E SI ME N'ANNASSI ADESSO ?

 

E si me n’annassi adesso?
Incontro Franco “er pacoccia”, amico d’infanzia e vicino de casa.
Me fà: Arvà. E si morissi adesso? E si me n’annassi mò?
“A Pacò. Ma che cazzo te passa pè la capocciaccia tua?
Ma perché doveressi da morì adesso?”.
Ma no Arvà. E’ ‘n’gioco. Me piace immagginamme er funerale mio, cò me drento ‘a la
cassa e sentì così i commenti dè queli che m’hanno conosciuto da vivo.
Inzomma: sentì i commenti in generale. Eppoi vede chi c’è.
E guardà, che ne sò, er vicino coinquilino. Quelo scarzo dè testa. Si hai capito bene de chi
parlo: Quelo tutto matto che magara dice: “oh! mio Dio poverino, sempre carino e così
gentile”. Poi, a voce più bassa: “gentile e carino ‘stà mazza! Era un vero e proprio
cacacazzo!”. Dio Arvà. Poteje fa ‘n par dè pernacchie senza che lui me sente! Le risate che
me farei! E quell’artro stronzo sempre controcorente. Si er burino der sesto piano. Si lui
Arvà. Proprio lui, che de sicuro commenta: “era mòrto intelligente. Poi a voce più forte:
“era n’egoista. Pensava solo a se stesso e ar culo d’a cameriera sua...”.
“A Pacò, t’avverto. Stò gioco nun me piace e nun me fa nemmanco ride!”.
E daje Arvà e ridi, che cò li tempi che coreno adesso, ce sò rimaste solo dù risate e tre
scoreggie! E daje. E fattela ‘na risata. Oggi me pari ‘na mummia egiziana!
“A Pacò. E piantela! E falla finita!”. No Arvà, stà a senti st’artre botte.
Er direttore de Banca viè ar funerale mio in frack e declama: er signore era di tanto rispetto.
Poi se gira verso er collega più ‘mbriaco ‘a matina che ‘a sera e aggiunge:
“noi ‘o conoscevamo bene. Era ‘no stronzo. E meno male che è morto. Semo contenti,
semo!”. Er Barista che dice: “educato, sempre elegante anche ner parlare”.
Poi se gira intorno ‘n’ pò incerto e fà: “gnorante madonna! Mancava a tutti dè riguardo...”.
“E li clienti der bar che dicheno?”, azzardo io.
E che dicheno Arvà? Che ero sempre affabbile e soridente. Poi dicheno tutti in coro:
“Era ‘n rompi cojioni. Era più ‘e vorte che te veniva voja dè mannallo a fanculo che er
resto!”. E io ormai, preso dar gioco e incuriosito domanno: “E amici e parenti?”.
Arvà. Queli sò tutti uniti: “se lo semo levato dar pisolo e amenne”.
“E tu Moje? Così dorce e tenera? C’hai potuto sentì che dice?”.
Ah! Bella sta domanna Arvà! Si che ‘o sentita! Mi moje cò dù parole l’ha sistemati tutti.
“E ciovene Pacò? Che dice? Che fà tu Moje?”
Mi moje dice: “mi Marito era troppo bono. Avrebbe voluto cambià tutto de stò zozzo monno
‘nfame. Ma nun ce l’ha fatta…ma io nun sò morta. E voi me dovete dà ‘na mano. Dovete
arispettà er mio penziere e quelo dè Franco, mi Marito. E anche er mio dolore. E dovete
abbozzà si sò ‘n po’ strana! Si nun lo fate, nun ve dico gnente!
Però comincio a piavve a borzettate e a penzà puro che nun è che valete tanto.
Anzi: che nun valete ‘n cazzo!!!
Er pacoccia, m’abbraccia forte e se ne và canticchianno ‘na canzone mai sentita prima:
- m'embriaco pè trovà 'na via d'uscita
- vado a zonzo come 'no stronzo
- ma si che felicitàààà…
chi ‘o sà andò ‘a presa…boh?


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline