ER NOME DER PUPO

ER NOME DER PUPO 4 luglio 2012

‘E discusioni sur nome der fijo che doveva da nasce ereno ‘ncominiciate da armeno 9 mesi; più o meno quanno se capì che ‘a moje de Sandro era incinta.
Aveva ‘ncominciato Sandro a cercà de mettece ‘na pezza facenno avanzà de l’ipotesi su questo o quer nome. «A me me piacerebbe che se chiamasse Francesco, si fosse maschio e Chiara si fosse femmina»
«Arva» me dice Sandro. «Sò stato sempre ‘n tifoso de San Francesco e de ‘a Sua Santa Chiara. Pè questo me piacerebbe tanto chiamallo o chiamalla così». «Vabbè» je fò io, «e chi t’ho proibisce? Si te piace…» «si. E’‘na parola! Tra mi moje, er fratello de mi moje, mi socera e mi socero, nun fanno artro che mettece bocca. Un pò de nomi? Bada. Posso puro sbajà a scriveli perché quarcheduno so proprio ‘mpossibili! Io me chiedo andò cazzo l’hanno presi! Questi vedeno troppe fiction vedeno…» «Mò a Sà stà carmo però, mica saranno tutti nomi difficili. Magara quarcuno perché straniero…» «e certo che resto carmo. Però. Devo da dì che quarcuno è puro piacevole. Tipo “Alessandro, Andrea, Matteo, Lorenzo” oppure si fosse femmina: “Giulia, Sarah (co l’acca però!) Sofia (come ‘a Loren), Martina e Giada”» «’mbè, nun me pare che è così drammatica ’a cosa», dico io. «Sò nomi puro conosciuti…». «Arvà. Ma tu nun ciai nessun nome che te passa pe ‘a mente e damme così ‘n suggerimento? A me, a la fine me piacerebbe puro ‘n nome composto cò Antonio. Per esempio: Antongiulio» «A Sà. Queste sò cose delicate e nun è che ce se pò mette bocca. ‘O capisci vero?» faccio io. «Potressi, se è pè questo, puro penzà a un nome che ricordi questo o quer parente. Faccio ‘n esempio: tu Socero. Come se chiama tu socero? Potressi mette er nome de tu Socero si è maschio e de tu Socera si è femmina. No?». «Arvà. Ma ciò sai come se chiama mi Socero? Ce lo sai?» «No a Sà. Nu lo so. Ma perchè? Ciò dovrei da sapè?». «Arvà. Solo a l’idea de chiamà mi fijo Bernardo me sento male! Così se chiama mi Socero Arvà. Hai capito mò?» «Ho capito. Ho capito.
A parte che nun me sembra un nome così brutto. C’è pure er Passo der Gran San Bernardo…» «Si. Bonanotte Arvà. Si è pè questo c’è puro er cane de San Bernardo! » «Senti Sandrì. Te vojo bene. Ma me devi da dì: ma sei così sicuro che nasce maschio?
E si nasce femmina? Hai penzato a tu Socera? Ma ciai penzato davero?» «Arvà. Sta a sentì. Mò basta! Nun ne infili una che è una! Ma lo sai come se chiama mi Socera? Ce lo sai Arvà?» «Aho. A Sa. Ma mo ciarifamo? Ma come faccio io a sapè si come se chiama tu Socera si nun l’ho mai vista in vita mia! Ma come se chiamerà mai? Beata? Bonaria? Creofe che era a fia der tripparolo?» «Noneeee! Questi che dichi te sò pure mejo der nome de mi Socera! Capimese però. E’ a me che nun me piace. A me mi fija cor nome Adargisa nun me piacerebbe! ‘O capisco che è ‘n nome come n’antro. Ma a me Adargisa nun me piace. Punto!» «E virgola! T’avevo detto che nun me volevo ‘mpiccià! Poi so gusti perzonali! A me Adargisa, per esempio nun me fa schifo! »

Pochi giorni doppo, nasce un maschietto a Sandro. Chiaro che ero curioso de sapè come l’aveveno chiamato. Ma nun me volevo espone troppo. Allora ho chiamato Nenno, che è amico dè Sandro. E domanno: «A Né. Ho saputo che è nato ‘n fijo a Sandro e che è puro ‘n ber pupo. Ma come se chiama? Come l’hanno chiamato?» «Hanno fatto un gran casino Arvà. Nun t’aricconto nemmeno tutta ‘a storia che è lunga, curiosa e pè certi verzi dolorosa. Si perché Sandro e la moje se sò separati. Armeno ner senzo che lui è riito a casa da ‘a Madre e lei è rimasta cor regazzino a casa dè li genitori materni. Ereno d’accordo che j’avrebbero messo nome Claudio, che è er nome der Padre dè Sandro, morto tanti anni fà. Hanno dato l’incarico d’annallo a registrà a l’Anagrafe a Sandro che essenno er padre…» «Okkei. Ma perché hanno fatto casino? Che è successo? Ma inzomma sto regazzino ce l’ha ‘n nome o no?» «Si. Se chiama Adarberto. Perché Sandro, ‘n pò p‘a stanchezza, l‘aspettativa che nascesse stò fijo, er gran callo che fà...nun s’è capito come e perchè ma, davanti a l’impiegato de l’Anagrafe, nun s’è aricordato più er nome che j’aveveno dato e siccome che pare che l’impiegato j’ha detto che lui nun poteva stà tutto quer tempo a aspettà, Sandro, preso da ‘o sconforto i’avrebbe detto “vabbè mi fio se chiama Adarberto”. Aprete celo! Quanno che è tornato a casa e ha detto che aveva messo nome ar pupo Adarberto…» «a Né. Me viè a mente ‘a vecchia barzelletta che faceva: "Arfredo, viè a pijà ‘n po' de vino". “No. Io so astemio”. “Vabbè: Astemio viè a pija ‘n pò de vino...”.

Alvaro Cardarelli



 

 

 

 

 

 

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline