ER COMPLEANNO MIO

17.luglio.2013 - Du’ settimane fa ho compiuto 50 anni.                    
‘A matina der compreanno me sò arzato e ero abbastanza arzillo anche si ‘n pò me ce rodeva er chiccherone d’avecce già 50 anni. Ma ereno giorni che ciò sapevo che me sarei sentito armeno ‘n pò strano e allora me sò detto: ”aho. Arvà. Mo nun cominciamo cò ‘a pippata d‘a mezza età…

cinquanta anni sò l’inizzio d’a vecchiara…ce vo poco a arivà a 80…aho! A bellooo! E datte ‘n pò ‘na mossa e nun rompe!”
So ito allora verso ‘a cucina pè fà colazzione. M’aspettavo che mi Moje, tutta alegra, me dicesse:
"Buon Compleanno!" e me dava er rigalino der Genetliaco. “MPC”. Ciovè. Manco per ciufolo!”. M’ha guardato seria e m’ha detto «Buongiorno». Poi sò arivati li mi Fij e ‘a storia s’è ripetuta…«ciao papà».
Fine d’a trasmissione! E così ho penzato: “mejo che vado a lavorà e che me levo da ‘e palle. Tanto qui der compimento de li 50 anni nun je ne po’ fregà a nissuno!”. Ma mentre che camminavo diretto a l’Ufficio ho penzato. “chissà si quarcuno in Ufficio s’aricorda der Compleanno? Magara Franca ‘a collega d’a stanza accanto...bocio?”. E abbacchiato ero e abbacchiato so rimasto! Però, Appena ch’arivo ‘n Ufficio e  entro ‘na stanza mia, Franca, ‘a Collega, m’è venuta incontro e quasi strillanno me fà «Bon Compleannooooo!». Seguìta poi da ‘n par de Colleghi che m’hanno riempito de pacche su ‘a schina. Poi hanno tirato fora ‘na bottija de spumante e li bicchieri dè carta e amo brindato. Uno de li colleghi che vò fa sempre vede che conosce ‘e lingue, doppo ‘n par de schiocchi cò ‘e labbra, pè fa capì che ‘o spumante j’era piaciuto fa: «bono stò sciampogno» e li vaffanculo se l’è capati. Però devo da di ’a verità. Me sò sentito subito mejo. Per lo meno quarchiduno s’era aricordato! Sò arivato così a mezzogiorno quasi senza accorgemene. Doppo ‘n pochetto s’ariaffaccia su ‘a porta Franca che me fa «che ne penzi si se n’annamo a magnà quarche cosetta inzieme?» «Certo», ho risposto. «Eccome no?». Avemo scerto un Ristorantino vicino a l’Ufficio. Avemo magnato bene. E’ ito tutto bene e mentre j’offerivo ‘n caffè ar Bar vicino, lei me fa «che ne dici si stasera venghi a casa mia e se rilassamo ‘n pò?» Ho penzato “ma certo! Tanto sei poco bòna? Si te fai mette ‘e mano addosso t’alliscio tutti li rigonfi che t’aritrovi. Li du montarozzi davanti e queli de dietro”. Arivamo a casa sua. Me fa sède ar divano e me dice «te posso da quarche cosa da beve? Dimme. Che voi beve? Voi ‘n semprice drinche oppuro ‘n frullato?, «’N drinche» risponno.
Nun faccio a tempo a mannà giù l’àrcole che me dice «si nun te dispiace me vado a mette quarche cosa de più comodo». «Ce mancherebbe» dico.«Fai puro quelo che devi da fa».
E mentre entra ‘n cammera sua, penzo tra me e Arvaro: “ speramo che er “quarcosa de commodo” sia veramente così. Tipo: gnente addosso ma solo ‘n tanga o ‘n perizzoma co’ l’infrachiappe. Doppo nemmeno ‘n minuto esce. Ma mica esce da sola. Noooo! Dietro a lei c’era Valeria, mi Moje, coi mi Fij e ’na specie de torta cò ‘a cannela accesa. E se so messi a fa er coretto “tanti auguri a te…tanti auguri a teeee”…
io nun me ricordo ne li 50 anni passati, de esseme mai vergognato come ‘n quer momento.
Davanti a mi Moje e a li mi Fij c’ero io cò addosso gnente. M’ero preparato pè ‘er “movimento” e ‘n pratica ero vestito sortanto dè ‘n par de pedalini neri e arti fino ar ginocchio. Ho penzato “me suicido adesso o domatina? Oppuro faccio ‘n femminicidio cò er collo de sta stronza de Franca ‘n mano?”. Ho provato a metteme ‘e mutanne e li carzoni ma tale era l’incazzatura che a la fine sò scappato uscenno sur pianerottolo e penzanno che ‘e mutanne e li carzoni me li sarei messi drento l’ascenzore. Ma come esco da ‘a porta de casa de Franca, ‘a collega bòna ma stronza, ecchete che ‘na vecchietta sorte da l’ascenzore, me vede e se mette ‘a strillà e a strillà. Strillava forte! Come si avesse visto a l’improviso ‘n’omo gnudo…

 

Alvaro Cardarelli

 

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline