IO E MI MOJE 'A SVORTA!

...

 

 

 

 

 

E’ parecchio che nun v’ammorbo cò ‘e faccenne mie e di Moje.
Eppuro ne so successe de cose e cosucce! Mo però me limito a ariccontavve l’urtimissima! C’è stata ‘na svorta seria n‘a vita mia e puro de mi Moje. Proprio così.
Che è successo? De tutto e de più!
Sere addietro Valeria, mi Moje, me fa: «da stasera non cucino più» “E perché?” Domanno.
”Mò che è sta storia?“ «Sono stanca di essere la tua cuoca. Va bene la spiegazione?»
No! Nun va bene pè gnente! Si tu nun cucini, io che me magno?“ «Cucina tu» me dice lei co ‘n’aria da Sora Cesira. “Cucino io? E io nun sò bono! Nun ho mai cucinato…” «cominci oggi. Capito?» Ho allora penzato: “a si? Mo te frego io! Vado ‘n Pizzeria e me magno ‘n ber pezzo de pizza”. Poi però doppo un par de giorni che nun cucinava me sò detto: “Arvà. Nun je la devi dà vinta! Cucina te. Faje vedè chi sei”. Sò ito allora ar supermercato. Ho comprato ‘na manciata de sarcicce e ‘na busta de broccoletti surgelati. A casa ho tirato tutto drento a ‘na padella andove avevo scallato l’ojo co’ l’ajo e…li schizzi se sprecorno. E s’è vista puro quarche fiamma. Pè spegnela, ciò tirato drento tutto er ghiaccio che stava n’a busta de li broccoletti surgelati… un casino! Er fumo!!! Mi moje avvelenata co me, che strilla: «cosa fai?
Vuoi dare fuoco alla casa?»
E finisse qui...du giorni doppo me dice: «da stasera ti rifai il letto da solo». “Daje” (ho penzato) “ma allora cerchi rogna. Allora vòi che te sbatto ar muro”!.
Mi moje come si m’avesse letto ner penziero allora me dice: «e non credere che le tue minacce mi facciano paura. Anzi: da domani mattina prepari pure la colazione. Sono stanca di farti da serva». Allora ho cominciato a dà li nummeri e j’ho detto: “stà a senti a bella. Mò si me dichi puro che nun stiri più, nun pulisci più er barcone, nun dai più l’acqua a ‘e piante, nun lavi più li panni e nun fai più ‘a spesa, me ne vado. Me ne vadooo!!! «E che aspetti? Era quello che volevo che dicessi! La porta è quella La apri e vai!»  Allora ho penzato: “mò fò ‘no sfracello! ‘A pisto come l’onto. L’ammazzo! ‘A scortico viva, je stacco ‘a testa e ce fò er brodo”. Poi però ho puro penzato: “vabbè. Ma si esci de casa andò vai? Da ‘n Fijo? Da ‘na Fija? Si. Certo. Te ospiteno…tanto però so d’accordo più cò ‘a Madre che cò te!”  Allora ho provato a fa ‘a voce ferma e j’ho detto: “pè stasera intanto resto qui perché questa è puro casa mia! Poi domattina me ne vado. Anzi tireme fora er trollei”. E lei: «Il trolley lo prendi da solo. Sai bene che è nell’armadio a destra». Ho preso er trollei, un pleidde de paile e me sò messo a dormì sur divano penzanno “domani sò affaracci tua. Vojo vede che fai senza de me. Vojo proprio vede che fai senza Arvaruccio tuo”. A matina doppo me so svejato all’arba...ho cominciato dar terazzo. Ho potato ‘e rose. Ho scopato tutte ‘e foje cascate pè tera e poi cor tubbo ho cominciato a innaffià tutto mentre penzavo “e questo è gnente! Vedrai che riesco a ruinatte ‘a vita riesco”…ner pomeriggio ho lavato li piatti, poi ho preparato l’abbacchio arosto cò e patate ar forno, bruciacchianno naturarmente tutto e poi…ho cominciato a cantà pè faje dispetto: “siiiiii… quest’amore è splendidooo…è ‘a cosa più preziosa che possa esistere…” e mi Moje? Lei cò ‘n modo acido m’ha detto: «vedi caro. Cominci a piacermi». Allora me so ‘ncazzato e j’ho detto: “ma l’anima de li mejo nonni tui che so morti tutti e quattro! Ma che te piasse ‘n corpo a quela lingua biforcuta che t’aritrovi. Ma che te possino ammazzatte cor macete! Ma come? Doppo cinquant’anni che stamo ‘nzieme, comincio a piacette adesso? E l’artri quarantanove che ero pe te? Eh? Che ero? Chi ero?“ «uno…» m’ha risposto lei secca! A quer punto ho operto ‘a porta dè casa, me so girato pieno de rabbia, ho fatto du passi de fora e due de drento e j’ho detto: “aringrazzia Iddio che ciavemo ‘n comune li Fiji e che poi nun sò andò annà stanotte sinnò t’ho facevo vede io!!!”
E ho cominciato a lavà pè tera…

 

Alvaro Cardarelli

 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”