FRANCESCO E' A MORALE

FRANCESCO E ‘A MORALE


Me talefena Francesco e me fà: «amico mio. Che stai a fà?» «Gnente de particolare
Francè. Sto a vede ‘n po’ de tv. Perché mò chiedi?» «Te volevo venì a fa ‘na visitina. Si
nun rompo però» «Ma quanno mai. Viè, vié» Tra de me penzo “che je se sarà sciorto pè
volemme veni a trovà de domenica? Bocio?”. «Caro Arvaro. Si nun fusse vero quelo
che te stò p’aricconta, se potrebbe scambià pè ‘n ricconto porno o ‘na barzelletta.
E ‘nvece è tutto vero. Puro perché m’appartiè!» «Vabbè. Mo nun te fermà. E’ mejo si me
dichi tutto dè ‘n fiato. Così nun penzi a quelo che me stai a dì!» «Vabbè Arvà. Allora
vado: Io e ‘a mi regazza eravamo fidanzati da un anno ormai, e finarmente avevamo
deciso de sposasse. I mii de genitori ci aiutaveno in tutti i modi, l’amichi ce ‘ncoraggiaveno,
e la mi regazza? Beh, lei pe me era ‘n sogno e era contenta come me, dè sposamme!!!
C’era solo ‘na cosa che me preoccupava, e me preoccupa parecchio: ‘a sorella
minore d’a mi regazza...’a futura cognata che cia’ vent’anni. Ma tu poi Arva ‘a conoschi
bene! Porta minigonne e majette mozzafiato e è ‘n gran tòcco de regazza. A ogni occasione
se ‘nchina quanno stà davanti a me, mostrannome ‘e mutandine. ‘O fà de sicuro
apposta. Difatti sta storia nun capita mai davanti a artra gente. Pochi giorni fa
“a sorellina” me chiama e me chiede d’annà co lei a daje ‘na mano a controllà l’inviti de
nozze. Eravamo soli. Io e lei a soli…me se avvicina e me soffia “che io tra nun mòrto
tempo sarei stato sposato cò ‘a sorella, che lei provava pè me certi sentimenti e, soprattutto,
‘n desiderio ar quale nun poteva e nun voleva fanne a meno. “Anche perché se
vive ‘na vorta sola!”, disse. Me disse puro che “avrebbe voluto fà l’amore cò me armeno
‘na vorta, prima che io me sposassi e me legassi pe ‘a vita a la sorella”. A stò punto
Arvà, ero totarmente ‘n bambola. Nun riuscivo a dì gnente! Nemmeno ‘na parola. Lei,
con freddezza me dice: ”Io sto ananno ar piano de sopra, n‘a cammera da letto mia, si
te la senti… vie’ su cò me e io sarò tutta tua!”. Ero disorientato. Ero surgelato da ‘a
sorpresa. Mentre ‘a vedevo salì lentamente ‘e scale, sculettanno da donna scafata e nò
da una de vent’anni, me girava ‘a capoccia. Quanno salì ar piano d‘a camera sua, se
girò verzo de me, se sfilò ‘e mutanne e me le lancio adosso. Rimasi lì pè lì ‘n momento a
guardalla, poi, più impaurito che artro, decisi che me ne dovevo d’annà, artrimenti nun
sapevo che potesse succede. Presi ‘a decisione che me me pareva più giusta! Me girai
e scesi de corsa e scale, ‘nfilanno sempre de corsa ‘a porta d’ingresso. Uscito de fora
dar portone, me misi a core verso a maghina mia. E mentre stò pè entrà ‘nda maghina,
chi te vedo?» «E che ne so? ‘A tu regazza? Noooo? Aho! A Francè dimmo te che si no
giocamo a ‘ndovinello!» «C’era er futuro Socero che me stava a aspettà e cò ‘e lacrime
all’occhi m’abbraccia e me dice: “sono, semo felici, che tu abbia dimostrato quelo che
pensavamo già de te. Tu ancora nun ciò sai ma hai superato ‘na piccola prova a la quale
t’avemo sottoposto. Quela de resiste a la possibilità dè ‘n’avventura cò a cognatina che
quanno ce se mette, ce sa fa! E’ micidiale! Nun potevamo sperà in un marito mejo pè
nostra fija. Benvenuto né ‘a nostra famija!” Arvà. Co er core ‘n mano, che ne penzi?
Come sai Arvà io me fido de te che cò l’età che ciai nun poi che dimme ‘na cosa giusta!
Allora Arva che ne penzi?» “Ho penzato: mò che je dico a Francesco? Quarche cosa
j’ha devo da dì! Si je dico che è stato bravo, nun je dico gnente de novo e de originale!
Si je dico che…inzomma, ‘un piccolo assaggio d’a sorella’…si je dico che magara quela,
‘a sorella, ce stava sur serio e allora…” «Allora Francè. Dù cose te dico:
1) - che pochi ommini avrebbero resistito a na bonazza come tu cognata e
2) - che m’hai detto ar principio d‘a chiacchierata “Beh, lei pe me era ‘n sogno”
E allora te dico che nun hai sbajato gnente. Sei stato bravo e me comprimento co te!»
Sortito Francesco da casa mia, ho penzato a la cognata e com’è! Bella, bella, tutta ‘na
curva che pare Indianapolis e che nu ‘o sò si ha fatto bbene…
ma si che ha fatto bene! N’omo se dimostra tale si supera er richiamo
d‘a carne…anche si è na’ “fracostina de vitella!”.


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline