L'EDICOLA NOVA

L’EDICOLA NOVA Gennaio 2011

Carlo, detto Carletto, è quello che ce n’ha sempre una nova. Ea me me diverte ‘n sacco.Ormai ‘o sanno tutti che, nato all’Arberghi a la Garbatella, s’è dovuto spostà, sposannose,

a la Montagnola. E che è Lazziale fracico!. ’O ‘ncontro, come famo spesso e attacca cò uno dè li sui racconti. Me dice: ”da anni Arvà ho cambiato Edicola dè li giornali. E nò perché cò l’artra me trovassi male, ma solo  pè commodità mia. E devo da dì che cor cambio ciò guadambiato! St’Edicola è dè proprietà dè tre persone: marito, moje e ‘a madre d‘a moje. Sò ‘n ber trio bbene assortito. Lui, Robberto è ‘n ber moro, arto, 40enne. Lei, Rita ‘na mora cò ‘na massa dè capelli neri e ricci. E‘a madre/socera, ‘na tipica donna “burosa”. Inzomma: “morbidosa”. Calabrese dé Pizzo, ma da tempo a Roma dove ha lavorato pè tanti anni. Perché te ricconto dè loro tre? Mbè ‘n tanto perché presi da soli o tutti e tre inzieme, so ‘na bella famija. Dè quele che ner 2011, se ne troveno ormai assai poche. Eppoi perché cò me è nata ‘na simpatia particolare. Sò educati e dorci cò tutti, ma io sento che cò mme cianno un filinghe speciale. Cominciamo però a dì che, come tutte ‘e cose dè stò monno, c’è sempre quarche cosa che nun và bbene”. “E ner caso loro che c’è che nun te piace? ”, domanno. “Er fatto che Robberto è romanista!”. “Vabbè, dico, che c’è dè male? Roma è piena dè romanisti! Eppoi parli propo te che hai vissuto pè tant’ anni a l’Arberghi e a ‘n tiro dè schioppo da Pzza G. da Triora andò c’è er Club dè ‘a Roma (‘a vineria dè li Cesaroni), andò tutte è matine te beccavi l’inzurti tipici, tipo: ” ’a zozzo lazziale, ‘a poveraccio, ‘a disgrazziato. Ma ancora nun hai cambiato quela zozza squadruccia?”. “Si è vero Arvà! Ma io me difennevo benino dicenno: ‹aho. potevate nasce sordi, storti o guerci. Sete nati romanisti che nun è tanto mejo!› ”. “Arivabbè. Ma stò Roberto che te fà? “. “Che me fa? Mbè ‘ntanto quanno ‘a Roma vince, cià ‘n bandierone giallorosso che ‘o mette drento ’edicola in modo che a me nun possa capità che nun ‘ò vedo! Ce copre tutta ‘na parete, ce copre! Eppoi è capace che quanno vado a casa e opro li giornali che ho comprato da lui, ce trovo ‘n poster dè Totti, oppuro, com’è successo recentemente, me ce ritrovo ‘n fojetto, andove cià disegnato ‘n pollo fumante drento a ‘nà teja cò e patate e sotto cià scritto: ‹ricetta - Olimpia ar forno cò e patate›. Urtimamente poi, sempre drento li giornali, anniscosto bbene, ciò trovato ‘no scritto su ‘na foto dè l’Aquila Olimpia: ‹daje e daje puro l’aquile se fanno quaje› . Mortacci! L’Aquila mia bella ‘a vòi fà ar forno cò e patate, e m‘a chiami puro quaja? Ma io te stronco”, jo detto. “Anzi. A Robbè, te dò ‘n consijo. Cor computere fatte ‘na mappa dè li denti che te sò rimasti, che prima o poi te li mischio! Oddio. Nun è che io nun rompo Arvà! Tempo addietro a la Roma je sò stati negati ‘n par dè rigori (sacrosanti!). Io sò annato e ho attaccato ‘na pippata: ”no rigori no party, no rigori no party”. Oppuro vado inzieme cò Enzo che se autodefinisce “aquilotto” e cominciamo a sfotte, dicennoje dè tutto e dè più! Devo da dì comunque che questo è er tipo de sfottò che me piace. ‘E cariche fora d‘ò Stadio Olimpico, me lasceno amareggiato e sconcertato.E Robberto ‘a penza esattamente come mè! Poi, tanto pè vive, io e Robberto nun se famo mancà gnente! Intanto lui, che magna come ‘no sprocetato, cià Concetta (‘a socera morbidosa) che cucina da Dio e che s’arza ‘a matina pè comincià a cucinà “per Conte” (così lei chiama Robberto. E io je dico: si cò ‘e farde onte!)”. Io puro ciò ‘na moje che, in quanto a cucina, nun è da meno dè ‘a morbidosa e comincia a chiedeme d’a matina presto: “che vòi pè pranzo, che vòi pè cena?”.      Dice chi ce conosce: ma che vivete solo dè Roma, Lazio e dè magnà? “Embè? Si puro fosse? Che vvoi più dà ‘a vita? N’amaro! Ma n’amaro che ce fà diggerì li dispiaceri dè ‘a vita. Che tanto ‘a vita mica te riserva solo cose belle! Riserva puro cose triste e brutte! “Come ‘a sconfitta dè ‘a Lazzio in Coppa Italia pè 2 a 1 er 19 gennaio dè quest’anno?” me fà er Conte. “Li arimortacci! A Robbè. Ma allora cerchi rogna cerchi. Bada che te faccio menà da tu moje Rita, che si te mette ‘e mano addosso sò casi tui!. ‘A Robbè. Però sei ‘n bell’ordegno sei!“.  “Aho”. Fà er Conte. “E mò che vòrdì ordegno?. Sò ‘n bell’ordegno, perché sò romanista?”. “Lassa perde Robbè. ‘A Roma nun c’entra gnente! C’entra G.G.Belli. Ma che tè spiego…ma che vvòi capì te dè stè cose...sei romanista e abbasta!”. “Ma Arva”, me dice ancora Carlo, “a proposito dè capì. S’è capito che io, Roberto, Rita e Concetta se volemo bene?”. “Certo che s’è capito Carlè!”. “Si Arvà. Ma lui, er Conte, però rimane ‘n romanista! Ed’a peggiore specie!!!. Te sallustio Arvà. Stamme bbene!”            

“Ciao Carlè. S’aribbevemo…”

Alvaro Cardarelli

 

 

 

.

 

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline