ER FACENTE FUNZIONE

ER FACENTE FUNZIONE 

                                            

10 gennaio 2015


Marcello s’è svejato co’ na gran voja de vive e, volenno, nun sa nemmeno perché!
Mentre che beve er primo de li quattro caffè d‘a giornata, se domanna er perché de stò bon umore. Nun riesce a spiegasse quer po’ po’ de vitalità che lo fa senti puro ‘n po’ incosciente. Inzomma: Marcello oggi se sente alegro e felice!  E nun c'è nisun motivo, pensa. Anzi!
Li motivi pe’ sentisse ‘n po’ giù ce ne sarebbero eccome: ‘a Banca che je chiede de copri ‘n buco ner conto. E bollette da paga’. Eppoi: l’urtima murta che j’ha mannato l’Equitalia che, a dilla tutta, propio nun ce voleva! Però. Je pareva ‘n miracolo er fatto de sentisse alegro e contento. Decide allora d’annasse a fa du passi fora de casa. Anche perché ‘a matina è tiepida. Pe’ ‘a verità ‘n po’ freddina ma Marcello nun se ne accorge. Marcello non è l’Amministratore ma si occupa dei suoi Condomini e dei problemi della Scala dove abbita.
‘Na specie de “facente funzione”. Lo fa volentieri anche perché je pare de esse ben accetto dai suoi Amichi Condomini. Certo. Quarche vorta ‘o mettono ‘n difficortà! Perché quelo cià sto’ probblema. Quelo ce n’ha n’artro. Però a lui nun je dispiace. E’ conosciuto da tutti e salutato affettuosamente da tutti. Fatti du passi su via Enrico Cravero, s’aritrova ar Bar da Foschi, andove ‘ncontra l'amico Luigi: "ciao come stai?" Je chiede premuroso. "E come ho da stà? Cor culo pè tera". “E che te succede”, chiede Marcello”. E Luigi attacca ‘na pippata lagnosa pè le liti co’ l’ex moje, pe’ li fiji, ‘e Maestre, li corsi de noto, li sòrdi. "So’ povero è cò ‘e palle pe tera". "Capisco! Capisco! Mbè. Allora ciao" Marcello saluta ‘n po' rabbujato Luigi e senza nemmeno beve ‘er caffè ordinato. Ma pè fortuna er soriso je ritorna subbito. "Marcello, Marcello, Marcè". E’ ‘na Condomina e vicina sua de casa che ‘o chiama dar marciapiede davanti a Foschi. "Ecchete finarmente. Te cercavo pe’ ariccontatte ‘na cosa teribbile che m’è successa!” E giù ‘e lacrime: er Marito ‘a tradisce co’ na cuggina. “E come l’hai saputo?” je fa Marcello. “E come l’ho saputo? Tramite er cellulare. ‘N giorno l’ha lassato a casa e me so messa a vede. C’ereno li messaggini tra lui e ‘a mignotta. Quela bestia de mi marito! Ecco quelo che è mi Marito!!!” "Me dispiace Luisa. Si te posso ajuta’ nun fa comprimenti. Me bussi e me chiedi! Allora ciao!” E Marcello scappa lassanno ‘a vicina a piagne pe’ strada. Ma poi penza:“che je posso fa io? Eppoi tra Moje e Marito nun ficcacce er dito!” Speranno che ‘e disgrazie artrui pe’ quer giorno sieno finite, se va a comprà er Giornale. L'Edicolante come ‘o vede fa: “’a Marcè. Stanotte nun ho mai dormito e tu sai che vordi pè me che m’arzo a matina a le 5”  “Si. Vabbè. Ma che t’è successo?” “Che mi Fijia s’è messa co uno che nun me piace” “’O conosco?” “No Marcè n‘o poi conosce. Nun bazzica da ste parti!” “Arivabbè Dario, ma de che te preoccupi?” “Che sia ‘n delinquente!” “Ma t’arisurta che è ‘n delinquente?” “No. Nun ciò so ma certo che cià ‘na faccia!” “Mo te saluto” je fa Marcello che comincia a nun faccela più, Decide de riannessene a casa e riesce pè ‘n pelo a evità ‘a Portiera d‘a Scala de fronte che litiga cò tutti li sui Condomini e poi se sfoga cò Marcello. “Queli der seconno piano, che tu Marcè conoschi bene, so ‘na coppia de litighini e ignoranti” Ecc.ecc. Finarmente a casa, Marcello spera d’aritrovà er soriso e magara de nun esse scassato da nisuno. “Anche perché è domenica” pensa. “Ammazza aho si quanto è difficile esse alegri e soridenti! Mo ce manca sortanto che quarcuno me bussa!” Allora l’idea! Lui, Marcello, che stà sempre a fa cartelli d’attaccà ‘n Bacheca, der tipo: “l’ascensore è guasto. Mejo si annate a piedi”. Oppuro: “fate ‘n modo che er vostro cane nun pisci davanti a ‘e scale e nemmeno davanti ar portone”. Allora va ar computere e prepara n’ cartello e l’attacca davanti a la porta de casa.
Aho. Chi ve scrive e’ Marcello, er Facente Funzione, che datosi che oggi e’ domenica e che cia’ ‘n po’ i cosiddetti scassati, si potessivo evita’ “de rompe” pè oggi…grazie!

Alvaro Cardarelli


 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”