MI MOJE E ER CHIRURGO PLASTICO

MI MOJE E ER CHIRURGO PLASTICO Aprile 2012


Mi Moje m’ha sorpreso e manco poco! A dì ‘a verità è che nun me l’aspettavo!
Doppo tanti anni dè vita inzieme ho capito che bene, bene, bene, n‘a conosco.
Ma venimo ar sodo: improvisamente me fà cò ‘a voce decisa: «devo da annà da ‘n
chirurgo plastico! Bigna proprio. Tutte ste rughe che se vedeno…li cerchi sotto ‘e
parpebbre. Inzomma. Quele che chiameno “rughe d’espressione” nun me stanno più
bene! Io nun sò vecchia come se pò crede! Io ciò sortanto 75 anni! Ma così ne
dimostro tanti de più! Nun è che vojo fa ‘a bella. Questo no. Ma inzomma esse più
decente si!» Io l’ho guardata e me dovete da crede, ho capito si che d’è l’istinto
omicida. M’è venuta ‘a voja dè strozzalla. Dè sbatteje ’a testa contro ‘o spigolo der
bagno andò stava a guardasse ‘ndo specchio. Ho fatto ‘n grosso respiro e m’è sortita
da ‘e labbra ‘na frase che nun ammetteva storie! J’ho detto: “a me me pari scema!!!”.
«Ecchetelo tiè! Ciò sapevo! Pè te, ‘gni vorta che a me me piace ‘na cosa che nun piace
puro a te, io sò scema! Tu a me nun ce penzi proprio! Io so ‘a schiava tua. Ecco che
sò. Tu nun me consideri! Pe te, io ho da stà a casa e basta! De me, a te, nun te frega
gnente! Ma stavorta Arvà nun te ‘a dò vinta! Stavorta faccio come me pare e piace.
E si nun te stà bene ‘a strada è quela. Opri ‘a porta e te ne vai. Mò me so rotta!».
Ho provato a dije: “nun hai penzato che me piaci così come sei? A l’acqua e sapone!
Che io nun te cambierebbe co nisun’artra! E che a me dè le rughe d’espressione tue
nun me ne pò fregà de meno!”. «A me si però! Io prima dè piacè a te devo da piacè a
me. E io urtimamente nun me piacio più!» E qui ha attaccato ‘na pippata tipo
piagnisteo: «Arvà. Arvarù. Fammela fa dà sta botta dè scartavetrata sur viso.
Vedrai che piacerò de più puro a te. Essi bono! Fammelo fà. E pè piacere t’ho chiedo.
E annamo!». Io ho pensato in un attimo: ‹io cò questa ciò da vive. Che faccio ’a
cambio? E andò vado? Pè stracci vado! E li fij? Li fij che penserebbero? Che sò
retrogrado? Certo che piuttosto che annà contro ‘a Madre verebbero contro de me!›
Allora ho sentenziato: «vabbè! Vabbè! Fallo! Ma doppo si te aruvineno? Si trovi uno
dè questi che ‘gni tanto aresteno perché nun sò Chirurghi veri? E si trovi uno che
invece de spianatte er viso te l’aruvina? Dopo che fai? Anzi. Che famo?»
- Ma che ve stò ariccontà a fa? Come si nun se sapesse che a casa nostra noi maschi
contamo poco o gnente. A me queli che me dicheno “a casa mia commanno io” me
fanno ride! Ma che commanni te? ‘N pezzo de cippa commanni! ‘A verità, quela vera,
è che si nun ce fossero ‘e donne, noi nun saressimo boni da gnente! Armeno io! Che
so fà io a casa? Si. Quarche lavoretto elettrico. Curo ‘n pò ‘e piante (e mi moje m’o fa
fa puro poco…). E che artro? Boh? Faccio fatica a ricordamme che artro so fa!
Si. Quarcuno de voi potrebbe dimme. “Arvà si tu nun sei bono dà n’ cazzo che me
paragoni a te? Arvà, ma tu sai cucinà? Nooo? E io sì! Tu ce vai quarche vorta a fa ‘n
pò de spesa? Nooo? Comeee? Ce vai inzieme a tu Moje? Perché da solo nun sei bono?
Ah. Capisco. Da solo nun te piace! E chi lava, chi stira, chi và a la Posta a pagà ‘e
bollette? Chi chiama Sandro l’Idraulico? E quanno se rompe er fornetto pè scallà
quarche cosa, chi talefena pè fa veni quarcuno? Ma te Arvà, me poi di che cazzo fai
tutto er giorno? A si? Stai davanti ar compiutere? Scrivi? Bravo! E che scrivi? Li
Racconti Garbati? E tutto er giorno te serve? Aho! Pare che scrivi ‘E mie prigioni de
Sirvio Pellico!” «Vabbè amico. Mo stai a esaggerà! ‘A moje è mia. La faccia dè mi Moje
a me me preme. A te che te ne frega? Ma perché tu Moje è mejo d‘a mia? Nun cià ‘e
rughe? E che è de cera. O cià 30 anni? A mia armeno, cò ‘na sistematina pò annà
mejo d’adesso! A tua io n’a conosco, ma me l’immagino brutta e n’ cartapecorita che
ce vò ‘a mola pè spianalla e er seghetto arternativo pe daje nà segata ‘a queli du
zampi dè maiale che s’aritrova ar posto d‘e gambe!›
- Poi me so accorto che stavo a litigà da solo! Allora ho penzato che dar Chirurgo ce
dovrebbe annà io. Ma pè famme dà ‘na botta ar cervello! Che me pare ’a stò punto ce
vò proprio! E mi Moje? Gnente! Nun ha fatto più gnente. E ‘a messa così:
«Arvaruccio…Arvaruccio mio. Nun te vojo contraddi! Nun faccio gnente. Vabbè
Arvarù? Sò bravina? Vero che so bravina? Ma mò però me devi da fa ‘n rigaletto.
Anzi, mò che che ce penzo, sai che me potressi arigalà perché so stata brava?
‘Na bella borza e n‘ par de scarpe nove!»
«Si. “E m’accompagno da me”. Come ‘a canzone:“tanto pe cantà” de Ettore Petrolini».
Però, a penzacce bene, cor cambio ciò guadambiato: ‘na borza e ‘n par de scarpe
costa sempre de meno de ‘n Chirurgo Plastico. E poi ‘e scarpe co ‘a borza e vedi
subbito siccome sò! Te piaceno e le compri. Nun te piaceno e le lassi li.
Ma ‘a faccia de mi moje ‘na vorta aruvinata…
Alvaro Cardarelli