FURVIO ER PIRATA

FURVIO ER PIRATA

E’ aritornato “Furvio er pirata”. E’ stato tre mesi a Siviglia.

Ma prima dè riccontà su Siviglia e cose varie, ciò voja dè divve perché cià stò soprannome.

Quanno erimo regazzini, lui era er più robusto dè tutti noi e quanno che cereno ‘e famose battaje cò li sciangaini era sempre er capo supremo e quello che menava dè più.

Abbitava a ‘o stesso piano dè n’antro amico e una dè le finestre dè casa sua era mòrto vicina ar terrazzino dè st’amico.  E spess’e volentieri “er pirata” scavarcava e se ‘o ritrovaveno  a casa a l’improviso.  Granne ‘ncazzatura der Nonno dè st’amico che quanno ò vedeva, strillava come ‘n’aquila: “ ’a Fù, t’ho detto mille vorte che nun devi dà scavarcà e venì drento casa mia. Io vojo esse padrone dè stammene pè li cazzi mia e tu non devi rompe! Bussa a la porta come fanno tutti li cristiani”. Ma manco pè gnente! “Er pirata” seguitava a scavarcà a tutta tigna! Ma ‘a cosa più ‘mportante che riguarda “er pirata” è che era pieno dè fantasia. Una ne penzava e cento ne faceva! E partimo proprio da qui pè spiegà er perché “der pirata”.  Ciavrà avuto 15 anni e se costruì cor legno ‘na scialuppa. In pratica era ‘na tavola 2 metri pè 2 metri a la quale ciaveva attaccato ‘n pennone cò ‘na vela.  Su ‘a vela (nera), ciaveva disegnato un teschio cò l’ossa ‘ncrociate. Dà pirata inzomma. E sarpò!!! Sarpò? Come sarpò? Annette cò n’amico  a Fiumicino e notte tempo, sarporno. Pè fortuna che ‘i ripresero quasi subbito perché er mare era cattivo, cò in più quela specie dè tavola,  staveno pè passà ‘n brutto quarto d’ora! Ma er soprannome ormai se l’era appiccicato e ancora oggi che è granne (e grosso!) noi amici ‘o chiamamo “Furvio er pirata”.  Er bello o er brutto “der pirata” è che ‘a fantasia jè rimasta tutta! Stà a sentì: dicevo che è tornato doppo esse stato tre mesi a Siviglia in Spagna e come me vede me fa: “aho Arvà! Giusto a te cercavo…ciò ‘n’idea grandiosa!”.  Io, che v’ho dico a fà, ho cominciato a tremà! Me sò detto: oddio.  Speramo bbene! Dice: ”vojo portà er Flamenco dè Sivija a la Garbante.  E ho bisogno che m’aiuti a trovà i ballerini, er posto e quanto serve”. Faccio: “a Fù, ma io che ne sò der Flamenco? Io nun sò manco ballà ‘a tarantella!”.  “No, me fà lui, mica devi dà balla te. Dovemo organizzà dè li regazzi che sanno ballà er Flamenco. Io mò doppo tre mesi a Sivija quarche cosina ‘a sò. Pè ditte: ‘nà vorta che sti regazzi, maschi e femmine, sò pronti, organizzamo nà Fiesta Gitana, che ne sò, a la Chiesoletta oppuro a Piazza Damiano Sauli davanti ‘a Scola.  Je famo fa ‘na danza a ritmo dè sevillanas seconno ‘a tradizione Andalusa”.  “ Dè sevillanas? E che sò” domanno. E lui, cor parlà ciovile e co ‘a puzza sotto ar naso dice: ”è una danza tipica della città di Siviglia. Poi potemo fà ‘a Noche de Sevillacante, baile e toque”. “A pirà spieghete: che so ste cose” domanno. E lui de novo in ciovile e cor petto ‘nfora: “sono i pilastri fondamentali del flamenco. E si rimediamo uno o una che canteno bbene (che a Sivija li chiameno cantaores) je famo cantà er cantejondo che è ‘na specie dè semo ragazzi dè borgata. Poi si arimediamo gente che sà ballà, je famo ‘nterpretà er tangos, ‘a solea e ‘a cantinas”.  A stò punto m’era venuto er mar dè testa e jo strillato: “fermete ‘a pirà. Fermete pè l’amor diddio! Ma che stai a dì! Io nun te capisco. Ma che hai sbajato ‘a Garbatella cò ‘n quartiere dè Sivija? Er tangos, a cantinas, cor sottoscalas ,o scantinatos e er seminteratos”. E lui: ”si Arvà. ‘A Garbatella ‘a famo somijà a Triana che è ‘n quartiere bellissimo che rissomija a la Garbatella (nun pè gnente ha fonnata l’Imperatore Traiano che era nato lì vicino) e famo puro…”.  “FERMETE” ho strillato io!    “A pirà falla finita! Io nun t’areggo più! Me stai a fà senti male!”. Poi pè levammelo dè torno jo detto:  senti a Fù. Te dò er numero dè cellulare dè Mauretto. Je telefoni e senti si lui cià quarche indirizzo dè Ballerini dè Flamenco a la Garbatella. Lui è più preparato dè me su stè cose!”. “E mò chi è stò Mauretto?” me fa er pirata visibirmente ‘ncazzato. “E’ ‘n’amico mio. Bravo e che probabilmente su stè cose è puro preparato. E mò a pirà te saluto. Vado dè corza a casa”. “M’ando vai, aspetta”, fa er pirata. “Ma che ciai prescia?”. Si ciò prescia! Vado a casa, me piò un cachè  e me metto sur letto a occhi chiusi speranno che passa er mar dè testa che m’hai fatto venì.

 

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline