L'AFFIDO CONGIUNTO

L'AFFIDO  CONGIUNTO 28 febbraio 2011

In base alle statistiche fornite dall’Aidaa, Associazione italiana difesa di animali e ambiente, durante una separazione è proprio l’affidamento degli animali uno dei motivi che porta i due coniugi a presentarsi davanti al giudice.

Le ex coppie e i cani: c'è l'affido congiunto

Furvio er pirata, letta ‘sta notizzia e ‘ncominciato a ride è stato tutt’uno! Ha cercato Claudio ar telefono pè affrettaje così ‘a discesa ar bar. Furvio sà pè certo che Claudio è ‘n crisi matrimoniale e voleva divertisse a affonnà er deto ‘n dà piaga! Accusì, quanno che Claudio è arivato, l’ha appettato subbito e è ito come ‘n furmine in argomento:“‘A Clà, pare che hanno fatto ‘na legge che prevede ‘na cosina nova. Questa: tutti queli che divorzieno cianno nun solo tutte ‘e storie der doppo divorzio: i beni, ‘a casa, li fij, ma puro l’animali”. “Si, fà Claudio”, co’ n’aria moscia,”ciò sò e allora?”. “E allora vordì che ‘na coppia ‘n crisi mò pè ‘n cane è disposta puro a ammazzasse! E figurete si li cani sò due o ce sò puro antri animali da dividese! Io Clà già ‘a sento ‘na lei: “che fai”, je dice ar marito cò ‘na voce quasi canterina, “Pippo ‘o tenghi te dar lunedì ar venerdì e io er sabbato cò ‘a domenica?”. “Si, lallero, jarisponne lui e che ciò scritto Jocondor su ‘a fronte? Eppoi, ‘a bellina, famme ‘n pò capì! E ‘a tartaruga chi ‘a tiè?  E ‘a coppia dè conijetti nani?”. E lei: “aho! e mica abbasta tenelli. Questi magneno puro e bigna che te svèni, ‘a bello! E si stanno male? Chi ‘o paga er Veterinario? E le medicine?” Lui che ‘a stava a sentì cò l’aria ‘der bada che mò te mozzico e ‘n pizzico dè bullismo’, je fà: “aho! Io lavoro io! E che nun ciò sai? E nun ciò sai che lavoro faccio? Me posso portà er cane ar Ristorante andò lavoro? M’anzai er proprietario si che fuggi fuggi ce fa fà a tutti e due? Poi, pè ditte no? Sippuro er cane lo dovessi lassà a casa, ma nun ce penzi sicchè casino che t’arma lassato da solo…invece te,che nun hai mai fatto ‘n cazzo ‘n vita tua, sarebbe bene che t’ho tieni a casa e io ‘gni tanto ‘o vengo a pìa e ‘o porto a spasso!”. “Si”, fa lei dè novo cò ‘a voce canterina, “cor secchietto, ‘a paletta e er sacchetto! Ma figurete và”. E qui Claudio, doppo che è stato a sentì ‘a tiritera dè Furvio, monta ‘n cattedra e dice ‘n po’ ‘ncacchiato: “stà a sentì a Fù, io nun sò si me separerò mai da mi moije, ma si fosse, io più che dè li cani dovrei avecce l’affido dè mi socera!” “De tu socera? E che c’entra mò tu socera?”.   “A gnente”, fà Claudio, cò ‘n’aria seria, “quela, mi socera, si me ne vado da casa, cò ‘a fija nun ce vò stà! Quela già m’ha detto puro ‘n passato e ‘n tempi nun sospetti.’Clà’ ,m’ha detto, ‘si te ne vai, io vengo cò te, che io cò quà strega dè mi fija nun ce resto! E nun t’ò scordà mai, hai capito?’. A stò punto Claudio abbassa ‘a testa sconsolato e a bassa voce dice: ”A Fù. Antro che affido dè bestie. Ciò l’affido dè mi socera, ciò! E nun ride, te possinammazzatte Fù! Che te po’ puro capità a te cò tu socera” “No Clà”, arisponne Furvio “a me nun me po’ capità perché mi socera, tant’anni fà, piuttosto che stà cò ‘a fia (mi moje), se n’è ita in Australia, dar fio che vive a Melbourne. Io comunque ce l’ho ‘n cane in affido Clà”. “E chi ciai Fù?” “Ciò quer cane dè mi moje che senza separasse legarmente, m’ha ridotto ecce omo. Senza ‘na lira, s’è presa ‘a casa e si nun je verzo er tot pè mantenesse, me fà menà dà l’amichi sui. Je piasse ‘n corpo andò stà adesso.        ‘N cane! Te dico che è ‘n cane arabbiato Clà!”.  E tutt’e dua, resisi conto che voleveno scherzà ma che c’era poco da ride, piarono ‘n caffè e aritornorno a casa cò ‘a coda ‘n mezzo a ‘e gambe. Come cani! Tutt’e dua come fossero dù cani in affido!!!

Alvaro Cardarelli

 

 

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline