GESU'A GERUSALEMME SCACCIA ...

Gesù a Gerusalemme scaccia i mercanti che trafficavano nel tempio.


NOTA: mi si perdoni se in qualche punto sono blasfemo ma chi mi conosce da
sempre sa che io sono molto legato a Gesù, per quello che ha rappresentato, per
quello che ha fatto per l’umanità e per cio’ che ancora oggi insegna: ”Gesù esercitò
un influsso unico sul pensiero religioso, ed è impossibile trovare nella fede
Cristiana una sola concezione che, a contatto con Lui, non sia stata elevata e
trasformata”. Ed è per questo e per tutto il resto che io amo Gesù!!!

Alvaro Cardarelli
°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^°^°^^°^°^°^°^°^^°^
Ner Tempio trovò li mercanti de bovi, de pecore e de colombe e i trafficoni de sòrdi sporchi.
Tutti a sede. Allora “ar fly”, t’armò ’na canizza che nun ce se pò crede! Se fece ‘n flagello cò de
le cordicelle e cominciò a menà come ‘n facocchio. E ner frattempo, ‘ncazzato nero, strillava:
“l’anima de li mejio mortacci vostri, brutti fij de ‘na gran mignotta, mò si nun ve levate da li
cojioni me ve faccio uno pè uno e ve manno ar cacatore pè sei mesi filati!”. S’avvicinò ‘n
Discepolo e je disse “Maestro scialla, scialla”. E Lui: “scialla ‘n cazzo!”. Tante ereno ‘e botte
che dava, che li mercanti se la filorno e de corsa. Nun contento che queli se la davano a
gambe, cominciò a rivortaje tutto quelo che trovava n’ piedi! Arivortava i banchetti de li
cambiavalute, arivortava li bovi, ‘e pecore e aribartava puro e colombe. Poi disse:”brutti stronzi
cacati ‘n testa, portate via fino all’urtima cosa che ciavete e nun provate più a scambià ‘a casa
der Padre mio (che ha fatto ‘n culo così pè compralla), pè ‘n mercato de frutta e verdura.
E ringraziate Iddio (cioè mi Padre) che oggi già j’ho dato de brutto, sinnò ve riempivo er culo
de noccioline americane”. Poi rivorto a ‘n Discepolo che je faceva notà che “a quer tempo” ‘e
noccioline americane nun c’erano ancora, disse: “Fatte però li cazzi tua che a me, si me va, cò
du scoregge faccio l’america. Hai capito? Si?”. Poi rivorto a l’Ebbrei che je domannaveno:“ma
che fine fa er Tempio?”, je rispose:“ ‘o distruggemo tutto!”. Ma l’ebrei aricominciareno: “si
vabbè” dissero, “ma poi ’o ricostruimo? Ce sò voluti quarantasei anni pè costruillo e mica
potemo aspetta n’antri quarantasei anni!”. Lui arispose:“ ’o ricostruirò e in tre giorni!” “Cazzo”
dissero allora l’Ebrei, “e come farai?” E lui:”e che pisello ne sò? Chiamerò Cartaggirone e j’ho
faccio aricostrui e nemmanco ‘o pago!” Più tardi, quanno pensò de morì e poi fu risuscitato da’
morì, li Discepoli s’aricordonno che Egli aveva detto questo e credettero alla Scrittura ed alle
sue parole. E a proposito dè costruì. Quanno che decise che a Roma se dovesse costruì
S.Pietro, Gesù chiamo Simone, un pescatore ignorante come un politico d‘a cammera de li
deputati e je disse: “tu sei Pietro”. E quello, che ciaveva puro raggione, j’arispose: “Maestro.
Ma che hai ciucciato? Hai ciucciato er Frascati Doc? Guarda che io me chiamo Simone. Pietro
te ce chiamerai te!”.“Stà a sentì” disse Gesù ‘ncazzato, “ma de tanti spermatozoi che j’ho dato,
tu madre ha scerto proprio er più cojone pè fa te? Eppoi nun inziste che sinnò te parcheggio e
mano ‘n faccia. Tu sei Pietro e nun fa er testa de cazzo.Te annerai a Roma e costruirai ‘a
Chiesa mia. Vabbuò? Ma stà attento: nun vojo li preti, er papa, li vescovi, li cardinali e le
moniche! Hai capito? Mbè. Mo pià er motore e vai!” E Pietro prese ‘a Vespa e annò! Ma nun
dette tanto retta ar suo Maestro e nun fece ‘e cose per bene e pè questo fu crocifisso a
capoccia ‘n giù tanto è vero che chi passava je domandava: “a morto! Ma che hai
scapocciato?”. “No” arisponneva Pietro “è che nun me sò aricordato che er Maestro nun
voleva er Vaticano. E io je ciò fatto fà puro er Colonnato dar Bernini. E ciò spostato puro
l’Obelisco che li Romani aveveno fregato all’Egizziani! Sicchè merda che sò stato!. Amen. Anzi,
Amenne!!!”


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline