E’ “LEI”. (“Paola”). Ariva…cò n’abbito anni ’50. Bella, mozzafiato. Io guardo mi Moje e je dico: «me ne vojo annà!» Mi moje me pija giustamente pè scemo e me domanna cò ‘a voce stridula: “e perchè? Stai male?” «No. Nun stò male! E’ che nun avevo mai guardato bene Gabriella. Me ne stò a innammorà. Me ne vado sinnò sarto sur Parcoscenico e l’abbraccico». E’ chiaro che n’avrei fatto mai…ma l’istinto però ce l’avevo!  Ma er mejo pe me viè adesso!
Finisce ‘a commedia. I tre Attori se pieno p‘a mano e raccojeno li tantissimi applausi,
tra cui queli mii e di mi Moje. E mentre I tre sur parcoscenico s’enchineno p’aringrazzià, succede ‘na cosa che nun s’era mai visto prima in un Teatro! L’Attrice protagonista “LEI”, Gabriiella Silvestri, ariconosce ‘n tizio in platea, e stanno sempre sur parcoscenico, aggita tutte e dua ‘e braccia come fussero ‘n ventilatore pè salutallo e je fa cenno d’annà da “LEI” ner cammerino!  E tutto questo mentre er pubblico applaude.
Er tizzio ariconosciuto sò io! Me sento male davero stà vorta! Mi Moje me pia pè ‘n braccio e me trascina verso li cammerini der Teatro. C’è “LEI”, che come me vede m’abbraccica contenta de vedemme. E io vacillo! N’artro pò je svengo addosso! Poi sorte cò noi. Annamo ar Bar vicino ar Teatro pè pià ‘n gelato ed è ‘na pricissione de gente che viè a parlà cò “LEI” e je fa li comprimenti “e qui e la e lei è…” du palle! Nun je se ‘a fa più! M’innervosisco! A me me stanno a levà er gusto de godemme Gabriella e me ce rode ‘n ber pò. Tanto è vero che scherzanno e ridenno a ‘na coppia de Signore che seguitaveno a fa comprimenti e nun s’annaveno più j’ho detto: «signore. Se pagheno 10 euro pe sta qui a comprimentasse cò Gabriella. Che volemo fa? Pagate o annate via?»
E Gabriella p’a vergogna s’era tutta ritirata che pareva ‘n cinichetto…ma bello però!
Un gran ber cinichetto!!!

Alvaro Cardarelli

 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”