ESTATE. AGOSTO CALLO !!!

 

Estate. Agosto callo!

Che facesse callo faceva callo! Che fosse agosto (e a Roma!!!) s’era capito puro.
Che moje e marito poteveno smanià dar callo ce pò puro stà. Ma smanià a quela maniera, inzomma!
Ma nun tanto lei. Soprattutto lui. Smaniava perché er callo era teribbile. “Nico” (Domenico), detto “er
caciara”, poi era propio inzofferente: “Io vorrebbe sapè”, disse alla moje “Eli” (Elisabetta), detta “ ’a
moje der caciara”, perché semo l’unichi ‘mbecilli che in cammera nun ciavemo l’aria condizzionata. ‘N
soggiorno ciavemo! Chissà che cazzo ce famo cò l’aria condizzionata ‘n soggiorno! Ciarinfrescamo er
tavolino cò e sedie, ciarinfrescamo!” “Aho!” fece Eli “ma er condizzionatore ‘n cammera fa male! Ma
che se volemo pijà ‘na paresi ‘n faccia? Oppuro ‘na bella broncopormonite a li pormoni? Noi ciavemo ‘a
finestra d‘a cammera spalancata e verso l’una, le dua, ariva l’arietta. Quela bona però. Eppoi quanno
Te metterai ‘n testa che si oprimo ‘a finestra da chiostrina ce fà ‘n pochetto de corente e vivemo mejo?
‘A chiudi perché ciai paura de li ladri. Chissà come cazzo fanno li ladri a salì drento ‘na chiostrina ar
sesto piano? Bocio? Si tu opri avemo risorto” “Avemo risorto ‘n par de palle”, fece Nico. “Te l’avrò
detto cento vorte perché nun opro. E no pè li ladri. Perché c’è ‘n vicino dè fronte che attacca a rottà
verso mezzanotte. Ce sò de le vorte che tremeno ’e pareti da come ròtta forte! Aho!. Io stò pensanno
seriamente de cambià casa. Vojo restà a la Garbante andò sò nato e ciò l’amichi mia, ma si trovo ‘n
cambio, da qui me ne vado. E mica è più vita qui! Quelo de fronte rotta. Quelo de sopra canta
<‘A donna è mobile>. E propio ‘n palazzo d’artisti! Manca er…aspetta…aspetta. Come se dice? Come
‘o chiamerebbe Arvaro che sa tutto lui? A si. Ecco: ‘n petomane. Già. Ce manca er petomane eppoi
stamo a posto! Ciavemo l’Orchestra de la Rai”. “Come sei palloso…come sei lagnoso” ribbatte Eli “te
lamenti de tutto. Er giorno perché er vicino, che chiamamo tutti “er tenore”, canta <‘A donna è mobile>.
‘A sera perché queli fanno ‘n pò de rumori”. Eli se ferma dè botto e come fusse forgorata, se mette ‘na
mano su ‘a fronte e dice: “aho! Nun me chiede si come m’è venuta st’idea! Ma forse er fatto che er
tenore canta che a donna è mobbile…ma vedi come funziona er cervello de li cristiani…”er tenore”
m’ha fatto venì ‘n’idea…io, ar contrario dè ‘a donna der tenore, che è mobile, starò ferma ‘n der letto
e sò sicura che, ortre a sudà de meno, me godo l’arietta. Fallo puro te! Statte fermo. Te godi l’aria che
ariva e nun te ‘ncazzi. Io poi t’ho ripeto: er condizzionatore ‘n cammera nun ciò vojo e nun ciò vorò
mai! Quelo è ‘n’attrezzo che fa male a la salute e io nun ciò vojo!”. “Vabbè”. Ribbatte Nico. “Allora me
compro ‘n ventolatore. Nun vòi er condizzionatore? E io compro ‘n ventolatore”. E nun me venì a dì mò
che er ventolatore fa venì ‘a broncopormonite a li pormoni. A proposito: ma perché dichi così? Ma
perché ‘a broncopormonite andò artro posto po’ venì?”. “Quanto rompi” je fa Eli. “T’attacchi puro ar
fume d‘a pippa. Abbasta che liticamo sei tutto contento! Essi bono, essi. Potemo vive senza li rischi
che porta quel’attrezzo. Oprimo ‘a chiostrina e vedrai che annamo mejo”. “Aridaje! Ciarifà cò Angelica.
J’ho detto che me chiamo Margherita” (@) inziste Nico “ io vojo o er condizzionatore o ‘n ventolatore ‘n
cammera. Decidete!” “No e poi no!” Dice Eli, cò n’aria ferma. “Der condizzionatore nun se ne parla
propio”. “Vabbè”, dice Nico “domani vado a comprà ‘n ventolatore. Mejo morì cò ‘na broncopormonite
che morì’ dè sudore!” A sera doppo Nico rientra a casa co’ ‘n ventolatore e dice: ”Io mo lo monto e me
lo metto ai piedi der letto. Vedemo si ciai ancora da baccajà”. Detto fatto Nico ‘o monta e se lo mette
diretto verso de lui. Passeno cinque minuti e Eli s’avvicina e stabilito che er venticello che er
ventolatore mannava era piacevole, cò ‘a voce sensuale (che solo e donne sanno fa) dice. “Ma si.
Deve da fenì stà storia! E tutto sommato ciai raggione”. Poi se sdraia accanto a Nico e dice cò a
faccetta da ‘mpunita: “aho. Cò s’tarietta ò potemo puro fa. E si! ‘O famo e ‘o famo strano! ’
O famo ‹ar ventolatore ›…
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
(@). Per chi non conosce questa frase: Questo detto l’ho sentito spesso da mia Nonna Amelia, che
la spiegava così: “A Trastevere c’era ‘n poveta (poeta) che quanno che ‘ncontrava ‘na bellissima
donna, bella e popolana, la guardava e je diceva: ‹Oh Angelica creatura › intennenno così che era
‘n’ Angelo. E lei, che tutto se poteva dì tranne che fusse educata e istruita, incacchiata arisponneva:
‹ aridaje! Ciarifà cò Angelica, j’ho detto che me chiamo Margherita! ›. E mia Nonna usava questa
espressione per dire “aho! E insisti!!! Ma t’ho detto più de ‘na vorta che nun è così!”.
Alvaro Cardarelli
2