FILIPPO, FRANCO E 'O STRANO OSPITE

 .....

 

 

 

 

 

 

Urtimamente so stato invitato a casa de uno de l’amichi d’infanzia. Franco detto “er paco”.
Abbita a ‘n vecchio appartamento, ma rimesso a novo da lui, in via Enrico Cravero.
Motivo dell’invito: er Matrimonio de la Fija più granne, Ervira. Io ho visto cresce sia Ervira che ‘a casa de via Cravero. Ervira mo cià quasi 30 anni e io je vojo ‘n bene dell’anima. Ma puro lei me vò bene. Tanto è vero che nun c’è festa o festicciola che lei nun m’invita. Sia a me che a mi Moje.
E’ amica de due de li mi Fij essenoce annata a scola inzieme.
Pè quanto riguarda ‘a casa, er Paco l’ha fatta diventà ‘na reggia. Pochi appartamenti d’a Garbatella l’ho visti arivortati così. ‘Na meravija. Doppo avella comprata, se ne è ito a casa d’a Madre pè ‘n par de mesi e ha fatto ristrutturà tutto e oggi cià ‘n gran ber salone ortre che 3 cammere e er resto. Er salone io ‘o chiamo scherzanno: “er salone de le feste e de li spettacoli” come quelo de San Remo. Difatti er Paco e le dù Fije fanno de le feste che nemmeno er Principe de Montecarlo e fà così. C’è de tutto. Orchestrina cor cantante. Oppuro er pianista che fa piano bar e er karaoke. Da magnà e da beve che te stufi solo a vedè. Ma mò vengo ar sodo e aricconto er fatto che me preme d’ariccontà.
Dunque: dicevo all’inizio, che urtimamente so stato invitato a casa dè Franco detto “er paco” per Matrimonio de Ervira. Tanto magnà e tanta allegria. Musica, canto, ballo e… magnà.
E ‘a festa era veramente bella e fatta bene. Tutto bello! Io conosco quasi tutti e queli che nun conosco me vengheno presentati. Ner ber mezzo d’a festa me s’avvicina Franco e me dice: “te sei portato n’amico e nun me l’hai ancora presentato!” «A Frà. Ma quale amico?» “Quello là nun è ‘n’ amico tuo?” «No! A prossima vorta che ‘o vedo so due!» “Arvà. Famme er piacere. Tu ‘o sai fa. Vedi de capì chi è e che ce stà a fa qui. Anche perché si è amico de quarcheduno nun ce voijo fa ‘na brutta figura…” «vabbè a Frà. Mò vedo de capì!». Guardo er soggetto senza famme scoprì e noto che è ‘n tipo co ‘n parucchino brutto a la Berlusconi, pè capisse. Sta a ‘n’ angolo der salone e me pare più interessato ‘a magnà che a fà comunella cò quarcuno. Magna, magna e magna. Quanno che m’accorgo che s’e’ ‘nfilato ‘n par de tramezzini ne le saccocce d’a giacca, decido d’avvicinamme e dico: «scusa. Se conoscemo?» “Non credo” m’arisponne. «E allora se po’ sapè chi cavolo sei?» Lui è indeciso. Diventa rosso ‘n faccia e bofonchia quarche cosa. Allora insisto ‘n po’ più deciso: «Si sei n’amico de Franco o de Ervira dillo. Sei ‘n cuggino d’a moje de Franco? Magara ‘n cugino de secondo grado? Ma inzomma. Chi cazzo sei e che fai qui?» Me fa pena! ‘O vedo ‘n granne difficortà e me fa veramente ‘na gran pena! Allora me ‘nvento ‘n’a cosa. «Stà a sentì. Ho capito che tu qui drento nun c’entri ‘n pisolo! Ma nun te preoccupà. Questa è ‘na casa de gente bona e gentile. Però a me m’hai da di che fai qui e qual’è l’obbiettivo tuo. Magna e beve sortanto? Oppuro ciai n’artro scopo che me sfugge. Famo così: io dico ar padrone de casa che sei ‘n’ amico mio e che t’ho portato io. Ma tu me devi da di bene tutto. Come te chiami. Che fai ne la vita e come campi. Si tu me dichi tutto io te sarvo da la giusta incazzatura der padrone de casa. Ma me devi da di tutto! Ma proprio tutto! M’aricconta che è ‘n “professionista d’a materia”. Se chiama Filippo Ardirò. Entra ne le Feste. Magna e beve e se ne và!
Me fa vedè l’agenda e l’appunti che cià sur Tabblete. Tutto n’elenco de li prossimi appuntamenti. Io ‘o guardo. Anche ‘n pò affascinato: vive così, da parassita a ‘e spalle d’a società. Senza però esse ‘n delinquente. E’ sortanto uno! Uno? Si uno!!! Ma come fa a sapè andò c'è l'evento? Andò sta a festa? Semprice: cià ‘n par d’amichi che lavoreno drento famosi catering che je danno ‘a dritta e je fornischeno date e indirizzi de andove se svorgheno feste, matrimoni, battesimi e vai così! Filippo entra a casa andove se svorge ‘a festa e porta ‘na cassa cò poca robba che j’hanno dato l’amichi da consegnà: bicchieri, tazzine, piattini e poco artro. Quanno che ha posato tutto, va ar bagno. Se cambia d'abbito e…er gioco è fatto. Mejo de Diabolikke. Allora j’ho chiesto quali so li prossimi “impegni”. Dove e cò chi!  M’arisponne che cià programmato ‘n compreanno, ‘n matrimonio, ‘na festa semprice e n’innaugurazzione. A stò punto so rincojonito. Ho incontrato ‘n mostro d’intelligenza e de furberia. Io nun saprei mai capace de inventammo ‘na cosa der genere! Allora je dico: “te faccio solo un’ urtima domanna: andò vai ‘a prossima vorta? Quanno me dice che va in un Ristorante da favola sur Lago de Borzena pe er compleanno de ‘na Contessa, me viè ‘nda’ capoccia n’idea barzana. Comincio a penzà: ’e si ce vado puro io? E che c’è de male? Magno e bevo a gratisse e magara me diverto puro! Ma sarò capace de recità a parte? Pio ‘a decisione senza più probblemi…e je domanno:
«Filippo. Che posso venì co te? Porto ‘na rosa p’a contessa e…»

Alvaro Cardarelli

 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”