NINNA NANNA

NINNA NANNA

 

Ninna nanna ninnaò

dormi bello che ce vò

che tu dormi, e nun me rompi

nun facenno tanti zompi.

Mamma tua ‘n tanto lava

li pannucci cò la bava

inzieme a queli cò la cacca

che ne fai quanto ‘na vacca!

Ninna nanna e pija sonno

ché si dormi nun vedrai

tanti stronzi e tanti guai

che succedeno qui a Roma

specie drento ar Parlamento

andò decideno ar momento.

Andò c’è chi se scanna

pè uno solo che comanna

che se scanna e che s'ammazza

a vantaggio de ‘sta mazza...

tanto a te nun verà gnente

nè a favore dè ‘a ggente.

Ninna nanna ninnaò

mò stò pupo a chi lo dò

fai ‘a ninna che più tardi

ciarifamo coi bastardi

che nun se sa che cazzo vonno

da sta Roma “caput monno”.

Fà la ninna pupo bello.

fà la nanna che domani

mamma tua se fà bella

E te fà conosce  ‘a Garbatella

Qui ‘a gente è assai sincera

che nun mente e nun dispera

d’esse unita pè ‘a vita

come fosse calamita.

Te faccio vede ‘a Scola mia

e ‘a casa dè Mamma mia

E ‘a Funtana dè Carlotta

che chi nun beve e poi nun rotta

è ‘n gran fio dè ‘na mignotta.

Poi li Lotti e li giardini

andò giocavamo da regazzini.

Sant’Eurosia e ‘a Chiesoletta

E l’Arberghi e ‘a Scoletta

Ninna nanna ninnaò

Dormi bello che ce vò…

 

Alvaro Cardarelli

(Con  la gentile partecipazione di Trilussa che ringrazio).

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline