ER CONSUMISMO SFRENATO

ER CONSUMISMO SFRENATO                                                                            2 gennaio 2013


«Arvà, me sa che te faccio ride anche si c’è poco da ride» me fa Nico detto “er caciara”.
«Perché che t’è successo?» E Nico «Eli, mi Moje, a l’improviso me dice:”io nun vorei proprio
somijà e nemmeno n’anticchia a Lauretta» «Mo io, Arvà, stavo a legge ‘na Rivista d’informattica
perché de compiutere nun ne capisco ‘na cippa! E ‘nvece è ora che me metto ar passo co li
tempi. Te dicevo che stavo a legge, quanno che m’ha detto sta cosa. Me fermo, chiudo ‘a Rivista
e je domanno: “ma chi? Lauretta ‘a Moje de Sandro “er cortocircuito?”» «Si proprio lei» aripija
Eli. E io «in che senzo?» «Ner senzo che quela cià ‘a fissa p’ò scioppinghe e quer povero Sandro
stà sempre pronto cor portafojio ‘n mano. E io pago, diceva Totò» «Vabbè. Ma a te che te frega?
Mica paghi te!» «Certo. Ma nemmanco te! Che sei proprio er contrario de Sandro. Te sei ‘n
tirchio d’‘a miseria…nun me compri gnente! Aiuteme…come se dice gnente?» «Mbè. Mo nun
esaggerà. Nun te ricordi che t’ho comprato ‘a borza co ‘e scarpe?» «E certo! Ma du anni fa ar
compleanno mio! Quest’anno hai fatto finta de scordatte er giorno der compleanno così hai
puro sartato er rigalo!» «Quanto sei esaggerata! Me sò scordato! Succede no?» «E si. Ma
succede solo a te. Nun hai voluto che annassi a lavora!. Eri geloso! Co’ er risultato che si nun
me dai te quarche cosa io nun ciò gnente pe compramme magara ‘n vestitino! Io me riciclo li
vestiti vecchi! Li vedi sti ginze? Questi li portavo a 18 anni e mò ce n’ho 45!» «Si. E io me so
‘nammorato de te co sti ginze! Ciavevi ‘n gran ber culo…e ancora oggi. Nun so cambiati li ginze
ma manco er culo!» «Certo, certo! E io si vojo quarche cosa, perché io ce lo so, te te devo da
venì ‘a sculettà davanti. Vero?» «Bella stà cosa Nì» Je faccio. «Ma Eli te sculetta davanti?»
«Perché nun ce lo sai che ‘e Donne si vonno quarche cosa da noi ciò sanno come se fa? Ma
perché tu Moje, Arvà, nun te sculetta quarche vorta?» «Oddio Nico! Me fai ‘mpazzi! Ma te cià
vedi Valeria che viè e me sculetta davanti? Ma noi semo de ‘n’artra generazzione. Anzi come
dico io “semo diversamente giovani”. Semo d’artri tempi. A l’antica. E li sculettamenti nun
s’usaveno!» «Si. E’ vero! Scuseme Arvà nun volevo offenne né te né Valeria!» «Nun te preoccupà
che nun s’offennemo. Ma dimme. E allora? Che è successo?» «E’ successo che a
faccenna è ita a fini a schifio. Perché Eli ha seguitato e più annava avanti e piu tirava fora er
veleno. Io poi ciò messo der mio perché a ‘n certo momento ho detto: abbasta! Ciavemo ‘a crisi
economica e tutti sti consumi nun se ponno fa! Tocca a risparmià. Basta co’ sto consumismo
sfrenato, co’ l’esibbizzionismo! Punto e basta!» «A si?» M’ha risposto Eli. «Consumismo
sfrenato pe te è compramme quarche cosa ‘na vorta gni du anni? S’arisparmia quanno se tratta
de me.Te mo te sei comprato er compiutere novo “perché bigna esse aggiornati!”. E io che vado
vestita come una de l’anni trenta? Li vestiti che ciò e più de uno, so de mi Madre che li ho
rimessi a posto. Ma che devo da fa? Me devo da fa l’amante pe compramme quarche cosa?»
«Arvà. Io detesto queli che meneno a ‘e donne. E figurete queli che l’ammazzeno. Però in quer
momento ero imbestialito e prima de commette quarche cazzata ho operto a porta de casa e so
uscito. Ma ero fora d’a grazzia de Dio! Eli aveva esaggerato!!! Giro l’angolo e te vedo Gianni “er
gigante” che sortiva dar Bar. Je dico: “a Già. Vie quà! Damme du schiaffi. Ma dammeli belli e
forte”. Gianni m’ha arifilato du pezze che ancora me gira ‘a testa. Un dolore Arvà. Che
dolore…ma te devo da dì che nun tutti li dolori vengheno pè nòce. So subbito aritornato a casa
cò Eli preoccupata che m’aveva visto sortì ‘ncazzato nero e me stava a aspettà. L’ho presa pè le
braccia. L’ho fatta mette a sede ar divano. Jè so ito davanti…» «vabbè! A Nico! Ma che mo
m’aricconi de come hai fatto sesso cò tu moje?» «E no, Arvà. M’hai ‘nterotto! Famme finì ‘a
frase. Dunque dicevo: Je so ito davanti. Me so girato e ‘o cominciato a sculettà! Eli è scoppiata
in una risata convursa e rideva, rideva. M’ha abbracciato…e ha capito che je stavo a da
raggione…» «Nico. Ciavevi raggione quanno a l’nizio de ariccontamme tutto m’hai detto:
“Arvà, me sa che te faccio ride”. Me stai a fa piscià sotto da ride! Ahahahah…che scena.
Te che sculetti! Poi però te dico puro: A Nì. Ma che vergogna! Ma che schifoooo!»


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline