V'ARICCONTO DE ME E MI MOJE

1 novembre 2013 - Aho! Mi Moje m'ha scritto! Robba da matti! Chissà quanto avrà speso de francobollo pè mannamme 'a lettera da...'na cammera all'artra dè casa! Che m'ha scritto?

 

M'ha scritto ‘a seguente pippata:
"caro Alvaro. Ti scrivo per dirti che se prosegue l'andazzo che c'è attualmente nella nostra vita quotidiana, mi vedo costretta ad invitarti ad uscire di casa e andartene per sempre. Credo di essere stata una brava compagna e una buona Moglie. Ormai la vita con te è diventata un inferno! Qualsiasi cosa ti chiedo rispondi "che ciai da fa!". Non fai più un apprezzamento nei miei confronti. Nè positivo nè negativo. Un esempio: ieri sono andata dal parrucchiere al quale ho chiesto di farmi un nuovo taglio. Niente! Non te ne sei nemmeno accorto. Ti cucino quello che io credo il tuo piatto preferito...niente! Tanto è vero che giorni addietro ho preparato uno dei piatti da te preferiti e tu? Ti sei seduto. Hai mangiato in due minuti e ti sei alzato da tavola velocemente “perché dovevi vedere la partita...” insomma. Nemmeno più un filo d’educazione? Comunque: o che tu mi prenda in giro col tuo atteggiamento o perché per me non avverti più affetto. Qualsiasi cosa sia, o cambi registro o te ne vai!. Buona fortuna. Firmato. Tua Moglie.

-Ho letto e ho penzato 'a solita frase: mortacci! E mò però t'arisponno tari...
cara brava Moje e brava Compagna. Intanto te 'n mbrodoli e te sbrodoli da sola! Chi t’ha detto che sei stata 'na brava compagna e 'na brava moje? Comincio a risponnete “botta su botta” a la tua letterina “amorosa”.
E comincio dar Carcio: guardo er Carcio? Certo che ‘o guardo! E' 'n modo come 'n'artro pè nun sentitte bofonchià "attento li ho lavato...attento là è bagnato”. Me metti er mocio pè traverzo davanti a la porta der bagno pè famme capì che nun è er caso d'annà a fa pipì. Si provo a rifuggiamme 'n terazza dove ce sò le piante puro mie! Te subbito: “non toccare il Melograno che stà per fiorire. Bada a non sbattere al vaso del Ficus Benjamin che si deve asciugare per bene. Non dare l'acqua a la Rosa Jazz che la devo trapiantare in un vaso più grosso ed è meglio se la terra si asciuga un po’”. Pè quanto riguarda li capelli, si t'aricordi, te stavo a aspettà sotto ar portone perché avevi talefenato pè “comannammelo! Aspettami al portone!!! E, pè dittela tutta, quanno che sei arivata nun t'ho manco riconosciuto. Me parevi 'n omo. Difatti t'ho chiesto: “ma da chi sei ita pè fatte tajà li capelli? Da uno che addopra er decespujatore?” Poi: tu ce lo sai bene che nun ciavemo tanta pressione dell’acqua. E se fa fatica puro a lavasse! Io seguenno l’insegnamento de mi Nonno Materno Vitaliano che me ripeteva da bambino: ”la mattina lavati prima “sotto”, poi il viso”. Io, a matina, me metto a cavarcioni ar bidè e opro er rubbinetto dell’acqua. ‘Na vorta che s’è scallata, ‘a regolo pe’ er giusto calore. Giro ‘a leva der rubbinetto più a destra. Acqua più fredda. Più a sinistra: più calla. Ma te, anche si t’ho avvertito che “m’annavo a lavà”, a l’improviso opri er rubbinetto dell’acqua in cucina e a me me se riduce er flusso, ma quelo che è peggio m’ariva l’acqua mòrto calla.Tanto! E m’ariva quela cor calore che hai deciso te ‘n cucina e che scotta da moriammazzati! E me brucia “’na cosa mia, ‘n basso davanti, assai delicata”. Giorni addietro ciò dovuto mette quasi un tubbo de Ecoval pè carmà er dolore d’a scottatura. Poi e de proposito, ho dato ‘n’ occhiata ‘n basso e ho visto che ciavevo ‘na cosa tipo ‘n wuster co ‘a maionese sopra! Ma nun finisce qui! Io nun m’entenno d’idraulica e perciò nun me sò spiegà si perché quanno stò sotto a la doccia e tu opri er rubbinetto n’ cucina, l’acqua de ‘a doccia diventa surgelata. Fredda da nun credece! Io ho provato a metteme l’accappatoio e sortì de corza da ‘a doccia, ma l’aria de fora che te becca ‘n pieno diventa tarmente fredda che è da broncopormonite secca! Ho penzato de nun famme più ‘a doccia. Mejo zozzo e puzzolente che cò ‘a broncopormonite!!! Ma poi dimesela tutta. Fai così puro cor caffè. Urli da ‘a cucina:
“è pronto il caffèèèè”. E io, che ormai data l’età nun me ricordo più gnente o quasi (e figuramese si m’aricordo quelo che è successo er giorno avanti), pio er bicchiere cor caffè e me lo metto tra ‘e labbra.
Ma puro quelo brucia! E così, giorni addietro, ‘n’Amica m’ha guardato e ha commentato:”vai sempre in Piscina? Tra l’abbronzatura e le labbra carnose sembri proprio ‘n negro”. E vojo piantalla qui, nun senza avette detto e ricordato che io nun fumo. Perciò: siccome li posacennere sparzi pè casa puzzeno, vedi dè svotalli e de mettece drento l’acido muriatico e lassecelo stà armeno mezza giornata. Te dò ‘n suggerimento: siccome so quattro, due li metti cò l’acido ‘n terazza e due, se spera puliti, l’addopri. Finisco cò ricordatte che noi dormimo in cammere separate perché io sò freddoloso e tu ciai sempre callo e er fatto che tu ciai callo nun t’autorizza a lassà ‘a finestra d’a cammeretta mia operta armeno otto ore: “per fargli prendere aria” dichi ‘gni vorta. Ma che ‘a cammeretta mia l’hai presa pè ‘na carcerata dè Rebbibbia che cià l’ora d’aria. Ma n’ora poi no otto! Concludo? Si concludo così: nun te sbraccià tanto ‘a scriveme i finalini minacciosi der tipo: “o te ne vai tu o io”. Nun te sbraccià! Ho preso già contatto cò ‘a Caritas, che cerca Volontari per e con gli anziani andò m’hanno promesso un pasto callo tutti li giorni e ‘n posticino pè dormi. Me ne vado io da st’eterna condanna che me sò creato da solo sposannete. Che ‘mbecille che so stato! Firmato: IO! (Me firmo “IO” perché ho pavura che si leggi er nome t’aricordi come me chiamo e provi a famme arivenì a casa). Abbasta!!! W ‘a libbertà!!!

Alvaro Cardarelli


>>Nota: si quarcuno de li lettori mii abbituali crede che quelo che ho scritto sopra è frutto d‘a fantasia mia, se faccia da ‘a Redazione dell’Associazione Culturale Garbatella er nummero mio de casa o der cellulare che ‘o faccio parlà cò mi Moje, da la quale nun me so separato (p’adesso!), che je dirà che è tutto vero! Questo perché mi Moje ha letto tutto er racconto e ha detto: “hai ragione. Hai ragione da vendere!” Dovrò fare più attenzione a ciò che faccio in casa e che ti dà fastidio!”.
Fastidio? Ciò che fai me dà fastidio? Te me dai fastidio artro che pisoli…