L'ETTILOMETRO

L’ETTILOMETRO                                                                                                          22.01.2013


«Da quanno è stato messo ‘n funzione l’ettilometro “da l’autorità competenti”, io stò attento a sortì
‘a sera! Uscì de sera e annà co l’amichi e l’amiche è diventato difficile».
Così’ spiegavo a Anna, giovane ma vecchia Amica sere addietro.
«Perché, vedi Anna, le sortite mie cò l’Amichi e l’Amiche, che poi sò poche, sò fatte in genere de
‘na sosta a ‘n Ristorante e abbasta. E che famo? Mbè, se famo ‘na pizza ‘n supplì oppuro ‘na
cenetta. A turno poi, ‘na vorta a casa de questo e ‘n’artra a casa de quela, famo ‘na cenetta
leggera». «Vabbè’, me fa Anna, ma ancora mica ho capito andò stà er probblema?» «Già! Andò
sta er probblema? Er probblema è che erimio abituati a magnà e soprattutto a beve senza penzà a
gnente e ‘nvece adesso basta ‘n bicchiere de più che cominciamo a dommannasse: “che fai? Guidi
te?” Oppuro: “che faccio lasso ‘a maghina mia e vengo cò te? M’ariccompagni te a casa?”»
«Si vabbè però stà legge è giusta e ce voleva!» fa Anna. «Si, si. Sicuramente è giusta. Ma che
fermeno un poro cristo e je metteno ‘na pompetta n’bocca e si ciai er minimo de arcole t’appiop
pieno tra i 500 euri e li 2000 e te leveno a patente puro sei mesi…aho! E sò cazzi! Si ‘a legge su ‘a
guida è questa, stamo in un monno che nun ce permette più gnente! Specie a noi che amio
superato l’anni anta. Anta che? E fa te! Noi annamo da li 65 a li 83. E tutti sti sordi pè ‘na murta
andò li trovamo cò ’e penzioni che ce danno!!! E senza patente che famo? Dovemo da morì a casa
e annoiasse cò ‘e pippate che ciarifila ‘a tivvù? Mo’ però te dico ‘na cosuccia che te farà ride: è ‘na
cosa che m’ha ariccontato ‘n’amico mio cor quale nun se frequentamo tanto. Nun m’ha però detto
si “er soggetto” der racconto è lui stesso, si l’eppisodio riguarda quarcuno che conosce o più
sempricemente l’ha letto. Comunque a me me l’ha riferito così. E te dirò che m’ha fatto puro ride.
Allora me dice: “Arvà, ieri sera sò ito invitato ar compleanno de ‘n parente. Durante ‘a cena ho
bevuto du’ bicchieri de vino, e uno de prosecco. Poi er parente prima de chiude er compleanno ha
offerto un uischetto a tutti. Quanno che sò sortito e me stavo a avvià a la maghina, ho capito che
nun ciavevo ‘n gran bell’equilibbrio. Inzomma ero brillo! Ho lassato a maghina sotto casa der
parente e ho preso ‘n tassì. Ecchete chè, vicino casa, a via de le 7 Chiese, ho trovo ‘n blocco d‘a
Polizzia che faceva testi arcolici. Però pè fortuna mia, siccome stavo sur tassì, nun m’hanno
fermato che si ‘o faceveno, minimo, visto che fortunello sò io, me daveno ’ergastolo! Er giorno
doppo me sò congratulato d’esse arivato a casa sano e sarvo in quanto nun avevo guidato mai ‘n
tassì ‘n vita mia”. «Ma famme capì», j’ho detto. «Ma andò l’hai preso er tassì?» ”E che ne sò?
‘O devo avè fregato, ma nun me ricordo andove…” «e mo andò l’hai messo?» “E mò ce l’ho ar
garage mio, ma nun so come fà e a chi rivorgeme pè ridallo ar padrone!!!”.
«Dico. Ma che sei matto? Ma va subbito ar Commissariato e spiega riccontannoje tutto. Loro te
ponno ajutà. Rintracceno er padrone der tassì, te danno l’indirizzo e te j’ho riporti! In fin de’ conti
aricordete che quelo, er tassinaro, ‘o starà a cercà e penzerà puro lui d’annà a denuncia ‘o
smarimento a la Polizzia. E già stai ‘n torto! Si ritardi, peggiori e ‘a storia finisce male!»
“Arvà nun ce posso annà. Armeno oggi. Ancora puzzo de arcole e finisce male davero.
Queli m’aresteno pè furto, pè abuso de vino e compagnia bella!” «Ma rennete conto. Ce devi
d’annà! Er mio è ‘n consijo. Poi te fà come te pare. Mica sei ‘n pupo che ste cose ne capisci!»
”Accompagneme te. Tu racconti tutto a la Polizzia e io stò zitto! Così nun m’esce er fiato e nun se
sente ‘a puzza”. «In effetti manni de le svampate de vino che uno s’embriaca solo a statte vicino!
Aho! Ma dimme ‘n pò. Ma nun è che hai bevuto puro stammatina?» “Si Arvà, si! M’era rimasta
mezza bottija de Cannonau. Me sò magnato ‘n panino e giocoforza ho dovuto puro da beve.
O no?” «Si vabbè. Daje. Annamo. Ma tu nun parlà. Nun di ‘na parola. Hai capito? Ce penzo io a
tutto!» Ma è robba da matti!!!


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline