IO POSSO PARLA'DA NONNO

IO POSSO PARLA’ DA NONNO

                                       

26 gennaio 2015

M’era stato detto: “bada che quanno che diventi Nonno t’accorgerai che cò li tu nipoti
nun saranno tutte rose e fiori! Li regazzini de’ oggi mica so’ come erimio noi! Ma vattene!
Oggi so’ sveji, gajardi, sanno tutto sur computere, sur tabblette, su ‘o smartefonne.
Arisponneno a tono e nun cianno pavura de gnente e de nisuno. Noi, da regazzini, semo stati abbastanza scemi. Eppoi chi ciaveva coraggio de risponne male a ‘n Nonno o a ‘n Genitore?“ «Si». Ho risposto. «Ma è tutta ‘na questione d’educazione Nun è che noi erimio più tonti! Semo stati educati a rispettà l’artri. Speciarmente si era ‘na persona anziana.
Io m’aricordo che quanno incontravo er Sor Antonio Spalvieri o er sor Ermanno Marini, che ereno anziani, li salutavo subbito. M’aveveno inzegnato puro a di: “Bongiorno sor Antò! Bonasera sor Ermà”. Mò nun lo fanno? No tutti!  Eppoi, nun abituati, t’arisponneno ‘n difficortà. Ma poi. De che parlamo? Io, per esempio, margrado salutassi pè primo l’anziani e fossi considerato un “regazzino per bene”, ar Lotto 26 a la Garbatella, m’aveveno messo ‘n soprannome che è tutto ‘n programma: «Arvaro er puzza». Perché ero ‘n pò scatenato.
Nun è che facessi cose sbajate o cattive. No! E’ che nun me facevo passà ‘a mosca sotto ar naso! E si c’era da liticà io stavo sempre ‘n prima fila! Eppoi cò l’amichetti d’allora (queli che m’aveveno appiccicato er soprannome) ciannavo abbastanza d’accordo. Certo: quanno dichiaravamo guera ar lotto 27, er lotto che ce stava più vicino, io ero quasi sempre ‘n prima fila. Spignevo l’amichi mii strillanno: “avanti! A la riscossa!” E li primi sassi li tiravo io. Capimese però. Nun è che Ughetto, Giorgio, Remo e l’artri fossero da meno. Però ero «Arvaro er puzza» e dovevo fa onore ar soprannome!. Poi cor tempo, diventanno granni e grazie a li genitori e, pe mè, soprattutto a mi Nonno, che m’ha inzegnato tutto. Diventanno granni, dicevo, avemo tentato de nun perdese de vista, ma à vita e ‘a morte viè comannata da “Quarcuno morto più importante de noi” e perciò cò certi amichi nun se semo proprio visti più! Purtroppo quer “Quarcuno” l’ha chiamati a se. Inzomma! Vabbè! Ah.’N momento! Mo scrivo però de ‘na cosa che m’è successa quarche mese fa. Me compro ‘n par de scarpe e me staveno strette. Er brutto è che me le so messe pè a prima vorta doppo ‘na mesata che l’avevo comprate e nun ciò avuto ‘a faccia de tentà de fammele cambià! Poi er lampo! Dico a mi Moje: «a Valè. Ma si le porto a Ughetto, l’amico mio d’infanzia?»
“Certamente!” me fa lei. “Da Ughetto il calzolaio?” «E si. Da Ughetto er carzolaro!. Ma vedi Valè, è quarche anno che nun lo vedo!» ”E allora? Così lo rivedi!” Inzomma! Vado a Piazza Giovanni da Triora. A du passi d’andove io e Ughetto semo nati e cresciuti. E, cò ‘n po’ d’emozzione entro n’a bottega de Ugo. Stava a sede a ‘no sgabello e menava co ‘n martello a ‘na sòla de ‘e scarpe. Approfittano che nun m‘ha manco visto quanno che so entrato perchè stava a testa bassa je fo’: «’na vorta ciavevo ’n amico carzolaro che… »  nun ho potuto finì a frase! Ughetto arza ‘a testa. Me guarda e propennennose sur bancone p’abbracciamme strilla: “Arvà. Semo rimasti solo io e te! L’artri so tutti morti! Io ciò ‘n mese più de te. Io so de febbraro e tu de marzo!” Si nun me pia ‘n corpo ‘n quer momento ciò sa solo Dio perché!  Ho dovuto fa ‘no sforzo enorme pè nun metteme a piagne! Ughetto che s’aricorda ancora quanno sò nato? Eppoi sò cominciati i “t’aricordi Arvà quelo? Er Paciocca che abitava ‘n piano sotto a te? E Remo che t’era puro cuggino?” Caro, carissimo Ughetto! Hai lassato er segno! Nun me so ancora ripreso! Me so perzo! Pè chiude scrivo che “posso parlà da Nonno” Mi Nipote Elena, 12 anni, grazie a mi Fijo, a mi Nora e a Natalia, ‘a Nonna materna, è ‘n fiore de regazzina. Educata! Studiosa! Fa sport! Studia ‘e lingue! Me manna li messaggini perché abbitamo lontano e nun se vedemo spesso. E nun aggiungo artro che sinnò me se potrebbe di “che so de parte!” Nun è vero! Perché (pè divve no?) Nun è poi tanto vero che li regazzini de ieri (de l’artro ieri. Vero Ughè?) ereno mejo de queli de oggi. N‘a Scala andò abbito ce so’ all’incirca 14 regazzi dai 10 ai 18 anni (uno solo). Educati, rispettosi, che studieno e in più fanno puro quarche lavoretto pè integrà ‘a paghetta.
Avete penzato che so er solito affortunato? Embè Si!

Alvaro Cardarelli




 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”