GIOVANI D'A GARBATELLA

 

GIOVANI D’A GARBATELLA

                                                     
Esse avanti cò l’anni, come ce stò io, è bello pè ‘n sacco de motivi. A parte che sei arivato avanti cò l’età e te senti uno gajardo e tosto. Poi si te dicheno cor tono meravijato: ”ma nevvero che ciai l’anni che dichi! Ce n’hai de meno.” Oppuro: “aho. Certo che te li porti bene!” «Si. Ma si me cascheno però! Sai che botto che fanno!» Come diceva Ettore Petrolini, er granne comico Romano. Vabbè. Te poi senti gajardo quanto te pare! Però “de fora”…’a “scorza”, ‘a “facciata” inzomma. Che conta e nun conta…quelo che vale è mantenesse giovani cor cervello. Esse ar passo cò li tempi. Pè dì: sapè addoprà er computere. Fa uso der tablette (si ce l’hai). Telefenà co ‘no smartfone. Sapè ched’è l’androidde. Er waifai. Inzomma. Avvicinasse a li giovani! No in tutte ‘e cose che fanno che nun servirebbe nemmeno. Ma er più possibile si! Per esempio:
li giovani nèr parlà, spesso, so’ più conservatori de le generazzioni prima. Vanno cò ‘e loro mode ma nun stravorgheno quelo che aveveno detto e fatto i loro genitori che invece, non tutti naturalmente, quarche vorta, pè sembrà moderni, incasineno diverse cose. Dice.”per esempio?” «E per esempio er fatto che riducheno li nomi a nomignoli all’ingrese o a la francese o, peggio, a modi de parlà che manco esisteno!»
“E riperesempio?”«E riperesempio! Ma perchè c’è quarche nome de quarsiasi persona che è ‘n nome normale? Allora. Premesso che quanno ero regazzo, puro io ciavevo li famosi diminutivi e nomignoli quanno che chiamavo n’amico: “ ‘a Pà, ’a Giusè, ’a Fra, ’a Marì e via dicenno. Ancora oggi chiamo li  Fij e mi Moje cò nomignoli o cò piccole storpiature. Ma affettuosi però! Io, pè fatte capì, chiamo mi Moje “Valè” (cò l’accento su la è). L’artri, “queli moderni…” quarche vorta ‘a chiameno Vàle, cò l’accento su la à. Me potrai dì che è tutto normale. Inzomma…proprio der tutto normale no! Ma arivamo ar dunque: ce so de li nomi che nun se ponno riduce più dè tanto. Fatte conto Giuseppe. Ho sentito chiamà un Giuseppe  “Giu’ ”. (a madre che ‘o chiamava e je strillava da sotto ‘a finestra:‘a “Giù” viè “giù” che me serve ‘na mano!!!”). Ma parecchi nomi ho sentito storpiati dè brutto: Sebastiano…Sebby. Barbara…Barby (come ‘a bambola). Roberto … Robby, co du B. Che m’aricorda tanto come chiamavamo da regazzini li “stracciaroli – “robbivecchi”. Anzi. Mò t’aricconto ‘na cosa mòrto recente. Er giorno dè Pasqua, invitati da mi Fija Annalisa e dar Marito, semo annati a pranzo fora dè casa. A ‘n Ristorante. Vicino ar tavolo nostro c’era ‘na donna su ‘na settantina d’anni. Enorme. Er marito. Enorme. ‘A Madre de lui o de lei. Cicciona. E er Fijo. Enorme puro lui. Finito er pranzo sortimo de fora p’annà via e moje, marito e madre staveno già de fora puro loro. Lei, l’enorme, fa a la Madre “Mamy”. Aspetta che “Massi” è andato a prendere la macchina”. Ma va a mori ammazzata…và…te e chi nun te ce manna!». Dice: “Arvà c’è però puro da dì che si nun t’adegui sei fori moda. Si nun parli moderno, sei out, off trash. Nun sei cool”. «A parte che nun ho capito ‘n pisolo de quelo che dichi e a che te riferisci cò sti termini, ma “cul” ce sarai te! Nun vorei che intennessi di che ciò “a faccia come er cul”. No. Sai com’è… mica pè gnente». “Vabbè Arvà. Lassa perde. Io nun volenno ho usato termini che vanno dè moda tra li giovani e che a te nun vanno giù. Però è così che oggi se parla e te devi veramente aggiornà sinnò nun vai mica lontano”. «Ma daje! Stavo a scherzà quanno che t’ho detto che nun capivo ‘n pisolo! Ho capito bene quelo che me voi di. Anzi te dico dè più! Certo che me vojo adegua’ a li giovani! A me li ragazzi de oggi e che incontro a la Garbatella me piaceno. E tanto! Ripeto. No tutto quelo che fanno e che dicheno ma me piaceno puro quanno dicheno stronzate. Senti qua. Sere addietro stavo a  P.zza Giovanni da Triora»  Dice: ”e andò sta?” «E andò vòi che stà? A la Garbatella. E andò vòi che vado ‘a sera? A Montesacro? Dicevo: aspettavo n’amico d’infanzia che abbita a via Roberto de Nobili ar 5. C’era ‘n gruppetto de regazzi che s’ereno messi a sede a la scalinata vicino ar Bar di Cesaroni e diceveno ‘na marea de stronzate. Ma, te sembrerà strano: carine però. E io li stavo a sentì contento perché se sfotteveno tra de loro cò frasette simpatiche. Ma nun c’era mica cattiveria. A ‘n certo momento me so fatto avanti e j’ho detto: «Aho. A regà. Nun ve dispiace si registro quelo che dite. Me state a fa divertì come ‘n matto!». “No” m’hanno risposto. “E perché ce dovrebbe da dispiacè?” Ho messo in azione er registratore de lo smartphone e ho registrato tutto quelo che diceveno. Mo nun ce l’ho appresso cò me ‘e registrazioni drento ar cellulare. L’ho copiate sur computere a casa. Ma stà a senti quelo che ho sentito da loro. Cerco de ridittelo così come me lo ricordo. Vabbè? Ok. Allora senti:
- C'hai 'n cervello tarmente piccolo che pe' fatte sortì 'n' idea, devi da fa' manovra…
- C'hai er fisico da domatore de vongole…
- Sei tarmente basso che quanno piove sei l'urtimo a sapello…
- Aho. Si te vede er Papa vota pe' l'aborto…
- Ma c'hai er riporto o t'hanno schierato li capelli a zona?
- Ma quella bella gnocca è 'a tu' regazza o è una che sta a fa' volontariato cò te?
- Nun è che sei brutto, è che quanno t'hanno fatto se so scordati de copiatte ‘n bella!!!

E mò ciò sai perché nun annerei mai via da ‘a Garbatella…
perché si questa è ‘a nova generazione, vojo stacce fino a che moro. E’ ‘na generazione gajarda…

Alvaro Cardarelli






Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline