NATALE A CASA DE' FURVIO ...

Natale a casa de’ “Furvio er Pirata”


“Cerimo tutti o quasi tutti a casa mia er giorno de Natale. A pranzo. Li cinque Fiji, co‘ ‘e moji, li
mariti e i cinque nipoti. Cereno puro li Nonni dè Mario (er marito de mi fija più piccola)”.
Così cominicia a riccontamme “Furvio er Pirata”. E continua: “Arvà. ‘N Natale così brutto
ereno anni che nun m’‘o ricordavo! Da schifo!!!”. “A Fù” dico. ”Li Natali nun è che sieno iti
tutti bene nemmeno a me! Ma nun è che stai a esaggerà come ar solito? E’ Fù?” “Vabbè Arvà.
Fa ‘n pò te! Ma stamme a sentì prima de giudicà!” rintuzza Furvio. “Allora. Quanno che
presero posto tutti, erimo ‘na ventina e più. Mi moje da la cucina strillò: “a tavolaaaaa…”.
Io cor tono da commannante dissi: Bon Natale a tutti! Ma, come te dicevo, stò Natale nun
poteva esse ‘na Festa tranquilla. Noooo…e manco poteva da comincià bene! Attaccò difatti mi
fijo Paolo dicenno: “a Mà. Ce lo sai che ‘e lasagne nun me piaceno. Che me le fai a fà?” “Stà
zitto e magna, che ‘e lasagne come ‘e fà mamma sò ‘na specialità!”, j’arispose Antonella. “E te
statte zitta e nun fà ‘a stronza!” rinforzò Paolo. “Aho” disse mi moje, “oggi è Natale. Cercate de
fà li bravi! “ “A Mà. A me ‘e lasagne nun me piaceno. Che ce devo da fa?” disse Paolo mezzo
avvilito. “Armeno prova a assaggialle” disse Brunella. ”Guarda che sò bone”. E Paolo: “no. Pè
me sò cacca!”. A quer punto, dimenticanno che Paolo ormai è ‘n’ omo e puro sposato, me
scappò de dije: ”aho! Mò si nu ‘a fai finita te do ‘nò schiaffo che te ce sporvero ‘a faccia!”. E je lo
diedi davero ‘no schiaffo che si ‘o piavo bene ‘o rompevo in quattro pezzi!. Lui se scanzò e io
presi n pieno a bottija der vino rosso che finì drento ar piatto de Antonella. Aprete celo Arvà!
Antonella cominciò a strillà come n’aquila. “m’hai rovinato er vestito novo”. “Te ce sta bene”
disse Paolo “così’ te ‘mpari a fatte li cazzi tui!”. Antonella nun ce vide più. Prese er piatto de le
lasagne fumanti, che ‘ntanto mi moje aveva portato pè cercà de interompe er casino che s’era
creato e je lo tirò miranno in piena faccia. E lo tirò bene perché Paolo, pè ‘à fretta de scanzasse,
se tirò indietro de scatto. ‘O schienale d’a sedia scricchiolò e se spezzò e Paolo finì cor culo pe
tera. “Aho!” Strillò mi moje. “Ma pè l’amor de Dio ‘a volete fa finita?”. Intanto Paolo s’era
riarzato, acchiappò pè li capelli Antonella e tiranno cò tutte ‘e forze, ‘a sbattè pe tera. “E che
cazzo” dissi io “ma ‘a volete fa finita! O ce volete arovinà er Natale? Vabbè Arvà. Finireno ‘e
lasagne, arivò er cappone arosto co’ ‘e patate ar forno. Più ‘n’ insalata cò er radicchio a parte.
Poi fu portato er panettone co’ li frutti canditi drento. A ‘n certo punto, Arvà, pè completà
l’opera, se senti ‘a vocina d’a Nonna de Mario: “fatela finita che daje e daje me stò a sentì
male!”. “E che ciai?” je domannò er Marito/Nonno. “nu ‘o sò. Me viè da rimette!” “Puro io nun
me sento bene” disse er Nonno che poi vommitò, scoreggiò e cascò cò ‘a capoccia in giù sur
panettone appena affettato da mi moje. ‘A Nonna s’accasciò su a sedia e rimase immobile cò ‘a
testa pè aria e a bocca operta. Mi moje, da la teribbile aggitazzione, se piegò in due su ‘na sedia.
Cò a mano destra, pè nun cascà, s’aggrappò a la tovaja, ‘a trascinò pè tera insieme a quarche
piatto. Io, tentai d’arzamme da ‘a sedia andò stavo a sede ma, ‘ncastrato com’ero, barcollai e
cascai sbattendo a fronte sull’orlo der tavolino. Bang! Brunella cor Marito e Rodorfo cò ‘a
moje, accorsero ner soggiorno pè tentà dè tiracce sù. ‘A scena che trovorno Arvà era questa:
io e mi moje erimo pè terra. ‘A Nonna e er Nonno staveno ancora su ‘e sedie. Immobili. “Nun è
che so’ morti?” domannò Rodorfo. “Ma no” rispose Brunella. “E guardeli però. Pè me sò
morti!!!”. ”Cazzo, ma come sei traggico!” je rispose Brunella. Io, Arvà, a stò punto sarei voluto
morì puro io! Dissi a la Vittorio Gasmann: “ma porca zozza ‘nfame. Ma possibbile mai che ‘gni
vorta che s’ariunimo ‘a da succede quarche cosa de grosso? Ma nun je la famo a esse ‘na famija
normale? Ma l’artri ‘o passeno così er Natale? Aho! Stantranno, si a Dio piacenno stò ancora su
stà tera, me ne vado…me ne vado…me ne vaaadooo…” “Aho!” Strillò mi moje. “Ma ‘ndo cazzo
vai stantranno? Er Natale se passa a casa propria cò li fiji e li parenti! Mò pè ‘n piccolo
incidente già te ‘ncazzi?” E aggiunse pè completa l’opera: “e che palle!!!”. “Arvà. Scuseme si
t’ho rovinato ‘a giornata puro a te. Ce lo sò che a casa tua nun succedeno ste cose. Ma da
meeee…”. E qui stavo p’attaccà pure io. Volevo dije: “A Fù. Ma nun sai che è successo a Natale
a casa mia! Hanno ‘ncominciato a discute…”. Poi me sò fermato! Ma che facevo? Mettevo
n’antra fascìna sur foco? E ho penzato: meno male che stè cose succedeno solo a casa mia e de
Furvio. Sò sicuro che a casa dell’antri abitanti de’ ‘a Garbatella ste cose nun avvengheno!
Che dichi? Puro a te der lotto 26 t’è successo? E puro a te der lotto 11? Noooo. Nun me dì che
avete passato ‘n brutto Natale puro all’Arberghi! Siiiii? A và bè!
Sarà perchè a Natale s’aridunamo troppi parenti inzieme che succede stò casino?
Poi ner salì drento ‘a Pandina mia, me sò detto (pè damme ‘na carmata che ero aggitato):
stai manzo Arvà. Je l’hai sfangata, puro ner casino, a superà stò Natale!
Poi pè quello der 2012…Dio provede!!!


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline