V’ARICCONTO D’A PISCINA

1 ottobre 2013 -  Da quarche anno vado ‘n piscina. Anche er Medico ha approvato. Dice che er movimento a ‘na certa
età fa bene! Dice che nun ce ne avrei bisogno ma perde quarche kiletto nun fa male a nisuno.

E va bene! Ho fatto ‘n’abbonamento e so annato. Mò doppo quarche anno, come dicevo prima, me ciaritrovo bene. Si. Io nun è che so ‘n gran notatore ma inzomma m’a cavicchio. Certo me ce ‘ncazzo quanno tu stai ‘na corsia tua e galleggi e er notatore provetto ariva sparato “a dorzo” e er minimo che te po’ capità è no schiaffone ‘n faccia e ‘n cazzottone ‘n testa.. Dice “scusi nun l’avevo visto!” E te credo noti a la rovescia! Prova a mette er culo sopra e nò sottacqua…così’ me vedi e nun m’ammolli sti sganassoni che fanno puro male. Dice: “ma io stavo facenno er dorso”. Si e io er torzolo ma de broccolo. Scusa ma nun te poi spostà a n’antra corsia? So tante so!  Oppuro prova a fa er borzo. Dice: “ma allora mo m’offenne”. A si? Dico, tu me riempi de schiaffi e de schizzi annata e ritorno e te senti puro offeso. Lassamo perde. J’avrei voluto dì:” ‘a cambio io ‘a corsia che sei puro brutto e ‘nvece guarda ‘n po’ si che stacchi de gnocche che ce so laggiù e cò poca robba addosso, che je se vede puro er giorno che so’ nate. Pè fortuna che in piscina fai puro amicizia. E’ li che ho conosciuto Franco, ‘a Moije, Maria Grazia e Roberta a Fija. Lui, Franco, è ‘n abile notatore. De queli appunto che è mejo cambià corsia…’a Moje è ‘n tipetto mica male. Carina, gentile e bella quanto basta. Dice: “Arvà che vor dì quanto basta?” Vor di che si provi a dije che è bella, s’inarbera e come ‘na cattedratica arisponne. “io nun so bella”! E vabbè. Ma manco democratica si nun me permetti de di quelo che penzo! ‘A Fija, Roberta è bella e riservata. Dice: “ma allora che fai? Vai ‘n piscina pè er rimorchio? Ma falla finita! Io nun me metto a rimorchià e Moij e le Fije de l’artri. Certo. Si me facessero capì che so ancora ‘n fico adatto…capitasse…mica me tirerei indetro. Dice:” ‘O vedi che stai li pè er rimorchio!” Si. Vabbè bonanotteeeee…
A me poi n’artra cosa che me manna ‘n bestia è ‘o spojatoio. Dico: e’ vero che semo tutti maschi, ma che bisogno c’è de girà tutti gnudi. Poi, vojo di. Nun è che me fai gola si giri cor pisolo ar vento. Fai tanto schifo…e fai schifo puro si t’arivorti. Ma ched’è ‘a mostra dè li sculati? E n’artra cosa. Io nun lo so ma pe spojamme e arivestimme ce metto ‘na vita. Bigna asciugasse bene, sinnò manco a majetta t’arientra e lo stesso me capita cò ‘a camicia e li carzoni.
Ma quelo che me fa ‘ncazza più de tutto so e’ scarpe.
Nun ce riesco a ‘nfilalle nemmeno cor candeggio. Eppuro drento ‘a sacca ciò ’n carzante. Ma lui, er sor carzante, sistematicamente, come l’infilo tra er carcagno e ‘a scarpa, rimane ‘ncastrato li e nun viè più via. Né er carzante, né ‘a scarpa e nimmanco er piede. E allora cammino pè fà entrà ‘a scarpa e strucino er piede,‘o spigno addosso a tutto quelo che c’è de grosso, compreso er muro, ma prima o poi rischio da annà longo pè tera. Eppoi: stanno tutti zitti. C’è ‘n silenzio de tomba. Ndò spojatojo nun parla nisuno. Doppo er fatidico “bongiorno”, tutti zitti e mosca! Si poi entra uno che ne conosce n’artro e allora scatteno li discorsi su ‘a matriciana e sarcicce co li broccoli che te, che quanno nun vai ‘n piscina, magni a mezzogiorno, te comincia a colà ‘a bava dar lato destro d‘a bocca e nun ciai nemmeno ‘n fazzoletto de carta…
A la fine, grazziaddio, sorti. E, armeno io, comincio a respirà forte e me sbrigo a’ uscì prima che i gestori d’a Piscina me domanneno: “sta bene? Se sente bene? Cià ‘n po’ de raffreddore?”.
No! Nun ciò n’ pisolo. Vojo sortanto sortì perché a me ‘a matriciana me piace magnalla e no sentilla descrive. Adesso poi arimetteno er pallone. Quelo che copre ‘a Piscina pè l’inverno. E io vado lo stesso. Tanto, si ho da pija li schiaffi e li cazzottoni da quelo che nota a dorzo, li becco lo stesso.
Sia d’estate che d’inverno. Cor pallone o senza!
So sfigato? No! So solo uno che nun ha capito ancora che ‘na piscina (pe ‘n tipo come me), cià d’avè armeno 16 corsie e una cò ‘e bandierine co scritto. Riservata a Arvaro.

Alvaro Cardarelli