MARCELLO ER SALUTISTA

MARCELLO ER SALUTISTA


«Arvà. Sò ito a cena a casa de Franco “er paco” che m’ha invitato per compleanno der pupo
suo, che proprio ieri ha fatto tre anni. A vedè magnà Franco fà paura!»
Me dice Marcello “er bello” (a la Garbatella ciavemo puro Marcello “er brutto”).
«Si ce lo sò che magna tanto!». J’arisponno. «No! Ma nun è solo che magna tanto!
E’ quelo che se magna che fà paura! ‘N piattone de tonnarelli all’ovo a la matriciana e uno a
cacio e pepe! Aho! Ciavrebbero magnato in tre. Eppoi. Appresso: li facioli cor tonno, dù patate
arosto tanto pè gradì e mezza pagnotta de Terni. M’ha fatto paura, m’ha fatto!».
«E a te che t’ha dato da magnà?»
«Ah. ‘Mbè. Io me so fatto dà ‘na mozzarellina, ‘na fetta de preciutto e dù foije d’inzalata.
Ah. Me scordavo de ditte che ho bevuto puro un bicchiere de vino bianco»
«Vabbè. Ma tu magni sempre così o è perché te attrippi a pranzo?» « Ma de che? Ma quanno
mai…io a pranzo in genere magno ar Bar sotto ar lavoro e me faccio fa ‘n tramezzino co ‘a
rughetta, ‘na fetta de bresavola e ce bevo un calicetto dè bira.»
«E a sera ciarifai cò a mozzarellina e a fetta dè preciutto?» «Si Arvà. Io me devo da tenè ‘n
forma. Io ce tengo a la forma!» «E si. Ho capito. Ma a che te serve? Qual’è ‘o scopo?»
«Mbè. Tengo così puro a bada er colesterolo, li trigliceridi, evito malatie tipo er diabbete er
canchero. Sò tutte malatie der benessere che fanno ‘nvecchia prima e male! Eppoi er fisico!
Io ce tengo puro ar fisico!» «Si. Vabbè. Ma nun esaggerà. Come me diceva mi Nonna Amelia,
quanno che vedeva che magnavo poco: “bello dè nonna. Er corpo è come ‘n sacco dè juta.
Si nun lo riempi s’affloscia!”. E te, si t’ho posso dì, ‘n pò afflosciato ce sei!»
«Ma che dichi Arvà? Ma io stò bene. Sò sano come ‘n pesce, sò!»
«Pè carità! Io nun me volevo mica fa l’affari tua, ma visto che stamo a parlà me sò permesso!»
«Ma te hai da sapè Arvà che io tutti li mesi me faccio fà ‘n cecappe. Sangue, urine, er cardio
gramma, lastre a li pormoni, visita dar dermatologico e artro! »
«Vabbè Marcè. Dar dermatologo! Ma a me và tutto bene. Io azzardavo per bene tuo.
Sai. Quanno che s’ariva all’età mia e ce se guarda indietro…è vero che se vede solo er culo,
ma se rimpiagne quelo che nun s’è fatto. Compreso er magnà. Sur quale nun se deve da
esaggerà. Nè tanto né tanto poco». «Ciai raggione Arvà. Ma io vorei puro campà tanto.
Me piacerebbe campà come mi Nonno che è morto a novantacinquanni.
Chissà se ciarivo? Tu che dichi Arvà? Cià farò? Ciariverò? Penzi che ce posso sperà?»
«Marcè. A parte che noi Romani dimo che “chi vive speranno more cacanno”, ma leveme ‘na
curiosità. Tu ce lo sai quant’anni ciò io?» «No Arvà nun ce lo so. Ma penzo ‘na settantina. No?
Nun è così Arvà?» «Siiii! Lallero Marcè! Ce n’ho ottanta! Ma nun li dimostro vero? ‘Na
settantina vero? Pè ‘a verità nisuno me ne dà ottanta. E io Marcè nun ho mai magnato tanto
‘na vita mia. Ma er giusto sì. E eccheme qua! Tutte ste malatie nun ce l’ho avute. So stato
affortunato? Certo che sò stato affortunato, ma ho fatto ‘a vita mia senza famme manca
gnente! Nemmeno e donne! Ma a proposito de questo. Ma tu che magni poco e bevi de meno,
ma còr sesso come stai messo? E quant’anni ciai Marcè?»
«Ciò quarantacinquanni Arvà. E cor sesso puro ce vado pianino che si se esaggera nun fa poi
così bene. Anzi fa male!» «Senteme Marcè.Te posso esse padre e famme di allora che penzo!
Dunque. Detto a la bene e meijo: magni poco, bevi poco, e penzi che er sesso fa puro male!
E’ così Marcè?» «Si Arvà. Più o meno è così»
«Allora. Si è così, me dichi perché cazzo vòi campà fino a novantacinquanni? Ma che campi a
fa? Te vivi pè fà dispetto a li Santi che siccome sò Santi quanno che vai “lassù a trovalli” nun te
meneno. Ma te sputeno addosso de sicuro!»


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline