L'AMORE BATTE "ROMA E LAZIO"

L’AMORE BATTE “ROMA e LAZIO”

aprile 2011


“Pronto.” “Il signor Alvaro?” “Si sò io e lei chi è?” “Sono Vanda Signor Alvaro” “Vanda chi?”
“Vanda, La ex fidanzata di Sandro.” “Ah! Ho capito. Me dica…”.
“Signor Alvaro. Desidero dirle che ho letto quanto ha scritto nel Sito del Rione Garbatella, nel
Racconto garbato “Romanista per Amore” e non mi è piaciuto affatto il modo come lei ha trattato,
non tanto l’inizio del rapporto con Sandro, quanto in special modo la fine!” “Signora. Io ho solo
ariportato quelo che m’ha riccontato Sandro. Che lei ha svagato che lui è Lazziale e lei, che invece
è Romanista, l’ha lassato. Poi si nun è così me dia ‘a versione sua.” “Si. Ma non per telefono.
Posso incontrarla?” “Certo Signora. Me dica quanno e andove.” “Lei è nato e abita alla Garbatella
come Sandro. Vero Signor Alvaro?” “Si. Proprio così Signora.” “Senta Alvaro. Possiamo darci del
tu e togliere quest’antipatico Signore e anche Signora?” “Certo Vanda. Allora che dicevi?” “Dicevo
che io abito a Testaccio, ma sai una cosa? Io, pur essendo nata a Testaccio ho abitato a lungo da
mia Nonna alla Garbatella. In via Vettor Fausto”. “Ah bè! Conosco bene via Vettor Fausto. Allora
Và, voi che vengo da te, oppure…” “No. Vediamoci domani mattina al Bar dove andate con
Sandro lì alla Garbatella. A te và bene?” “Si. Certo. Se vedemo allora domani matina”. “Ok. A
domani”. ‘A vedo e nun ciò dubbi che è lei! Bella! Bella come Sharon Stone, ‹anzi dè ppiù›,
com’aveva detto Sandro. Nun me dà nemmanco er tempo de parlà che dice: “io, mio caro Alvaro,
ho rotto con Sandro non perché è Laziale ma perché è stato bugiardo e io con i bugiardi non vado
d’accordo!” “Capisco. Però l’ha fatto per amore. E l’amore, cara Vanda è più forte dè tutto su stà
tera…” “Si. Me ne sono accorta e a mie spese, come capirà tra pochissimo! Io, malgrado Sandro
m’abbia mentito, senza di lui non vivo più. Mi manca! Mi mancano le sue coccole. Le battute
spiritose da Garbatellese che mi tenevano sempre allegra. Insomma Alvaro. Io sono innamorata di
Sandro e me lo vedo davanti tutti i giorni” “A chi ‘o dici! No. Nun capì male! E’ che Sandro nun
s’aregge più. Pè certi versi è finito! E’ sconfitto! E’ morto! Ma perché nun ce fai pace? Perché nun
fate pace? E poi tutto questo pè ‘a Roma e a Lazzio? Sandro nun diventerà mai Romanista e nun
credo che tu diventerai Lazziale. Io sò Lazziale e ho sposato ‘na Lazziale e ciavemo cinque fij.
‘E tre femmine nun ameno er carcio. Li dù maschi, uno è d’à Lazzio e quell’antro d‘a Roma.
Litigheno? No. Se sfotteno, questo sì. Nun te dico che è successo cò l’urtimo Derby! Capirai! E’ er
quinto de fila che vince ‘a Roma!!! Stà ‘a sentì Vanda. Lui t’adora. Te m’hai fatto capì ‘n’attimo fà
che l’ami. E fate pace! E daje!” “Pare semplice Alvaro. Chi glielo dice? Io mi vergogno di chiamare
Sandro e…” “ma cammina! Ma annamo! Ma che dichi! Ma falla finita! ‘O chiamo io Sandro. Che
parlamose chiaro, è dispiaciuto. Ma puro ‘ncazzato! ‘O chiamo e cò ‘n piccolo tranello ve faccio
trovà ‘nzieme? Aho! A Và! Devo da fà er paraninfo, er ruffiano inzomma o me sbajo? Vabbè. Ce
penzo io. Sei d’accordo Và?” “Si Alvaro ti prego! Fallo! Te ne sarò grata per il resto della vita!”.
E così chiamo Sandro e je dico “ ‘a Sà. Io nun t’ho detto gnente. Ma che ne penzi dè rifà pace cò
Vanda? Io sò convinto che ce sò li mezzi e le possibilità” “Arvà. Ma come nun m’hai detto gnente?
Se po’ sapè che cazzo hai combinato? Nun me dì che hai telefenato a Vanda e j’hai chiesto ‘a
limosina. Io moro pè Vanda, ciò sai. Ma io resto Lazziale, dovessi dà crepà pè lei! Sò sceso a
compromessi ‘na vorta e ancora me ce sento male e me vergogno! Ma n’antra no!” “Hai finito ‘a
tiritera Sà? Stà a sentì. Si. E’ vero. L’ho ‘ncontrata. M’ha telefenato lei e m’ha chiesto un colloquio.
E’ cotta de te, te possinammazzatte Sà! E nun t’ha lassato perché sei Lazziale, ma perché j’hai
detto ‘n fracco dè bucie. Ahò. Ma mannaggia ‘a zozza. Ma tò ricordi che j’hai detto? J’hai detto: ‘ma
perché ciò ‘a faccia dà lazziale? A me me piaceno da morì Pizzarro e Vucinic!’ E lei Sà, li buciardi
nun l’aregge. Eppoi. Queste sò fregnacce artro che bucie”.
E così, dè giorno, a ‘n bar dè Testaccio, ho rincontrato Vanda. Era bella e lindeppinta. L’ho fatta
annisconne. Poi, arivato puro Sandro e mentre che ce chiacchieravo, ho fatto ‘n cenno a Vanda
che è arivata a le spalle, l’ha abbraccicato da dietro, l’ha baciato su una guancia e j’ha detto:
‘Lazziale mio. Io t’adoro’. E lui, prima dè svenì, j’ha risposto: ‘a Romanista. Io ti amo.
Io l’ho lassati lì prima che me facessi sortì ‘e lacrimucce…che poi me sò sortite.
Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline